IMPORTANT LEGAL NOTICE
 

 I percorsi dell`inclusione: il reddito minimo d`inserimento ascii version

Italy

 
DP Managing organisation : ATS Atena - mandataria Amministrazione Provinciale dell`Aquila
Other national partners : AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL` AQUILA
COMUNE DELL`AQUILA
Collocamento Lavoro L`Aquila -
Ente Nazionale di Formazione e Addestramento Professionale
SVILUPPO LAVORO s.c.r.l.
EQUAL theme :Employability - (Re-)integration to the labour market 
Type of DP :Geographical - Urban area - LA SPEZIA 
DP Legal status :Non-profit making organisation 
DP identification :IT-IT-G-ABR-014 
Application phase :Project ended 
Selection date :29-05-2002 
Last update :17-05-2002 
Monitoring: 2005   

Rationale

Text available in

Globalization, deregulated till now, makes the world like a factory producing more wealth, goods, trade; but, today, middle classe is getting narrower and narrower and the poor increase.The `social European Agenda`, adopted by the European summit in Nizza in December 2000, stressed the topic of poverty. In these documents, the strategy of fight against poverty centres on the concept of `inclusion` and aims to make `inclusive` courses through which poor people can overcome their difficulties and earn their living.Social inequalities are due to objective and subjective elements (age, sex, standard of education, etc.) and territorial elements (gap between north and south, urban areas, too).There is an essential link between poverty and unemployment.In the labour market, there are specific elements of weakness: - A high lasting unemployment rate; - A high youth unemployment rate (the unemployment rate is higher among young people aged 15 to 19); - Low standard of school attendance among the employed workers, particularly among those who are over 35; - Strong differences among territories; - About 4% of the population is underemployed, part-time involuntary employed and partial unemployed; - A low activity employment and a high unemployment rate for women.The careful anlysis of these factors (see ISFOL report 2000) shows clearly that the standard of education has a great importance to tackle the problem. In the Province of L`Aquila, unemployment has been an important block for social development; in fact, the Municipality of L`Aquila was choosed for the `minimum income of inclusion` experimentation (D.M. 237/98).The resident population, in the Province of L`Aquila, is over 330.000 units and about 3% of it has an income far lower than the per capita one in the whole Province; so, the highest standard of education is directly proportional to financial situation.Of course, people, with a lower standard of education, are marginalized by labour world if they aren`t supported in their vocational retraining in order to become part of labour market.

dot Top


Objective

Text available in

The general aim of the project is to reach a merge between `prevention` and `cure`of the unemployement for people who are or should be assisted by public intervention because of their economic situation.Up to now the public intervention is restricted to the economic side of the problem.There is a pilot project restricted to a few italian municipalities (the city of L`Aquila is one of them) which is taking care also of the social reintegration of emarginated people, but it is very difficult to match this kind of intervention with the search of getting or getting back into the working world.The development partnership will implement many strategies to solve the following problems:-`Inclusion` in labour market of discriminated people;-integration of welfare policy with active labour and training policies. - A strategy for unemployed people without mininum income, who live in poverty, will be realized through the following activities: research, training, working start up.The objects of the research are:- identifying the target of the project;-identifying local firms, enterpreneurs, contractors who can help unemployed to find a job, through training stages;- collection and analysis of territorial requirements for new enterrprises or revival of old arts and crafts.Training will be realized through:- a counselling counter to help people to start up, to develop a living, training, working projects, to make a balance of their abilities;- the outcome of the research and the counselling counter activities will help to determine training courses and teaching packages.Working start up will be realized through two opportunities: - subordinate employement in a firm (training contract, collective agreement, indentures etc); - self employment or business creation.An observatory and a poverty counter will be set up and constantly adjourned. The observatory and the poverty counter will form part of the Employment Centres organization. Their aim is to set a methodology to recognize and monitor problems and their social meaning.Therefore it will be necessary a training activity for two professional figures: counselling operator and business broker.

dot Top


Innovation


Nature of the experimental activities to be implemented Rating
Guidance, counselling ***
Training ****
Training on work place ***
Employment aids (+ for self-employment) ****
Integrated measures (pathway to integration) **
Employment creation and support ***
Training of teachers, trainers and staff ***
Improvement of employment services, Recruitment structures ****
Conception for training programs, certification ****
Work organisation, improvement of access to work places **
Guidance and social services **
Awareness raising, information, publicity ***
Studies and analysis of discrimination features ***

Type of innovation Rating
Process-oriented ****
Goal-oriented ****
Context oriented ****

Text available in

The innovative characteristic of the project is in the following elements:
-Process: the parties involved play a leading role in the local development (territorial institutions, people acting in social activities, training structures);
-Objectives: a) reading of requirements;
b) integrated training courses (school/training/work);
c) new employment.
- Context: a) steady integration between labour and social policies;
b) support to local and employment development.

dot Top


Budget Action 2

1 000 000 – 1 500 000 €

dot Top


Beneficiaries


Assistance to persons 
Unemployed  44.0%  56.0% 
Employed  0.0%  0.0% 
Others (without status, social beneficiaries...)  0.0%  0.0% 
  100.0% 
 
Migrants, ethnic minorities, …  0.0%  0.0% 
Asylum seekers  0.0%  0.0% 
Population not migrant and not asylum seeker  50.0%  50.0% 
  100.0%
 
Physical Impairment  13.0%  9.0% 
Mental Impairment  13.0%  9.0% 
Mental Illness  0.0%  0.0% 
Population not suffering from a disability  24.0%  32.0% 
  100.0% 
 
Substance abusers 2.0%  3.0% 
Homeless  15.0%  12.7% 
(Ex-)prisoners  7.0%  5.3% 
Other discriminated (religion, sexual orientation)  0.0%  0.0% 
Without such specific discriminations  26.0%  29.0% 
  100.0% 
 
< 25 year  1.5%  2.5% 
25 - 50 year  30.0%  31.5% 
> 50 year  19.0%  15.5% 
   100.0% 

Assistance to structures and systems and accompanying measures Rating
Gender discrimination ****
Support to entrepreneurship ****
Discrimination and inequality in employment ****
Disabilities ***
Other discriminations ****
Low qualification ****
Unemployment ****

dot Top


Empowerment

 

 With beneficiaries

Participation
Promoting individual empowerment
Participation in running and evaluating activities
Changing attitudes and behavior of key actors

Text available in

The beneficiaries will be constantly adjourned on the activities by distribution of leaflets, involvement of the press, voluntary services, person to person information.

