IMPORTANT LEGAL NOTICE
 

 MORE: MODELLI ORGANIZZATIVI PER IL REINSERIMENTO E EMPOWERMENT ascii version

Italy

 
DP Managing organisation : Associazione GRAIN
Other national partners : Associazione CORA
CESCOT Veneto, Centro Sviluppo Commerciale Turismo e Terziario
CHRONOS Spa
DIE KINDERFREUNDE SUDTIROL
FORCOOP CORA Venezia sc
EQUAL theme :Employability - (Re-)integration to the labour market 
Type of DP :Geographical - Other - BOLZANO-BOZEN 
DP Legal status :Association without legal form 
DP identification :IT-IT-G-BOL-004 
Application phase :Project ended 
Selection date :17-05-2002 
Last update :06-05-2002 
Monitoring: 2005   

Rationale

Text available in

This project comes from the active role of partners inside their own setting, that has high social and economic prospective. This is the reason why people in need of social and labour integration or looking for enhancing their position must compare themselves with successful and organised models. The risk is that in socio-economically rich environments inequality and discrimination would be heavy for a single person, but submerged in a wide-favourable situation for people. It becomes difficult to get resources fulfilling training needs, to interrelate with service organization, and to understand the whole system. The DP`s point of view is that of employability by means of actions and tools built up to struggle against any kind of discrimination and unequal opportunities inside the labour market. Above all, More develops networking products and methods aiming at a easier access to the labour market for weaker people. From daily experience of each partner - vocational training, training, public services, area research - it seems that, while employability is developing, the labour pursuit is directed to qualified, above all specialised, young, job-trained people found quickly. While the labour offer is steady and not clearly improved on its skills. As a general consideration, female presence in the labour market is increasing and it has different chances, but it is hardly employed in research, planning, management, as well as records reveal that Italian women are less employed than European ones (39,3%). We can still detect cultural, economical and social hindrances to the full female presence in the work system in many Italian areas and it is forecasted that until 2003 there will be a 9% difference between men and women. Nowadays looking for a job is far more difficult for unemployed people than for `inactive` ones, as long-distance, older and low-qualified unemployed are less helped and considered in services. That is why they need vocational and educational training actions, as this is increasingly important even for employed people. Moreover weak targets cannot sustain the labour demand of enterprises and each day they are worsening their position. Existing offer in employment services is built up on database, that cannot help disadvantaged people but it also convinces them about their inability in entering the labour market, sometimes leading people towards border-line situations. Public administration is concretely trying to shore up employment, but it is also subjected to changes due to new laws and rules in organization. However provincial public and private employment centres are going to arrange a complete service network while waiting for the system to be definitely set up.
Point of view considered by various partners refers to the following targets:
women wishing to re-enter the labour market: they often meet difficulties connected to their age, education, lack of services (day nurseries, old people foundations, centre for disabled). Concrete menace for them is social and labour marginality as shown by the real difficulty to re-enter the labour market by women who had just get a child;
young women: high-level educated women who lacks job experience even though well-trained; low-level educated women who have always worked in low and unstable positions and have a great difficulty in re-entering the labour market;
various people: people, not only women, that have past experiences of job unstable and uneven conditions, i.e. students, foreigners, ex- prisoners, substance abusers, refugees, population suffering from disability. The main problems with them are that they are not young enough, inexperienced, low-level educated. It is difficult to detect their need to give a value to female skills, their difficulty in starting up new enterprises, their inability in gathering useful information, in reaching employment and training services;
intermediate beneficiaries: problems here lie in the lack of skills/tools to prevent any kind of discrimination, in the loose link between public and private agencies that does not allow an actual network among labour market, enterprises and policies reconciling work and home and the impossibility to bring useful information to the final target.
The DP has developed a huge experience with the mentioned targets through a number of projects realised in cooperation with local authorities and agencies. For instance the project `Reaching success`, realised in the area of Bolzano by local Cescot in cooperation with Cescot Veneto, aimed at promoting and supporting female enterprises. Moreover MORE can be considered a developing action for a pre-existing network among female professionals, working in support to equal opportunities and composed by CORA network and University of Verona.

dot Top


Objective

Text available in

The DPs with the project More aim at: A. Elaborating and realising a strategic network among public and private services to struggle against professional segregation based on gender. This means providing empowerment for professionals working inside employment services and job centres. The project refers also to the national reform of employment services that requires new skills also for professionals trying to get in touch with weaker unemployed people. B. Setting up an integrated system letting men and women to enter the labour market on equal bases, by means of information access in various employment areas. Activities provided in this area will be for professionals working in public and private employment centres as concerns the development of new skills. Beneficiaries are: provincial employment centres, guidance, training and information centres belonging to trade unions and corporations, private counselling companies and training centres. Here More aims at developing a Professional Community that can guarantee equal opportunities inside employability. This will be realised by means of examining and adopting good practice and new methods. C. Analysing and developing pilot actions fit for strengthening in reconciling home and work responsibilities. In this objective there will be a research on models and practice starting from national indications on labour laws to warrant employability at all levels. Here there will be a deep analysis on existing models to finish by proposing experimental tools to get to an effective mainstreaming. D. Establishing a gender approach towards guidance, vocational training by means of a wide involvement of local representatives and final beneficiaries, particularly those in need of re.-entering the labour market. The reference just identified can be found inside European good practice, that will be the model in related actions. In different macro-phases of More the DPs will consider some fundamental principles such as equal access to employability for men and women, gender differences safeguard and evaluation systems based on equality. E. Realising the vertical mainstreaming (by means of introducing innovation at political level providing laws at national and European level) and horizontal mainstreaming (by using Dps` networks). More`s mission is to fulfil these objectives by means of answering efficiently to the following priority actions: 1. promoting employability and opportunities in entering/re-entering the labour market and self-employment for any kind of people; 2. upholding in people, moreover those excluded from professional chances, an idea of self-promotion leading to personal empowerment; 3. setting up an action leading to empowerment by means of working out a model based on guidance and vocational training towards work; 4. practising a training model by means of job stages with the aim of providing the possibility for an easy access for women at typically manly jobs and positions, re-conciliating home and work responsibilities; The main action is planned on the setting up of a toolkit and handbook on methods aiming at an integrated model among private and public services. These ones will empower their human resources leading them to acquire new skills and knowledge inside specific professional areas. Inside the whole planning and programme More will set off approaches and methodologies leading the DP to produce a model in employability as defined by the project itself. It will be also developed a flexible e-learning model, based on previous DPs` experiences, able to enhance the access to training for professional in need of re-qualification while working (i.e. `Winning skills map: hypertext on how to move inside the labour market - the winning skills`, `Trousse Project: E-learning model for women working in non profit organisations - Catalogue of e-learning products and contents- Positive actions inside national Italian Law 125). Whenever the research provides an evident need, it will be used the interactive model CID created by Chronos, that conciliates communication needs and learning times for working people. At a local level, DPs undertake to transfer good practice in the area of innovation improvements about labour policies and employment services. For instance the project aims at finding out and setting out suitable financial means for people wishing to start up new enterprises, supporting them with appropriate training, and seeking for the socio-economical development inside the set environment. Dialogue and exchange among the members aiming at the creation of a skilled task-force (enterprises, public offices, social representatives, etc.) intend to be the added value of the project as to concern an easier access to labour market for adult people. In this working area public employment services can take part into local networks.

dot Top


Innovation


Nature of the experimental activities to be implemented Rating
Guidance, counselling ****
Training *
Training on work place *
Work placement *
Job rotation and job sharing **
Integrated measures (pathway to integration) ***
Employment creation and support ***
Training of teachers, trainers and staff ***
Improvement of employment services, Recruitment structures ***
Conception for training programs, certification **
Work organisation, improvement of access to work places ***
Guidance and social services **
Awareness raising, information, publicity ***
Studies and analysis of discrimination features ****

