IMPORTANT LEGAL NOTICE
 

 Sistema Territoriale per il REinserimento e la Tutela Sociale (STREETS) ascii version

Italy

 
DP Managing organisation : Amministrazione Comunale di Pescara
Other national partners : Amministrazione Comunale di Pineto
Amministrazione Comunale di Roseto degli Abruzzi
Associazione Percorsi Regionale Familiari Tutela Salute Mentale
Associazione `Dimensione Volontario onlus`
Associazione `Progetto nomadi onlus`
Associazione `Sound Society`
Caritas Diocesana di Pescara-Penne
Caritas Diocesana di Teramo-Atri
Centro Servizi per il Volontariato della Federazione Compagnia delle Opere
Centro Territoriale Permanente per l`Educazione in Eta` Adulta
Confederazione Generale Italiana del Lavoro - Camera del lavoro di Pescara
Dipartimento di Scienze della Comunicazione dell` Universita` di Teramo (ex MET)
Ente Scuola Edile della Provincia di Pescara
Federazione Regionale Coltivatori Diretti d`Abruzzo
Fondazione Caritas onlus Diocesi di Pescara Penne
Fondazione Diocesana di Religione `Istituto Maria Regina`
SYNERGIE ITALIA - Agenzia di Pescara
Unione Generale del Lavoro di Pescara
EQUAL theme :Employability - (Re-)integration to the labour market 
Type of DP :Geographical - Urban area - TERAMO, PESCARA 
DP Legal status :Association without legal form 
DP identification :IT-IT-G-ABR-046 
Application phase :Project ended 
Selection date :29-05-2002 
Last update :22-07-2005 
Monitoring: 2003  2004  2005   

Rationale

Text available in

The north adriatic coast of Abruzzo shows a number of characteristics which are assimilable with respect to the current process of social exclusion both for the demographic composition of population and type of difficulty.The dynamic corner stone of the exclusion fenomenon is the Pescara municipality and the metropolitan area of the coast. The rate of urbanisation in the adriatic territory is of about 50% of total population of the area, a percentage which is higher than the national average. The adriatic coast by the Teramo and Pescara side suffers the effects of this high demographic concentration rate,given the fact that there is a significant presence of non residents, migrated and strangers, nomads and people in extremely poor conditions.
This part of adriatic coast shows the higher concentration in Abruzzo of people in these conditions.

The mentioned indicators define the STREETS system along three main directions:
-Organising an integrated action system to provide a complete access to public services of social inclusion and the use of all instruments of assistance for disadvantaged people;
-Strenghtening an operative training system in collaboration with the industrial sector and opening new opportunities in the information society;
- Coupling labour demand and supply in the emerging productive sectors overcoming discriminations linked to gender, age, disability, economic and cultural disadvantage.

dot Top


Objective

Text available in

The general strategy of STREETS is based on the implementation of the Territorial System for Social Inclusion, created though a cooperation agreement in the form of a master plan (Accordo di cooperazione). This system is based primarily on the signing partners and makes use of administrative and managerial instruments of consulting, training and research.

The general strategy of the System is to permanently link productive sectors of the Pescara and Teramo area with the public social services and the social protection, training and teaching network.

This will be done through the creation of integrated and common action and service bodies, for the benefit of target groups more subject to a risk of exclusion (disabled, immigrates, jailed, drug addicted, drop-out youngster, people with mental disease, homeless, people in poverty). The system aims at favouring a sectorial/category approach.

This strategy is pursued by foreseing in the System the setting up of centres and instruments aiming at easing the territorial mobilisation of public and private agents. The latter can be identified in three layers, defined as macro-activities :
A. Intermunicipal Agency of social inclusion;
B. Local Observatory of labour needs and offering;
C. Laboratory of operational training.

dot Top


Innovation


Nature of the experimental activities to be implemented Rating
Guidance, counselling **
Training *
Training on work place ***
Work placement ****
Job rotation and job sharing *
Employment aids (+ for self-employment) **
Integrated measures (pathway to integration) ****
Employment creation and support **
Training of teachers, trainers and staff *
Improvement of employment services, Recruitment structures ***
Conception for training programs, certification *
Anticipation of technical changes *
Work organisation, improvement of access to work places ****
Guidance and social services ****
Awareness raising, information, publicity ***
Studies and analysis of discrimination features ***

Type of innovation Rating
Process-oriented ****
Goal-oriented ****
Context oriented ****

Text available in

STREETS gives the responsibility of the three innovation axis of EQUAL to three different task-force already described in the general strategy.

Process Innovation: the process of social inclusion of STREETS is based on the integrated management of social, health, housing, training and occupational measures by developing a process of personalised and flexible taking up, sharing on a network needs and services as well as working on a methodology tailored on individual needs; The experimentation of different services and instruments (Individual programme of insertion, insertion grant, etc.) allow the integrated connection between different interventions by activating a network of institutional and social responsibility with the use of the information society instruments.

Context Innovation: the STREETS context is based on a master plan as an instrument of cooperation between public and private territorial bodies alliated for the employment of less advantaged part of population; it consists of a welfare mix model, aiming at reconstructing the relationships between systems. The master plan introduces a significant contaxt innovation, building a mixed system that favours local, social and occupational development. The STREETS system will be put on a network with the Territorial Pact of Teramo municipality and Local Development Plan (Plan for Professional Start Up, PIP, P.I.T. and Local Plan linked to european funds FESR, FEAOG, SFOP).

Objectives Innovation: STREETS intends to overcome the usual treatment of the social esclusion, limited in single structures, departments or administrations, which are supposed to implement sectorial action plan, integrated on their puropose but actually not coordinated as for the results. The structure offered by Public Administration ad the operative model are still inadeguate to face the new challenges posed by the campaign against esclusion, being inspired to old models. One of the finality of the project is to implement still inexperienced systems and innovating practices as well as inclusion instruments.At local level the main challenge is to develop a functional model of multisectoral actions and integration between public administrations and organisation working privately on social issues.

dot Top


Budget Action 2

1 500 000 – 2 000 000 €

dot Top


Beneficiaries


Assistance to persons 
Unemployed  40.0%  40.0% 
Employed  0.0%  0.0% 
Others (without status, social beneficiaries...)  10.0%  10.0% 
  100.0% 
 
Migrants, ethnic minorities, …  60.0%  20.0% 
Asylum seekers  0.0%  0.0% 
Population not migrant and not asylum seeker  10.0%  10.0% 
  100.0%
 
Physical Impairment  15.0%  15.0% 
Mental Impairment  15.0%  15.0% 
Mental Illness  15.0%  15.0% 
Population not suffering from a disability  5.0%  5.0% 
  100.0% 
 
Substance abusers 20.0%  20.0% 
Homeless  10.0%  10.0% 
(Ex-)prisoners  10.0%  10.0% 
Other discriminated (religion, sexual orientation)  0.0%  0.0% 
Without such specific discriminations  10.0%  10.0% 
  100.0% 
 
< 25 year  15.0%  15.0% 
25 - 50 year  30.0%  30.0% 
> 50 year  5.0%  5.0% 
   100.0% 

Assistance to structures and systems and accompanying measures Rating
Asylum **
Gender discrimination ***
Support to entrepreneurship ***
Discrimination and inequality in employment ****
Disabilities ****
Other discriminations ****
Low qualification **
Racial discrimination ***
Unemployment ****

dot Top


Empowerment

 

 With beneficiaries

Participation
Promoting individual empowerment
Developing collective responsibility and capacity for action
Participation in the project design
Changing attitudes and behavior of key actors

Text available in

The common planning is a strategic component in the STREETS System, as the social and working community care to be implemented in the system requires a high level participation of the community and the main beneficiary. The activated instruments, from the Individual programme of insertion to the Insertion Contract, foresee a significant consulting activity of both the beneficiary and their families.