Starting by the knowledge of the beneficiaries that L`Aquila social services have already, due to the pilot project financed by the 237/98 Decree, other municipalities social services will be involved in the province in order to increase the knowledge of the various situations of poverty in the territory.

The independent evaluator involved in the project will take care, in one with the social service structures, of making sure that all people who can benefit from the project be made aware of it.

Finally, the trained persons will be able to choose among three possibilities:

- to remain in the labour world
- self employment and enterprising, if there should be favourable conditions not only for opening a concern, but also for its survival
- qualified people will be included in a special list of the Employment Centres

 

 Between national partners

Text available in

The Social security services of the municipality of L`Aquila will prepare the `list` of the people who are already beneficiaries of the `minimum income` and will involve their families, to know the professional conditions of each member in working age. Sviluppo Lavoro and Col.Labor.A S.p.A. will make a research on the resto of the provincial territory in order to know the kind of poors assisted by the other municipalities. Voluntary services and other public bodies will be involved in the research. Then, it will be prepared a balance of abilities in order to form `classes` for training and work experiences, provided in the experimentation. This aspect of the project will be taken care of especially by the Employment Centres of the province.
A technical and scientific Committee will be constituted to steer and manage the whole project. All the partners will have a member in this Committee to which will participate also a member of volunteers` association.The Committee: - Will take the most important decisions about management; - Will discuss and adopt the documents worked out and will validate them; - Will adopt possible changes in agreement with regional and national authorities.This Committee will meet all partners (including the transnational ones) at least four times a year.Focus groups will meet to tackle problems, periodically.

dot Top


Transnationality

 

 Linguistic skills

  • Deutsch
  • English
  • français
  • italiano

 Percentage of the budget for transnational activities

  • 9.1%

 Transnational Co-operation Partnerships

Transnational Co-operation Agreement DPs involved
2586 BUSINESS WITHOUT BORDERS IT IT-S-MDL-139
NL 2001/EQC/0003
NL 2001/EQC/0018

dot Top


Background

 

 Involvment in previous EU programmes

  • Two and more partners involved in A&E

dot Top


National Partners


Partner To be contacted for
ATS Atena - mandataria Amministrazione Provinciale dell`Aquila Co-ordination of experimental activities
Design of the project
DP managing organisation
Evaluation
Monitoring, data collection
Transnational partnership
AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL` AQUILA
COMUNE DELL`AQUILA
Collocamento Lavoro L`Aquila -
Ente Nazionale di Formazione e Addestramento Professionale
SVILUPPO LAVORO s.c.r.l.

dot Top


Agreement Summary

Text available in

The responsability of financial and administrative management has been entrusted to the Province of L`Aquila, mandatory of the Temporary Partnership.
The responsabilities for the realization of the activities have been shared as follows:
-activity of national coordination: Province of L`Aquila
-activity of transnational coordination: Province of L`Aquila, Thecnical and Scientific Committee;
-management of the relations with the related Administrations: Province of L`Aquila;
-administrative management and statement activity: Province of L`Aquila;
-political function, monitoring and evaluation of of the project: Managing Committee and indipendent estimator;
-coordination, scientific educational management of the project:Technical and Scientific Committee and project manager;
-research activity: Comune of L`Aquila, Province of L`Aquila, `Sviluppo Lavoro`;
-educational activity: `Collabora`, `Sviluppo Lavoro`, Province of L`Aquila, ENFAP-UIL;
-opening of the Observatory/poverty counter: Comune of L`Aquila, Province of L`Aquila, `Collabora`, `Sviluppo Lavoro`.
Mainstreaming: all partners will be involved.
All partners` collaboration and participation to the project is assured by the technical and Scientif Committee (T.S.C.) and by the coordination of the project manager;
The T.S.C. is responsible for the executive planning of all activities in the project, for the evaluation and the eventual adjustments which could be necessary to ensure the quality of each action; the committee is also responsible for the meanstreaning, together with the indipendent estimator and all parteners involved in the stage.
The managing Committee (M.C.) too, will assure the participation of all partners; its role will mainly involve political strategies and decisions about the project.
The Managing Committee consists of legal rapresentatives or delegates of partners and the Responsible of the project, appointed by the same M.C.

Last update: 17-05-2002 dot Top


ATS Atena - mandataria Amministrazione Provinciale dell`Aquila

(ATS)
Via S. Agostino, 7
67100 L`Aquila
...

Tel:0862/299201
Fax:0862/65248
Email:ragproaq@tin.it

 
Responsibility in the DP: Co-ordination of experimental activities
Design of the project
DP managing organisation
Evaluation
Monitoring, data collection
Transnational partnership
Type of organisation:Structure created to manage the DP
Legal status:Semi-public organisation
Size:>250
NUTS code:L'AQUILA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Amorosi Tiziano 0862/299201 ragproaq@tin.it MANAGING DIRECTOR

Last update: 17-05-2002 dot Top


AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL` AQUILA

(..........)
Via S. Agostino, 7
67100 L`Aquila
...

Tel:0862/299201
Fax:0862/65248
Email:ragproaq@tin.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Public authority (national, regional, local)
Legal status:Public organisation
Size:>250
NUTS code:L'AQUILA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The Province of L`Aquila, a public local agency, manages the whole provincial territory in the following sectors: defence and improvement of the environment, protection of the water and energy resources; cultural assets development; road system and transport; hunting and fishing; some functions about school building and secondary education; assistance to local government organizations.The State and the Region delegate many functions to the Province, in consequence of the devolution in progress in our country, concerning the integrated system of the Employment Centres, through four agencies acting in L`Aquila, Avezzano, Sulmona, Castel di Sangro and other minor branch offices.To implement the actions of the Employment Centres, the Province has formed a partnership (Collabora joint-stock company) with a minority partner.Collabora is particularly involved in the provincial masterplan processing for active labour policies.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Amorosi Tiziano 0862/299201 ragproaq@tin.it MANAGING DIRECTOR

Last update: 17-05-2002 dot Top


COMUNE DELL`AQUILA

(...)
Piazza Palazzo
67100 L`Aquila
WWW.L`AQUILA.COM

Tel:0862/6451
Fax:0862/64031
Email:INFO@LAQUILA.COM

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Public authority (national, regional, local)
Legal status:Public organisation
Size:>250
NUTS code:L'AQUILA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The municipal administration of L`Aquila has taken part in the following EU projects:
- Prompt project, financed by European Union;
- Agenda 21 project - Ministry of the Environment. The Municipality, in one with the Province of L`Aquila, agreed to a development plan, according to AALHORG Chart;
- INTEMIGRA and UTN projects, financed by European Union and Ministry of Public Works.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
D`ASCANIO Paola 0862/645286 PROGEUROPA@ LIBERO.IT Organizational Committee Member

Last update: 17-05-2002 dot Top


Collocamento Lavoro L`Aquila -

(COL.LABOR.A S.p.A.)
Corso Vittorio Emanuele, 159
67100 L`Aquila
....