Type of innovation Rating
Process-oriented ****
Goal-oriented **
Context oriented ***

Text available in

MORE produces an elevate level of innovation in supporting processes, in employment services, social and labour integration for men and women, exploiting gender differences and the improvement of organizational models about working times and life-care times. All these innovative processes bring forward the development - or the application inside contexts - of new tools, methodologies and products able to affect on a local, National and European level through mainstreaming actions. The aim is focussing our attention on innovative aspects of the processes, without overlooking innovation considered at the level of objectives and contexts that are both cause and effect of processes` innovation. That is to say that network integration among public and private employment services takes into account mostly primary services in employment centres and specialised services, linked to primary ones by means of a network, producing a kind of virtuous circle. Constant improvement of the mentioned services and their connection into networks will provide a quick and precise answer to different customers. Moreover we aim at the development of quality standards following the rules of `service management`, supplying the development of innovation in processes based on the quality/price association. Adopting the gender approach and evaluating the differences among considered areas, MORE produces innovation in terms of:
- Integration between labour and social policies, as the provided actions give a new meaning to relationships between public and private employment services, leading to a steady integration between the two systems by the use of networking, exploitation of mutual expertise and exchanging of information.
- All the actions seek to a global approach to access and permanence in labour market improving it as regards equal opportunities.
- It contributes to develop an information society not based on gender discrimination, but adapting people skills above all concerning disadvantaged ones. Products and learning models developed provide for acting not only on the content transmission, but also on the enhancing of personal learning skills, considering different possibilities in entering the labour market;
- It promotes local, social and employment development using social, training and labour agreements leading to an environmental growth built up on the matching of people needs with productive requests, as now the set is mainly centred on productive needs. Innovation proposed by MORE acts on purposes and environments of public and private subjects.

dot Top


Budget Action 2

500 000 – 1 000 000 €

dot Top


Beneficiaries


Assistance to persons 
Unemployed  5.0%  30.0% 
Employed  5.0%  45.0% 
Others (without status, social beneficiaries...)  5.0%  10.0% 
  100.0% 
 
Migrants, ethnic minorities, …  30.0%  70.0% 
Asylum seekers  0.0%  0.0% 
Population not migrant and not asylum seeker  0.0%  0.0% 
  100.0%
 
Physical Impairment  20.0%  20.0% 
Mental Impairment  0.0%  0.0% 
Mental Illness  30.0%  30.0% 
Population not suffering from a disability  0.0%  0.0% 
  100.0% 
 
Substance abusers 0.0%  0.0% 
Homeless  0.0%  0.0% 
(Ex-)prisoners  0.0%  0.0% 
Other discriminated (religion, sexual orientation)  0.0%  0.0% 
Without such specific discriminations  50.0%  50.0% 
  100.0% 
 
< 25 year  5.0%  20.0% 
25 - 50 year  15.0%  45.0% 
> 50 year  5.0%  10.0% 
   100.0% 

Assistance to structures and systems and accompanying measures Rating
Gender discrimination ****
Support to entrepreneurship *
Discrimination and inequality in employment ****
Disabilities **
Other discriminations ***
Low qualification ***
Racial discrimination *
Unemployment ***

dot Top


Empowerment

 

 With beneficiaries

Participation
Developing collective responsibility and capacity for action
Participation in the project design
Participation in running and evaluating activities
Changing attitudes and behavior of key actors

Text available in

All the people and organisations taking part in the project participate to decisional processes in a direct or indirect way. We mean `indirect` when, as regards the participation of final beneficiaries - different targets of men and women - they are represented, for instance, by their associations. We consider a `direct` concern when the final beneficiaries are involved personally into the activities, as i.e. working teams on planning each single action. Active involvement of final beneficiaries: inside national partnership there are agencies representing issues of the final beneficiaries, for instance women associations linked to the CORA Network, associations of handicapped people and immigrants bound to the referent subject thanks to other projects realised in partnership. Moreover methodologies, applied in phase 2 and 3 in planning and supplying services, and different research patterns, based on the focusing on individual in macro-phase 1, also guarantee an active participation. Most of all CORA Network, responsible for evaluation activity, has always developed vocational training models involving directly the individual. Cora promotes an idea of vocational training as a personal device aiming at the strengthening of self conscience in affording changes and in accepting an active planning about oneself and its environment. During the setting up of services and researches there will be some meetings with final beneficiaries acting through different ways (individual and small-sized interviews, informative seminars with thematic sessions, etc).
Active involvement of intermediate beneficiaries: the active role of these people - employment services clerks, consultants and experts in vocational training, training, and labour policies - was realised during the planning of the project and it will keep on both in Action 2 and in the fulfilment of the various project lines. We want to underline that there could be an immediate professional effect due to the active role of people involved in the four researching actions defined in Macro-phase 1. Team work will bring out specific features of each research, pointing out networking and the possibility to raise quality standards of mutual agencies.

 

 Between national partners

Text available in

Furthermore than what we wrote about each partner, it must be point out the management setting and the decisional processes leading to an active involvement of each subject. The active role is related to management at all levels. The organisation system will be as follows:
Project management composed by a project manager, an accountancy manager, 3 technical managers belonging to different DPs as to guarantee several skills and different points of view. This direction operates dealing with all the subjects belongs to the partnership aiming at providing and gathering information to fulfil the objectives of MORE.
Managing leading team composed by the project management and one representative from each partner with decisional power. Its tasks will be in management, evaluation, transnational cooperation, mainstreaming and communication.
Thematic groups composed by a staff of experts and professionals with proved experience and skills in the researching areas. Its main task is to plan and realise all activities promoted by the project.

dot Top


Transnationality

 

 Linguistic skills

  • Deutsch
  • English
  • español (castellano)
  • italiano

 Percentage of the budget for transnational activities

  • 4.9%

 Transnational Co-operation Partnerships

Transnational Co-operation Agreement DPs involved
682 ECO -employability and childcare opportunities AT 1A-01/24
NL 2001/EQD/0006
UKgb 20

dot Top


Background

 

 Involvment in previous EU programmes

  • Two and more partners involved in A&E

dot Top


National Partners


Partner To be contacted for
Associazione GRAIN Co-ordination of experimental activities
Design of the project
DP managing organisation
Evaluation
Monitoring, data collection
Transnational partnership
Associazione CORA
CESCOT Veneto, Centro Sviluppo Commerciale Turismo e Terziario
CHRONOS Spa
DIE KINDERFREUNDE SUDTIROL
FORCOOP CORA Venezia sc

dot Top


Agreement Summary

Text available in

a) The responsibility in management and planning inside the partnership belongs to the managing leading team, composed by a member from each DP. They decide and approve the working plan. Decisions will be made by a qualified majority (2/3 of present people).

b) Subjects responsible of carrying out work planning in each macro-phase:
Macro-phase 1: Analysis and research - shared responsibility by all partners
Macro-phase 2: Integrated services planning - Grain, Cora Network
Macro-phase 3: Experimentation - Grain, Die Kinderfreunde Sudtirol
Macro-phase 4: Laboratory - Cescot Veneto
Macro-phase 5: Evaluation - Cora Network
Macro-phase 6: Mainstreaming - Grain, Cora Network, Cescot network
Macro-phase 7: Transnational activities - Il Punto Forcoop
In case of not agreeing among partners inside the management of activities, the final decision will be made by the managing leading team.

c) The project leader, chosen by the DP, is in charge of relationships to public administrations and of spreading out information both among partners and other subjects. He considers decisions made by the managing leading team and co-ordinates actions.

d) Grain is liable for management and control over budget. It guarantees for the correct application of administrative system defined by official agreements settle with each single partner. It is the only partner in charge of relating to Public Administration as representative of the DP; it is liable for co-ordinating financial report until the end of the project; it is in charge of financial relationships, to collect due amount and indicate the chosen bank; it guarantees the financial managing system to be applied by means of official agreements with partners. The ESF vademecum is the reference for the application. It supervises the financial administration of each partner.

