IMPORTANT LEGAL NOTICE
 

 EMERGERE - EMERSIONE E EMPOWERMENT DEI LAVORATORI E DELLE RETI ascii version

Italy

 
DP Managing organisation : ECIPA CAMPANIA ENTE DI FORMAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO DI EMANAZIONE DELLA CNA
Other national partners : CAMERA DEL LAVORO DI AVELLINO
CAMERA DEL LAVORO DI SALERNO
CAMERA DEL LAVORO METROPOLITANA DI NAPOLI
CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI AVELLINO
CENTRO DI RICERCA URBAN/ECO UNIVERSITA` DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II
CENTRO DI RICERCHE ECONOMICHE E SOCIALI PER IL MERIDIONE
CNA ASSOCIAZIONE PROVINCIALE DI AVELLINO
CNA FEDERAZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA
ENTE BILATERALE ARTIGIANATO CAMPANIA
ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA
PROVINCIA DI NAPOLI CITTA` METROPOLITANA
PROVINCIA DI SALERNO
UNIONE ITALIANA DEL LAVORO - CAMPANIA
EQUAL theme :Adaptability - Life long learning 
Type of DP :Geographical - Other - NAPOLI, AVELLINO, SALERNO 
DP Legal status :Association without legal form 
DP identification :IT-IT-G-CAM-040 
Application phase :Project ended 
Selection date :14-05-2002 
Last update :03-05-2002 
Monitoring: 2004   

Rationale

Text available in

Shadow economy (underground economy, informal economy) in developed countries is a consequence of the end of the fordism. Is a feature of the transition to the post-fordist society and European Commission started its concern in 1990, defining the shadow economy as a central item of the European strategy for the employment.
In 1998, an official communication concerning non-declared work was issued (COM 98 - 219).
In Italy, a central policy concerning non-declared work and shadow economy is co-ordinated by the `National Committee for the emergence of non-declared work`, in close linkage with local institutional instances (commissions of regions and provinces).
Field researches and the practising of the local development show that in most cases we are facing a phenomenon with two faces (especially in the local systems and districts of Southern Italy): presence of both irregularity and vitality/strength of either SMEs and work (typical and atypical). This is a clear symptom of a transition phase toward a post-fordist situation, following the three axes of knowledge, autonomy and risk.
The non yet resolved transition phase leads to a discriminating social and economic configuration:
· the requested growth of the knowledge applied to production;
· the necessity of a growing autonomy and (self) entrepreneurship in the work processes, irrespective of the nature of the work relation with the firm (dependent or independent work);
· the augmented risk level coming from the instability of work and the requested flexibility ;
represents, in absence of intervention, a situation of precariousness and serious socio-economical difficulty.
We have precarious work when the rising of the risk level is not accompanied by an augmented workers` capability of enhancing autonomy and knowledge.
The worker has to invest in continuous learning, new work tools and risk protection; the costs of this investment lead to a poverty situation, in terms of the A. Sen `deprivation of capabilities`.
In particular, we stress the difficulty of the worker (dependent or independent) in relation to the firm (`wild` flexibility, etc.) and the difficulty of the microfirm facing global markets and networks of outsourcing/sub contracting.
The target is:
· workers and microfirms;
· unskilled workers;
· atypical workers;
· unemployed people;
· women
in sectors and local systems characterised by an important risk of non declared work and shadow economy.