Tel:0862/ 21830
Fax:0862/22045
Email:info@collaboraq.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Enterprise
Legal status:Semi-public organisation
Size:Staff 10-50
NUTS code:L'AQUILA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

COL.LABOR.A S.p.A. - Collocamento Lavoro L`Aquila - is a joint-stock company controlled by the Province of L`Aquila. Is has been set up in order to help the Province to better manage their recently delegated tasks for active labour policies.It gives its services in outlining a masterplan for labour policies, studying strenght and weaknesses of the provincial territory in order to better plan training projects for young, unemployed, discriminated people. In short, it constitutes the operational arm of the public body, which can operate in swifter, businesslike ways to achieve more quick and working results in improving job creation.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
MARCHESANI TERESA 0862/21830 info@ collaboraq.it Technical/Scientific Committee Member

Last update: 17-05-2002 dot Top


Ente Nazionale di Formazione e Addestramento Professionale

(ENFAP- ABRUZZO)
Via Venezia, 28
65100 Pescara
WWW.ENFAP.COM

Tel:085/4714095
Fax:085/72741
Email:ENFAP.ABRUZZO@ ENFAP.COM

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Education / training organisation
Legal status:Private
Size:Staff 50-250
NUTS code:PESCARA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

ENFAP Abruzzo, a training enterprise, has 13 branches throughout Italy and its quality system is certified ISO 9001 by certiquality, CISQ and IQNET.They plan, promote, coordinate and implement the following activities : - Vocational training for young people and adults; - Professional development and improvement of the workers employed through a training contract, collective agreement and/or indentures; - Training and support to start-up of new concerns; - Training by means of multimedia systems of people working in small and medium concerns.They have been partners or promoters of several UE Programs: ADAPT, NOW, INTEGRA.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
DI FABIO DANIELE 085/471409 ENFAP. ABRUZZO@ ENFAP.COM Organizational Committee Member

Last update: 17-05-2002 dot Top


SVILUPPO LAVORO s.c.r.l.

(...)
Via Giuseppe Cacchi, 8
67100 L`Aquila
...

Tel:0862/319881
Fax:0862/322394
Email:sviluppolavoro@tiscali.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Enterprise
Legal status:Private
Size:Staff 10-50
NUTS code:L'AQUILA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

`Sviluppo Lavoro` is a consortium of enterprises no profit working since 1997 in the following fields: - Services connected with active labour policy; -Services for public and private concerns; -Training and spreading of business culture; - teaching packages processing; - socioeconomic and organizational researches; - editing. They have been projecting, managing and developing many EU projects: PIC NOW and INTEGRA both in Abruzzo and in Molise. Furthermore, they have projected and managed training projects for public employees.
`Sviluppo Lavoro` provided technical assistance to the Commune of L`Aquila - Social Protection Sector - as to the R.M.I. project in 1998/1999/2000/2001, to try and determine: - The pockets of absolute poverty actually present in L`Aquila; - The difficulties of that population`s segment; - The technical solutions to reintegrate the beneficiaries into the social and employment framework. It`s noteworthy, in the whole experimentation, the correct and continuous finding of the beneficiaries` personal and `sensible` data and their transfer to the Social Protection Sector, in conformity with the privacy act, to measure (differently and positively) the introduction in the labour market and to monitor it accurately. Due to their experience in this particular subject, `Sviluppo Lavoro` have given substantial support to the planning of this project.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
VILLANI Cristian 0862/319881 sviluppolavoro@tiscali.it Technical/Scientific Committee Member

Last update: 17-05-2002 dot Top



 
 
 
 

 
 
 
 

 
 
 
 
Warning! This section is not meant to be read directly, but rather be navigated through from the main page above.
 
 
 
 