l. Grain operates in the province of Bolzano since 1984 and has a relevant experience in budget management in ESF and complex projects, such as Horizon (see 3.1.10).
ll. Partners of the DP granted that More`s results (products, tools, methodologies, etc.) are to be spread, advertised and publicly presented. For instance by using the dedicated web site www.equalmore.it .
lll Managing system and decisional processes aim at granting active participation of each partner. It refers both to managing and strategic actions, to working and staff activities. In the first case, as the managing leading team is composed by different subjects with different experiences and skills, it will constantly take part into decision making and planning. In the second case (working ands staff activities) participation is opened to all DPs as concern specific skills and it is realised by means of well-defined roles inside different planned activities. Working method is based on teamwork and use of methodologies helping in exploring ideas and making decisions. The project leadership operates in agreement to all Dps aiming at active participation of all subjects.
lV. The involvement of transnational partners in mainstreaming has started just from the beginning of Phase 1, as it is essential for the success of the project. The transnational DP is rich and various, aiming at empowering mainstreaming actions and dissemination of best practice. All most important systems developed by this project (guidance, training, welfare services, laws and social politics) will be used as mainstreaming actions at transnational level. Thematic group will be used to gather information and spread them, letting external experts participating.
As concerns practical involvement of each partner, it will be realised in two ways:

a. a time space in each transnational meeting dedicated to comparing different mainstreaming methodologies in different countries and developing new strategies;
b. a permanent internet forum to discuss experiences and exchange know-how in mainstreaming.
At last, each mainstreaming action carried out at transnational (and national) level will involve each partner in discussion over gender focus, by means of promoting employability and equal opportunities inside the labour market. The comparison among different systems at European level as concerns laws and policies will be essential to the success of each single project.

Last update: 06-05-2002 dot Top


Associazione GRAIN

(GRAIN)
Via Anello Nord, 25
39031 Brunico
www.grain-bz.org

Tel:0474-555819
Fax:0474-554701
Email:info@grain-bz.org

 
Responsibility in the DP: Co-ordination of experimental activities
Design of the project
DP managing organisation
Evaluation
Monitoring, data collection
Transnational partnership
Type of organisation:Education / training organisation
Legal status:Private
Size:Staff 10-50
NUTS code:BOLZANO-BOZEN
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Thanks to the experience of the association Rainbow and to training programmes for life-long-learning during 2000 by the Centro Culturale Grand Hotel Dobbiaco, Grain (association born by Rainbow and CCGHD) decided to divide training activities into 5 areas: development of language training; life-long learning; health and quality of life improvement; art, music and literature; environment and ecology.
Among actions and performances realised in Dobbiaco, we mention musical weeks dedicated to Gustav Mahler with various concerts (music) and dialogues in Dobbiaco (ecology). Activities for handicapped people - both physical and psychological - are very important. Rainbow`s ten-year-old experience enriches Grain`s activities such as the Art Training High School and life-long-learning proposals that each year involve about 150 people divided into 25 training courses dedicated to several subjects and an amount of 3.000 training hours. During 2000 the mentioned associations realised 680 initiatives in 18.500 training hours with 31.000 enrolments.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Felder Gabriel 0474-555819 g.fekder@grain-bz.org director

Last update: 06-05-2002 dot Top


Associazione CORA

(CORA)
Via della Lungara, 19
00165 Roma
www.retecora.it

Tel:0421/307741
Fax:0421/308791
Email:serviziinterni@retecora.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Education / training organisation
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:ROMA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Cora association was born in 1986 with the aim of exploit the entering and re-entering of women into the labour market. The inspiring tool is retravailler method which defines vocational training as strategic choice. Nowadays Cora Network is made up of 31 centres spread in Italy, and it belongs to EWA association created in 1988 to gather together all European retravailler centres. Cora promotes vocational training as a support tool for people in choices and active planning of self-career in environmental conditions, following professional transitions, considering gender approach. Cora sustains mainstreaming actions based on professional values in policies at all levels, it disseminates good practices linked to educational and vocational training processes.
Main European projects planned and managed: 1994/95: weak subjects project `Donna` promoted by GEPI-Fopri to promote the re-entering of women in the mechanic sector by means of self-employment; 1995/97: NOW project `European Rebb Bed&Breakfast Network` (Cod.0440/E2/N/M) Abruzzo, Toscana, Emilia Romagna reference: Labour Ministry: project aimed at the creation of female enterprises in tourism); 1995/98: promoter of the transnational project NOW Ariane N. IC0042N `Exploitation of personal and professional female skills`: action management in 10 Italian regions; partnership with French Union de Association Retravailler and Belgian Liegi`s Retravailler Centre; 1997/98: coordination role with Fopri and Consorzio Solaris of a project aimed at the employment of women coming from difficult labour conditions by means of self-employment in cooperative enterprises; 1998: partner in the Leonardo project `Towards European E-Quality`: creation of a handbook; 1999: undertaker of POM 9400029/I/3 Equal Opportunities: `Paths`, entitled holder Regione Toscana, project directed to the enhancement of the quality of job training and employment services for women; 1998/1999/2000: partner in the NOW project `Permanent waves` centred on the ever-changing labour market and the radio as a promotional means; 1999: partner in `Informadonna` project, information e-centre for women, Urban sub-programme Lecce 16 Mis. 3 Azione 1.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Loiola Patrizia 0421307741 patrizia.loiola@progettagroup,com Coordinating manager

Last update: 06-05-2002 dot Top


CESCOT Veneto, Centro Sviluppo Commerciale Turismo e Terziario

(CESCOT VENETO)
Via Savelli 8
35129 PADOVA
www.cescoveneto.it

Tel:049/8698660
Fax:049/8698666
Email:info@cescotveneto.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Education / training organisation
Legal status:Private
Size:Staff 10-50
NUTS code:PADOVA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Cescot Veneto is the training agency of regional Confesercenti, representing the organisation of enterprises in commerce, tourism and services, including 15.000 enterprises with more than 60.000 between workers and independent professionals. Cescot was born in 1986 from the regional Confesercenti and seven local agencies in Veneto. It is an Onlus - Charity - association and its mission is to improve educational training and human resources development. Its formal aims are: 1. professional and re-qualification training directed to any kind of worker employed in commerce, tourism or services; 2. research in the area of commerce, tourism and services to identify professional skills at any level; research previous to training activities, above all in experimental areas; planning, management and constant monitoring of training activities; research and elaboration of new methodologies, tools and materials; 3. implementation of training activities, managed directly or by means of any kind of partnership; 4. promotion, management and fulfilment of training activities for associated people and enterprises. Since April 2001 Cescot has being working following ISO 9000 standards. Cescot Veneto belongs to a national network composed by 55 centres in all Italian Regions. Cescot Veneto is one of the partners in: `Progetto Leonardo Ecripro`, managed by the French Recif; `Progetto 236 - global actions to experience individual paths in supported training for workers employed in tourism` managed by National Cescot.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
SERRAGLIO MARCO 049/8698628 m.serraglio@cescotveneto.it Coordinating manager