dot Top


Objective

Text available in

Starting from an obtained deep knowledge of target territories, obtained by field researches to be preliminarily conducted and continuously updated, monitored and in itinere evaluated, the project aims to design and implement actions in the following areas:
· Research, monitoring and evaluation
· Guidance, competencies and professional systems
· Organisation and networks
· Services and supports.
These areas represent operating divisions of a network of Development Centres to be built.
Areas will be adequately structured in terms of human and material resources, as well as focused education, obtained also from stages and direct contacts with national and international similar experiences.
One of the aims is to apply the concept of Professional System, born at a firm level, to the district of SMEs (clusters or local production systems).
Professional System is an architecture that designs and manages professions, professional roles and professional areas; it constitutes a social system, a people empowerment/development system and a production system.
Experimenting the implementation of an Area Professional System will mean to adopt an inter-firm approach (the local production system), guaranteeing a general perspective (linked to the sector) as well as a specific/peculiar one (related to the local context).
Users of the Area Professional Systems will be the workers of the district (dependent or independent; typical/atypical), firms and microfirms, Employment Centres, Chambers of Commerce, temporary work agencies, etc..
Area Professional System is the framework in which Development Centres will design and operate related services: education design, education and training, guidance, balance of competencies, services and supports to firms and microfirms, enterprise creation.

dot Top


Innovation


Nature of the experimental activities to be implemented Rating
Guidance, counselling ****
Training ****
Training on work place ***
Employment aids (+ for self-employment) ***
Integrated measures (pathway to integration) **
Employment creation and support ***
Improvement of employment services, Recruitment structures **
Conception for training programs, certification ****
Work organisation, improvement of access to work places ****
Awareness raising, information, publicity **
Studies and analysis of discrimination features ****

Type of innovation Rating
Process-oriented ****
Goal-oriented ****
Context oriented ****

Text available in

Emergere project shows an high presence of innovation related to processes, goals and context.
Processes:
· Operational and methodological link between field socio-economic research (co-ordinated by the University), aimed at representing the characteristics of the districts and the local production systems, and the design and implementation of actions and activities (education, services, etc.);
· Use, for districts and local systems, of the management tool represented by the Area Professional System, a tool that till now has been used and applied in single firm realities and that, in this project, is designed and applied in an inter-firm context;
· Rethinking, in context of local production system and Area Professional System architecture, of the typical adaptability policy tools (continuous learning, education, guidance and balance of competencies).
Goals:
· Building of professional profiles and related services looking for the equilibrium between generality (related to sector characteristics) and specificity (particular configurations of local networks of firms, local practices, local tacit knowledge);
· Linkage of spin-off and enterprise creation initiatives with locally defined opportunities, thanks to the previous field research;
· Integrated use of guidance and balance of competencies with the support to self entrepreneurship;
· Support and promotion to the inter-firm co-operation and the creation of consortia, as tools for enhancing performances of microfirms and autonomous (atypical) workers.
Context:
Involvement of the project in the issues of the transition phase to a post-fordist configuration of the labour market and the local networks of small and medium enterprises.




dot Top


Budget Action 2

1 500 000 – 2 000 000 €

dot Top


Beneficiaries


Assistance to persons 
Unemployed  25.0%  25.0% 
Employed  25.0%  25.0% 
Others (without status, social beneficiaries...)  0.0%  0.0% 
  100.0% 
 
Migrants, ethnic minorities, …  0.0%  0.0% 
Asylum seekers  0.0%  0.0% 
Population not migrant and not asylum seeker  50.0%  50.0% 
  100.0%
 
Physical Impairment  0.0%  0.0% 
Mental Impairment  0.0%  0.0% 
Mental Illness  0.0%  0.0% 
Population not suffering from a disability  50.0%  50.0% 
  100.0% 
 
Substance abusers 0.0%  0.0% 
Homeless  0.0%  0.0% 
(Ex-)prisoners  0.0%  0.0% 
Other discriminated (religion, sexual orientation)  0.0%  0.0% 
Without such specific discriminations  50.0%  50.0% 
  100.0% 
 
< 25 year  10.0%  10.0% 
25 - 50 year  35.0%  35.0% 
> 50 year  5.0%  5.0% 
   100.0% 

Assistance to structures and systems and accompanying measures Rating
Gender discrimination **
Support to entrepreneurship ***
Discrimination and inequality in employment ****
Low qualification ***
Unemployment ****

dot Top


Empowerment

 