I percorsi dell`inclusione: il reddito minimo d`inserimento

Rationale

Text available in

Viviamo un tempo nel quale le innovazioni della tecnologia,la disponibilità delle scienze e la velocità di formazione e di spostamento dei flussi finanziari sembrano combinarsi nella creazione di un paradosso:quello del `lavoro difficile`.Mai prima d`ora le economie sviluppate avevano creato posti di lavoro con tanta difficoltà rispetto alle economie arretrate.La globalizzazione rende il mondo simile a una fabbrica che produce più ricchezza, più merci, più scambi commerciali:eppure oggi la `classe media` tende a restringersi e i poveri aumentano.Sul tema della povertà in generale insiste il Piano nazionale per l`Inclusione 2001 e si sofferma l``Agenda sociale europea` - 2000.In questi documenti la strategia di lotta alla povertà si incentra sul concetto di `inclusione` e mira a costruire percorsi, appunto, `inclusivi` attraverso cui le persone povere possano superare le soglie e vivere adeguatamente del proprio lavoro.La CEIS(Commissione di indagine sull`escl. sociale) ha stimato in 2,6 Mil.di famiglie ed in 7,5 Mil.di persone le condizioni di povertà.Il calcolo è stato condotto sui parametri fissati dall`International poverty Line(spesa pari o superiore alla media dei consumi procapite nazionale,che per l`IT era nel `99 pari a 1.492.310 lire).I fenomeni di disuguaglianza sono ricondotti sostanzialmente ad elementi oggettivi e soggettivi (età,sesso,livello di istruzione,ecc) ed elementi territoriali, legati al divario Nord-Sud ma anche alle aree urbane.Un collegamento essenziale esiste tra povertà e disoccupazione.Nel mercato del lavoro sussistono specifici elementi di debolezza, rilevati anche dai vari Piani d`azione Nazionale (NAP):Un elevato tasso di disoccupazione di lunga durata;un elevato tasso di disoccupazione giovanile,con un aumento del tasso di disoccupazione tra i giovani delle fasce di età dai 15 ai 19 anni;la permanenza di un basso livello di scolarità tra gli occupati,soprattutto tra quelli di età superiore ai 35 anni;la forte disparità tra i territori;la presenza di circa il 4% della popolazione di sottoccupati visibili, part-time involontari e disoccupati parziali;per le donne un basso tasso di attività ed un elevato tasso di disoccupazione.L`analisi attenta di questi fattori dimostra chiaramente come il livello d`istruzione costituisca uno snodo importante per affrontare il problema, tanto più se si pensa al `contenuto`,ai saperi ed alle conoscenze richieste dal mercato del lavoro ed al più generale tema dell``occupabilità`,incentrato non tanto su un`occupazione tout-court,quanto su un inserimento lavorativo forte in grado di reggere l`impatto con un mercato del lavoro sempre più competitivo.Senza entrare nel dettaglio, possiamo riprendere dal citato Piano per l`inclusione le seguenti linee d`ombra:circa il 5% di ragazzi non ha la scuola media;circa il 4% è in possesso della sola licenza elementare;11,8% esce dal sistema scolastico al primo anno della secondaria superiore;Ancora più critica risulta la situazione se si riflette su:-l`insufficiente sviluppo nel nostro Paese di un sistema di formazione permanente, legato alla fase di ammodernamento dei sistemi di formazione professionale a cui il nuovo quadro programmatorio dell`Obiettivo 3 dovrebbe dare centralità;il sostanziale analfabetismo tecnologico su cui i dati sono sconfortanti-nonostante un aumento di PC per abitazione si accentuano le differenze territoriali e quelle tra fasce di reddito-.La povertà risulta accentuata e non ridotta da questi dati.Le problematiche descritte per il territorio nazionale risultano ancora più accentuate nel territorio aquilano. E`indiscutibile quanto il fenomeno dell`inoccupazione abbia costituito un blocco significativo per lo sviluppo sociale;tanto è vero che il Comune dell`Aquila è stato indicato per la sperimentazione del `reddito minimo d`inserimento`(RMI)di cui al D.lg. n.237/98.L`esperienza svolta dal Comune dell`Aquila e Sviluppo Lavoro nell`attuazione del D.lg.sul territorio,costituisce un prezioso patrimonio di analisi delle situazioni di povertà e dei meccanismi discriminatori che agiscono sul contesto e precludono l`ingresso,soprattutto a quei soggetti caratterizzati da un`inoccupazione di tipo soggettivo(scarse competenze professionali,disagio sociale,bassa scolarizzazione avanzata,sostanziale analfabetismo informatico, ecc).In effetti tutte le luci e le ombre dell`esperienza del `RMI`costituiscono il `filo rosso`che,in filigrana,attraversa tutta la progettazione dell`iniziativa a partire dall`individuazione del problema, delle strategie da mettere in atto,alla definizione della partnership di sviluppo.Dalla ricerca effettuata nella Provincia dell`Aquila, si è potuta definire una visione globale dei disagi ai quali vanno incontro le fasce al di sotto della soglia di povertà ed individuare nel`gap`di saperi posseduti, uno degli elementi centrali dell`esclusione e della stessa povertà.Della popolazione residente il 3% circa si trova ad avere un reddito inferiore a lire 6.384.000 (3.297 Euro),con un notevole scarto rispetto al reddito pro capite dell`intera Provincia pari a 22.233.000 nel 1999.Rapportando il grado di scolarizzazione della popolazione residente nella provincia, con lo stesso indice riferito solo ed esclusivamente alla fascia di popolazione indigente, possiamo riscontrare che più alti livelli di scolarizzazione sono direttamente proporzionali alle condizioni economiche.A supporto dell`analisi sono stati messi in relazione gli indici di scolarizzazione per livello:si evince una netta differenza tra la media della popolazione residente e la media delle fasce indigenti. La percentuale dei laureati in Provincia risulta essere pari al 5,7% rispetto all`1,4%; quella dei diplomati è del 25,4% a fronte del 17,21%. Ancora più significativi risultano essere i dati riferiti ai possessori di licenza media inferiore e licenza elementare: che risultano essere rispettivamente pari al 44% ed al 29% a fronte della media provinciale in cui gli stessi indici risultano attestarsi rispettivamente al 29% per i possessori di licenza media e del 25% per i possessori di licenza elementare.Si desume chiaramente che il grado di istruzione risulta essere molto significativo nell`influenzare le condizioni di vita. Minore è il grado di istruzione e maggiore è la possibilità che il soggetto possa risultare emarginato dal mondo del lavoro e da ogni possibilità di farvi parte in futuro, se non vengono attivate (così come prescrivono peraltro gli Orientamenti comunitari in politiche del lavoro) azioni di sostegno con il preciso obiettivo di riqualificare queste fasce indigenti in figure professionali idonee e richieste dal mercato del lavoro.Se si prosegue nell`analisi della situazione riscontrata direttamente nel Comune dell`Aquila, si evidenzia subito il dato relativo alla diffusione della povertà sia il rapporto fra le famiglie povere e le famiglie residenti. Il raffronto fra il dato nazionale (11,9% nel 1999) e quello de L`Aquila, dove solo il 2,3% delle famiglie residenti alla data del 31 dicembre 2000 sono risultate inserite nel reddito minimo, indica che probabilmente tale valore non è dovuto alla scarsa incidenza del fenomeno della povertà sul territorio aquilano ma solo all`esistenza di un`area che è rimasta scoperta dalla sperimentazione. Riguardo poi la composizione delle famiglie, emerge che la loro dimensione (2,7) è sostanzialmente uguale a quella delle famiglie a livello nazionale(2,8).Quelle con 5 e più componenti costituiscono il 10% delle famiglie beneficiarie mentre il 29% è costituito da famiglie con un solo componente.Cioè quasi un terzo dei beneficiari vive da solo ed è per il 46% costituito da donne.I gruppi monoparentali, un genitore e uno o più figli,costituiscono invece il 23%delle famiglie beneficiarie, all`interno del quale le madri con figli/o pesano per una percentuale pari al 93%.I figli costituiscono la categoria più numerosa fra i beneficiari nel loro complesso.Il 33% delle coppie ha un unico figlio,contro il 42% con 2 figli,il 16,5% con 3 e l`8,5% con 4 e più.Nelle famiglie monoparentali invece nel 57% dei casi il figlio è unico; ma si riscontra anche un 8% di genitori soli con 3 figli e più.Le famiglie con figli minori costituiscono il 44% del totale.Risulta, infine,che il 23% delle famiglie interessate al reddito minimo ha al suo interno almeno un componente disabile e che, di queste, il 2% ha più di una persona con handicap. Analizzando le condizioni delle persone inserite nella sperimentazione, potremo subito dire che le donne costituiscono il 57% dei richiedenti il reddito minimo. Relativamente all`età, invece, si evidenzia che nessuna delle persone di riferimento ha meno di18anni,mentre questa classe di età è la più numerosa per i maschi (31%) e al secondo posto per le femmine (24%) se si considerano anche i familiari.Le donne sono più numerose in quasi tutte le classi d`età ma soprattutto in quella riguardante gli over 65anni dove si concentra il 10% delle donne che hanno richiesto il reddito minimo.La classe di età nella quale,comunque,si concentrano le più alte percentuali di persone di riferimento,sia uomini (38%) che donne (41%),è quella che va dai 35 ai 49 anni,quella, cioè, nella quale maggiormente pesano gli impegni familiari e genitoriali.Gettando poi uno sguardo alla condizione socio-lavorativa, ciò che emerge si può così riassumere:nel 65% dei familiari domina la posizione`non forze di lavoro`,prevalentemente studenti e casalinghe;le persone di riferimento,invece,appaiono più attive rispetto al lavoro,con percentuali di occupati e disoccupati che non si discostano molto dai dati medi sull`andamentodell`occupazione.Relativamente ai problemi specifici riscontrati tra le persone di riferimento, sono quelli di tipo familiare, in particolare separazione e divorzio, quelli che presentano una più alta concentrazione di casi, segno di difficoltà che non trovano adeguate risposte e sostegno nell`ambiente circostante o che necessitano di tempi lunghi per essere risolte.

