IMPORTANT LEGAL NOTICE
 

 GOAL -UNA RETE PER L`INTEGRAZIONE AL LAVORO- ascii version

Italy

 
DP Managing organisation : Azienda Servizi Sociali di Bolzano
Other national partners : Ceform Service scarl
Comune citta` di Bolzano
Cooperativa EUREKA arl
HANDS
Opera diocesana assistenza religiosa
Societa` San Vincenzo de Paoli Consiglio Centrale Diocesi Bolzano e Bressanone
Suedtiroler Drogenhilfe
Volontarius
EQUAL theme :Employability - (Re-)integration to the labour market 
Type of DP :Geographical - Urban area - BOLZANO-BOZEN 
DP Legal status :Association without legal form 
DP identification :IT-IT-G-BOL-003 
Application phase :Project ended 
Selection date :17-05-2002 
Last update :28-08-2002 
Monitoring: 2004  2005   

Rationale

Text available in

The problems dealt with by the partners of the geographic SP (which intend to propose, with Equal, an experimental project in an attempt to find a solution) regard identification of a population bracket in the Municipality of Bolzano that lives in a state of severe socio-occupational marginalisation (defined herein as the `homeless`), but which also includes the poor, drug addicts, alcoholics, the mentally ill, the exploited, non-EU immigrants, nomads, ex-convicts, etc. In addition to problems linked to alcoholism and drug addiction, there are often psychiatric pathologies, problems of relationality, marginalisation, inability to find or keep a steady job, homelessness. But for all these cases in which the situation cannot be given a precise definition (and the multi-problematic condition the marginalised is the most striking example of this), the service provided is limited to its economic aspect. This often serves as an excuse for the person, who is thus encouraged to remain in a welfare situation even when he/she could be returned to socio-occupational independence. It is difficult to precisely identify the principal cause of this vicious circle and its effects: the answer to only one of these problems is insufficient to guarantee the person`s recuperation and stabilisation of his/her situation in society. Therefore, for an action to be effective and long-lasting, one needs a progressive procedure that covers all problematic areas concerning the persons involved. Many such areas have been identified, and all are critical: the problem of a still scarce and fragmented knowledge of the phenomenon; that of the marginalised person`s reluctance to contact the services available in the territory; the lack of a shelter that handles not only contingent problems (meals, new clothes), but that also tries to perform a socio-relational recovery function; the health problem; that of loss of work skills and abilities; the lack of ad hoc training courses, and, not least, the problem of the lack of second level housing in Bolzano. There is very little co-ordination among single initiatives, and the relationship between public authority and service providers is much more instrumental than collaborative. It is essential to organise an institutional co-ordination for the sector based on methods recommended for other sectors burdened by problems of interconnection. Inserting marginalised persons in social co-operatives for reintegration in the workforce is now made very problematic by the fact that there is no public social service (on an institutional level) that handles marginalised persons who are not alcoholics, drug addicts, or certified as mentally ill. In the absence of a public service to direct such persons to the appropriate structures, we lack the formal prerequisites for their insertion in programs for training and reintegration in the workforce. In the majority of cases, the fundamental requisite for the service to take charge of a person in this category is a reference from a socio-health organisation: a certificate that labels the person as a drug addict, for example, rather than as a person in a condition of psychic distress. On the other hand, cases conventionally identified as belonging to the `grey zone` include persons with hard to identify distress and, most of all, those not certified by a referring authority. Such persons are not manageable by existing territorial services because they lack the necessary reference.

dot Top


Objective

Text available in

The integrated solutions that the project proposes on an experimental basis will be the result of networking among the partners and the potential present in the territory, as described below:
1. Launching of systematic territorial monitoring
This phase will identify situations of need by means of adequate tools for monitoring and evaluation, and calls for direct involvement of local health service operators as well as support by consultants in the context of social research.
2. Formulation and testing of models to make contact with service users
It is recognised that users have great difficulty taking a first spontaneous step toward institutions, either because of fear or for distrust. It is therefore necessary to organise a network that can make contact with such persons where they can most frequently be found. The purpose of this is to start by satisfying small daily needs that will then allow the operator to build more important relational ties for future work.
3. Creation of a social secretary - essential services
This service is addressed to all homeless persons, who can access it freely: it offers information on all of the city`s services for seriously marginalised persons, including social-health services and public utilities. It also offers help in handling bureaucratic procedures aimed at accessing the user`s rights as a citizen.
4. creation of an outpatients` department. to serve as a bridge between the street and institutional health services
5. creation of a laboratory and a kitchen in order to recover the working abilities.
6. Creation and launching of employment valorisation centre
The centre will listen to users, identify solutions in terms of person-based projects, orient the person, and serve as a link to employment resources in the territory. The employment valorisation centre will serve an educational purpose, promoting acquisition of the prerequisites needed for successful and long-lasting employment. Close-knit networking will be used to create global projects for social and occupational reintegration. The centre will be run by counsellors with psycho-pedagogical training, who will be responsible for conducting interviews, managing personal data, and maintaining contact with authorities and the service network.
7. Planning and management of training programs addressed to operators / volunteers
2 phases are planned: a course for operators who will work in the structures, and a series of team building seminars to create the operator network.
8. Design and management of training courses targeted to users
The courses will be flexible to allow for easy adaptation to training demands, aiming not so much to develop the sphere of knowing `how to do,` but rather of knowing `how to be.` In particular:
` enhancing individual skills;
` enhancing social skills;
` gradual entry into the workforce.
9. Progressive solution to the housing problem: II level housing possibilities
In the context of providing a series of services complementary to occupational reintegration, this project intends to face the problem of housing possibilities at high user autonomy through the purchase, restructuring, and management of an adequate structure that could also house the services described above

dot Top


Innovation


Nature of the experimental activities to be implemented Rating
Guidance, counselling ****
Training ****
Training on work place ***
Work placement ***
Employment aids (+ for self-employment) **
Employment creation and support ****
Training of teachers, trainers and staff ****
Improvement of employment services, Recruitment structures ****
Conception for training programs, certification ****
Work organisation, improvement of access to work places ***
Guidance and social services ****
Awareness raising, information, publicity ***
Studies and analysis of discrimination features ****

Type of innovation Rating
Process-oriented ****
Goal-oriented ****
Context oriented ****

Text available in

Equal is a laboratory for experimentation of innovative policies and approaches aimed at resolving problems of discrimination on the job market. The project intends to achieve innovation on three levels:
1. Process: innovative identification of target group with respect to local situation. For the first time in the Province, consideration is given to seriously marginalised persons who cannot be identified in a single category. Instead, we include all those who, regardless of their specific condition, can be identified with the requisites of having the right to a minimum welfare benefit, independent of whether such benefit is actually received or whether such persons depend on a territorial welfare authority. The project also calls for an innovative action with regard to the approach to be developed with the target group. Now that the inadequacy of the passive method (by which it was the user who went to the service) has been confirmed, we now intend to overturn the situation and make the approach active. Operators will have the responsibility for making contact with users at appropriate places and times, stimulating their awareness to lead to socio-occupational reintegration. Another innovative aspect consists of networking and of the project`s consideration of all aspects related to the person`s social insertion (home, relationships, work).
2. Objectives: with respect to the steps described at point 3.5, we intend to apply an innovative training concept modelled completely on the needs of users, referring not only to training and work (although these are the principal elements), but also including basic skills required for successful participation in daily life. Another project goals is to set up a form of continuous and in-depth monitoring (an innovative aspect compared to such actions undertaken up to now) of the phenomenon, identifying serious marginalisation as one of the areas of institutional intervention of the observatory for social policies and poverty, as clearly expressed in the 2000-2002 Social Plan of the City of Bolzano.
3. Context: in this sense, the project is innovative especially with regard to occupancy. The nature of the three partners, and their declared intention of involving the largest possible number of key players in the territory, is an absolutely new factor compared to the traditional approach applied up to now, in which each player worked to the best of its ability in a state of almost total isolation from other service providers in the territory.