Last update: 06-05-2002 dot Top


CHRONOS Spa

(CHRONOS)
Via Nazareth 2/1
35128 Padova
www.cosmigroup.net

Tel:049/8944400
Fax:049/8944401
Email:/

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Other
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:PADOVA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Cosmi srl was born in 1989 as a company devoted to business development, counselling and services for small and medium-sized enterprises. After a while it enlarged its target to big enterprises and public agencies. The company changed its name into Chronos in 1998, transforming Cosmi in a trade mark, that nowadays indicates the quality of its services. Chronos has its headquarters in Padova and other offices spread in Italy. The main counselling and assistance services offered are in the following areas: quality, safety, logistic, environment, marketing and business planning, enterprise internationalisation, technological innovation, financial support, training, managing counselling, e-learning, job medicine, selection and testing for civil entrance examinations, etc. Since 1997 Chronos has built up a business network to develop the company, to create new business subjects, to support customers more closely, to widen its business area in all the north-east of Italy. The main achievements of these strategic choice are the gathering of new skills, the growth of incomes, the rise of customers - about 500 companies in different economic sectors. Moreover Chronos supports enterprises by means of both traditional and innovative training models, aiming at the achievement of their own objectives. European Union recognised all these activities in promotional and supporting services as Chronos since 1995 and for the following four years had been partner - together with Enea, ITC Trentino, Area Science Park - in the Association IRENE (Innovation Relay Centre North-East), working in Friuli Venezia Giulia, Veneto, Trentino Alto Adige, Emilia Romagna, Marche. During 2000 this partnership was confirmed and it will be active until 2003.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Rosso Luca 049/8944400 rosso@chronos.spa.net Technical of e-learning methodologies

Last update: 06-05-2002 dot Top


DIE KINDERFREUNDE SUDTIROL

(KINDERFREUNDE)
Via Tendone 21/a
39031 BRUNICO
www.Kinderfreunde.it

Tel:0474410402
Fax:NON ATTIVO
Email:info@Kinderfreunde.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Social economy enterprise
Legal status:Private
Size:Staff 10-50
NUTS code:BOLZANO-BOZEN
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

After a two-years work, at last the association `Kinderfreunde Sud Tirol` was founded on 6th November 2001. Its most important aim is that of creating a childcare services network in Sud Tirol. The founders are Ursula Brugger, Sonia Huber and Annemarie Ausmass, that decided to propose the following services connected with different targets:
1. For children and youngsters
a. childcare and daycare services at all levels
b. management of childcare services by means of agreements with different subjects
c. integration of handicapped children by means of specific activities
d. promotion of different creative laboratories (theatre, circus, handworks and little craftmanship laboratories)
2. For families:
a. organisation of integrated sevices for extra-school times and activities with interested parents
b. having parents partecipate to different activities
c. create and manage a childacare service in cooperation with parents
d. creating a group of collaborators
3. Other objectives
a. Collaborating with private enterprises and associations working in childcare and entertrainment for children of all ages
b. Informations for associated partners as regards programmes and objectives of our association
c. creating working temas to improve our system and to achieve our main aims
These are the main objectives of Kinderfreunde Association.
Our first idea spread out from a meeting that took place in 2002 in Cusanus Accademie delaing with `How to create a childcare service`. From this conference we realised that Sud Tirol does not have a tradition on the professional areainside chidacare services.
The first tre founders decided to create the association giing it a proper name and logo. After that, 9 were the associated female founders coming from Brunico, Merano and Bolzano, with different past experiences but a strong accent on childacre services in the considered area.
Activities during 2002:
- summer services for children (3-12 years old) in Brunico, Pfalzen, Kiens, Terenten
- summer campus for equal opportunities commitees from Sud Tirol (this is an activity managed for the first time)




Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Brugger Ursula 0474410402 info@Kinderfreunde.it president

Last update: 06-05-2002 dot Top


FORCOOP CORA Venezia sc

(FORCOOP)
Via Giobatta dall`armi 11/3
30027 SAN DONA` DI PIAVE
www.progettagroup.com

Tel:0421/307741
Fax:0421/308791
Email:forcoop@progettagroup.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Education / training organisation
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:VENEZIA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Forcoop was born in 1990 thanks to the idea of a group of cooperative enterprises that decided to realise a non profit corporation aiming at setting up training courses and guidance activities, the majority of activities managed until now belong to the regional and multiregional operative programmes. Since 1996 Forcoop also belongs to C.O.R.A.. Provided services: professional training for workers in different fields, first level employment training; training for disadvantaged people aiming at employment, assistance for re-collocation Training at European level: planning on European Programmes and Initiatives; skill balance; guidance and assessment towards work; business advising for co-operative enterprises and for general business start-up; market researches; actions and projects in cultural and educative areas.
Past experience in equal opportunities: P.O.M. `Experimental project in guidance for an active job research` 940029/i/3; P.O.P. 1999-2000, Regione Veneto `Getting Back to Work: guidance for adult women`; Leyla Now project: `Female Managing Models in Social Economy` multiregional programme NOW 0416/e2/n/m management for the final meetings; partnership in ESF 2000 Regione Emilia Romagna `Trousse: integrated actions to work access and female career development`; ESF Regione Veneto. Associated structures: Aramis scarl (integrated counselling and innovative services in non profit organisations and social economy setting); Orientamento Lavoro Veneto (Guidance towards Work, Verona, referee for guidance and vocational training activities).



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Loiola Patrizia 0421.307741 patrizia.loiola@progettagroup,com Coordinating manager

Last update: 06-05-2002 dot Top



 
 
 
 

 
 
 
 

 
 
 
 
Warning! This section is not meant to be read directly, but rather be navigated through from the main page above.
 
 
 
 