dot Top


Objective

Text available in

L`obiettivo generale del progetto consiste nell`agevolare l`accesso al mercato del lavoro a tutti i soggetti, ovvero a membri del loro nucleo familiare, che corrispondono ai requisiti di `povertà` indicati in altra parte del formulario, attuando le metodologie del pilastro dell` `Occupabilità` (ovvero rafforzando il loro ruolo sul mercato del lavoro), al fine di sperimentare un modello che integra stabilmente le politiche di natura socio-assistenziale (D. leg. 237) con le politiche della formazione e dell`inserimento lavorativo (in una logica, potremo dire, di associazione di `preventivo` e `curativo` descritti nell`Asse A del QCS dell`Ob. 3).L`obbiettivo generale, in base alle riflessioni sviluppate può essre suddiviso in obbiettivi specifici, descritti in dettaglio nelle parti seguenti del formulario, che possono essere indicate in maniera sintetica in:1)Dal punto di vista dell`Occupabilità:- far acquisire alle persone una conoscenza più approfondita di sé stessi e del proprio ambiente sociale;-far conoscere nuovi scenari del lavoro autonomo e subordinato e delle professioni emergenti;-far apprendere specifiche conoscenze in riferimento a determinati profili professionali;-far sviluppare l`abilità di elaborare progetti di vita coerenti e realistici che tengano conto delle possibilità offerte dall`ambiente socio-economico.In questo senso Equal consentirà di sperimentare la tenuta di alcuni strumenti `lavoristici` (in particolare l`apprendistato) in riferimento all`intero universo delle cosiddette work experiences;- far acquisire conoscenze di base e trasversali (ad esempio informatica, inglese, ecc.).2)Dal punto di vista dell`impatto sistemico:La partecipazione dei soggetti pubblici e privati contiene due matrici:-la Provincia dell`Aquila attraverso l`Osservatorio/sportello delle povertà, implementerà ad un tempo le sue policy in materia sociale, e l`intervento dei Centri per l`impiego che potranno utilizzare uno strumento aggiuntivo alla loro azione sul territorio; infine la Provincia adotterà un modello, anch`esso fortemente sperimentale di mainstreaming (cfr. più avanti) attraverso cui un`azione di carattere diffusivo si trasforma, nella sua concreta attuazione, in un supporto reale alla programmazione ed allo sviluppo;- Equal costituirà un`occasione per il Comune dell`Aquila di procedere ad una riorganizzazione/controllo dei propri flussi di spesa. Questo avverrà attraverso la ricostruzione di una `mappa dei fabbisogni` finalizzata ad individuare, secondo standard di qualità prefissati, quelli cui non viene data risposta, quelli cui viene data una risposta parziale, quelli che possono essere considerato ottimali. Tutto ciò avrà ricadute importanti e senz`altro benefiche sull`intera `Cultura della Gestione amministrativa` 3)Dal punto di vista del modello:Obiettivo infine può essere considerato lo stesso processo di mainstreaming : l`Articolo 80 della legge Finanziaria per il 2001, estende ai Comuni ricadenti in Patti territoriali, la sperimentazione del `Reddito minimo d`inserimento`. Abbiamo già individuato in quest`esperienza un antecedente cronologico e logico del progetto. Ora si tratterà di `disseminare` una sua specifica declinazione (il reddito minimo attraverso la lettura del pilastro dell`Occupabilità), in un contesto programmatorio particolarmente ricco ed abbondante: c`è tutta la programmazione dell`Obiettivo 2 (oltre quella della Programmazione negoziata ed i Patti territoriali) da realizzare. La Provincia dovrà quanto prima avviare una fase concertativa importante di carattere sia sociale (parti sociali espressione del territorio) che a livello istituzionale. Dovendo l`iniziativa rispondere a una duplice problematicità:·inserimento sul mercato del lavoro di soggetti deboli, con diversi problemi di discriminazione,·integrazione delle politiche socio-assistenziali con le politiche attive del lavoro e della formazione,diverse sono le strategie messe in atto dalla partnership di sviluppo.Una strategia ha come destinatari finali gli inoccupati al di sotto della soglia di reddito minimo, con disagio sociale, con l`obiettivo d`inserimento lavorativo e si attuerà attraverso fasi ognuna con macro-obiettivi propri ed un proprio sistema di monitoraggio e valutazione.Una strategia specializzerà i servizi d`incontro domanda offerta di lavoro dei soggetti particolarmente inoccupabili e sarà riferimento delle amministrazioni pubbliche, per tutte le politiche di coesione sociale, si realizzerà attraverso la costituzione di un osservatorio/sportello sulla povertà.La prima strategia si attuerà attraverso le seguenti attività: RICERCA Possono essere individuati tre obiettivi specifici:1.individuazione dell`utenza bersaglio dell`iniziativa, 2.costruzione di una rete di attori economici locali in grado di permettere l`inserimento lavorativo dei soggetti,3.raccolta ed analisi dei bisogni territoriali.FORMAZIONE.La strategia di fondo prevede il momento formativo come il nucleo centrale del progetto poiché dovrà consentire ai soggetti deboli di adeguarsi alle richieste del mercato, contrastando la mancanza di istruzione e formazione che sono le principali cause di disoccupazione e che, insieme ad un`insufficiente esperienza lavorativa, rappresentano importanti fattori culturali di discriminazione. Se, perciò, l`obiettivo è l`inserimento o il reinserimento nel mercato del lavoro, l`obiettivo di questa fase è aiutare i soggetti a costruire un proprio progetto d`ingresso o reingresso al lavoro, adeguamento delle competenze professionali, acquisizione degli strumenti per accedere al lavoro.Tutto si attuerà attraverso:·un`attività di orientamento a sportello con la finalità di-offrire un counselling motivazionale e sostegno psicosociale,-favorire le scelte dei soggetti attraverso il sostegno e l`accompagnamento , aiutandoli a sviluppare un progetto di vita, formazione, lavoro,-costruire un bilancio delle competenze;individuazione di percorsi e/o pacchetti formativi che dovranno scaturire dall`incrocio dei risultati della ricerca con i dati relativi all`attività di sportello. La formazione potrà riguardare sia l`acquisizione di nuove competenze professionali (ivi comprese quelle linguistiche e informatiche), sia le conoscenze di marketing, impresa, di cooperazione, ecc. necessarie all`avvio di lavoro autonomo singolo o associato. Avendo la formazione nel nostro obiettivo la funzione d`immediato inserimento lavorativo, saranno privilegiati strumenti quali: tirocini formativi, work experience costruiti come pacchetti formativi personalizzati. Laddove si rendesse necessario un percorso formativo classico, si privilegeranno metodologie didattiche attive e con consistente durata degli stage per una reale alternanza formazione - lavoro. ACCOMPAGNAMENTO ALL`INSERIMENTO LAVORATIVO.La sperimentazione del RMI nel Comune de L`Aquila, ha avuto uno dei maggiori punti di criticità nella totale assenza della fase d`accompagnamento al lavoro. Quello che, conseguentemente, si è ottenuto è stata un`ennesima forma d`assistenzialismo, che ha procurato agli utenti il sostegno in denaro previsto, senza però alcuna ricaduta dal punto di vista occupazionale. La strategia progettuale vuole in questo caso controbilanciare quest`esperienza e prevede perciò l`attuazione di azioni in grado di favorire l`inserimento dei soggetti deboli nel mondo lavorativo.Ciò potrà avvenire secondo una duplice possibilità: l`inserimento lavorativo in azienda, attraverso l`utilizzo di strumenti delle politiche del lavoro (contratti d`apprendistato, formazione lavoro, ecc.) e l`avvio alla creazione di attività indipendenti in forma d`impresa individuale o associata.ATTIVAZIONE DI UN OSSERVATORIO E UNO SPORTELLO PER LE POVERTA`Ultimo passaggio, della strategia ideata è la creazione e successiva attivazione di un Osservatorio e di uno Sportello per le povertà da inserire nell`assetto organizzativo dei Centri per l`Impiego, con l`obiettivo di mettere a punto una metodologia che permetta il riconoscimento e il monitoraggio dei problemi e della relativa dimensione sociale.L`intera strategia prevede un`attività di formazione di due figure professionali necessarie per le attività che il progetto si appresta a mettere in atto: operatore di orientamento e operatore della mediazione aziendale.