This stems from the fact that they originate from a shared analysis of the excluding causes, which need to be overcomed through the active contribution of all the participants (families, community and social associations). The personal project must arise from this wide collaboration and receive a full consensus from the beneficiary.

 

 Between national partners

Text available in

The described organisational models (master plan, sectorial innovative task force, observatory, laboratory) foreseen the involvement of all partners according to their expertise and experience. An instrument of participation guarantee will be the active involvement, among the project operative bodies, of internal and external representatives.The objective is not only to take advantage of partners expertise and human resources but also to strenghten the building of an association network through the operators network. This will start, from the planning phase, an experimental model of inter-institutional relationships in the Labour system.

dot Top


Transnationality

 

 Linguistic skills

  • English
  • español (castellano)
  • italiano
  • português

 Percentage of the budget for transnational activities

  • 4.7%

 Transnational Co-operation Partnerships

Transnational Co-operation Agreement DPs involved
1079 P.I.E. Participation, Inclusion, Employment ES ES357
PT 2001-070

dot Top


Background

 

 Involvment in previous EU programmes

  • One partner involved in A&E

dot Top


National Partners


Partner To be contacted for
Amministrazione Comunale di Pescara Co-ordination of experimental activities
Design of the project
DP managing organisation
Evaluation
Monitoring, data collection
Transnational partnership
Amministrazione Comunale di Pineto
Amministrazione Comunale di Roseto degli Abruzzi
Associazione Percorsi Regionale Familiari Tutela Salute Mentale
Associazione `Dimensione Volontario onlus`
Associazione `Progetto nomadi onlus`
Associazione `Sound Society`
Caritas Diocesana di Pescara-Penne
Caritas Diocesana di Teramo-Atri
Centro Servizi per il Volontariato della Federazione Compagnia delle Opere
Centro Territoriale Permanente per l`Educazione in Eta` Adulta
Confederazione Generale Italiana del Lavoro - Camera del lavoro di Pescara
Dipartimento di Scienze della Comunicazione dell` Universita` di Teramo (ex MET)
Ente Scuola Edile della Provincia di Pescara
Federazione Regionale Coltivatori Diretti d`Abruzzo
Fondazione Caritas onlus Diocesi di Pescara Penne
Fondazione Diocesana di Religione `Istituto Maria Regina`
SYNERGIE ITALIA - Agenzia di Pescara
Unione Generale del Lavoro di Pescara

dot Top


Agreement Summary

Text available in

The responsibility of management of the partnership has been attributed to the Municipality of Pescara. The Municipality coordinates all the phases of the project with the guidelines for the implementation and the operative instructions to define the activities in the single phases.
The Municipality of Pescara will be coordinator of the partnership and will develop the collaborations both Abruzzo Region, Local Administration, Job Centers, small local and voluntary Association, because the Municipality is qualified for experience and ability to manage actions of social inclusion.
The national partners have accepted with the Cooperation Agreement to follow to the guidelines of the Municipality.
The City of Pescara will collaborate, for the carrying out of the technical and administrative functions, with the Fondazione Maria Regina and of its staff.
A Steering Commettee coordinated by the Municipality of Pescara is founded between all the partners. In this commettee the small associations have equal role in comparison to the definition of the resources and the activities.
The responsibility of the single activities has been distribuited between the most competent partners.

1. Support actvities
General coordination of the project: Municipality of Pescara;
Coordination of the transnational activities, evaluation, information: Sound Society onlus
Mainstreaming: Service Center for voluntary organizations - Municipality of Pescara, Roseto, Pineto
Budgeting: Municipality Pescara - Fondazione Maria Regina

2. Activity for Agency of social inclusion
Agency of social inclusion: Municipality of Pescara, Roseto, Pineto, Fondazione Maria Regina, Department MET Teramo University, CGIL, UGL;

3. Activity of Observatory on the Needs
Observatory partner-working inclusion: Municipality of Pescara, Department MET Teramo University, Service Center for voluntary organizations, CGIL, UGL;

4. Laboratory of formation and inclusion
Mediation to the job: Caritas Teramo (immigrants, poor), Caritas Pescara (immigrants, poor), Associazione Percorsi (people with psycological diseases), Associazione Dimensione Volontario (disabled people), Associazione Progetto Nomadi; CIF (women, families).
Tutoring: Synergie Italia, Scuola Edile di Pescara, Coldiretti Abruzzo, Sound Society onlus
Formation in the protected laboratory: Fondazione Caritas onlus.

Last update: 22-07-2005 dot Top


Amministrazione Comunale di Pescara

(Comune di Pescara)
piazza Italia
65100 PESCARA
www.comune.pescara.it

Tel:08542831
Fax:0854283624
Email:------------

 
Responsibility in the DP: Co-ordination of experimental activities
Design of the project
DP managing organisation
Evaluation
Monitoring, data collection
Transnational partnership
Type of organisation:Public authority (national, regional, local)
Legal status:Public organisation
Size:>250
NUTS code:PESCARA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The Comune of Pescara starter a number of activity in the sector of social inclusion, through different actions such as:
- The Piano di zona dei servizi sociali (area plan of social services) 2000-2001, which has permitted, among others, the settino up of : a social secretariat, home and residential care for elederly and minors, a day care center for disabled persons;
- The ICARO project, in the contest of URBAN II, approved by Minister of Infrastructure among the best 8 italian projects, for the rebuilding of the most degraded urban areas and the promotion of new local partnership, integrated territorial approach, equal opportunities;
- The L. 285/97 project, through which, during the period 1998-2000, has been activated the system of `road teachers`; in the next period 2001/2003 it will be realised a new system of education for children in situation of serious marginalisation (nomads and immigrants), joyntly with the local schools;
-The realisation of a number of social projects started in collaboration with the most active associations in the territory (Day care, programs of working and social insertion, centre of acceptance and insertion initiatives for immigrants, etc.).