MORE: MODELLI ORGANIZZATIVI PER IL REINSERIMENTO E EMPOWERMENT

Rationale

Text available in

Il progetto nasce dall`operatività dei partner nel territorio di riferimento, che presenta elevate potenzialità sociali e economiche: per questo motivo le persone che hanno necessità di integrarsi (socialmente o lavorativamente) o di elevare la propria situazione si confrontano con modelli fortemente strutturati e di successo. Il rischio è quello che nei territori ricchi socio-economicamente le disuguaglianze e le discriminazioni siano più accentuate per la singola persona ma sommerse da una situazione `genericamente` favorevole alle persone comuni. Diventa difficile accedere alle risorse che soddisfano bisogni di orientamento, interagire con l`organizzazione dei servizi, decifrare il sistema nel suo complesso. L`angolo di osservazione della PS è la tematica della Occupabilità con particolare riferimento allo sviluppo di azioni e strumenti tesi a combattere le forme di discriminazione e disuguaglianza nel m.d.l.: in particolare MORE sviluppa metodologie e prodotti e modalità di networking che contribuiscano ad agevolare l`accesso al mercato del lavoro di quei soggetti che incontrano maggiori difficoltà ad integrarsi nel m.d.l., in modo funzionale a successivi sviluppi di professionalità. Dalla quotidiana esperienza dei partner della PS (orientamento, formazione, servizio al cittadino e servizi all`infanzia, studi e ricerche di categoria) emerge che in un periodo di espansione dell`occupazione si assiste da parte della domanda il voler vedere soddisfatta in tempi rapidi la richiesta di professionalità, soprattutto specializzata, giovane, già inserita nel lavoro, anche in posizioni precarie. L`offerta invece appare standardizzata e con difficoltà ad avere chiare delle proprie competenze. Aumenta in generale la presenza femminile nel mercato e si diversifica in termini di scelte lavorative ma è ancora ridotta nei campi della ricerca, della progettazione, del management, così come in termini numerici si registra un tasso di attività e occupazione basso rispetto alle medie europee (39,3 dell`occupazione totale ). Persistono variabili che condizionano la presenza piena delle donne nel mercato e ostacoli culturali, economici e sociali in molte zone del paese, ancora fortemente influenzata dagli andamenti congiunturali: in termini di previsione fino al 2003 la distanza tra maschi e femmine da integrare nel mondo del lavoro sarà ancora di circa 9 punti. Oggi nel mercato restano più in ombra le persone in cerca di occupazione (perché la domanda sembra attingere non dall`area delle persone da integrare nel mondo del lavoro ma da quella degli `inattivi`) e i quelli di lunga durata con età alta e bassa qualificazione, i soggetti che per ragioni differenti entrano ed escono dal mercato (tra questi in modo particolare le donne), persone prive di qualificazione mirata, sono sempre più penalizzati dalla mancanza di reti di appoggio, strumenti di decodifica dei cambiamenti. Accanto alle persone in inserimento e reinserimento lavorativo, con un bisogno complesso di orientamento su di sé e sul mercato, è in costante crescita la richiesta di chi è occupato che in presenza di organizzazioni sempre più competitive ed innovative, ha esigenze di comprendere meglio i cambiamenti, di dare respiro progettuale e formativo alla sua professionalità e di essere accompagnato/a alle scelte (rimotivazione e consapevolezza delle competenze utili per il passaggio ad altre organizzazioni o per miglioramenti professionali). L`attuale proposta dei servizi pubblici nel campo del collocamento e delle società di lavoro interinale è centrata nella maggior parte dei casi sullo sviluppo delle banche dati che non permette all`utenza sopra descritta il recupero del proprio svantaggio; al contrario induce in persone in cerca di lavoro o in riconversione situazioni di stallo, colpevolizzazione, ricerca quasi sempre confusa ed idealistica, con pericolo di marginalità o di adattamento passivo e non progettuale. C`è un impegno concreto della P.A. per contenere la disoccupazione e migliorare l`occupazione: ma si manifesta in un momento in cui è coinvolta in mutamenti organizzativi (vd.decentramento e regionalizzazione delle politiche del lavoro). I centri pubblici e privati per l`impiego delle aree territoriali coinvolte, però, intendono sviluppare una rete di servizi integrati, da mettere a sistema, in attesa che le riforme portino ad una organizzazione definitiva ed omogenea. L`osservatorio dei vari partner fa riferimento all`utenza che richiede servizi a supporto di: donne che desiderano rientrare nel mondo del lavoro:spesso incontrano resistenze sociali e culturali per età, formazione a volte non sufficientemente aggiornata e si trovano a confrontarsi, nel momento in cui vogliono riprendere a lavorare, con la mancanza di servizi (nidi per l`infanzia, strutture per gli anziani, per i figli handicappati o in età di cura). Rischiano di deprimersi e scoraggiarsi o di restare ai margini del m.d.l. con uno scarso riconoscimento sociale per le risorse e le potenzialità che possiedono. Spesso ignorate dalle statistiche, non viene riconosciuto il loro diritto al lavoro e viceversa si tende a discriminarle con pesanti resistenze nell`accesso, nel reinserimento al lavoro e anche all`interno dei luoghi di lavoro come risulta dalla forte segregazione verticale e orizzontale cui sono soggette le donne che rientrano dalla maternità. un numero elevato di giovani donne:con un`istruzione medio/alta, che hanno prolungato in avanti il tempo della formazione per presentarsi sul mercato con specializzazioni adeguate; con istruzione medio-bassa, che hanno seguito percorsi precari e di scarso respiro, che hanno accumulato esperienza lavorativa, sono giovani e nella fase centrale di vita; sempre di più oggi vengono dissuase dall`interrompere un`attività professionale per le difficoltà connesse al reinserimento. Varietà di soggetti, non solo donne, che hanno vissuti di incertezza rispetto all`in/reinserimento nel lavoro e di riprogettazione delle scelte nei luoghi di lavoro, studio o contesti di appartenenza: studenti/studentesse, persone espulse dai sistemi produttivi o in riconversione, persone straniere, disabili. Il problema per questi soggetti molto spesso è l`età poco allettante per le imprese; la mancanza di `esperienza` specifica; la scolarità bassa per i meno giovani; la difficoltà a realizzarsi come persona attraverso l`identità professionale; la difficoltà per le donne di accedere alla carriera in ruoli prettamente maschili; la necessità di valorizzare le competenze femminili; gli stereotipi sulla difficile gestione di impresa e quindi la sfiducia nel poter avviare percorsi di impresa; l`onerosità di reperire e rielaborare informazioni sulle proprie potenzialità, sui servizi del territorio e sulle variabili del m.d.l. per i beneficiari intermedi, la problematica riguarda la mancanza di competenze/strumenti per arginare il problema di discriminazione evidenziato; la non completa integrazione pubblico/privato per rendere efficace il collegamento tra mercato lavorativo-imprese e politiche istituzionali di conciliazione tempi di vita e tempi di lavoro; disgregazione delle informazioni stesse nel territorio (all`utente finale le informazioni possono arrivare frammentarie, destrutturate e difficili da rielaborare per il proprio caso, oppure come indicato dall`Ufficio Provinciale del lavoro di Bolzano si tratta di utenza femminile adulta difficile da contattare). La PS ha esperienza nel contatto diretto con le varie tipologie di utenza: donne, immigrati, persone che desiderano rientrare nel m.d.l., donne e uomini che vogliono migliorare la propria situazione lavorativa, ecc… e nel dialogo costante con i soggetti chiave del territorio (parti sociali, organismi politici, altri enti che erogano servizi al cittadini e servizi all`impiego). durante la progettazione di MORE è emerso come questo progetto possa avvalersi di apporti ed esperienze sviluppate in precedenti attività (in parte ancora in corso) realizzate sul territorio della provincia di Bolzano. Ad esempio, il progetto `Avere successo` realizzato dal Cescot locale in collaborazione con il Cescot Veneto a supporto di percorsi e sviluppo di imprenditorialità femminile e che ha già avuto importanti realizzazioni. Inoltre, MORE, può apportare un forte contributo ad una linea di intervento formativo e di creazione di un sistema di rete fra donne operatrici che si occupano, a vario titolo, di pari opportunità (progetto Now `Rete donna-lavoro`) che ha visto il coinvolgimento di alcune esperte della rete Cora, dell`Università di Verona che ha dato una disponibilità a collaborare alla realizzazione del Progetto MORE attraverso alcuni docenti impegnati in questo ambito (prof.ssa Gottardi, d.ssa Calafà).