 With beneficiaries

Participation
Participation in the project design
Participation in running and evaluating activities
Changing attitudes and behavior of key actors

Text available in

Beneficiaries` involvement will happen by means of several mechanisms:
· Socio-economic research, by means of which the project will pursue a deep contact with actors and key informants that will be asked not only to describe their situation, but also to delineate possible solutions and actions to implement;
· A joint individuation, with workers and firms, directly or by means of their representatives, of problems and needs;
· Joint validation, with workers and firms, directly or by means of their representatives, of the Area Professional Systems;
· Partnership with interested actors in the design of spin-off and enterprise creation processes;
· Participatory methods in designing and delivering of guidance, balance of competencies and education services.

 

 Between national partners

Text available in

The project`s activities management is based on the principles of responsibility and sharing of decision making.
A detailed program of national and international activities is defined by ECIPA (the development partnership representative) and validated by the conference of the partnership.
The program contains a detailed definition of single responsibility of the various actions, as well as the requested activities to the partners not directly responsible of determined activities.

dot Top


Transnationality

 

 Linguistic skills

  • English
  • español (castellano)
  • français
  • italiano

 Percentage of the budget for transnational activities

  • 9.4%

 Transnational Co-operation Partnerships

Transnational Co-operation Agreement DPs involved
868 MEDITERRANET.EU ES ES404
GR 200921
PT 2001-222

dot Top


Background

 

 Involvment in previous EU programmes

  • Two and more partners involved in A&E

dot Top


National Partners


Partner To be contacted for
ECIPA CAMPANIA ENTE DI FORMAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO DI EMANAZIONE DELLA CNA Co-ordination of experimental activities
Design of the project
DP managing organisation
Evaluation
Monitoring, data collection
Transnational partnership
CAMERA DEL LAVORO DI AVELLINO
CAMERA DEL LAVORO DI SALERNO
CAMERA DEL LAVORO METROPOLITANA DI NAPOLI
CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI AVELLINO
CENTRO DI RICERCA URBAN/ECO UNIVERSITA` DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II
CENTRO DI RICERCHE ECONOMICHE E SOCIALI PER IL MERIDIONE
CNA ASSOCIAZIONE PROVINCIALE DI AVELLINO
CNA FEDERAZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA
ENTE BILATERALE ARTIGIANATO CAMPANIA
ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA
PROVINCIA DI NAPOLI CITTA` METROPOLITANA
PROVINCIA DI SALERNO
UNIONE ITALIANA DEL LAVORO - CAMPANIA

dot Top


Agreement Summary

Text available in

a) The responsibility for the orienteering and the management of the partnership has been assigned to the ECIPA CAMPANIA, as can be seen by Cooperation Agreement included with this model form. A general coordinating commission will be installed in Naples which will be concerned with the organizational methods to be adapted, including the intent the involve totally all the participating partners during the length of the project. The purpose of this commission will be to examine periodically (every 4-6 months) the activities foreseen in the the project EMERGERE, to exchange information regarding the activities carried out and to contribute in defining, during the actual working period, the definite goals of the project. An executive board will be constituted to carry out the goals and programs of the project and it will be situated within the headquarters of the Coordinating Committee.
A territorial coordinating committee will be constituted in the sub-areas singled out in three provinces, involving all the partners that will operate in a particular sub-area. The administrative offices will be on the premises of the EMERGERE CENTRES that will be constituted for the purpose and all activities programmed for the area will take place in the same place. The site chosen for the administrative offices will be also be the setting for all the training and educational sessions, as well as for all the other services included in the project.
A Scientific-Technical Committee will be established in order to coordinate the research and surveying activities, as well as the management, the development and analysis of the final results, even though the ultimate responsibility remains with the URBAN-ECO, the Interdepartmental Centre of the University of Naples.