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
SEVERINI MIRIAM 0854283625 ---------- Director

Last update: 22-07-2005 dot Top


Amministrazione Comunale di Pineto

(------)
via Milano
64025 PINETO
--------

Tel:0859490511
Fax:0859492595
Email:------

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Public authority (national, regional, local)
Legal status:Public organisation
Size:Staff 50-250
NUTS code:TERAMO
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The municipality of Pineto is included in the social area Costa Sud 1, togheter with municipality of Atri and Silvi. It carries out social projects in the following areas: DISABLED, ELDERLY, CHILD AND YOUNG.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Nunziata Antonio 0859490511 ------ Referent Pineto Municipality

Last update: 22-07-2005 dot Top


Amministrazione Comunale di Roseto degli Abruzzi

(-----------)
piazza della Repubblica
64026 ROSETO DEGLI ABRUZZI
www.comune.roseto.te.it

Tel:0858930473
Fax:0858930744
Email:anagrafe@comune.roseto.te.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Public authority (national, regional, local)
Legal status:Public organisation
Size:Staff 50-250
NUTS code:TERAMO
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

As regard the social policy, the municipality of Roseto, is the administrative body charged with the management of the Piano di Zona dei Servizi sociali in the area n. 8, Costa Sud 2. This plan consist of a number of services for the elderly (day center, social secretariat, home care, etc.), Handicapped (home care, day center, musicotherapy and hydrotherapy, etc.), evolutionary age (Services for the adoption, home care, intervention for the childhood, etc.), Family area (economic support, social secretariat, etc.).



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
LASCA GABRIELLA 0858930891 0858930891 Referent Roseto Municipality

Last update: 22-07-2005 dot Top


Associazione Percorsi Regionale Familiari Tutela Salute Mentale

(--------)
via delle Fornaci, 2
65125 PESCARA
utenti.tripod.it/percorsi

Tel:08575055
Fax:08575055
Email:percorsi@hotmail.com

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Organisation providing support and guidance for disadvantaged groups
Legal status:Private
Size:Staff 10-50
NUTS code:PESCARA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The Association Percorsi has activated since a few years a Center for family care and orientation. It manages the project `Armonia` for the labour reinsertion of psychiatric disables.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Delle Lenti Franca 08575055 ----- Referent Percorsi

Last update: 22-07-2005 dot Top


Associazione `Dimensione Volontario onlus`

(A.D.V.)
via Santa Caterina, s.n.
64020 MONTEPAGANO DI ROSETO DEGLI ABRUZZI
-----

Tel:0858941699
Fax:0858941699
Email:guerino.prosperi@tin.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Organisation providing support and guidance for disadvantaged groups
Legal status:Private
Size:Staff 10-50
NUTS code:TERAMO
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The Association Dimensione Volontario ONLUS is a no-profit entity with solidarial aims and operates in the social assistance sector. It manages a day -care center for disabled people as well as a Pilot Project aimed to help the disabled`s families,funded by the Abruzzo Region



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Prosperi Guerino 0858931230 guerino.prosperi@tin.it Referent Disabled people ADV

Last update: 22-07-2005 dot Top


Associazione `Progetto nomadi onlus`

(-------------)
via Bindi, 1
64029 SILVI
-----

Tel:0859351334
Fax:--------------
Email:nomadiabruzzo@yahoo.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Organisation providing support and guidance for disadvantaged groups
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:TERAMO
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The association Progetto Nomadi onlus (Nomad Project) groups togheter all the agencies associated in the Opera Nomadi Abruzzo.The most significant interventions realised by the associated agencies in favour of nomads in the last years can be summarised in:
- Project of cultural intermediation in the municipality of Giulianova within the scope of interventions realised according to the law 285/97;- Project of cultural intermediation and tutoring in the Pescara municipality;
-Project of istruzione a distanza in Pescara municipality, which received a prize in the context of the 11th National Contest of Pedagogy and Teaching `Raffaele Laporta`;
- Consulting activity for drawing up a regional law on nomads and ROM;
-Pubblications and informational materials;
-Seminars, workshop, cultural events regarding nomad culture.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Guarnieri Nazareno 0859351334 -------- Referent Nomadi Project

Last update: 22-07-2005 dot Top


Associazione `Sound Society`

(------------)
via Nazionale, 514
64026 ROSETO DEGLI ABRUZZI
www.soundsociey.org

Tel:0858931357
Fax:0858931357
Email:info@soundsociety.org

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Education / training organisation
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:TERAMO
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

SOUND SOCIETY is a non-profit organisation established in Abruzzo for helping young artists in the musical and expressive research. It is the promoter and the responsible of the SCALA project (prot. n. 1894/E2/Y/R), founded by the Abruzzo Region, the Ministry of Welfare and the EU, in the context of the european initiative -Youthstart.The SCALA project aims at eliminating all the barriers that in this region still hinder the development of employment in the cultural area. It also look at favouring a change in the training system on behalf of the younger for which the artistic attitude would costitute an important occupational resource.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Bollini Andrea 0858003167 andrea.bollini@galactica.it Project coordinator

Last update: 22-07-2005 dot Top


Caritas Diocesana di Pescara-Penne

(--------)
piazza Santo Spirito, 25
65100 PESCARA
-----

Tel:0854516847
Fax:0854516847
Email:-----

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Organisation providing support and guidance for disadvantaged groups
Legal status:Private
Size:Staff 10-50
NUTS code:PESCARA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The Caritas diocesana of Pescara is active in the sector of social inclusion and of social assistance of people living in poverty, homeless and immigrants. It manages a care center as well as a series of initiatives, including the support to immigrant children and refugees.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Ielo Nicola 0854516847 ------ Referent Pescara Caritas

Last update: 22-07-2005 dot Top


Caritas Diocesana di Teramo-Atri

(---------)
via San Berardo, 6
64100 TERAMO
-------

Tel:086182460
Fax:086182460
Email:-----

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Organisation providing support and guidance for disadvantaged groups
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:TERAMO
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The Caritas diocesana of Teramo is active in the sector of social inclusion and of social assistance of people living in poverty, homeless and immigrants. It manages a care center as well as a series of initiatives, including the support to immigrant children and refugees.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
D`Ottavio Ivo 086182460 ------- Referent Caritas Teramo

Last update: 22-07-2005 dot Top


Centro Servizi per il Volontariato della Federazione Compagnia delle Opere

(C.S.V. Pescara)
Piazza Italia, 13
65100 PESCARA
www.csvabruzzo.it

Tel:0852058177
Fax:0852058177
Email:csv.pescara@infinito.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Education / training organisation
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:PESCARA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The Centro Servizi per il Volontariato di Pescara operates, since 1st of novembre 1999, on the entire Pescara province, offering consulting and qualified advice to the associations of voluntary service. It also provides them with all the instruments for the planning, start-up and the realisation of specific activities.The consulting activity focus on the following aspects:administrative, fiscal, legal etc.They are also offered training activities for the personnel of organisations di volontariato, such as workshop and seminars. Moreover, it provides for information, documents and data on voluntary service both at local and national level.A number of services are supplied through the central one-stop shop; among these a Library, providing specialised text regarding non profit activities, voluntary service, reviews,Internet connection, Data Base etc.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Marcucci Massimo 0852058177 massimo.marcucci@infinito.it Referent C.S.V. di Pescara

Last update: 22-07-2005 dot Top


Centro Territoriale Permanente per l`Educazione in Eta` Adulta

(CTP Pescara)
via Luigi Einaudi, 1
65129 PESCARA
-----

Tel:08551626
Fax:08552101
Email:----

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Education / training organisation
Legal status:Public organisation
Size:Staff < 10
NUTS code:PESCARA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The Permanent Center for Adult Education of Pescara has been constituted by the Ministry of Public Education in the Scuola media unificata `Fermi Foscolo`.The Center organizes courses of elementary school degree (47 students from the Casa circondariale), of medium school degree (95 students, of whom 20 convicted) for adults and for convicted form the Casa circondariale of Pescara.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Santucci Maria Luisa 08551626 ------ Referent CTP

Last update: 22-07-2005 dot Top


Confederazione Generale Italiana del Lavoro - Camera del lavoro di Pescara

(CGIL Pescara)
via Benedetto Croce, 108
65126 PESCARA
------

Tel:08545431
Fax:0854543325
Email:infocgilpe@cgilpe.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Trade Union
Legal status:Private
Size:Staff 10-50
NUTS code:PESCARA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The Confederazione Generale Italiana del Lavoro (CGIL- Italian General Confederation of Labour) is a trade union characterised for its unitary, democratic and multietnic nature, whose aim is promoting the free association and collective protection of workers (whaterver the form of occupation), unemployed and inoccupied, retired persons and elderly (art. 1 of CGIL Statute).