dot Top


Objective

Text available in

La PS, con MORE, intende raggiungere l`obiettivo generale di: A. Elaborazione/messa in atto di strategie di collaborazione fra Enti pubblici e privati per promuovere interventi volti a contrastare la segregazione professionale fondata sul genere: si tratta di rafforzare e migliorare meccanismi già avviati e di approfondire e sviluppare competenze di operatori per l`attivazione concreta e completa dei servizi. Il sistema pubblico ha la necessità di interloquire con maggiore efficacia con la Domanda di lavoro e le imprese, non solo con le fasce deboli dell`offerta ma anche a sostegno delle professionalità elevate. In questa sede le azioni della PS vanno a beneficio non solo degli utenti finali ma anche della Riforma dell`impiego in atto. In un`ottica di P.O., inoltre, diventa fondamentale intervenire anche a livello del servizio pubblico e privato della Ricerca/Selezione di personale, in modo tale da ridurre i rischi di discriminazione fin dalle fasi di reperimento.
B.Realizzare un sistema integrato che attraverso modalità diverse di intervento permetta a donne e uomini di accedere equamente alle informazioni e servizi per acquisire competenze in termini di autopromozione, ricerca di impiego, creazione di impresa, in funzione dei mutamenti in atto nelle economie locali, e di accedere alle varie opportunità con un progetto personale coerente. Per la realizzazione degli obiettivi, le azioni raggiungeranno inizialmente gli operatori/operatrici del sistema pubblico e del sistema privato che intervengono nei processi di servizio all`impiego: Centri per l`Impiego di emanazione della Provincia, servizi di orientamento, formazione, selezione e assesstment delle Associazioni di categoria, Enti formativi, Società di consulenza. La competenza del personale è essenziale: in particolare per l`incontro tra domanda e offerta si tratta di offrire anche alle imprese più piccole e ai lavoratori meno qualificati prestazioni di qualità elevata, ora riservate alle imprese medio-grandi e ai lavoratori con inquadramenti professionali elevati. Gli operatori, soprattutto pubblici, sono consapevoli che il processo di acquisizione di tali competenze non è consequenziale allo strumento legislativo ma si ottiene attraverso tempi congrui e il coinvolgimento di tutto lo staff organizzativo. MORE, in questo senso, si prefigge l`obiettivo di sviluppare una Comunità Professionale destinata a garantire l`eticità e le P.O. dei comportamenti dei soggetti privati e pubblici, questi ultimi in particolare dato che possiedono margini ampi di discrezionalità. Da un lato, quindi, si procederà all`analisi ed implementazione di buone prassi (vedi progetti già realizzati, ricerche e modelli disponibili, benchmarking…) dall`altro verranno individuati/realizzati interventi innovativi a seconda delle caratteristiche dell`utenza e dell`intervento diretto dei beneficiari finali nei processi di programmazione.
C.Individuazione e applicazione di modelli di organizzazione del lavoro e di flessibilità per permettere la conciliazione dei tempi di lavoro e tempi di non lavoro. MORE fa riferimento alla L.53/00 in particolare per quanto riguarda le forme di flessibilizzazione degli orari e dell`organizzazione del lavoro per la gestione della famiglia e per la formazione continua dei lavoratori dipendenti e autonomi. Rispetto a questo obiettivo si attuerà una attività di ricerca per la definizione di modelli di intervento e prassi (da proporre per attuarle a livello normativo) a partire dalle azioni definite nelle direttive ministeriali in tema di Azioni volte a promuovere l`attribuzione di poteri e responsabilità alle donne, riconoscere e garantire libertà di scelte e qualità sociali a donne e uomini. Da un lato sarà fondamentale individuare i modelli già esistenti e le buone prassi in termini di forme di organizzazione del lavoro da parte delle imprese e dei lavoratori autonomi a sostegno della conciliabilità dei tempi di vita e tempi di lavoro, dall`altro verranno proposte delle modalità da sperimentare e confrontare in termini di mainstreaming.D.Determinare un approccio metodologico di genere all`orientamento, alla formazione all`accompagnamento, attraverso il coinvolgimento dei soggetti del territorio e dei beneficiari finali con particolare riferimento a coloro che vogliono reinserirsi nel m.d.l., considerando le differenze socio-culturali dei beneficiari e i diversi linguaggi; il riferimento è dato da alcune buone prassi già realizzate a livello comunitario che prevedono la applicazione di un sistema che permetta il controllo rispetto alla presenza di una prospettiva di genere in tutte le azioni e i programmi, in particolare delle AA.PP., per la valutazione dell`equità nella rilevazione dei bisogni e della distribuzione delle risorse. Nelle varie linee di sviluppo di MORE, verranno considerati la presenza di alcuni criteri fondamentali (inclusione equa di donne e uomini, equa possibilità di fruizione delle risorse, equa presenza di donne e uomini ai vertici e nei ruoli di decisione, salvaguardia e valorizzazione delle differenze di genere, equo sistema di valutazione) E.Realizzare il Mainstreaming verticale: introdurre le innovazioni al livello di programmazione politica e di normativa locale e nazionale; mainstreaming orizzontale: attraverso le reti dei singoli componenti la PS. La mission di MORE è raggiungere tali obiettivi per rispondere efficacemente alle seguenti azioni prioritarie: 1.promuovere l`occupabilità e l`opportunità di ingresso o reingresso nel mondo del lavoro e l`auto imprenditorialità delle diverse tipologie di utenza degli sportelli in funzione delle trasformazioni dei mercati del lavoro locali; 2.promuovere nelle persone, soprattutto quelle che per varie ragioni sono segregate dal punto di vista professionale, un`idea-azione di cambiamento come attivazione di se stesse, possibilità di aumentare il metodo di acquisizione di conoscenze e conseguire maggiore autonomia d`azione; 3.realizzare un`iniziativa che renda competitive le risorse umane attraverso la definizione e la sperimentazione di un modello di orientamento al lavoro, per riaffermare le pari opportunità e la centralità della risorsa umana nei processi di sviluppo locale; 4.sperimentare attraverso la formazione ed i tirocini in azienda la possibilità di inserimento al lavoro di donne in professioni in cui esse non sono occupate e sperimentare modalità per favorire una diversa organizzazione delle condizioni di tempo di lavoro e la conciliazione tra attività professionale e vita familiare. L`azione principale prevede la predisposizione di un pacchetto di strumenti e metodi di lavoro e di fruizione degli stessi per definire un modello integrato che coinvolge le strutture pubbliche e private rispetto al loro apporto in termini di rafforzamento/sviluppo del sistema di servizi alle persone (donne e uomini) che desiderano: valorizzare/rafforzare le proprie competenze professionali, inserirsi/reinserirsi efficacemente nel m.d.l., cambiare tipologia di lavoro (dipendente/autonomo), effettuare processi di carriera o partecipare a ruoli/settori tradizionalmente segreganti, inserirsi efficacemente e senza discriminazione nei sistemi socio-lavorativi e del territorio di appartenenza, valorizzare e rafforzare il sé e la propria identità personale, in particolare attraverso la propria identità professionale. Nella programmazione e realizzazione dell`intero percorso, MORE, inoltre, attiverà approcci e metodologie che conducano la PS a produrre un modello operativo la cui natura è già definita in termini di Occupabilità a partire dalle scelte progettuali effettuate. Rispetto alla Società dell`informazione verrà, eventualmente, strutturato un sistema flessibile di FAD già sperimentato da alcuni partner in attività similari a quelle realizzabili in MORE, in grado quindi di mettere a sistema metodi e prodotti che possono contribuire a migliorare la struttura organizzativa del lavoro, soprattutto nelle situazioni di momentanea assenza dai luoghi di lavoro o di necessità di riqualificazione contemporaneamente al mantenimento del posto di lavoro e ad individualizzare i percorsi formativi e di orientamento. (Es. `La Mappa delle competenze vincenti` `Ipertesto: muoversi nel lavoro-le competenze vincenti` - Progetto Trousse; `Modello di FAD per le donne che operano nelle imprese sociali` `Catalogo di prodotti e contenuti per la FAD` - Azioni positive Lg. 125). In questo senso, la fase di ricerca e analisi sarà utile per determinare le modalità di applicazione del servizio di comunicazione e formazione a distanza denominato CID. Tale modello di comunicazione interattiva on line/on site è stato sperimentato con successo nel progetto nazionale Sperimentazione di percorsi individuali di formazione assistita per i lavoratori del settore turistico alberghiero approvato con D.D. n. 105/V/00 (ex legge 236/93) e concilia le esigenze formative ed informative con i ritmi e i tempi di apprendimento delle persone e delle aziende. Rispetto allo Sviluppo locale, i partner della PS si impegnano a realizzare a breve e lungo termine il trasferimento delle prassi che contribuiscono a migliorare la capacità di innovazione del territorio rispetto a politiche e programmazioni sul lavoro, sviluppo produttivo e professionalità: ad esempio individuare un sistema finanziario accessibile alle persone che vogliono creare impresa, supportato da un valido sistema formativo significa aver creato nuova impresa e quindi i presupposti per lo sviluppo locale da un punto di vista socio-economico. Il dialogo e la compartecipazione nelle attività di sviluppo di task-force competenti (imprese, A.P, parti sociali) al fine di reinserire al lavoro persone adulte rappresenta sia un valore sociale che un valore nell`economia del territorio. In tale occasione, inoltre, i servizi per l`impiego pubblici avranno modo di partecipare effettivamente alle reti territoriali, collaborando efficacemente e come parte attiva con le strutture più adeguate.