b) the assignment of the responsibilities are as follows:
· national contracts: ECIPA Campania
· management of the relationships with the referring Admininistrations: ECIPA Campania
· management and control of the financial resources: ECIPA Campania
· self-evaluation and monitoring: University of Naples
· organization, programming and analysis of the research and resulting data: University of Naples
· management of the research program: University of Naples and CRESM Campania
· training and educational activities: University of Naples and ECIPA Campania
· constitution and functioning of programming committees in the three sub-areas singled out in the project: Provincial Administration of Naples, Provincial Administration of Salerno, Chamber of Commerce of Avellino, and all other partners
· territorial coordination: all partners within the specific territories
· management of the Emergere Centres: ECIPA Campania
· assignment of the services provided by the Emergere Centres: ECIPA Campania, OBR, EBAC, the CGIL of the province of Naples, Salerno and Avellino, UIL Campania, the regional CNA, the CNA of Avellino

c) the relations with the referring Administrations with regards to the organization and management will be held by Dr. Domenico Delli Carri on behalf of the referring office. DR. Delli Carri is coordinator of the project and of the personnel involved in the project Emergere.

d) the management of the financial contributions will be carried out by a computerized accounting centre; it will be listed by cost centres and by means of an appropriate accounting code relating all the items considered in the project (rule CE n. 1260/99, art. 34 point 1, letter e). The administrative and financial management will be entrusted to the administrative personnel of ECIPA Campania and external consultants, in absolute respect for the provisions set out by European Community and Regional Governments. The administrative staff of ECIPA Campania has, through the years, accumulated considerable experience, in view of the fact that it has carried out various projects in the region of Campania: IREENOW/0113/N, which involved the constitution of a national network of service and support centres for female employment and entrepreneurship; YOUTHSTART IC/0818/Y `Nuovi Percorsi`, promoted by the Municipal Administration of Quarto; ADAPT bis, n. 1239/A2/REG, for the promotion of the PMI (small and medium enterprises) in Campania, for the diffusion and the use of new computer and telematic technologies; INTEGRA 2197/E2/1/R, promoted by the Provincial Administration of Avellino, Nuovi Orizzonti Occupazionale in Irpinia;

e) the referring subject and the partners accept the fact that the results of the activities (products, instruments, methods, etc.) will be of public domain;

f) all the partners will be involved for the entire length of the project in all the aspects of its execution. All the partners in fact, they will all be part of a coordinating office operating on a regional basis, situated in Naples, which will in turn assign supervising commissions for the various areas of action considered in the Project Emergere. The commissions will, during the realization of the project establish the final goals. Regarding the research and survey, the primary responsibility remains with the University of Naples, which will set up a Scientific and Technical Committee to care for the programming and analysis of the results.

g) in all other preceding experiences with national partnerships, ECIPA Campania and the other components of the PS have always shown great capacity to work in an environment where the key factors were co-operation, networking, and diffusion of the final results. The relationship with partners of other countries (Centre d`occuopacio municpal ecccc.) has always been positive, which has given way to a continuous interchange of information and experiences which has enriched the capabilities of each Board and vocational centre as regards to the understanding of the processes of economic and social development within Europe and regarding the operation of vocational activities which have as their ultimate goal the increase in local and national employment.




Last update: 03-05-2002 dot Top


ECIPA CAMPANIA ENTE DI FORMAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO DI EMANAZIONE DELLA CNA

(E.C.I.P.A. CAMPANIA)
CENTRO DIREZIONALE ISOLA G5
80143 NAPOLI
-----------------------

Tel:0817877657
Fax:0817877667
Email:CNACAMP@TIN.IT

 
Responsibility in the DP: Co-ordination of experimental activities
Design of the project
DP managing organisation
Evaluation
Monitoring, data collection
Transnational partnership
Type of organisation:Education / training organisation
Legal status:Private
Size:Staff 10-50
NUTS code:NAPOLI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