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Bucci Maria 0854543315 infofppe@cgilpe.it Referent CGIL

Last update: 22-07-2005 dot Top


Dipartimento di Scienze della Comunicazione dell` Universita` di Teramo (ex MET)

(Dipartimento Scienze della Comunicazione)
via Coste Sant`Agostino
64100 TERAMO
www.unite.it

Tel:0861266032
Fax:085266036
Email:eugenif@tin.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:University / Research organisation
Legal status:Public organisation
Size:Staff 10-50
NUTS code:TERAMO
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The department of Teramo University, established few years ago with the aim of operating on the territory, has developed various interests in the following directions: Economics, Economic Sociology, economic Geography, as well as the related theoric supports in the sector of Informatics, Mathematics and Statistics.In the Department has been established a PhD in Epistemiology and Didactic which characterise its interests for training; in collaboration with ANFE the department also coordinates, on a scientific point of view, the two years course for teaching in presence of handicap. Moreover, as for the training, the department participates as main responsible to one of the Region financing related to industrial districts. The project has been recently approved and the training activities are being defined.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Di Gennaro Fernando 0861787876 fernando.digennaro@libero.it Referent MET Department

Last update: 22-07-2005 dot Top


Ente Scuola Edile della Provincia di Pescara

(E.S.E.P.)
via Prati, 29
65124 PESCARA
www.esep.it

Tel:085413200
Fax:0854155344
Email:scuolaedpe@libero.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Education / training organisation
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:PESCARA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The Ente Scuola Edile has been established in 1982.The Ente is a part of the national sectorial training system coordinated by FORMEDIL both at national and regional level.It is a non profit body with the following institutional tasks: it promotes and organise at local level, training initiatives for younger whishing to work in this sector. It is also responsible for the continuous training, qualification and specialisation of workers according to the requirements of labour market.Particolar attention is given to less advantaged subjects as well as to all aspects related to accident preventing and labour hygene.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
DI CINTIO PAOLO 085413200 scuolaedpe@libero.it Referent ESEP

Last update: 22-07-2005 dot Top


Federazione Regionale Coltivatori Diretti d`Abruzzo

(Coldiretti Abruzzo)
via Aprutini, 29
65121 PESCARA
-----

Tel:0854549323
Fax:0854511614
Email:abruzzo@coldiretti.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Trade Union
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:PESCARA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The Regional Agricultural Federation of Abruzzo represents agricultural firms, agricultural workers and other entities operating in the agricultural and rural sector. It coordinates the dialogue with the local and regional public institutions.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Spinelli Giuseppe 0854549323 ------ Referent Coldiretti

Last update: 22-07-2005 dot Top


Fondazione Caritas onlus Diocesi di Pescara Penne

(-----------)
piazza Santo Spirito, 25
65100 PESCARA
------------

Tel:0854516847
Fax:0854516847
Email:-----------

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Organisation providing support and guidance for disadvantaged groups
Legal status:Private
Size:Staff 10-50
NUTS code:PESCARA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The CARITAS Foundation onlus is responsible for the management of the Casa-famiglia (recovery house) `Il Samaritano`, located in Pescara.The Casa-famiglia is a residential center for people with HIV living in situation of particolar difficulty and disadvantage both physical and psychological. The center gives them hospitality at the moment of their dismissal from hospital, community or prison in the case they don`t have proper housing.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Ielo Nicola 0854516847 ------- Referent Caritas Foundation

Last update: 22-07-2005 dot Top


Fondazione Diocesana di Religione `Istituto Maria Regina`

(----------)
via Oberdan, 26
64020 SCERNE DI PINETO
www.ibambini.it

Tel:0859461127
Fax:0859461282
Email:centrostudi@ibambini.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Organisation providing support and guidance for disadvantaged groups
Legal status:Private
Size:Staff 10-50
NUTS code:TERAMO
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The `Maria Regina` is an italian foundation for childhood, women and family protection, recognised as juridical person according to the Decree n.39/1985,.Since 1985 it carries out activities of protection for children in difficulty through educational communities, support activities for families and training courses for social operators and people involved in household protection.It works togheter with Abruzzo Region and others government bodies and it is supported by the Center for evolutionary age `Primavera`, which is also responsible for pilot project promoted by the Region for care of disadvantaged children and families in crisis.The project is carried out joyntly with the local health service agency.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Tavani Diana 0859463098 centrostudi@ibambini.it Referent Maria Regina Foundation

Last update: 22-07-2005 dot Top


SYNERGIE ITALIA - Agenzia di Pescara

(---------)
via Marconi, 151
65100 PESCARA
www.synergie-italia.it

Tel:0854549648
Fax:0854516166
Email:pescara1@synergie-italia.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Other
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:PESCARA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Synergie-Italia is an agency for temporary work active in Europe and Italy.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Rosica Alessandra 0854549648 pescara1@synergie-italia.it Referent Synergie

Last update: 22-07-2005 dot Top


Unione Generale del Lavoro di Pescara

(UGL Pescara)
via Ravenna, 10
65100 PESCARA
-----

Tel:0854212431
Fax:0854212491
Email:------

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Trade Union
Legal status:Private
Size:Staff 10-50
NUTS code:PESCARA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The Unione Generale del Lavoro is a union organization associative active and retired workers. It promotes non discriminating labour policies.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Malzone Lucia 0854212431 -------- Referent UGL

Last update: 22-07-2005 dot Top



 
 
 
 

 
 
 
 

 
 
 
 
Warning! This section is not meant to be read directly, but rather be navigated through from the main page above.
 
 
 
 

Sistema Territoriale per il REinserimento e la Tutela Sociale (STREETS)

Rationale

Text available in

Resta sostanzialmente confermato il quadro già descritto nel Formulario di candidatura, che presentava, per lo più, dati aggiornati al 2001.