dot Top


Budget Action 2

> 5 000 000 €

dot Top


Beneficiaries


Assistance to persons 
Unemployed  60.0%  20.0% 
Employed  0.0%  0.0% 
Others (without status, social beneficiaries...)  15.0%  5.0% 
  100.0% 
 
Migrants, ethnic minorities, …  19.0%  6.0% 
Asylum seekers  0.0%  0.0% 
Population not migrant and not asylum seeker  56.0%  19.0% 
  100.0%
 
Physical Impairment  0.0%  0.0% 
Mental Impairment  40.0%  30.0% 
Mental Illness  0.0%  0.0% 
Population not suffering from a disability  20.0%  10.0% 
  100.0% 
 
Substance abusers 5.0%  2.0% 
Homeless  14.0%  4.0% 
(Ex-)prisoners  0.0%  0.0% 
Other discriminated (religion, sexual orientation)  0.0%  0.0% 
Without such specific discriminations  56.0%  19.0% 
  100.0% 
 
< 25 year  10.0%  10.0% 
25 - 50 year  40.0%  10.0% 
> 50 year  25.0%  5.0% 
   100.0% 

Assistance to structures and systems and accompanying measures Rating
Support to entrepreneurship ***
Discrimination and inequality in employment ****
Disabilities ***
Other discriminations ****
Low qualification ****
Racial discrimination **
Unemployment ****

dot Top


Empowerment

 

 With beneficiaries

Participation
Promoting individual empowerment
Developing collective responsibility and capacity for action
Participation in the project design
Participation in running and evaluating activities
Changing attitudes and behavior of key actors

Text available in

We believe that the active involvement of the project beneficiaries (in our case, the bracket of the population that lives with the support of a minimum welfare benefit in a condition of serious socio-occupational marginalisation, succinctly identified by the term `homeless`) can help us guarantee the consistency and success of project activities. With due consideration of the typology of the target group, we know that the training-educational phase constitutes one of the indispensable requisites for successful reintegration in the workforce. But for persons with this type of problem, the training function must necessarily be accompanied by strong motivational involvement, not only with regard to work potentials, but also (and above all) with regard to everything that concerns the re-appropriation of duties, experiences and skills leading to a form of personal and social autonomy. This is why management of daily activities in the daytime shelter will require heavy involvement of beneficiaries, accompanied and assisted at all times by an operator. We are also fully convinced that having the program beneficiaries participate in management of the centre that receives them (in addition to serving a training/educational function) will generate beneficial effects with regard to development of self-esteem, autonomy and dignity, all elements that have a positive effect on relations with the work environment. For this purpose, we believe that the principal aspect of involvement of beneficiaries is monitoring of the `homeless` phenomenon. Individuals who have lived by their wits for years have a knowledge of the territory much different from the rest of the population, and can provide much more useful information on unexpressed needs and necessities than can any sociological study. This is why we hope to see active collaboration by beneficiaries during direct interaction, and why actions will be modified and adapted based on the results of this collaboration.

 

 Between national partners

Text available in

The fundamental supposition on which the partnership is based is the absolute and across-the-board involvement of partners in reaching and implementing decisions, with deep respect for the principle of an active partnership in which all members have equal access to the decision-making process. The first step needed to guarantee active participation is to waive formation of a scientific verification and co-ordination committee. Such committee will be replaced by a co-ordinating roundtable that will meet monthly to monitor the progress of actions and, if necessary, to correct them and discuss them from time to time, involving all public/private bodies able to make a concrete contribution to management problems. All partners on the committee will have the same decision-making power, and discussion will be open, democratic and based on maximum collaboration. Relations among partners will be governed by precise agreements on co-operation, drawn up after approval of the project in order to govern individual commitments and roles based on project goals and expected results. The partners will at times be assisted by local and extra-regional consultants able to make a significant contribution to the decision-making process on specific, particularly complex matters that the project partners are called upon to discuss.

dot Top


Transnationality

 

 Linguistic skills

  • Deutsch
  • English
  • français
  • italiano

 Percentage of the budget for transnational activities

  • 9.5%

 Transnational Co-operation Partnerships

Transnational Co-operation Agreement DPs involved
992 SEEN Strenght in Equality European Network IE 9
IT IT-G-LOM-015
IT IT-G-UMB-001
SE 38
UKni 6

dot Top


Background

 

 Involvment in previous EU programmes

  • One partner involved in A&E

dot Top


National Partners


Partner To be contacted for
Azienda Servizi Sociali di Bolzano Co-ordination of experimental activities
Design of the project
DP managing organisation
Evaluation
Monitoring, data collection
Transnational partnership
Ceform Service scarl
Comune citta` di Bolzano
Cooperativa EUREKA arl
HANDS
Opera diocesana assistenza religiosa
Societa` San Vincenzo de Paoli Consiglio Centrale Diocesi Bolzano e Bressanone
Suedtiroler Drogenhilfe
Volontarius

dot Top


Agreement Summary

Text available in

a) the underwriters identify in the Azienda Servizi Sociali di Bolzano (ASSB) the referent of the Equal project which holds the responsibility and the management of the partnership. The ASSB will represent the partnership towards the Ministery of Welfare and the Autonomous Province of Bolzano as exclusive interlocutor.
The authorized subsidy for the development of the Equal project called Goal will be received only by the ASSB which will avail itself of specific staff with the continuous support of Ceform Service scarl, its partner for the assistance during the planning, organizational, management and administrative stages.

b) The responsibility is shared between the underwriters as follows:
- Stage 1. territory monitoring (2.400 hours starting from June 2002 for 6 months at the outside): the ASSB will take the responsibility of the coordination - management (1.000 hours) in teamwork with Città di Bolzano (200 hours), ODAR (200 hours), S. Vincenzo (200 hours), Volontarius (200 hours), Hands (200 hours), Drogenhilfe (200 hours), Eureka (200 hours).

- Stage 2. sample forms to establish a contact with the end user (250 hours starting from January 2003 for 6 months at the outside): the ASSB will take the coordinating responsibility. The final result will be taken to the discussion of the general coordination group. The budged of stage 2, including of the costs of internal staff mounts to € 7.132,10.

- Stage 3: daytime reception centre (13.955 hours starting from June 2003 for 18 months at the outside): ODAR will take the coordinating responsibility (with three full-time employees and two substitutes for 13.155 hours).
- Stage 4. medical surgery.