dot Top


Innovation

Text available in

Il carattere innovativo del progetto è concentrato nei seguenti elementi:a)Processo: i soggetti rappresentati sono quelli `tipici` dello sviluppo locale (istituzioni territoriali, attori sociali, organismi formativi). La loro combinazione produce almeno 3 elementi di forte impatto sistemico:1) l`analisi di un bilancio comunale in interrelazione con fabbisogni reali espressi dalla popolazione (non soddisfatti affatto o in maniera parziale ed insufficiente), che inaugura una prassi inusuale per il nostro Paese ed in questo senso intende sperimentare una prassi nuova di Pubblica amministrazione qual erogatore di servizi reali al territorio, i cui standard di qualità sono monitorati e controllati in continuo;2)la costruzione di percorsi formativi e professionalizzanti finalizzati alla creazione di nuova occupazione;3)il coinvolgimento dei C. per l`imp. con la costruzione di un apposito `Osserv. delle povertà`.Gli elementi, nel loro insieme modellizzano prassi a più livelli:di tipo `istituzionale` fissato nel rapporto tra `osservazione` del fenomeno e strategie di risoluzione delle criticità (relazione tra l`Osserv. e le politiche del lavoro e della programmazione anche quella negoziata, attuata dall`Ente Provincia),e di tipo metodologico, incentrato sugli schemi di classificazione delle tematiche.b) Obiettivi: a questo livello si intesercano tre elementi, la cui combinazione dev`essere considerata assolutamente innovativa: 1) lettura di fabbisogni;2) percorsi formativi integrati (del tipo scuola/formazione/lavoro);3) nuova occupazione, la cui stabilità è garantita dal una attenta analisi dei fabbisogni a monte.c)Contesto: l`intero processo di mainstreaming ed in particolare la `contestualizzazione` della sperimentazione Equal con la programmazione del DOCUP Ob.2 e con i nuovi Patti territoriali,con un evidente contenuto forte delle politiche attive del lavoro, costituisce di per sé un elemento innovativo. Rispetto alle direttrici generali di Equal,il progetto ne realizza perfettamente due:- l`integrazione stabile tra le politiche del lavoro e quelle sociali: proponendo una lettura delle criticità sociali in termini di creazione di nuovo lavoro;- supporto allo sviluppo locale ed occupazionale:qui,come già accennato,la composizione stessa della PS è `tipica`.Soprattutto la definizione di ruoli e compiti precisi per ciascuno di essi e la loro `mobilitazione` in riferimento ad una specifica criticità (e con una specifica `strategia`), rispondono all`esigenza `profonda` di Equal.Ultimo elemento innovativo che vogliamo richiamare è rappresentato dall`azione di un `soggetto indipendente` (chiamato a compiti di valutazione).Dovrebbe costituire una garanzia per i soggetti beneficiari delle azioni,ma allo stesso tempo per la trasparenza,la diffusione e la funzionalità delle procedure e delle prassi.Sul modello dei Programmi comunitari,la figura del valutatore, in considerazione della sua `indipendenza`, costituirà un momento di sostegno all`intera PS.