La fascia costiera adriatica nord dell`Abruzzo presenta caratteristiche assimilabili rispetto al processo di esclusione sociale in atto sia per la composizione demografica della popolazione che per tipologia di disagio.Il Comune di Pescara e la fascia metropolitana costiera teramana e pescarese presentano analoghi fenomeni di discriminazione ed esclusione sociale. Il tasso di urbanizzazione sul territorio adriatico è pari al 50% della popolazione totale dell`area, media al di sopra di quella nazionale. La costa adriatica teramana e pescarese risente degli effetti di questa alta concentrazione demografica, in quanto il tessuto anagrafico è formato da una significativa presenza di non residenti, di immigrati e stranieri, di apolidi, di nomadi, di persone in stato di povertà estrema, di cui il territorio individuato costituisce il bacino a più alta concentrazione in Abruzzo.

Il fenomeno migratorio e la discriminazione lavorativa
In provincia di Teramo i 7 Comuni adriatici (Martinsicuro, Alba Adriatica, Tortoreto, Giulianova, Roseto, Pineto, Silvi) ospitano il 51% degli immigrati della provincia, mentre per i 3 Comuni adriatici pescaresi (Pescara, Montesilvano, Città Sant`Angelo) la percentuale totale di immigrati sale al 74% della Provincia. La media complessiva della concentrazione di immigrati sl territorio del progetto è pari al 62% dei totali provinciali: vale a dire che su 93 Comuni delle due province, circa i 2/3 degli immigrati (4935 immigrati - dati ISTAT) sono concentrati nei 10 comuni della costa.La Questura di Pescara (dati Osservatorio provinciale sull`immigrazione, 2001) ha fornito un campione sugli immigrati non residenti e titolari di permessi di soggiorno, estensibile alla situazione degli immigrati di transito sulla direttrice litoranea teramana. Da tale studio emerge che su 3572 immigrati con permesso 273 sono senza lavoro, 290 svolgono lavoro autonomo (di questi 113 sono senegalesi, commercio ambulante) e 1033 lavoro subordinato, 18 sono i richiedenti asilo e 30 in asilo politico. 1229 immigrati hanno ricevuto il permesso solo per ricongiungimento familiare. Circa la metà degli immigrati entrati in provincia di Pescara nel 2000 ed in possesso del permesso di soggiorno sono inoccupati. La Direzione Regionale del Lavoro dell`Abruzzo ha ispezionato nel 2000 1.034 aziende, rilevando la presenza di 900 extracomunitari occupati, di cui 350 `in nero` (pari a circa 1/3 della forza lavoro). L`Opera Nomadi ha stimato essere di 930 la presenza complessiva di minori nomadi sul territorio. L`Ufficio Minori della Questura ha segnalato nel 1999 470 minori nella fascia 14-19 anni con permesso di soggiorno. Molti di loro non frequentano la scuola (l`abbandono è vicino al 90%) e non riescono ad inserirsi nell`ambito formativo o pre-occupazionale. Secondo dati rilevati dall`Osservatorio Caritas di Pescara, la condizione lavorativa degli immigrati è discriminata per la mancata conoscenza delle leggi del lavoro e della lingua italiana, per il mancato soddisfacimento dei bisogni primari, per lo sfruttamento del lavoro sommerso ed irregolare ad opera di piccole ditte ed imprese, per la carente capacità di avvio di impresa autonoma, per la discriminazione culturale e la mancanza di un adeguato tutoraggio e mediazione fra datore di lavoro e lavoratore immigrato.

Dati sull`esclusione sociale: poveri e senza fissa dimora
Una recente indagine sulla povertà (Osservatorio sociale provinciale di Pescara) evidenzia il numero delle famiglie assistite dai Comuni per situazione di povertà estrema, che, rispetto ai dati comunicati al 20 giugno 2001, risultano 978 in tutta la Provincia di Pescara. Di queste 978, ben 590 sono assistite dal Comune di Pescara, 168 dal Comune di Montesilvano e una media di 30 nei Comuni di Spoltore, Città S. Angelo, Scafa, Pianella. Le famiglie indigenti, con reddito inferiore alla soglia di povertà, si concentrano all`80% sulla fascia costiera individuata dal progetto.Il dato sulle persone senza fissa dimora è anche qui evidente: 50 sono le famiglie stimate senza fissa dimora nel Comune di Pescara e ben 150 sono le persone senza fissa dimora (quasi il 95% dell`intero territorio). L`Osservatorio diocesano della Conferenza Episcopale Abruzzese e Molisana e le Caritas abruzzesi hanno redatto nell`anno 2000 il 1° Rapporto sulle povertà - Anno 1999. Il campione intervistato è significativo ed è pari a 300 persone svantaggiate gravi che frequentano i servizi della Caritas di Pescara e che transitano sulla fascia costiera. Il 72% di essi è costituito da persone in età lavorativa attiva (25-55 anni), che tuttavia non hanno lavoro stabile o lo hanno perso, mentre il 41,6% proviene dall`estero. Il 44% è senza fissa dimora (di cui l`84% è di sesso maschile) e si tratta per lo più di immigrati. Il 66% delle persone con cittadinanza italiana dispone solo di un domicilio occasionale.

Categorie a rischio totale di esclusione: disabili gravi
Da una recente indagine (ANMIL, 2001) è stato rilevato il numero dei disabili iscritti nelle liste di collocamento. In Provincia di Pescara è risultato che sono iscritti al collocamento 2.511 disabili e che nel 2000 solo 3 di essi hanno trovato il lavoro (pari allo 0,1%). Un po` meglio è risultato il dato della provincia teramana, dove su 2.468 iscritti al collocamento gli avviati disabili al lavoro sono stati 182 (7,3%).Mancata applicazione della legge nazionale (L. 68/99) e regionale (L.R. 14/2001), carenza di convenzioni fra enti ed imprese, inadeguatezza dei servizi socio-sanitari, ancora di matrice assistenzialistica, e non orientati al reinserimento, inefficacia dei percorsi formativi per i disabili, mancata integrazione fra piani sociali locali e piani formativi e sanitari sono i maggiori fattori di esclusione dei disabili pescaresi e teramani.

Categorie a grave rischio di esclusione: tossicodipendenti, alcoldipendenti, detenuti.
Alcuni dati epidemiologici sulle maggiori categorie di rischio di esclusione grave, collegati alle patologie sociali dell`ambito metropolitano, disegnano un quadro preoccupante. Il Servizio di Alcologia della ASL di Pescara ha in carico 234 utenti, di cui nuovi 145 (aumento del 161% rispetto al 1999), mentre ancora 116 sono non presi in carico. In nessuno di questi casi è assicurato il tutoraggio lavorativo, mentre la maggioranza risulta inoccupata o a rischio di perdita del lavoro. Gli utenti conosciuti ai SERT territoriali al 06/08/2001 per problemi di tossicodipendenza sono 1903, prevalentemente maschi (1619). I detenuti seguiti dal Centro Servizio Sociale Adulti di Pescara nell`anno 2000 sono stati 946.