- Stage 5. laboratory for the rehabilitation of the manual ability (3.015 hours starting from June 2003 for 18 months at the outside): Eureka will take the coordinating responsibility (with one full-time employee and a substitute). The laboratory will be monitoring and observing the residual working and social capabilities of the end users.

- Stage 6. Job centre (6.630 hours from June 2002 for 18 months at the outside). ASSB will take the coordination responsibility (with two full-time and five part-time emploees) with the cooperation of Eureka (which will have a psychologist available for 180 hours). The aim of this service is to help social - weak people to gain or regain the needed working abilities.

- Stage 7. staff training (1.240 hours from November 2002): Ceform Service will take the coordinating responsibility of the management (with four part-time employees). On this purpose a vocational training class for the services of the different stages of the project will be organised

- Stage 8. trainee`s training (1.820 hours from October 2003): Ceform Service will take the coordinating responsibility (with four part-time employees). On recommendation of the Job Centre, training courses for its users will be organised.

- Stage 9. second level accommodation (15.768 hours from June 2003 for 18 months at the outside). The S. Vincenzo Association will take the coordinating responsibility (four full-time employees, one part-time and one substitute). The S. Vincenzo Association will work in team with Eureka and Hands in order to make the most of the common experiences.

c) the underwriters undertake to furnish the administrative account following the instruction of the Ministry of Welfare and of the European Social Fund.

d) In agreement with Ceform Service, the Azienda Servizi Sociali di Bolzano will manage the financial contribution for the project in order to allow the payment of the invoiced and actually performed services according to the progress of the different stages of the project itself. With the support of Ceform, the Azienda Servizi Sociali di Bolzano will elaborate a specific statement of accounts -system with the following characteristics:
- different costs-competence
- possibility of twofold check of the accounting
- authorization request.
Therefore the ASSB undertakes to establish a special internal book-keeping and managerial check-procedure.
i) for the technical-consulting project assistance, Ceform Service will be put at disposal the work - experience gained managing organizational and financial matters of similar complex projects.
ii) The underwriters accept that the results of the network are published.
iii) The underwriter accept to involve the partners during the whole project by means of the following committees and coordination tables:
Limited Technical Committee with steering and support function.
General Coordinating tables with coordination function in order to provide for a coherent accomplishing of the different project - stages. These meeting will be keen on the involvement of testimonials and experts from outside the project activities.
iv) The underwriters declare themselves ready to work in cooperation with a transnational network and to publish the final results.

Last update: 28-08-2002 dot Top


Azienda Servizi Sociali di Bolzano

(A.S.S.B.)
Via Roma 100/A
39100 Bolzano
www.aziendasociale.bz.it

Tel:0471/457700
Fax:0471/457799
Email:assb@gvcc.net

 
Responsibility in the DP: Co-ordination of experimental activities
Design of the project
DP managing organisation
Evaluation
Monitoring, data collection
Transnational partnership
Type of organisation:Public authority (national, regional, local)
Legal status:Public organisation
Size:>250
NUTS code:BOLZANO-BOZEN
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The Azienda Servizi Sociali di Bolzano, A.S.S.B., (Social Services Corporation of Bolzano) manages, either directly or by outsourcing, the social-welfare services of the City of Bolzano by means of social associations and co-operatives. The Corporation promotes maximum diffusion of information so that the public may receive service at multiple points in the territory. For such purpose, the Corporation collaborates closely with civic centres to promote and extend its activities.
The Corporation operates in the following areas:
- guarantee of minimum welfare cheque
- home care (personal care and hygiene, home meal delivery)
- day centre for the elderly
- social services (social workers for minors, adults and the elderly)
- nurseries
- family consulting services
- adolescent consulting services
- homes for the elderly and nursing home,
- trips to health resorts for the elderly
- handicaps and psychic disturbances
- social problems (structures and services for hosting of non-EU nationals, nomad camps for Sinti and Roms, drug addiction services, male and female dormitories)
- safe house.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Trentini Michela 0471/502750 michela.trentini@aziendasociale.bz.it in charge of the progect and referent of the DP

Last update: 28-08-2002 dot Top


Ceform Service scarl

(no)
Corso Italia 30
39100 Bolzano
no

Tel:0471/441830
Fax:0471/272931
Email:ceform@rolmail.net

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Education / training organisation
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:BOLZANO-BOZEN
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

CEFORM has been founded in 1988: it derives from the Cooperative Provincial Union of Bolzano in order to satisfy the training requirements of the concerns.
Up to now CEFORM has reached significant results in the following items:

` cooperative education in all the schools
` information and making aware of the topical question
` publications, researches and territory analysis
` events in order to promote youth enterprise
` company` staff retrain
` management seminars
` training for young unemployed
` training for socially weak classes (drop out; long unemployed women; non-EEC
` people; disadvantaged people)

During these last years CEFORM Service has increased its efforts in order to prevent the real needs, in terms of vocational qualification, and to expanded its training activities through all the social groups.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Putti Carmen 0471/44/18/30 europe.ceform@rolmail.net coordinator of phase 7 and 8 (staff and users` training)

Last update: 28-08-2002 dot Top


Comune citta` di Bolzano

(no)
Vicolo Gumer, 7
39100 Bolzano
www.comune.bolzano.it

Tel:0471/997440
Fax:0471/997603
Email:matteo.faifer@comune.bolzano.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Public authority (national, regional, local)
Legal status:Public organisation
Size:>250
NUTS code:BOLZANO-BOZEN
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The Municipality of Bolzano assures the organisation and offer of public services, and supply of services of public utility, in first place to resident citizens, guaranteeing enjoyment of said services to non-residents according to current law. The Municipality is responsible for all administrative functions of local importance relevant to the cultural, social, and economic development of the public. In 1999, the Municipality established the Azienda Servizi Sociali di Bolzano (Social Services Corporation of Bolzano) to manage social services. The Municipality`s political and administrative bodies have the fundamental role of defining social policy and periodically checking the achievement of goals agreed to and specified in the Corporation`s annual service contract. To define social policy goals, the city of Bolzano utilises a 3-year program based on the social plan developed by the Autonomous Province of Bolzano, with which it presents an analysis of social phenomena in the city and points out critical elements and consequent social policy action. The plan was formulated based on awareness of the needs of the city in general and of individual neighbourhoods. Implementation of the social plan continues to require involvement and mobilisation of the entire community. In this sense as well, the plan may be considered `social.` The private social sector (associations, co-operatives, volunteer organisations) have occasion to meet periodically with public services to monitor the social phenomena on which to intervene, to develop shared work strategies, and to implement measures called for in the plan (a dynamic tool subject to constant adaptation to changing social phenomena).



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Faifer Matteo 0471/997440 matteo.faifer@comune.bolzano.it link between the coordination table and the local political authority

Last update: 28-08-2002 dot Top


Cooperativa EUREKA arl

(no)
Via Visitazione 42
39100 Bolzano
no

Tel:0471/203111
Fax:0471/201585
Email:eureka.coop@libero.it.