dot Top


Innovation

Text available in

MORE produce un livello di innovazione elevato in termini di processi di sostegno, dei servizi per l`impiego, all`integrazione sociale e lavorativa degli uomini e le donne, attraverso la valorizzazione delle differenze di genere e il miglioramento dei modelli organizzativi dei tempi di lavoro e dei tempi di vita. Sono frutto di questi processi innovativi lo sviluppo, o l`applicazione nei contesti, di nuovi strumenti, metodologie, prodotti in grado di incidere, attraverso le azioni di mainstreaming, sia a livello locale che nazionale e comunitario. Focalizziamo l`attenzione sull`innovazione nei processi, non trascurando l`innovazione in termini di obiettivi e contesti che ne sono sia causa che effetto di quella per processi: l`integrazione di rete tra servizi per l`impiego pubblici e privati, che vede, prevalentemente, i servizi di base collocati presso i Centri per l`impiego e i servizi specialistici, collegati in rete con i servizi di base creano un circuito virtuoso dei servizi. La riqualificazione continua dei servizi stessi ed il loro collegamento in rete, consentirà di fornire agli/alle utenti risposte diversificate e tempestive. Accanto a questo approccio si sviluppano impostazioni degli standard di qualità secondo i principi del `service management`, contribuendo a sviluppare innovazione rispetto a processi tendenzialmente basati sull`asse del rapporto qualità/prezzo. MORE, adottando trasversalmente l`approccio di genere e la valutazione delle differenze dei territori sui quali agisce, produce innovazione a livello di: integrazione tra politiche del lavoro e politiche sociali, in quanto le azioni previste innovano il rapporto tra servizi per l`impiego pubblici e privati, nella direzione di un`integrazione stabile tra i due sistemi, attraverso le logiche del lavoro di rete, della valorizzazione delle reciproche esperienze e dello scambio continuo di informazioni. Tutte le azioni previste tendono ad un approccio globale al problema dell`accesso, della permanenza e del miglioramento nel mdl in una logica di P.O.; contribuisce a sviluppare una società dell`informazione non discriminatoria, adeguando le competenze delle persone, in particolare quelle più svantaggiate. Anzi, i prodotti e i modelli di apprendimento sviluppati prevedono di agire non solo sul trasferimento dei contenuti, ma anche sul miglioramento delle capacità di apprendimento delle persone, considerandone le differenze rispetto alle possibilità di accesso (tempi, luoghi, linguaggi); promuove lo sviluppo locale, sociale e occupazionale attivando patti sociali, formativi e del lavoro che conducano ad uno sviluppo del territorio che sappia conciliare le esigenze delle persone con quelle produttive, rispetto a contesti che sono oggi centrati prevalentemente sulle esigenze produttive. In questo senso l`innovazione di MORE agisce sugli obiettivi e sui contesti delle imprese e delle P.A.

dot Top


Agreement Summary

Text available in

a) La responsabilitá di indirizzo e di gestione della partnership nel progetto MORE é del GRUPPO DI GOVERNO, composto da un rappresentante di ogni PS. Il gruppo di governo decide e approva il programma di lavoro.
Le singole strutture della PS, nel gruppo di governo non hanno diritto di veto. Le decisioni vengono prese a maggioranza qualificata di due terzi dei presenti.

b) La suddivisione delle responsabilitá per l`esecuzione materiale del programma di lavoro approvato è la seguente:
Strutture responsabili per le Macrofasi:
Macrofase 1: Analisi e ricerca - responsabilitá condivisa da tutte le PS
Macrofase 2: Progettazione servizi integrati - GRAIN e RETE CORA
Macrofase 3: Sperimentazione - GRAIN, DIE KINDERFREUNDE SUDTIROL
Macrofase 4: Laboratorio - CESCOT VENETO
Macrofase 5: Valutazione - CORA
Macrofase 6: Mainstreaming - GRAIN, Rete CORA, rete CESCOT
Macrofase 7: Transnazionalitá - Il Punto FORCOOP
In caso di controversie fra i partner della PS nella gestione delle attvità, la decisione in merito viene rinviata al Gruppo di Governo.

c) La gestione dei rapporti con le amministrazioni referenti é di competenza del direttore (project leader), nominato dalla PS. Il direttore recepisce le decisioni del gruppo di governo e coordina l`attuazione dell`intero progetto. E` garante della corretta diffusione delle informazioni sia all`interno della PS che verso gli organismi esterni.

d) La gestione e il controllo delle risorse finanziarie compete al soggetto referente GRAIN, il quale è garante della corretta esecuzione delle modalitá amministrative definite da apposite convenzioni con ogni singolo partner della PS e/o collaboratori del progetto. E` l`unico interlocutore dell`Amministrazione; rappresentare la PS nei confronti dell`Amministrazione; ha la responsabilità e il coordinamento della rendicontazione delle attività finanziate svolte sino alla data di scadenza del progetto; ha il coordinamento dei rapporti finanziari, provvedendo ad incassare le somme dovute e indicando l`istituto di credito prescelto; è garante della corretta esecuzione delle modalitá amministrative definite da apposite convenzioni con ogni singolo partner della PS e/o collaboratori del progetto. Fa riferimento al Vademecum del Fondo Sociale Europeo per le modalità esecutive. Supervisiona la gestione amministrativa dei singoli partner.

i. GRAIN, in quanto soggetto referente, operante su tutto il territorio della provincia di Bolzano dal 1984 puó vantare l`esperienza della gestione amministrativa e finanziaria di progetti complessi realizzati in ambito FSE e di cooperazione transnazionale HORIZON (vedi 3.1.10). Nella PS sono presenti altre strutture che garantiscono l`esperienza di gestione dei Fondi Comunitari; la Rete CORA in particolare ha gestito come soggetto promotore diversi progetti di programmi comunitari, relativamente alla precedente programmazione (vedi presentazione 3.1.10)

ii. Le strutture della PS accettano che i risultati delle attivitá del progetto MORE (prodotti, strumenti, metodologie ecc) vengano diffusi, pubblicizzati e resi di dominio pubblico. Ad esempio per una rapida ed efficace diffusione verrá creato un apposito sito Internet www.equalmore.it.

iii. Evidenziamo le modalitá organizzative e i processi decisionali che tendono a garantire la partecipazione attiva di tutti i soggetti della PS. La partecipazione attiva é riferita sia alle attivitá di gestione e strategiche, che a quelle operative e di staff. Nel primo caso, essendo il gruppo dei partner GRUPPO DI GOVERNO ampio e diversificato per tipologie di competenze e di ruoli rivestiti, se ne verifica una presenza costante in tutti i processi di decisione rilevanti per le attivitá di gestione di programmazione e strategiche: questo approccio garantisce la visione differenziata dei problemi, la tutela delle differenze, la partecipazione democratica. Nel secondo caso (attivitá operative e di staff) la partecipazione é aperta a tutti i soggetti della PS per specializzazione di competenze e si esplica nei ruoli di coordinamento rispetto alle diverse attivitá delle linee di azione del progetto. Le logiche di lavoro sono legate alle modalitá del lavoro di gruppo, all`utilizzo di tecniche che aiutano nell`esplorazione di idee e nella presa di decisione. Sono modalitá che fanno parte delle competenze dei soggetti responsabili delle attivitá e degli esperti che verranno coinvolti.
La direzione del progetto opera in stretto raccordo con le strutture della PS al fine di condividere e realizzare linee comuni di azione e di comunicazione verso i soggetti coinvolti nel implementazione dei servizi. In questa maniera é garantita la partecipazione anche delle piccole organizzazioni a pieno titolo.

iv. Il coinvolgimento dei partner transnazionali nel processo di mainstreaming è avvenuto fin dall`inizio della fase 1, trattandosi di un aspetto trasversale e di fondamentale importanza per la buona riuscita del progetto. La composizione della PS partner transnazionale, così come la PS promotrice di questo progetto, è ricca e diversificata in maniera tale che le azioni di valorizzazione di buone prassi e quelle di diffusione dei risultati saranno facilitate, nei loro aspetti di mainstreaming orizzontale come in quelli di mainstreaming verticale, anche in ambito transnazionale.
Tutti i sistemi di primaria importanza sviluppati dal progetto (sistema orientativo, sistema formativo, servizi di accoglienza e di assistenza, sistema normativo e delle politiche sociali) saranno oggetto di mainstreaming in ambito transnazionale.
Strumento prezioso nella loro funzione di centri nevralgici di raccolta e di diffusione saranno sia il Gruppo di governo di Equal MORE (soggetti presentatori) che i sottogruppi tematici a cui parteciperà tutta la PS ma anche soggetti esterni esperti invitati di volta in volta. Entrambi parteciperanno tanto alle azioni di mainstreaming orizzontale quanto alle azioni di mainstreaming verticale, ma per quanto riguarda l`ambito transnazionale le due entità si coordineranno con strutture analoghe della PS partner, soprattutto per le azioni di mainstreaming orizzontale, mentre il Gruppo di governo di Equal MORE si farà promotore del mainstreaming verticale anche in ambito transnazionale.