ECIPA Campania is a non profit education organisation, affiliated to CNA (National Artisans` Confederation).
ECIPA`s activities:
· Design and realisation of studies about guidance, education, vocational training for entrepreneurs, workers and unemployed;
· Realisation of activities aimed at the improvement of the artisans` education;
· Organisation and management of training, education, re-qualification courses for artisans and SMEs.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
DELLI CARRI DOMENICO 0817877657 mdellicarri.na@cna.it In the development partnership, he will play the role of co-ordinator

Last update: 03-05-2002 dot Top


CAMERA DEL LAVORO DI AVELLINO

(CGIL AVELLINO)
VIA DANTE 26
83100 AVELLINO
---------------

Tel:0825/26192
Fax:0825/26192
Email:-------------------------

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Trade Union
Legal status:Private
Size:Staff 10-50
NUTS code:AVELLINO
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

CGIL - Province of Avellino is the provincial branch of the Italian General Confederation of the Work, one of the major national confederations of the workers` trade unions.
CGIL - Province of Avellino is actively involved in the regional activities of negotiation and development.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
RUSOLO RAFFAELE 0825/26192 --------------- Member of the Co-ordination Committee and of the zone committee

Last update: 03-05-2002 dot Top


CAMERA DEL LAVORO DI SALERNO

(CGIL SALERNO)
VIA SABATO ROBERTELLI 19/A
84100 SALERNO
--------------------

Tel:089726211
Fax:089726202
Email:salerno@mail.cgil.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Trade Union
Legal status:Private
Size:Staff 10-50
NUTS code:SALERNO
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

CGIL - Province of Salerno is the provincial branch of the Italian General Confederation of the Work, one of the major national confederations of the workers` trade unions.
CGIL - Province of Salerno is actively involved in the regional activities of negotiation and development.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
MORRONE FAUSTO 089726211 ----------------------- Member of the Co-ordination Committee and of the zone committee

Last update: 03-05-2002 dot Top


CAMERA DEL LAVORO METROPOLITANA DI NAPOLI

(CGIL NAPOLI)
VIA TORINO 16
80142 NAPOLI
www.cgilnapoli.it

Tel:081/7856214
Fax:081/261885
Email:napoli@mail.cgil.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Trade Union
Legal status:Private
Size:Staff 10-50
NUTS code:NAPOLI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

CGIL - City of Naples is the provincial branch of the Italian General Confederation of the Work, one of the major national confederations of the workers` trade unions.
CGIL - City of Naples is actively involved in the regional activities of negotiation and development.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
DE MARI GUSTAVO 081/7856214 napoli@mail.cgil.it Member of the Co-ordination Committee and of the zone committee

Last update: 03-05-2002 dot Top


CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI AVELLINO

(C.C.I.A.A.)
Piazza Duomo 5
83100 Avellino
--------------------

Tel:0825/6941
Fax:0825/694312
Email:---------------------

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Chamber of commerce/industry/crafts
Legal status:Public organisation
Size:Staff 50-250
NUTS code:AVELLINO
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Functions of the Avellino Chamber of Commerce:
· Promotion of the development of the province and the enterprises (technical support, consultancy, education, studies, innovation, internationalisation;
· Administrative functions (registrars` management, certifications, authorisations, licences);
· Market regulation and control (standard contracts, unfair competition, conciliation, extra judicial resolution of controversies).



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Carrino Antonio 0825/6941 antonio.carrino@av.camcom.it Member of the Co-ordination Committee. Diffusion of results.

Last update: 03-05-2002 dot Top


CENTRO DI RICERCA URBAN/ECO UNIVERSITA` DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

(------------)
VIA ROMA 402
80134 NAPOLI
-----------

Tel:081/7909911
Fax:081/7909951
Email:-----------------

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:University / Research organisation
Legal status:Public organisation
Size:Staff < 10
NUTS code:NAPOLI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Research Centre Urban-Eco of the Naples University is involved in
· Studies and analysis about territory in order to discover, analyse and improve local production system with risks of non declared work and informal economy
· Research aimed at knowledge and improvement of architectural and environmental assets
· Programs of urban planning and qualification.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Baculo Adriana 081/7909911 ------------------ Member of the Co-ordination Committee. Research director.