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Social economy enterprise
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:BOLZANO-BOZEN
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The Social Cooperative `Eureka` supplies mainly job. Such job is determined from contracts with Industries of the Southtyrol, which require the work to be done on time, with precision and quality, like any other commercial partner. Such signs of appreciation, let understand that the industries do not manifest prejudicial attitudes towards structures like our, however only the standards of efficiency and effectiveness let us consolidates our commercial relationship. The Cooperative, offers to its employers (ex convicts, toxic-alcohol and drug addicts) an individual plan of insertion to the job market. The Cooperative offers job opportunities to problematic persons with psychiatric, physical pathologies, or problems of social and/or racial integration, provided that there is a concrete motivation to the personal development, social integration and t the will of redeem in social and working life.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Bertolami Stefania 0471/203111 E-mail: eureka.coop@libero.it. coordinator phase 5 (recovery laboratory)

Last update: 28-08-2002 dot Top


HANDS

(HANDS)
Via Mendola 11
39100 Bolzano
no

Tel:0471/270924
Fax:0471/407560
Email:hands@katamail.com

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Other
Legal status:Private
Size:Staff 10-50
NUTS code:BOLZANO-BOZEN
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Attendance, cure, rehabilitation and social-working reintegration associate - working of persons with problematic caused from dependency from alcoholic and/or pharmacological substances.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Culpo Rodolfo 0471/978137 diblab@virgilio.it participation to the tables of general coordination

Last update: 28-08-2002 dot Top


Opera diocesana assistenza religiosa

(O.D.A.R.)
Via Renon 1
39100 Bolzano
no

Tel:0471/976425
Fax:0471/972351
Email:odarbz@tin.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Other
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:BOLZANO-BOZEN
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

O.D.A.R. is a foundation of religion (DPR. N.1160/59) that is founded in order to help the local population. It has taken care in particular way of needy young persons and, activating vocational plans for social and professional rehabilitation of young people. Through its structures it has allowed to several catholic associations engaged in the social one to begin their activity. Its activity is carried out in tightened contact with the Office Diocesan Caritas and with this it means to promote the sensibility and the attention towards weak people and persons in difficulty. It has activated in these years several services for Italian and foreign citizens. It collaborates with the local voluntary service and has promoted with it the Catering of the Community that supplies meals for immigrants and refugees. Moreover it collaborates with the Coordination of the local Voluntary service and with Caritas it promotes activities of training for the voluntary service. It supports in varied way associations of voluntary service that promote social activities and stimulates them in order to face the emergent needs



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Zenari Luigi 0471/976425 cda.bmn@caritasodar.it coordinator of the activities of social secretariat and diurnal center

Last update: 28-08-2002 dot Top


Societa` San Vincenzo de Paoli Consiglio Centrale Diocesi Bolzano e Bressanone

(no)
Via Alto Adige 28
39100 Bolzano
no

Tel:0471/978137
Fax:0471/978137
Email:archben@tin.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Other
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:BOLZANO-BOZEN
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The Society Saint Vincenzo de Paoli is a laic organisation founded to Paris in 1833. It has been delivered up in Italy in 1842, does not belong to any political party and is a no profit organisation. The Society is articulated in a local, regional and national level and its primary purpose is the promotion of the human being in its dignity through the removal of the need situations towards an increasing social justice. Who participates to the activities of the Saint Vincenzo sharing its ways and purposes gathers in groups traditionally called Conferences. Through the existing Conferences in various parishes of our city, the Saint Vincenzo operates in aid of the poor and the neglected ones. Moreover, the Saint Vincenzo staff is ready to listen in order to estimate the problems of the hosts, to study with them the possible solution and to characterize the channels through which such solution can be reached.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Benussi Giovanni 0471/978137 arcben@tin.it coordinator of phase 9 (resolution lodging problems)

Last update: 28-08-2002 dot Top


Suedtiroler Drogenhilfe

(no)
Via Garibaldi 4/a
39100 Bolzano
no

Tel:0471/324536
Fax:0471/302259
Email:drogenhilfe@dnet.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Social economy enterprise
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:BOLZANO-BOZEN
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The Suedtiroler Drogenhilfe is a service of acceptance for illegal drug-addicts and operates following the strategy of the so called `Cutback of the damage`. To participate to its programmes it is not indispensable to be already abstinent (clean). The Suedtiroler Drogenhilfe is articulated in two fields.
1- aid to the survival:
- a communication and encounter point
- warm meals
- service of exchange of syringes and other sterile material
- preservatives
- showers
- possibility to wash the linen
- basic medications
- information about HIV/AIDS
2 service of advising and attendance
- support to the job and house search
- legal advising
- support in case of serious difficulty of life
- advising on the conflicts of the pregnancy
- information on the various substances
- safer use & safer sex



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Mairl Meinrat 348/6912077 0471/324552 m.mairl@virgilio.it participation to the tables of coordination

Last update: 28-08-2002 dot Top


Volontarius

(no)
Via Roma 83/A
39100 Bolzano
no

Tel:0471/402338
Fax:0471/402338
Email:clauderotelli@hotmail.com

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Other
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:BOLZANO-BOZEN
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The association Volontarius operates in the field of the solidarity to guarantee the defence of the rights and the dignity of the person, with the aim to help needy persons, supporting and/or integrating organisms in the development of their own activity of solidarity and, finally, in promoting, to form, to modernize and to support volunteers. Moreover the association therefore pursues the general welfare of the community and operates with persons in serious state of uneasiness, who, for various reasons, have to face in solitude the many problems of everyday life: lodging and job, alcoholism, psychical uneasiness, drug addiction, physical disability, former detainment, etc.
Volontarius means therefore to promote in the neglected persons a greater autonomy and also means to introduce them to the Public agencies and private organisations for social policy which can effectively answer to their needs. At present more than 70 local and international volunteers, 2
objectors and 6 collaborators are working with adults, under-age and families for their social rehabilitation.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Rotelli Claude 0471/402338 clauderotelli@hotmail.com coordinator of phase 4 (outpatients` department)

Last update: 28-08-2002 dot Top



 
 
 
 

 
 
 
 

 
 
 
 
Warning! This section is not meant to be read directly, but rather be navigated through from the main page above.
 