dot Top


Agreement Summary

Text available in

L`organizzazione prevista per la realizzazione del progetto: `I percorsi per l`inclusione: il reddito minimo d`inserimento` si fonda su tre principi cardine: il principio dell` efficacia degli interventi, il principio dell`efficienza delle risorse impiegate e il principio della qualità dei servizi erogati.
Le risorse umane coinvolte nella realizzazione delle azioni previste dal progetto saranno professionisti esperti e operatori qualificati da una significativa esperienza nei settori d`intervento.
La responsabilità di gestione amministrativa e finanziaria del progetto è affidata alla Provincia dell`Aquila, mandataria dell`Associazione Temporanea di scopo che rappresenterà il soggetto che riceve il contributo dall`Ente Regione e così come indicato nel documento di costituzione dell`ATS provvederà ad erogare ai diversi partner il finanziamento relativo alle attività da svolgere.
Ogni partner metterà a disposizione della Ps una segreteria amministrativa che sulla base di modelli e indicazioni dell`esperto di rendicontazione man mano provvederà a certificare le spese al mandatario responsabile nei confronti dell`Amministrazione Regionale. Si sperimenterà un sistema di trasmissione a rete della documentazione e un nuovo software per la rendicontazione.
La suddivisione delle responsabilità per l`esecuzione materiale del programma è stata concordata di comune accordo tra i partner della Ps.
Nello specifico le responsabilità di attuazione delle attività sono state così suddivise:
Attività di coordinamento nazionale: provincia dell`Aquila;
Attività di coordinamento trasnazionale: provincia dell`Aquila, CTS;
Gestione dei rapporti con le amministrazioni referenti: provincia dell`Aquila;
Gestione amministrativa e rendicontazione: provincia dell`Aquila;
Funzione politica e di monitoraggio e valutazione del progetto: CP e valutatore indipendente;
Coordinamento e gestione scientifco/didattica del progetto: CTS e Responsabile di progetto;
Attività di ricerca: comune dell`Aquila, provincia dell`Aquila,Sviluppo Lavoro;
Attività di formazione: Collabora, Sviluppo Lavoro, Provincia dell`Aquila, Enfap-Uil;
Attivazione dell`Osservatorio/sportello sulla povertà: comune dell`Aquila, provincia dell`Aquila, Collabora,Sviluppo Lavoro;
Mainstreaming: saranno coinvolti in questo processo tutti i partner con i ruoli specificati nel paragrafo 5.13 e 5.14.
La PS si impegna formalmente a diffondere, pubblicizzare,e rendere di dominio pubblico i risultati delle attività progettuali e favorire, attraverso opportuni percorsi il trasferimento delle metodologie degli strumenti e delle prassi sia nel territorio regionale che nazionale che comunitario.
Come descritto nei paragrafi relativi alla trasnazionalità, molte risorse sia umane che finanziarie saranno spese perché la Ps possa agire in un contesto di cooperazione trasnazionale poichè ritiene che tale collaborazione possa dareun valore aggiunto al progetto, ciò favorito dalla tipologia dei partner che partono nel loro agire dagli stessi problemi di discriminazione e inoltre soprattutto la PS francese porta con se lo stesso bagaglio di esperienza dell` RMI della nostra PS.
La collaborazione e la partecipazione alla realizzazione del progetto di tutti i partner è assicurata dal CTS e dal coordinamento del Responsabile del progetto. Il comune dell` Aquila insieme alla provincia si occuperanno della creazione di tavoli di concertazione con soggetti
Il CTS ha un compito operativo che parte dalla progettazione esecutiva di tutte le attività previste dal progetto, passa attraverso la valutazione in itinere e le eventuali modifiche o aggiustamenti che si rendono necessari per garantire qualità a tutte le azioni, fino al progesso di mainstreaming e valutazione finale in collaborazione con il valutatore indipendente e tutti i partner coinvolti in questa fase. Sarà di supporto inoltre al Responsabile di progetto al mandatario dell`ATS e al CP per tutte le attività relative alla gestione e ai rapporti con il territorio e con le anmministrazioni referenti. Sarà pertanto cpomposto da un esperto per ogni partner che abbia competenze di progettazione, gestione e valutazione di interventi di FSE. Al CTS inoltre, designato dalla Provincia dell`Aquila, parteciperà un esperto del mondo del volontariato che metterà a disposizione della PS le sue conoscenze delle problematiche sociali del territorio Aquilano e le sue competenze relative all`approccio con il disagio e al mondo del volontariato.
Anche il Comitato di pilotaggio assicurerà la partecipazione di tutti i partner, ma con un ruolo politico di indirizzo, di definizione di strategie e decisionale rispetto all`attivazione di sinergie con altri attori chiave. Il CP è composto dai rappresentanti legali o persone delegate dei componenti la PS, e dal Responsabile di progetto nominato dallo stesso CP.
Attraverso queste strutture, la PS intende rispondere al bisogno di avere la condivisione ed il contributo di tutti i partner come condizione imprescindibile per la realizzazione del progetto. La PS intende dunque inaugurare una metodologia di lavoro stabile e partecipata, da consolidare e mantenere anche al termine dell`iniziativa, in grado di valorizzare le competenze ed il background esperienziale di cui ciascun organismo è portatore, favorendo al contempo la condivisione e la diffusione di informazioni, soluzioni, patrimoni conoscitivi di tutti gli attori coinvolti. I compiti di ciascun partner nell`ambito delle tre strutture di rappresentanza saranno definiti e formalizzati nell`accordo approvato e sottoscritto da ciascun organismo.
L`indispensabile comunicazione fra le diverse strutture di rappresentanza del progetto e fra i partner sarà garantita dall`utilizzo di strumenti telematici a supporto di modalità e strumenti di comunicazione più tradizionali.
Gli Enti locali coinvolti nel progetto inoltre avranno il compito di coinvogere su tavoli di lavoro tematici gli altri attori delle politiche sociali e delle politiche attive del lavoro presenti su territorio (sindacati, scuole, associazioni di categoria, etc..)