Last update: 03-05-2002 dot Top


CENTRO DI RICERCHE ECONOMICHE E SOCIALI PER IL MERIDIONE

(C.R.E.S.M.)
VIA O. DE MAIO 53
83047 LIONI
www.aracne.it

Tel:0827/42488
Fax:0827/270942
Email:cresm@aracne.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Other
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:AVELLINO
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

CRESM Campania CRESM is involved in
· design and implementation of projects and activities aimed at the local sustainable development by means of economic, social and cultural analysis,
· social and economic animation, aimed at the improvement of the participatory practice of social and institutional actors,
· design and implementation of development projects and plans,
· design and management of education and training activities.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
SALZARULO MARIO 0827/42488 cresm@aracne.it Member of the Co-ordination Committee. Collaboration for research and education

Last update: 03-05-2002 dot Top


CNA ASSOCIAZIONE PROVINCIALE DI AVELLINO

(C.N.A. AV)
Via Pironti 37
83100 Avellino
-----------------------

Tel:0825783308
Fax:0825270912
Email:-----------------------

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Employers' organisation
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:AVELLINO
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

National Confederation of Artisans - Province of Avellino
CNA is a national association of artisans and small enterprises.
Aims:
a) promotion and organisation of advising, consulting, support and information services for affiliated firms and entrepreneurs;
b) organisation of studies, researches, meetings and conventions on institutional, economic and social themes;
c) promotion of the social assistance to artisans and their families;
d) initiatives aimed at the development and the modernisation of the firms;
e) interests` representation of the affiliated.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
FIERRO LUCIO 0825783308 ------------------- Member of the Co-ordination Committee and of the zone committee

Last update: 03-05-2002 dot Top


CNA FEDERAZIONE REGIONALE DELLA CAMPANIA

(CNA CAMPANIA)
VIA G. PORZIO - CENTRO DIREZIONALE ISOLA G5
80143 NAPOLI
--------------------

Tel:0817877668
Fax:0817877667
Email:vdisarno.na@cna.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Employers' organisation
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:NAPOLI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

National Confederation of Artisans - Campania Region
CNA is a national association of artisans and small enterprises.
Aims:
a) promotion and organisation of advising, consulting, support and information services for affiliated firms and entrepreneurs;
b) organisation of studies, researches, meetings and conventions on institutional, economic and social themes;
c) promotion of the social assistance to artisans and their families;
d) initiatives aimed at the development and the modernisation of the firms;
e) interests` representation of the affiliated.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
DI SARNO VINCENZO 0817877668 vdisarno.na@cna.it Member of the Co-ordination Committee and of the zone committee

Last update: 03-05-2002 dot Top


ENTE BILATERALE ARTIGIANATO CAMPANIA

(E.B.A.C.)
Piazza Garibaldi 80
80142 NAPOLI
www.ebac-campania.org

Tel:081/5535405
Fax:081/204700
Email:infoebac@iol.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Other
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:NAPOLI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Bilateral Organisation of the Artisans - Campania Region
EBAC is an organisation composed by representatives of artisans and small firms and representatives of the workers.
Aims:
a) provision of welfare services foreseen by national agreements
b) management of further welfare services negotiated by social partners
c) promotion and organisation of educational and training services
d) provision of sustains to the income of the artisans facing economic difficulties
e) promotion and management of local pacts between social partners



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
MILO BRUNO 081/5535405 ebac.milo@libero.it Member of the Co-ordination Committee and of the zone committee