 
 
 

GOAL -UNA RETE PER L`INTEGRAZIONE AL LAVORO-

Rationale

Text available in

La problematica trattata dai partner della PS geografica, che intendono proporre con Equal un progetto sperimentale nel tentativo di trovare una soluzione, riguarda l`individuazione di una fascia di popolazione, presente nel Comune di Bolzano, che vive in uno stato di grave emarginazione socio-lavorativa, qui identificata sinteticamente con la definizione `senza dimora`, ma che ricomprende anche persone in stato di povertà, tossico e alcoldipendenti, malati psichici, persone in stato di sfruttamento, immigrati extracomunitari, nomadi, ex carcerati ecc. A disagi legati ad alcool e tossicodipendenze, si aggiungono spesso patologie di tipo psichiatrico, problemi di relazionalità, emarginazione, incapacità di trovare o mantenere un posto di lavoro fisso, mancanza di dimora. Ma per tutti quei casi in cui non è possibile individuare una precisa caratterizzazione del disagio (e la multiproblematicità dell`emarginato grave ne è l`esempio più eclatante) l`assistenza fornita si limita a quella economica che spesso costituisce un alibi per la persona che viene così incentivata a restare in una situazione di assistenzialismo anche quando potrebbe essere recuperata ad un`autonomia socio-lavorativa. È difficile individuare con precisione la causa scatenante del circolo vizioso e quali siano gli effetti, la soluzione ad uno solo di questi problemi non è sufficiente a garantire il recupero della persona e la stabilizzazione della sua situazione in seno alla società civile. Per tentare un intervento incisivo e durevole bisogna quindi progettare un percorso progressivo, che abbracci tutte le aree problematiche che ruotano attorno a questa utenza. Le aree problematiche individuate sono molte e, tutte imprescindibili una dall`altra: il problema di una conoscenza ancora scarsa e frammentaria del fenomeno, quello di una certa riluttanza dell`emarginato a rivolgersi ai servizi presenti sul territorio, la mancanza di un centro di accoglienza che si occupi non solo di problemi contingenti (un pasto, un cambio d`abiti) ma che cerchi anche di svolgere una funzione di recupero socio-relazionale, il problema sanitario, quello della perdita di competenze e manualità lavorative, la mancanza di corsi di formazione strutturati ad hoc e non ultimo il problema dell`assenza, a Bolzano, di alloggi di secondo livello. Il coordinamento tra le singole iniziative è molto basso e il rapporto tra ente pubblico ed enti erogatori è di tipo strumentale molto più che collaborativo. È cruciale organizzare un coordinamento istituzionale del settore seguendo le modalità raccomandate per gli altri settori di intervento gravati da problemi di raccordo tra i singoli soggetti agenti. L`inserimento di soggetti in stato di emarginazione in cooperative sociali di inserimento lavorativo è reso attualmente molto problematico dal fatto che non esiste un servizio sociale pubblico che si occupa con mandato istituzionale di soggetti emarginati che non siano alcolisti, tossicodipendenti o malati psichici dichiarati. In assenza di un servizio pubblico che può procedere agli invii degli utenti all`interno delle strutture, vengono quindi a mancare i prerequisiti formali per l`inserimento dei soggetti in progetti di formazione e reinserimento al lavoro. Nella maggior parte dei casi, infatti, il requisito fondamentale per la presa in carico di un utente da parte del servizio è la presenza di un ente socio-sanitario inviante, di una certificazione che etichetti la persona, ad esempio come tossicodipendente piuttosto che come soggetto in stato di disagio psichico. I casi invece definiti convenzionalmente appartenenti alla `fascia grigia` comprendono soggetti con disagi non ben identificabili e, soprattutto, non certificati da un ente inviante, quindi non gestibili dai servizi territoriali preposti in quanto carenti del prerequisito dell`invio.

dot Top


Objective

Text available in

Le soluzioni integrate che, in via sperimentale, il progetto si prefigge di proporre, saranno frutto di un lavoro di rete tra i partner e il potenziale presente sul territorio. Si ricorda inoltre che le strategie che i partner intendono mettere in atto, per tentare di dare una risposta alle problematiche espresse al punto 3.4, sono necessariamente coerenti con gli obiettivi prefissati, motivo per cui, per chiarezza, verranno di seguito esposte rispettando la successione già adottata nell`esposizione degli obiettivi.
1. Avvio di un monitoraggio sistematico del territorio`presupposto fondamentale per riuscire ad ipotizzare o progettare un intervento è la conoscenza dell`effettiva situazione dell`emarginazione grave sul territorio, situazione che è auspicabile venga tenuta costantemente monitorata. Il monitoraggio sulla città di bolzano, strutturato per quartieri, avverrà avvalendosi delle risorse presenti sul territorio impegnate nella prevenzione e nel contrasto del disagio grave. Tale fase ha quale obiettivo l`individuazione delle situazioni dei bisogno, attraverso strumenti di lettura e di valutazione adeguati e prevede sia il coinvolgimento diretto degli operatori dei distretto socio-sanitari che il supporto di consulenti nell`ambito della ricerca sociale.
2. Ideazione e sperimentazione di modelli per stabilire il contatto con l`utente`e` noto che in fase iniziale è molto difficile che i destinatari dell`intervento muovano spontaneamente il primo passo verso le istituzioni, per timore o forse per sfiducia. Si rende quindi necessario organizzare una rete capace di contattarli proprio lì, dove è più frequente incontrarli. I luoghi canonici sono, ovviamente, la strada e il reparto di pronto soccorso dell`ospedale dove le persone in stato di disagio vengono spesso ricoverate per evidenti motivi. Tali interventi hanno la funzione di fungere da ponte tra i servizi dislocati sul territorio e i soggetti che vivono in stato di bisogno. Lo scopo è quello di iniziare soddisfacendo i piccoli bisogni quotidiani per riuscire in tal modo ad instaurare legami relazionali significativi che permettano futuri percorsi operativi. Questa fase prevede il coinvolgimento di una figura nel ruolo di coordinatore della sperimentazione con la precedente fase di monitoraggio.
3. Istituzione di un segretariato sociale e di servizi di bassa soglia a totale supporto dei servizi summenzionati e nell`ottica generale di favorire l`inserimento lavorativo di persone in stato di emarginazione grave, si è pensato all`istituzione di una struttura comprendente una serie di servizi qui specificati. il centro verrà inoltre corredato dai seguenti servizi: teestube, uno spazio di ristoro e socializzazione, lavanderia/stireria, laboratorio e cucina per il recupero manualità lavorativa, docce e deposito bagagli.`nel suo primo anno e mezzo di sperimentazione, il centro avrà come orario d`apertura dalle 9,00 alle 14,00 in modo da favorire l`accoglienza delle persone provenienti dal dormitorio e di altre persone per dare loro una prima colazione e un pasto di mezzogiorno. Negli orari di apertura del centro funzioneranno tutti i servizi connessi, come l`ambulatorio, il segretariato sociale, le docce, il deposito bagagli, la lavanderia/stireria. Quest`ultimo servizio, unitamente al servizio pasti sarà gestito in collaborazione con gli utenti stessi che potranno sperimentare il recupero delle attività di cura di base. Inoltre la costituzione di un laboratorio sarà funzionale e complementare all`inserimento lavorativo del centro di valorizzazione all`impiego. Servirà per il recupero della manualità e quale osservatorio per quelle persone non impiegabili direttamente.
4. un ambulatorio infermieristico che ha l`obiettivo di porsi come ponte tra la strada e i servizi sanitari istituzionali. Permette di garantire la prevenzione, la cura e il monitoraggio della salute delle persone emarginate, favorendo e incentivando il rapporto con i medici curanti e facilitando l`accesso ai servizi socio-sanitari di base.`
5. istituzione e avvio di un laboratorio e cucina per il recupero della manualità lavorativa.
6. Istituzione e avvio di un centro di valorizzazione per l`impiego`che svolga un ruolo di ascoltatore dell`utente, di individuatore di risposte intese in termini di progetto sulla persona, di indirizzo della persona e che funga da elemento di raccordo con le risorse presenti sul territorio in campo lavorativo. Creazione di `percorsi standard` per tipologia di utente, predisposizione di strumenti valutativi delle abilità prerequisite all`inserimento lavorativo. Il centro di valorizzazione per l`impiego intende assumere una caratterizzazione educativa con l`obiettivo di favorire l`acquisizione dei pre-requisiti necessari per un positivo e duraturo inserimento lavorativo. Oltre al bilancio delle competenze e all`analisi dei proprio punti di forza e di debolezza, il soggetto viene aiutato a ripercorrere la biografia lavorativa ed a ricomporre un proprio progetto di vita. In una prima fase il metodo di lavoro è caratterizzato da un clima di accoglienza e di ascolto, in modo da garantire la graduale acquisizione di empatia e fiducia reciproca; in una seconda fase si procede con la costruzione di un percorso che vede il coinvolgimento diretto della persona nella valorizzazione delle proprie risorse e nell`attivazione della propria autonomia. Se nelle differenti fasi emergessero problematiche sociali e psicologiche esse verranno puntualmente segnalate, in stretta collaborazione con gli enti competenti. Solo un serrato lavoro di rete permetterà di mettere a punto progetti globali di re-inserimento sociale e lavorativo.`il centro di valorizzazione per l`impiego sarà gestito da educatori con formazione psico-pedagogica, mansioni relative allo svolgimento dei colloqui, alla gestione delle schede personali, al contatto con le aziende e con la rete di servizi (ufficio del lavoro, asl, assb, ecc.) gli educatori saranno inoltre coinvolti nei corsi di formazione rivolti agli utenti, a loro sarà affiancato un supervisore che, attraverso incontri periodici verificherà le situazioni in corso e fornirà loro supporto tecnico-motivazionale.
7. Progettazione e gestione di programmi formativi rivolto agli operatori / volontari`sono previsti 2 momenti formativi: un corso per gli operatori che saranno impegnati nelle strutture (50 ore d`aula, 100 ore stage in italia e 32 ore stage estero) e una serie di seminari di team building per la creazione della rete fra operatori e servizi territoriali.
8. Progettazione e gestione di percorsi formativi mirati rivolti agli utenti`i corsi saranno costruiti su una traccia flessibile per potersi facilmente adattare alle esigenze formative degli utenti e da poter subire modifiche in itinere senza perdere di vista gli obiettivi formativi che fanno riferimento ai tre livelli di cui sotto e con l`intento di non andare tanto a sviluppare la sfera del saper fare, quanto invece quella del saper essere:`- valorizzazione delle capacità individuali: rafforzamento della personalità, dell`autostima, autoaccettazione, tutela della salute, gestione dei problemi;`- valorizzazione delle capacità sociali: comunicazione, acquisizione di responsabilità, rispetto delle regole, acquisizioni di ruoli adulti e consapevoli, gestione del tempo e del denaro;`- inserimento graduale nel mondo del lavoro (formula dei tirocini formativi e lavorativi - l. 196/97) progettati con il tutor aziendale e verificati durante tutto il percorso. `riteniamo facente parte dell`aspetto innovativo della formazione il fatto che essa non dovrà mai rappresentare un momento a sé, ma andrà a fare integralmente parte dell`attività del centro. Orientamento, formazione in aula e formazione in situazione saranno tre moduli di uno stesso progetto formativo, individualizzato e flessibile.`l`intervento formativo `standard` riguarderà momenti di formazione d`aula, di consulenze individualizzate e di stage finalizzate all`inserimento lavorativo. Fondamentale importanza avrà il riconoscimento della borsa di studio ai corsisti disoccupati.
9. Soluzione progressiva del problema alloggiativo: opportunità alloggiative di ii livello`nell`ottica di fornire una serie di servizi complementari all`inserimento lavorativo, di cui si spiegava sopra, con il presente progetto si intende affrontare il problema delle opportunità alloggiative ad alta autonomia dell`utente mediante l`acquisto, la ristrutturazione e la delega in gestione di una struttura adeguata che potrebbe ospitare anche i servizi di cui sopra e per cui è previsto l`impiego di un team composto da educatori, assistenti sociali, o.s.a. (operatore socio-assistenziale), infermieri e di un coordinatore dell`intera struttura.`