dot Top


Empowerment

 With beneficiaries

Text available in

In un contesto particolarissimo, in cui i soggetti beneficiari delle azioni (i poveri deprofessionalizzati per i quali si prefigura un rafforzamento dell`occupabilità) sono connotati anche da una difficoltà di tipo relazionale, non è facile individuare un ruolo di partecipazione attiva. Da tale punto di vista riteniamo che un primo elemento di coinvolgimento non possa non essere attuato dagli stessi Servizi sociali del Comune dell`Aquila .Il progetto infatti parte dall` `elenco` dei soggetti che hanno finora beneficato del `Reddito minimo`. Dal singolo, si risalirà, sempre con il supporto degli stessi Servizi sociali, ma anche, se del caso mediante il coinvolgimento di altri organismi (ad es. le Scuole, la Prefettura, ecc.), alle famiglie di appartenenza, al fine di individuarne le dinamiche e soprattutto ricostruire le condizioni `professionali` dei singoli membri in età lavorativa. Si procederà ad un bilancio delle competenze (realizzato, come nella sperimentazione, dalla Sviluppo Lavoro). In quest`azione di avvicinamento delle famiglie si utilizzeranno anche le strutture le `volontariato` operanti sul territorio aquilano. I beneficiari delle azioni verranno costantemente informati sull`evoluzione del progetto mediante vari mezzi. Da quelli a stampa (brochures, opuscoli, ecc.) al rapporto interpersonale. A tale funzione si dedicherà in particolare il soggetto che abbiamo definito `valutatore indipendente`: in parallelo ed in sinergia con i Servizi sociali del Comune, questo soggetto appronterà appositi audit familiari, in cui verranno evidenziate le tipologie e le dinamiche dei ruoli familiari e soprattutto una prima definizione delle `aspettative di vita` dei singoli membri - anche in relazioni ad eventuali `competenze` maturate in maniera informale ed al di fuori dei circuiti di riconoscimento -. A quest`analisi seguirà il vero e proprio bilancio delle competenze (già descritto in altre parti del formulario) e la costituzione delle `classi` per la fase `formativa` (comprensiva delle work experience) della sperimentazione.Al termine si offriranno alle persone formate due possibilità: o una permanenza nel mondo del lavoro (in questo caso l`azione dei Centri per l`impiego sarà concentrata nel monitoraggio sul medio-lungo periodo, onde impedire fenomeni di obsolescenza professionale); o lo start-up nel caso in cui si dovessero creare le condizioni favorevoli non solo alla nascita dell`impresa, ma anche alla sua sopravvivenza (ad esempio qualche elemento con spaccate doti di management) (anche in questo senso l`azione dei Centri per l`impiego si prolungherà oltre la durata di Equal per una necessaria funzione di assistenza tecnica nel medio-lungo periodo); o si prospetterà un inserimento delle persone qualificate negli appositi elenchi del collocamento presso i Centri per l`impiego. In quest`ultimo caso a prolungarsi sarà l`iniziativa dell`Osservatorio e soprattutto quella degli organismi di volontariato e del `valutatore indipendente`.

dot Top


Empowerment

 Between national partners

Text available in

Pur rispettando la specificità di ciascun partner (descritta in altra parte del formulario) sarà costituito un apposito Comitato di pilotaggio che avrà soprattutto un ruolo politico di verifica e monitoraggio delle attività,costruzione di rete con altri soggetti interessati all`iniziativa e un C T S di gestione(da un punto di vista scientifico, e didattico) dell`intero progetto.Il Comitato:adotterà tutte le decisioni più importanti in merito alla gestione, in particolare sull`eventuale affidamento di azioni a soggetti terzi, su procedure, sulla calendarizzazione del processo di mainstreaming, sulle valutazioni di impatto, sugli studi e ricerche discuterà ed adotterà i Documenti elaborati, procedendo ad una loro validazione anche in termini formali;adotterà le eventuali modifiche ed integrazioni di concerto con le autorità regionali e nazionali.Il Comitato nominerà nella sua seduta iniziale un Presidente e un Segretario ed adotterà un apposito Regolamento interno in cui vengono fissati i rapporti tra i singoli partner ed il `valutatore indipendente`, le norme di funzionamento dello stesso Comitato,i rapporti con il Responsabile del progetto. Insomma tutte le procedure necessarie al funzionamento del progetto ivi compresi gli atti formali che si riterrà opportuno produrre.La Provincia dell`Aquila svolgerà le funzioni di segreteria necessarie (convocazione e calendario delle riunioni, trasmissione in tempo utile della documentazione, comunicazioni, ecc.).Il Comitato tecnico scientifico si avvarrà del supporto di un esperto esterno rappresentante delle associazioni di volontariato ed i suoi membri parteciperanno attivamente alle varie fasi di realizzazione del progetto. Allo stesso Comitato, che si riunirà almeno quattro volte l`anno, parteciperanno esponenti di tutti i partner. Parteciperà alle sedute anche un rappresentante del valutatore indipendente. Alle sedute del Comitato parteciperà anche il Responsabile del progetto.Per ogni riunione verrà stilato un apposito verbale che sarà approvato nella seduta successiva. Ogni verbale conterrà l`elenco degli argomenti all`ordine del giorno, la discussione intervenuta, e le decisioni adottate. Qualora tali decisioni dovessero comportare ulteriori adempimenti formali (ad esempio adozione di apposite delibere da parte della Provincia o del Comune) di queste si terrà conto nella riunione immediatamente successiva.Infine sono previsti specifici Gruppi di lavoro tematici, che si riuniranno in maniera periodica. Tali gruppi sono destinati a sostenere un confronto continuo tra i partecipanti sui problemi da definire ed affrontare. A tali gruppi potranno essere ammessi, in considerazione degli argomenti discussi, anche rappresentanti o appartenenti al contesto socio-economico (e sarà, ad esempio il caso in cui si discuterà sull`adattamento della sperimentazione ad altre realtà comunali) o ad aspetti di carattere strategico-organizzativo (ad esempio la redazione di un POF da parte degli Istituti scolastici).

dot Top



Logo EQUAL

Home page
DP Search
TCA Search
Help
Set Language Order
Statistics