All`altissima densità di urbanizzazione e di fattori di esclusione non corrisponde tuttavia un sistema di servizi di inclusione sociale significativo; basti pensare che il finanziamento regionale pro-capite per la spesa sociale è pari ad appena £. 8.000 lire per Pescara, mentre raggiunge quote di circa £. 40.000 per i Comuni abruzzesi dell`interno e si attesta ad una media di £. 10.000 per i Comuni costieri (dati Fondazione Zancan, 2001). L`inadeguatezza delle risorse investite sul territorio si riflette sulla pressoché totale carenza di idonei servizi di inserimento sociale e lavorativo e sulla sostanziale inefficacia dei SILUS (Servizi per l`inserimento lavorativo dell`utenza svantaggiata).A fronte di un preoccupante ed alto livello di esclusione sociale e di rischio con sacche anche gravi e numericamente rilevanti di inoccupazione, la situazione economica del territorio appare in continua evoluzione con elementi di diversità nei diversi comparti e sub-ambiti geografici. Pescara è, come si sa, il territorio dove vi è il maggior numero (32%) di attività commerciali della Regione e quindi di lavoro autonomo, mentre Teramo possiede il 27% di imprese del settore industriale e il 26% di quelle artigiane.

L`Unioncamere e il Ministero del lavoro, attraverso il sistema informativo Excelsior, hanno stimato i fabbisogni occupazionali per l`anno 2001, offrendo una fotografia molto chiara rispetto ai settori produttivi che nelle due province presentano i maggiori spazi di offerta. Da Excelsior possono trarsi alcune conseguenze operative per il bacino geografico di intervento:
- nel 2001 sono previste 7714 assunzioni (prov. Pescara+prov. Teramo);
- la formazione non è richiesta per il 73% degli assunti, mentre per il 27% sono previsti corsi interni, esterni o l`affiancamento on-the-job;
- i maggiori bacini occupazionali sono nell`ordine: il settore Costruzioni (19%), seguito dal Commercio (13%), dal Chimico/energetico (11%), dal Tessile/Abbigliamento (10%);- i lavoratori stagionali previsti sono 994 nel settore dell`industria alimentare e 1236 nel settore turistico-alberghiero;
- il 16% degli assunti sarà extracomunitario con maggioranza nel settore Costruzioni (40% totale).

Questi indicatori orientano STREETS in tre direzioni prioritarie:
-organizzare un sistema integrato di azione per consentire l`accesso totale ai servizi pubblici di inserimento e la fruizione di tutti gli strumenti di aiuto per le persone svantaggiate;
-rafforzare un sistema di formazione operativa sul campo in collaborazione con le Imprese ed aprendo nuovi spazi nella società dell`informazione;
- riagganciare domanda ed offerta di lavoro nei settori produttivi emergenti, superando le resistenze di sistema collegate alle discriminazioni di genere, età, disabilità, svantaggio economico e culturale.

dot Top


Objective

Text available in

STREETS intende creare un Sistema territoriale interprovinciale adriatico per l`inclusione sociale, che garantisca l`effettiva integrazione degli interventi sociali, sanitari, riabilitativi con quelli formativi e lavorativi, in favore delle persone svantaggiate.

L`obiettivo generale di creazione del sistema, al quale si collega come risultato principale l`inserimento lavorativo efficace di una significativa parte del campione target di intervento, mira a sperimentare sul territorio una rete inter-istituzionale per l`inclusione sociale, che ha i suoi nodi fondamentali nelle autorità pubbliche locali, responsabili dei diritti sociali esigibili, nelle organizzazioni di community care no-profit, anche di piccole dimensioni, nelle organizzazioni datoriali e sindacali e nelle agenzie di lavoro temporaneo, negli enti di formazione pubblici e privati, nei servizi per l`impiego. Seguendo la logica di un modello di welfare mix, STREETS si pone l`obiettivo di creare un rapporto stabile e permanente, sancito in un accordo di cooperazione, secondo il modello di un `contratto di programma` per l`inclusione sociale.

Il Progetto STREETS - Strade intende costruire, dunque, un sistema di percorsi di reinserimento sociale che riunisca ed integri tutti i servizi coinvolgibili nella lotta all`esclusione, quali il servizio sociale ed assistenziale, il servizio sanitario, il servizio scolastico e dell`istruzione, i servizi formativi e lavorativi, le Imprese, le Parti sociali. L`acronimo STREETS abbraccia questa duplice valenza del nuovo sistema: fa percorrere le nuove strade dell`inserimento a chi ha fino ad oggi percorso le strade dell`emarginazione o è vissuto sulle strade.

STREETS intende utilizzare tutti gli strumenti di inserimento dettati da normative nazionali e regionali relativamente all`inclusione sociale di detenuti, tossicodipendenti ed ex-tossicodipendenti, disabili, immigrati, persone con disagio mentale, giovani drop-out, persone senza fissa dimora o in situazione di povertà estrema, ed integrare il lavoro degli enti responsabili dell`attuazione di queste leggi nel territorio interprovinciale.

L`obiettivo di STREETS è di conoscere i fenomeni discriminatori, i fattori di rischio (cause emarginanti) e i fattori protettivi dell`esclusione (strumenti di tutela sociale e di inserimento), di intervenire sui fenomeni e le resistenze attraverso una rete inter-istituzionale, creando un sistema globale di azione per l`inclusione sociale e lavorativa e per la rimozione degli ostacoli all`accesso al mercato del lavoro e ai servizi sociali, di esportare le `lezioni imparate` (lessons learnt) a livello locale, nazionale e transnazionale, di promuovere uno sviluppo locale basato sul modello della concertazione e del partenariato solidale.

La costruzione di questo nuovo sistema di inserimento si basa sul principio che l`esclusione sociale va combattuta attraverso l`integrazione sia dei problemi che delle soluzioni. I destinatari delle azioni di inserimento vengono individuati non in base alla patologia o appartenenza di genere (immigrati, disabili, persone in situazione di povertà estrema, donne in difficoltà, etc.), ma in base alle capacità e all`età. Il progetto di inserimento, che adotterà il Sistema STREETS, si ispira ad alcuni principi fondamentali: è basato sul principio della flessibilità rispetto ai bisogni (nella fase di formazione ed inserimento), dell`individualità (ogni intervento parte dai bisogni specifici delle persone e costruisce percorsi adeguati), dell`efficacia (ogni intervento va valutato negli esiti occupazionali e di inserimento), dell`integrazione (il reinserimento avviene in tutti i settori sociali e coinvolge la rete dei servizi). Rispetto alla precedente articolazione degli obiettivi è stato ridimensionato, a causa della decurtazione economica subita, l`obiettivo di tenere al 30% gli investimenti per le borse lavoro e i tirocinii, che sono stati ridimensionati, al fine di non pregiudicare le altre azioni.

La strategia generale di STREETS si basa sull`implementazione del Sistema Territoriale per l`Inclusione Sociale, creato attraverso l`accordo di cooperazione. Tale sistema ha avuto come nodi primari i partners firmatari ed utilizza strumenti amministrativo-gestionali di servizio, consulenza, formazione, ricerca.La strategia generale del Sistema è quella di collegare stabilmente i settori produttivi del territorio pescarese e teramano con i servizi sociali pubblici e la rete di protezione sociale ed accompagnamento, di formazione ed istruzione, attraverso la creazione di organismi comuni ed integrati di azione e di servizio, in favore dei target group più esposti al rischio di esclusione (disabili, immigrati, detenuti, tossicodipendenti, giovani drop-out, persone con disagio mentale, senza fissa dimora, in situazione di povertà estrema) e favorendo l`approccio di genere.
Tale strategia viene perseguita prevedendo nel Sistema l`attivazione di centri e strumenti atti a facilitare la mobilitazione territoriale di tutti gli agenti pubblici e privati e che operativamente si identificano in 3 articolazioni, individuabili come macro-attività:
A. Agenzia intercomunale di inclusione sociale;
B. Osservatorio locale dei Bisogni e dell`Offerta di lavoro;
C. Laboratorio di formazione operativa.