dot Top


Innovation

Text available in

Equal rappresenta un laboratorio per la sperimentazione di politiche e approcci innovativi finalizzati a risolvere problemi di discriminazione sul mercato del lavoro. Il presente progetto intende realizzare il carattere di innovazione su tre livelli, rispettivamente:
1. al processo: è innovativo, rispetto alla realtà locale, l`individuazione del gruppo bersaglio. Per la prima volta sul territorio provinciale si è voluto prendere in considerazione quella fascia di persone appartenenti all`emarginazione grave che supera l`identificazione con una singola tipologia ricomprendendo, invece, tutti coloro che, a prescindere dallo specifico disagio di cui soffrono, possono essere identificati con i requisiti di aventi diritto al reddito minimo di inserimento, indipendentemente dal fatto che il sussidio venga effettivamente percepito che tali persone siano in carico o meno a qualche ente inviante sul territorio. Il progetto prevede un`azione innovativa anche per quanto concerne l`approccio che si intende sviluppare con il gruppo bersaglio. Stabilita ormai l`inadeguatezza del metodo passivo, secondo cui è l`utente a andare a consultare i servizi, si intende ora ribaltare la situazione facendo in modo che l`approccio diventi di tipo attivo, per cui gli operatori assumeranno il compito di prendere contatto con l`utenza nei luoghi e nei tempi consoni agendo da stimolo per una presa di coscienza e per un conseguente riscatto socio - lavorativo. Altro aspetto innovativo rispetto al processo consiste nel lavoro di rete e nella contemplazione, da parte del progetto, di tutti gli aspetti inerenti l`inserimento sociale della persona (casa, relazioni, lavoro).
2. Agli obiettivi: rispetto agli step indicati al punto 3.5, si intende impostare un concetto innovativo di formazione, completamente plasmata sulle esigenze dell`utenza e non solo in riferimento alla formazione al e sul lavoro, sebbene preponderante, ma comprensiva anche di quelle competenze fondamentali per un corretto inserimento nella vita quotidiana. Altro obiettivo del progetto è quello di istituire una forma di monitoraggio continuativo e approfondito (e qui emerge l`innovatività rispetto alle azioni in tal senso finora intraprese) del fenomeno individuando nell`emarginazione grave una delle aree di intervento istituzionale dell`osservatorio per le politiche sociali e del disagio, come chiaramente espresso nel piano Sociale 2000 - 02 della città di Bolzano.
3. Al contesto: in questo senso il presente progetto esplica il suo grado di innovatività soprattutto per quanto concerne l`occupabilità. La natura stessa dei tre partner e la loro intenzione dichiarata di voler coinvolgere fattivamente il maggior numero possibile di attori chiave presenti sul territorio rappresenta una novità estrema rispetto all`approccio tradizionale finora applicato per cui ciascun organismo operava al meglio nel proprio ambito in uno stato di isolazionismo pressoché totale rispetto alle altre realtà di servizio territoriali.