Last update: 03-05-2002 dot Top


ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA

(OBR CAMPANIA)
PIAZZA DEI MARTIRI 58
80121 NAPOLI
www.obrcampania.it

Tel:0815836148
Fax:081423096
Email:info@obrcampania.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Other
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:NAPOLI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Regional Bilateral Organisation - Campania, is an organisation composed by representatives of regional industrial organisations affiliated to Confindustria ( the national representative of industrial firms) and representatives of the regional trade unions affiliate to CGIL-CISL-UIL (the major national confederations of the workers` trade unions).
The main concern of EBAC is about the bettering of the educational and training system, as well as the promotion of modern guidance and qualification systems and the promotion and management of local pacts between social partners.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
BARTOLO FULVIO 0812252410 --------------------- Member of the Co-ordination Committee and of the zone committee

Last update: 03-05-2002 dot Top


PROVINCIA DI NAPOLI CITTA` METROPOLITANA

(-------------------)
PIAZZA MATTEOTTI 1
80134 NAPOLI
provincianapoli@it

Tel:081/7949111 - 562017 - 5522532
Fax:081/5522708
Email:presidenteprovinciadinapoli@it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Public authority (national, regional, local)
Legal status:Public organisation
Size:>250
NUTS code:NAPOLI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Province of Naples has the functions foreseen by the 142/90 law and the ones assigned by state and region laws. Province plays the role of promoting social and economic development by means of a programming and operational activity particularly in the fields of the territory, environment, public health, education and training.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
VELARDI SALVATORE 081/7949111 ------------------- Member of the Co-ordination Committee. Diffusion of results.

Last update: 03-05-2002 dot Top


PROVINCIA DI SALERNO

(--------------------)
VIA ROMA
84100 SALERNO
-------------------

Tel:089/234812
Fax:089/514320
Email:----------------------

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Public authority (national, regional, local)
Legal status:Public organisation
Size:>250
NUTS code:SALERNO
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Province of Salerno has the functions foreseen by the 142/90 law and the ones assigned by state and region laws. Province plays the role of promoting social and economic development by means of a programming and operational activity particularly in the fields of the territory, environment, public health, education and training.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
ESPOSITO ALBERTO 089/234812 ------------------- Member of the Co-ordination Committee. Diffusion of results

Last update: 03-05-2002 dot Top


UNIONE ITALIANA DEL LAVORO - CAMPANIA

(UIL CAMPANIA)
PIAZZALE IMMACOLATELLA NUOVA 5 - VARCO DUOMO DEL PORTO
80133 NAPOLI
www.uilcampania.it

Tel:0812252411
Fax:0815534453
Email:polav@uilcampania.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Trade Union
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:NAPOLI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

UIL - Campania Region is the regional branch of the Italian Union of the Workers, one of the major national confederations of the workers` trade unions.
UIL Campania is actively involved in the regional activities of negotiation and developme



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
REA ANNA 0812252429 uil-polav@mbox.itb.it Member of the Co-ordination Committee and of the zone committee

Last update: 03-05-2002 dot Top



 
 
 
 

 
 
 
 

 
 
 
 
Warning! This section is not meant to be read directly, but rather be navigated through from the main page above.
 
 
 
 