Gli obiettivi possono così riassumersi:
- Coordinare del progetto di inserimento con gli strumenti dell`assistenza economica, del reddito minimo e la soluzione del problema alloggiativo;
- Favorire l`inserimento assistito tramite il tutoraggio durante la fase di inserimento da parte della rete di servizi sociali e sanitari esistenti sul territorio;
-Incrementare le soluzioni di sostegno alle giovani donne con l`offerta di voucher per la fruizione di servizi di custodia ed accompagnamento dei bambini
- Utilizzare pienamente gli strumenti normativi regionali e nazionali per l`inserimento della persona svantaggiata;
-Promuovere fra gli imprenditori e i datori di lavoro una cultura del lavoro solidale;
-Rafforzare, con la conoscenza dei flussi occupazionali, le forze lavoro verso i bacini dove è più alta la domanda, con modelli di formazione concordati con le Imprese di inserimento e le Associazioni datoriali, favorendo il raccordo fra impresa e formazione.

dot Top


Innovation

Text available in

STREETS affida i tre assi dell`innovazione di EQUAL a tre task-force già descritte nella Strategia generale.

Innovazione di processo: il processo di inclusione sociale di STREETS si fonda sulla gestione integrata delle misure sociali, sanitarie, alloggiative, formative ed occupazionali, sviluppando un processo di presa in carico personalizzato e flessibile, mettendo in rete i bisogni con i servizi e lavorando su una metodologia di servizio disegnata sul bisogno individuale; la sperimentazione dei servizi e degli strumenti (Programma individuale di inclusione, Borsa di inserimento, etc.) consente il raccordo integrato degli interventi attivando la rete di responsabilità istituzionali e sociali con l`utilizzo di strumenti della società dell`informazione (telelavoro, sistemi informativi congiunti, corsi di inserimento informatico).

Innovazione di contesto: il contesto di STREETS nasce sulla base del contratto di programma quale strumento di cooperazione fra gli enti territoriali pubblici e privati in alleanza per il lavoro delle fasce deboli; si tratta di un modello di welfare mix, che ridisegna il rapporto fra i sistemi. Il contratto di programma produce una significativa innovazione di contesto, costruendo un sistema misto che favorisce lo sviluppo locale, sociale ed occupazionale. Il sistema STREETS verrà messo in rete con il Patto territoriale di Teramo e con i Piani di sviluppo locale (Piani inserimento professionali PIP, P.I.T. e Piani locali collegati ai fondi FESR, FEAOG, SFOP).

Innovazione di obiettivi: STREETS vuole superare il `confinamento` della lotta all`emarginazione e all`esclusione sociale a singole strutture, dipartimenti o amministrazioni, che dovrebbero implementare piani settoriali di azione, integrati nei propositi, ma spesso scoordinati nei risultati. Le strutture dell`Amministrazione Pubblica e i modelli operativi sono spesso ancora inadeguati ad affrontare le nuove sfide della lotta all`esclusione, in quanto si ispirano ai vecchi modelli organizzativi assistenzialistici e riparativi. Finalità del progetto è implementare sistemi e prassi innovative e strumenti di inserimento ancora inesplorati che a livello locale possano costituire un modello funzionale di azione multisettoriale e di integrazione fra diverse amministrazioni pubbliche e organizzazioni del privato sociale.

dot Top


Agreement Summary

Text available in

Le modalità organizzative adottate sono state esplicitate nell`accordo di cooperazione stipulato fra le parti.Si riepilogano, in sintesi, e per ciascun punto richiesto, le singole modalità.
Le responsabilità di indirizzo e gestione della partnership sono state attribuite al soggetto referente, l`Amministrazione Comunale di Pescara, che dovrà coordinare tutte le fasi progettuali ed emanare specifiche direttive attuative ed istruzioni operative per definire le modalità di azione nelle singole fasi.
L`Amministrazione Comunale di Pescara dovrà essere garante ed arbitro della partnership, soggetto territorialmente competente a sviluppare sinergie sia verso l`alto (Provincia, Centri per l`Impiego, Regione) sia verso il basso (coordinamento delle piccole forme associative locali, tuttavia già qualificate per esperienza e capacità a gestire azioni di inclusione sociale).

I partner hanno accettato nell`Accordo di cooperazione di attenersi alle direttive del Comune.
Il Comune di Pescara si avvale, per lo svolgimento delle funzioni tecniche ed amministrative della Fondazione Maria Regina e del suo staff.
Viene istituito un Tavolo di lavoro comune fra tutti i partners, presieduto dal Comune, a cui partecipano anche le piccole associazioni, le quali hanno avuto pari dignità anche rispetto alla definizione delle risorse e di compiti.
Le responsabilità delle singole attività sono state ripartite secondo un principio di sussidiarietà, attribuendo al partner più competente l`attuazione dei singoli interventi progettuali. In particolare è stata garantita una piena partecipazione anche alle piccole organizzazioni, quali le associazioni, che hanno un ruolo attivo nel progetto e gestiscono una parte del fondo per le attività di loro competenza, nonché fanno parte del tavolo di lavoro e di coordinamento. Analizzando le singole attività previste sono state suddivise le seguenti responsabilità per ciascun compito:

1. Attività trasversali e di supporto
Coordinamento generale del progetto: Amministrazione Comunale di Pescara, che si avvale della collaborazione tecnica ed amministrativa della Fondazione Maria Regina;
Coordinamento delle attività transnazionali, autovalutazione, diffusione e pubblicità: Sound Society, che ha già gestito e maturato esperienza nella precedente Iniziativa Comunitaria `Occupazione-Youthstart`;
Mainstreaming: Centro Servizi per il Volontariato - Comuni di Pescara, Roseto, Pineto
Certificazione e contabilizzazione delle spese: Amministrazione Comunale di Pescara - Fondazione Maria Regina

2. Attività per l`Agenzia intercomunale di inclusione sociale
Agenzia di inclusione sociale: Comune di Pescara, Fondazione Maria Regina, Comune di Roseto, Comune di Pineto, Dipartimento di Scienze della Comunicazione (ex MET) Università degli Studi di Teramo, CGIL, UGL;
Sportello Centrale: Amministrazione Comunale di Pescara, Fondazione Maria Regina
Sportelli operativi decentrati: Amministrazioni comunali di Pineto e di Roseto
Punti informativi: CGIL, UGL.
All`Agenzia collaborano anche, attraverso un protocollo operativo, i Centri per l`impiego e i SILUS delle Province di Pescara e Teramo, il Servizio sociale penitenziario di Pescara, le AUSL di Teramo e di Pescara.