dot Top


Agreement Summary

Text available in

a) I sottoscrittori individuano nell`Azienda Servizi Sociali di Bolzano il soggetto referente, con responsabilità di indirizzo e di gestione della partnership.
Spetta all`Azienda la rappresentanza della partnership nei confronti del Min.Lavoro e della Prov.Aut. di Bolzano-Servizio FSE, quale unico loro interlocutore.
L`Azienda è l`unico percettore del contributo autorizzato per lo sviluppo del progetto Equal GOAL. A tale scopo l`Azienda si avvarrà di personale dedicato per tutta la durata, con il costante supporto di Ceform Service scarl, suo partner per l`assistenza tecnico-consultiva in fase progettuale, organizzativa, gestionale e amministrativa per raggiungere gli obiettivi progettuali nell`osservanza delle disposizioni normative e delle necessità organizzative di Equal.
b) La responsabilità nell`esecuzione materiale del programma di lavoro è suddivisa fra i sottoscrittori come segue:
Fase 1. Monitoraggio del territorio: è previsto un impegno stimato in n. 2.400 ore a partire da giugno 2002 e per un periodo massimo di 6 mesi. La responsabilità nel coordinamento della gestione delle attività previste spetterà all`Azienda (1.000 ore) in collaborazione con la Città di Bolzano (200 ore), ODAR (200 ore), S. Vincenzo (200 ore), Volontarius (200 ore), Hands (200 ore), Drogenhilfe (200 ore), Eureka (200 ore).
Fase 2. Modelli per stabilire il contatto: è previsto un impegno stimato in n. 250 ore a partire da gennaio 2003 e per un periodo massimo di 6 mesi. La responsabilità nel coordinamento della gestione delle attività previste spetterà all`Azienda. Il prodotto finale sarà portato alla discussione dei TCG, sede di discussione e indirizzo di ogni attività, e servirà come base per la programmazione delle fasi successive. Il budget della fase 2, comprensivo del costo del personale interno è pari a € 7.132,10.
Fase 3. Centro diurno: è previsto un impegno stimato in complessive n. 13.955 ore a partire da giugno 2003 e per un periodo massimo di 18 mesi. La responsabilità nel coordinamento della gestione delle attività spetterà a ODAR con un impegno di 3 operatori a tempo pieno e 2 in sostituzione per una stima di 13.155 ore.
Fase 4. Ambulatorio: è previsto un impegno stimato in n. 4.410 ore a partire da giugno 2003 e per un periodo massimo di 18 mesi. La responsabilità nel coordinamento della gestione delle attività spetterà a Volontarius (con 2 operatori sanitari e un coordinatore a tempo parziale). Si prevede la creazione di un ambulatorio infermieristico che svolge un`azione preventiva sanitaria e sia da ponte fra la `strada` e le strutture sanitarie.
Fase 5. Laboratorio di recupero manualità: è previsto un impegno stimato in n. 3.015 ore a partire da giugno 2003 e per un periodo massimo di 18 mesi. La responsabilità nel coordinamento della gestione delle attività spetterà a Eureka (con 1 operatore a tempo pieno e 1 per le sostituzioni). Il laboratorio provvederà a monitorare e osservare le capacità residue delle persone in ambito lavorativo e sociale.
Fase 6. Centro di valorizzazione all`impiego: è previsto un impegno stimato in n. 6.630 ore a partire da giugno 2003 e per un periodo massimo di 18 mesi. La responsabilità nel coordinamento della gestione delle attività spetterà all`Azienda (con 2 operatori a tempo pieno e 5 operatori a tempo parziale), in collaborazione con Eureka (con 1 psicologo per la supervisione, per 180 ore). Sarà un servizio finalizzato alla formazione al lavoro e all`integrazione di persone appartenenti alle fasce deboli.
Fase 7. Formazione operatori: è previsto un impegno stimato in n. 1.240 ore a partire da novembre 2002. La responsabilità nel coordinamento della gestione delle attività previste spetterà al Ceform (con 4 operatori a tempo parziale). Verrà attivato un percorso di formazione per operatori dei servizi attinenti alle diverse fasi del progetto, per favorire un`omogeneizzazione di conoscenza del target di riferimento e dei servizi presenti sul territorio, nonché un`unitarietà di approcci verso l`utenza.
Fase 8. Formazione utenti: è previsto un impegno stimato in n. 1.820 ore a partire da ottobre 2003. La responsabilità nel coordinamento della gestione delle attività previste spetterà al Ceform (con 4 operatori a tempo parziale). Durante questa fase verrà attivato un percorso di formazione per gli utenti segnalati dal centro di valorizzazione all`impiego.
Fase 9. Alloggi di II livello:è previsto un impegno stimato in n. 15.768 ore a partire da giugno 2003 e per un periodo massimo di 18 mesi. La responsabilità nel coordinamento della gestione delle attività previste spetterà alla S. Vincenzo (con 4 operatori a tempo pieno, 2 in sostituzione e 1 a tempo parziale con funzione di coordinamento).S. Vincenzo, nell`impostazione di detta attività, si raccorderà altresì con Eureka e Hands, al fine di valorizzare le esperienze maturate.
c) I sottoscrittori si impegnano, nello svolgimento delle attività previste dal progetto, a fornire la rendicontazione contabile-fiscale-amministrativa secondo le indicazioni fornite dal Ministero del Lavoro e dalla Prov. Aut. di Bolzano Servizio FSE, che di volta in volta l`Azienda, tramite il supporto di Ceform, richiederà ai partner sulla base delle intese preventivamente intercorse.
A tale proposito si evidenzia che l`esposizione e il rimborso dei costi sostenuti dai sottoscrittori verranno regolati secondo quanto previsto dalla vigente normativa fiscale in materia e secondo quanto disposto dalle procedure amministrative dettate dal Ministero del Lavoro e dalla Prov. Aut. di Bolzano Servizio FSE.
d) L`Azienda, in raccordo con Ceform, gestirà i contributi finanziari ricevuti dal progetto secondo modalità tali da permettere il pagamento delle prestazioni fatturate ed effettivamente svolte in base allo stato di avanzamento delle attività progettuali in maniera proporzionale all`entità dei pagamenti ottenuti. In particolare, con il supporto di Ceform, l`Azienda porrà in essere un sistema rendicontuale specifico, che presenterà le seguenti caratteristiche:
- diversa tipologia di competenza dei costi: il progetto segue un suo criterio predefinito di competenza finanziaria che non sempre coincide con il criterio di competenza economica
- coesistenza di punti di osservazione diversi: il progetto si sviluppa su una serie di azioni, attività, corsi che esigono la presenza di una procedura di monitoraggio e di rendicontazione indipendente da altre esigenze di tipo fiscale e amministrativo; queste ultime, a loro volta, hanno bisogni diversi e ulteriori di monitoraggio e rendicontazione
- autorizzazione preventiva: in alcuni casi il Min.Lavoro e/o la Prov.Aut. di Bolzano-Servizio FSE possono richiedere che il soggetto referente sia autorizzato prima del compimento di determinate scelte.
L`Azienda si obbliga pertanto a creare un`apposita procedura di controllo interno amministrativo contabile. Detta procedura verrà costituita sulla base degli stessi principi che aziende ben organizzate già utilizzano al proprio interno, ma con opportuni adattamenti, che rispondano alle caratteristiche del progetto.
i) Nell`assistenza tecnico-consultiva al progetto Equal viene utilizzata l`esperienza nella gestione amministrativa e finanziaria maturata da Ceform nella gestione di progetti complessi analoghi, quali i progetti (97-00) Horizon`Equipe`99` e il progetto Now`Melanie` con oggetto l`inserimento lavorativo di fasce deboli e di cui Ceform è stato l`ente attuatore. Nei 12 anni di sua attività, Ceform ha progettato e gestito in ogni sua fase, circa 40 interventi di F.S.E. rivolti a oltre 500 partecipanti.
ii) I sottoscrittori accettano che i risultati della attività della PS siano diffusi, pubblicizzati e resi di dominio pubblico.
iii) I sottoscrittori si accordano di coinvolgere i partner durante tutto il progetto tramite i sottoindicati Comitati e Tavoli:
COMITATO TECNICO RISTRETTO (CTR): è il luogo di promozione e regia del progetto, nonché di discussione delle tematiche/procedure di natura amministrativa e finanziaria. A esso spetta la progettazione esecutiva, la programmazione e il coordinamento generale del progetto, la funzione di segreteria e raccordo fra tutti i sottoscrittori e i consulenti esterni, l`indirizzo sulle parti comuni, la funzione di intervento, anche di natura sostitutiva, qualora sorgano problemi non altrimenti componibili.
TAVOLI DI COORDINAMENTO GENERALE (TCG): hanno la funzione di coordinare e indirizzare le azioni in modo che vengano realizzate coerentemente con il progetto nelle fasi in cui si articola il progetto. L`interlocutore dei Tavoli è in primo luogo il soggetto referente, al quale i tavoli precisano le priorità delle azioni da intraprendere, segnalano i professionisti che collaboreranno con il progetto, indicano le eventuali carenze o difficoltà che richiedono un intervento. I partner si impegnano a riferire ai tavoli di coordinamento generale ed al soggetto referente ogni informazione o problema che può influire e/o migliorare la realizzazione del progetto.
Si segnala che i Tavoli di Coordinamento Generale potranno essere `aperti` alla partecipazione di interlocutori o testimonial diversi da quelli individuati dal progetto, qualora ritenuti in grado di apportare un fattivo contributo progettuale o di idee alla realizzazione del progetto stesso, oppure anche solo al fine di favorire una diffusione diretta delle idee progettuali sviluppate nell`ambito dei Tavoli.
Oltre a detti `strumenti`, in funzione delle necessità del progetto, ci si impegna ad adottare ogni ulteriore strumento idoneo ad assicurare una efficace organizzazione della rete di partners.
iv) I sottoscrittori esprimono la volontà di operare in un contesto di cooperazione transnazionale, di networking e di diffusione dei risultati. In particolare risorse specifiche del progetto sono destinate alla realizzazione di seminari, workshop, visite guidate, e alla diffusione delle iniziative tramite idonee modalità che rendano detti prodotti di dominio pubblico.