Dal punto di vista operativo, le modalità di partecipazione attiva da parte dei componenti della PS coinvolte saranno essenzialmente due:
a) uno spazio, in ciascun seminario transnazionale, riservato al confronto sulle metodologie di mainstreaming nei diversi paesi e all`elaborazione di nuove strategie da sperimentare durante la realizzazione del progetto;
b) un forum telematico permanente di discussione delle proprie esperienze, occasione anch`esso di scambio di know-how relativo al mainstreaming.
Infine, tutte le attività di mainstreaming realizzate in ambito transnazionale (così come quelle realizzate in ambito nazionale) dovranno impegnare i partner in un`attenzione a quell`ottica di genere che si concretizzi in un`effettiva promozione di occupabilità e pari opportunità nell`inserimento lavorativo. Anche da questo punto di vista il confronto reciproco fra gli aspetti normativi e le pratiche presenti nei diversi paesi si rivelerà contributo essenziale per la buona riuscita dei singoli progetti.

dot Top


Empowerment

 With beneficiaries

Text available in

Tutte le persone e gli organismi che intervengono nel progetto partecipano in forma diretta o indiretta ai processi decisionali: ci riferiamo ad una forma `indiretta` quando, rispetto alla partecipazione dei beneficiari finali (le donne e uomini dei diversi target di riferimento), quest`ultimi vengono rappresentati, ad esempio, dalle loro Associazioni, consideriamo partecipazione `diretta` qualora i beneficiari finali siano coinvolti in prima persona nei lavori, ad esempio, dei Gruppi Tematici per la progettazione degli interventi. Partecipazione attiva dei destinatari finali: nella PS sono presenti soggetti che rappresentano le istanze dei destinatari finali (es. le Associazioni femminili collegate alla rete CORA, associazioni dei disabili e degli immigrati collegate al soggetto referente a seguito di precedenti progetti realizzati in partnership). La presenza delle A.A.P.P. fornisce le condizioni e gli strumenti sia per rappresentare gli interessi dei soggetti beneficiari finali, sia per coinvolgere direttamente i singoli soggetti o le Associazioni che li rappresentano (es. le Consulte). Ulteriore elemento di partecipazione attiva è assicurato dalle metodologie stesse che verranno utilizzate nella progettazione ed erogazione dei diversi servizi (Macrofasi 2 e 3) e delle modalità di ricerca (Macrofase 1) che prevedono la centralità della PERSONA. La rete CORA in particolare, referente dell`attività di valutazione e delle azioni di ricerca, sviluppa da sempre modelli di orientamento che prevedono il coinvolgimento diretto dei soggetti: CORA promuove una concezione dell`Orientamento come strumento di rafforzamento dell` autoconsapevolezza delle persone rispetto ai cambiamenti e alla presa in carico di una progettualità attiva rispetto a sé come soggetto e rispetto alle richieste del contesto di riferimento. Verranno quindi organizzati, durante le attività di progettazione dei servizi e delle ricerche, momenti di confronto con i destinatari finali, secondo diverse modalità (incontri individuali, di piccolo gruppo, seminari informativi con sessioni di lavoro tematiche, spazi per pause di riflessione). Partecipazione attiva dei destinatari intermedi: la partecipazione attiva di questi soggetti (operatori dei servizi per l`impiego, consulenti ed esperti di orientamento, formazione e politiche del lavoro) è già avvenuta nelle attività di progettazione dell`Azione 1 di MORE e proseguirà nell`Azione 2 durante la realizzazione delle diverse Macrofasi del Progetto. In particolare vogliamo evidenziare come sia ipotizzabile una ricaduta in termini di immediata spendibilità professionale, rispetto alla partecipazione attiva degli operatori nelle attività di ricerca definite nella Macrofase 1 di MORE. Il lavoro di equipe valorizzerà le specifiche di ogni ricerca, evidenziando il lavoro di rete e la possibilità di elevare gli standard di qualità resi dalle rispettive organizzazioni di appartenenza e, quindi, della PS.

dot Top


Empowerment

 Between national partners

Text available in

Oltre a quanto già descritto nelle schede di presentazione dei singoli partner, si evidenziano le modalità organizzative e i processi decisionali che tendono a garantire la partecipazione attiva di tutti i soggetti della PS. La Partecipazione attiva è riferita sia alle attività di gestione e strategiche che a quelle operative e di staff. Nel primo caso, essendo il gruppo dei partner presentatori (Gruppo di governo) ampio e diversificato per tipologie di competenze e ruoli rivestiti, se ne verifica una presenza costante in tutti i processi di decisione rilevanti per le attività di gestione, di programmazione e strategiche: questo approccio garantisce la visione differenziata dei problemi, la tutela delle differenze, la partecipazione democratica. Nel secondo caso (attività operative e di staff) la partecipazione è aperta a tutti i soggetti della PS per specializzazione di competenze e si esplica nei ruoli di coordinamento rispetto alle diverse attività delle Macrofasi del progetto. Le logiche di lavoro sono legate alle modalità del lavoro di gruppo, all`utilizzo di tecniche che aiutano nell`esplorazione di idee e nella presa di decisione: sono modalità che fanno parte delle competenze dei soggetti responsabili delle attività e degli esperti che verranno coinvolti. Le strutture organizzative previste sono: Direzione del progetto composta da una responsabile del progetto, una coordinatrice amministrativa, da tre coordinatori tecnico-scientifici appartenenti a strutture diverse della PS: ciò garantisce comunque diversificazione di competenze e visioni differenziate delle problematiche, aumentando il confronto, l`autovalutazione, la correttezza delle decisioni e la tutela degli interessi. La Direzione del progetto opera in stretto raccordo con le altre strutture della PS al fine di condividere e realizzare linee comuni di azione e di comunicazione verso i soggetti coinvolti nell`implementazione dei servizi
Gruppo di governo composto dalla Direzione del progetto e da un rappresentante di ogni soggetto della PS, con responsabilità decisionali. I compiti del GdG, che viene attivato per tutta la durata del progetto, e in particolare nella Fase 1 di ogni Macrofase, riguardano la supervisione e il monitoraggio delle azioni previste, la definizione di linee guida di intervento per ogni Azione, la validazione dei risultati, l`interfaccia con le rispettive organizzazioni al fine di un costante coinvolgimento, la promozione e la diffusione dei risultati. Gruppi tematici costituiti da staff di esperti di elevato livello pluridisciplinare e/o da operatori con competenze nei campi di interesse e con capacità di relazione e di analisi, nonché progettuali e, quando possibile, da rappresentanti dei beneficiari finali del progetto. Compito dei GT riguarda la progettazione e realizzazione operativa delle attività previste e ne fanno parte risorse di tutti i soggetti della PS

dot Top



Logo EQUAL

Home page
DP Search
TCA Search
Help
Set Language Order
Statistics