3. Attività di Osservatorio sui Bisogni e sull`Offerta
Osservatorio inclusione socio-lavorativa: Centro Servizi Volontariato, Comune di Pescara, Fondazione Maria Regina, Dipartimento di Scienze della Comunicazione (ex MET) Università di Teramo, UGL, CGIL.

4. Attività connesse al Laboratorio interprovinciale di formazione operativa
Mediazione al lavoro: Caritas Teramo (mediazione per immigrati, poveri, senza fissa dimora), Caritas Pescara (mediazione per immigrati, poveri, senza fissa dimora), Associazione `Percorsi` (mediazione per malati mentali), Associazione `Dimensione Volontario` (mediazione per disabili), Associazione `Progetto Nomadi onlus` (mediazione per nomadi e rom); Fondazione Caritas onlus di Pescara (donne in disagio, famiglie).

Tutoraggio ed inserimento socio-lavorativo: Synergie Italia- Agenzia di Pescara, Ente Scuola Edile di Pescara, Coldiretti Abruzzo, Sound Society

Formazione in laboratorio protetto: Fondazione Caritas onlus.

A tale attività collaborano anche l`Associazione Costruttori Edili per il tramite della Scuola edile e il consorzio ISEA.


I rapporti con le Amministrazioni referenti sono curati dall`Amministrazione Comunale di Pescara, che per gli aspetti tecnici si avvarrà del contributo della Fondazione Maria Regina. L`Amministrazione cura i rapporti con la Regione Abruzzo, con l`ISFOL e il Ministero del lavoro per conto della PS sia attraverso lo staff dirigenziale sia attraverso lo staff di progetto.I contributi finanziari vengono gestiti dal soggetto percettore del finanziamento, avvalendosi per gli aspetti tecnico-amministrativi (criteri di contabilizzazione dei partners, certificazione e rendicontazione intermedia e finale, documentazione giustificativa secondo le norme UE, modulistica per la gestione interna ed esterna) dello staff della Fondazione Maria Regina. Il Comune di Pescara attiva uno specifico capitolo di bilancio e implementa una gestione contabile separata del progetto.

Con ciascun partner firmatario dell`Accordo di cooperazione, al momento dell`ammissione all`azione 2 e secondo il calendario stabilito, verrà stipulata apposita convenzione sulle attività da svolgere e sulle modalità di erogazione del contributo assegnato nell`Accordo.

L`Amministrazione comunale di Pescara è una P.A. con esperienza nel settore della progettazione europea (ex. progetto URBAN II) ed amministra un bilancio pubblico annuale di oltre 100 milioni di euro. Le spese effettuate dai singoli partner dovranno essere certificate conformemente alle norme di gestione del FSE, su schemi di rendicontazione stabiliti dall`Amministrazione comunale e andranno a formare il rendiconto generale di progetto.Nell`Accordo di cooperazione tutti i partner firmatari hanno accettato con formale impegno che i risultati delle attività di STREETS siano diffusi, pubblicizzati e resi di dominio pubblico. L`Amministrazione comunale di Pescara conferma che, laddove non vi siano contenuti dati coperti da privacy, tutti i prodotti sono di dominio pubblico e verranno messi a disposizione dell`Amministrazione referente.

L`Amministrazione comunale di Pescara ha promosso un modello di partenariato allargato sia per la PS nazionale, composta da 20 enti firmatari, sia per la partnership transnazionale, composta da una PS spagnola e da una PS portoghese. La volontà dell`Amministrazione è dunque quella, dimostrata anche nei fatti e nei modelli prescelti, di favorire il più elevato livello di networking con un sistema di codecisione democratico ed esecutivo (tavolo di lavoro per gli aspetti di `politica` del progetto, a cui partecipano anche le più piccole organizzazioni, e task-force per gli aspetti di esecuzione progettuale).Il network interno di progetto della PS sarà esteso ad un network esterno con la collaborazione delle AUSL di Teramo e Pescara, dei Centri per l`impiego provinciali, delle associazioni di volontariato, con i quali si sono svolti incontri di progettazione e di integrazione nel corso dell`Azione 1.

Per assicurare la partecipazione piena, il networking e la diffusione, nonché la gestione amministrativa efficiente, la PS STREETS implementa ed utilizza i seguenti strumenti:
- Tavolo di lavoro aperto, comprendente un rappresentante per ciascun partner (già attivato durante l`Azione 1);- Gruppi di lavoro tematici, uno per ciascun settore di azione;
- Piano di comunicazione e diffusione, che verrà elaborato all`avvio dell`Azione 2;
- Sistema informativo sulla domanda e l`offerta, inserito nell`Osservatorio STREETS, al quale inviano dati i diversi partner, sia attraverso proprie banche dati esistenti sia attraverso dati rilevati dal progetto;
- Convenzioni di gestione delle attività fra il soggetto referente e i partners e protocolli operativi di funzionamento;
- Task force amministrativa, che ha il compito di supportare l`Amministrazione comunale nella gestione amministrativa e finanziaria del progetto;
-Steering Commettee per la cooperazione transnazionale, formato da tutti i partners transnazionali..

dot Top


Empowerment

 With beneficiaries

Text available in

La progettazione partecipata nel Sistema STREETS è una componente strategica, in quanto la community care sociale e lavorativa che esso intende implementare richiede un alto livello di coinvolgimento della comunità e dei beneficiari primari.

Gli strumenti attivati, dal Programma individuale di inserimento al Contratto di inserimento, prevedono una significativa attività di consultazione sia dei beneficiari che delle loro famiglie, in quanto nascono da un`analisi condivisa delle cause emarginanti che devono essere superate con il contributo attivo di tutti (delle famiglie di origine da un lato, della comunità e dell`associazionismo sociale locale dall`altro). Il progetto personale deve scaturire da questa larga collaborazione in rete e ricevere il consenso pieno del beneficiario.

dot Top


Empowerment

 Between national partners

Text available in

I modelli organizzativi previsti nell`Accordo di cooperazione prevedono il coinvolgimento alla pari di tutti i partners a seconda delle competenze ed esperienze.

Uno strumento di garanzia di partecipazione sarà costituito dal coinvolgimento attivo negli organi operativi del progetto di rappresentanti interni, esterni o delegati per il lavoro e l`attività di consulenza, con l`obiettivo non solo di usufruire delle competenze e risorse umane dei partners, ma di consolidare la costruzione della rete degli enti attraverso la propedeutica rete degli operatori, che avviano fin dalla progettazione un modello sperimentale di relazione inter-istituzionale nel Sistema di lavoro.

Gli strumenti partecipativi di STREETS sono stati ulteriormente definiti ed individuati durante l`Azione 1 e nell`Accordo di cooperazione. Si riepilogano i principali:
-Tavolo di lavoro aperto, comprendente un rappresentante per ciascun partner;
-Gruppi di lavoro tematici, uno per ciascun settore di azione;
- Task force amministrativa, che ha il compito di supportare l`Amministrazione comunale nella gestione amministrativa e finanziaria del progetto;
-Steering Commettee per la cooperazione transnazionale, formato da tutti i partners transnazionali..

dot Top



Logo EQUAL

Home page
DP Search
TCA Search
Help
Set Language Order
Statistics