dot Top


Empowerment

 With beneficiaries

Text available in

Riteniamo che il coinvolgimento attivo dei beneficiari del progetto (nel nostro caso quella fascia della popolazione che vive sostenuta dal reddito minimo di inserimento in uno stato di grave emarginazione socio-lavorativo, sinteticamente identificata con la definizione `senza dimora`) possa aiutarci a garantire la coerenza e la buona riuscita delle attività. Tenuta in debita considerazione la tipologia del gruppo bersaglio, sappiamo che la fase formativo - educativa costituisce uno dei requisiti indispensabili per la riuscita dell`inserimento lavorativo, ma proprio con persone con questo tipo di problematicità la funzione formativa deve essere necessariamente accompagnata da un forte coinvolgimento motivazionale, non solo per quanto concerne le potenzialità lavorative, ma anche, e soprattutto per tutto ciò che concerne il riappropriarsi di quelle mansioni, esperienze e abilità che preludono una forma di autonomia personale e sociale. Ecco perché, all`interno del centro diurno, la gestione delle attività quotidiane prevederà un forte coinvolgimento dei beneficiari sempre, si intende, accompagnati e seguiti da un operatore. Il funzionamento di una lavatrice, di un ferro da stiro, la preparazione e conservazione dei cibi, la pulizia e l`igiene degli ambienti … sono tutte attività scontate ed automatiche per chi è sempre vissuto in una casa. Non così per una persona che, per periodi di tempo più o meno lunghi, è vissuta in alloggi di fortuna o in centri assistiti dove tali mansioni erano svolte da personale di servizio senza alcun coinvolgimento degli ospiti. Siamo inoltre fortemente convinti che il far partecipare i beneficiari dell`intervento alla gestione del centro che li accoglie, oltre ad una funzione formativa / educativa, possa sortire anche effetti benefici per quanto concerne lo sviluppo del concetto di autostima, di autonomia e di dignità, tutti elementi, questi, che agiscono positivamente anche sul rapporto con la cultura del lavoro. A questo proposito crediamo che l`aspetto preponderante del coinvolgimento dei beneficiari si possa raccogliere nella fase di monitoraggio del fenomeno dei `senza dimora`. Le persone che, per anni, hanno vissuto di espedienti dispongono di una conoscenza del territorio molto diversa dal resto della popolazione e possono essere utili per fornire indicazioni sulle necessità e sui bisogni inespressi, molto più di qualunque ricerca sociologica. Ecco perché, nella fase di intervento diretto sui beneficiari, auspichiamo una attiva collaborazione degli stessi e prevediamo fin da ora di poter modificare e adattare le azioni sui risultati di questa collaborazione.

dot Top


Empowerment

 Between national partners

Text available in

Il presupposto fondamentale su cui è nata la partnership è l`assoluto e indiscriminato coinvolgimento dei suoi membri nell`adozione delle decisione e nella loro attuazione, nel profondo rispetto del principio di una partnership attiva, in cui tutti hanno paritetico accesso ai processi decisionali. La prima azione prevista per garantire la partecipazione attiva, è la rinuncia alla costituzione di un comitato scientifico di verifica e coordinamento, sostituito da un tavolo di coordinamento mensile a cui si riuniranno per monitorare il proseguimento delle azioni, se necessario per correggerle e per affrontare, di volta in volta, coinvolgendo tutti gli attori pubblici/privati in grado di apportare un fattivo contributo ai problemi gestionali. Tutti i partner riuniti al tavolo disporranno del medesimo potere decisionale ed il confronto interno sarà aperto, democratico ed improntato alla massima collaborazione. I rapporti tra i partner saranno regolati da precisi accordi di cooperazione, stilati dopo l`approvazione del progetto così da regolamentare l`impegno e il ruolo dei singoli in funzione degli obiettivi del progetto e dei risultati attesi. Ai partner si affiancheranno talora realtà e consulenti locali ed extraregionali in grado di dare un significativo contributo in ambito decisionale su aspetti particolarmente specifici e complessi su cui i partner di progetto sono chiamati a confrontarsi.

dot Top



Logo EQUAL

Home page
DP Search
TCA Search
Help
Set Language Order
Statistics