EMERGERE - EMERSIONE E EMPOWERMENT DEI LAVORATORI E DELLE RETI

Rationale

Text available in

1) il fenomeno `economia sommersa` nei paesi sviluppati appare un chiaro portato della fine del modello sociale e produttivo di tipo fordista. Insieme al proliferare di studi e stime sul fenomeno è cresciuta, in questi anni, l`attenzione dei governi europei e della commissione u.e, alla ricerca di possibili politiche di accompagnamento di tale fase di transizione. A partire dal 1990, la commissione europea ha cominciato ad occuparsi del problema; tra il 1998 e il 1999 ha definito il sommerso come questione centrale della strategia europea per l`ocupazione; è del 1998 una comunicazione ad hoc riguardante il lavoro non dichiarato (1). Le politiche di intervento italiane culminavano con l`attività del comitato per l`emersione del lavoro non regolare presso la presidenza del consiglio e delle articolazioni territoriali (commissioni regionali e provinciali) previste dalla legge istitutiva (448/98).
2) sono note le difficoltà di stima dell`economia sommersa. Gli studi di Schneider e Enste (2) collocano l`Italia al secondo posto nella classifica di economia sommersa in percentuale del pil (27,3%), preceduta dalla Grecia (28,3%) e seguita da vicino dalla Spagna (23,1%). In posizioni migliori l`Austria (8,9%), gli Usa (8,8%) e la Svizzera (8,1%). Esiste molta discussione sui metodi di stima, e ancora maggiori difficoltà si riscontrano laddove dalle stime generali sull`entità del sommerso come percentuale del pil si passi ad una valutazione dell`entità del sommerso in termini occupazionali. L`IRES, a partire da dati istat e svimez stima, per il 1999, una percentuale di occupazione irregolare che, a seconda degli elementi considerati, va dal 14,4% al 22,4% per l`Italia e dal 26,1% al 33,4% per il Mezzogiorno (3). All`interno del Mezzogiorno, lo studio IRES stima per la Campania un dato di tasso di irregolarità (come % sulle unità di lavoro totali) superiore alle medie in tutti i settori di attività economica (agricoltura: campania 84,9, mezzogiorno 84,7; industria: Campania 42,5, Mezzogiorno 41,8; servizi: Campania 24,4, Mezzogiorno 21,8).
Anche in questo caso, molte sono le discussioni e le incertezze sulle stime. Per giungere a considerazioni a livello provinciale, facciamo riferimento ad un altro approccio, promosso dal comitato nazionale per l`emersione, che, a partire da dati amministrativi (inps, inail e progetto excelsior unioncamere), stima le percentuali di lavoro regolare (4). Da tale studio si evince, per il 1997, un tasso di occupazione regolare in italia (46,4%) significativamente lontano dall`obiettivo europeo (70%). Guardando alla situazione regionale, le quattro regioni meno favorite sono la Calabria (27,3%), la Campania (30,1%), la Sicilia (30,2%) e la Puglia (33,3%); l`Italia, pertanto, mostra uno stato di squilibrio sia interno che rispetto all`Europa. Le tre province del bacino di riferimento risultano tra le prime 25 in Italia per scostamento dall`obiettivo stabilito in sede comunitaria: Napoli: 47,2 %, Salerno = 43,5% e Avellino: 40,8%. (5).
3) insieme al crescere dell`attenzione rispetto al fenomeno dell`economia sommersa, studi pionieristici e ricerche sul campo condotte con metodologie di indagine socio-economica diretta nei singoli contesti locali mostravano una realtà meridionale significativamente diversa dalla rappresentazione convenzionale di un sud sottosviluppato ed afflitto da un tasso di disoccupazione a livelli drammatici (6). Le ricerche dell`Università di napoli, coordinate dalle cattedre di politica economica (L.Meldolesi) ed economia dello sviluppo (L.Bàculo), mostravano, con particolare riferimento alla Campania, ma rivelando `segni di industrializzazione leggera` in tutto il Mezzogiorno, una situazione socio-economica vivacissima e la presenza di realtà di piccola e media impresa a carattere distrettuale che riuscivano ad avere un peso significativo a livello nazionale ed internazionale (7). La ricerca sul campo mostra, in generale, la coesistenza di situazioni di grande vivacità economica insieme a fenomeni diffusi di sommerso, nelle varie accezioni di sommerso di impresa e di lavoro e attraverso l`intera gamma di tonalità, dal grigio al nero, con massima frequenza del semi-sommerso.
4) l`insistenza dei due fenomeni (irregolarità e vitalità/potenzialità delle pmi e del lavoro, tipico e atipico), sono il sintomo di una fase di transizione ad una situazione post-fordista lungo i tre assi dell`intelligenza, dell`autonomia e del rischio, secondo la definizione di rullani (8). La fase ancora irrisolta di transizione è giunta a configurare una situazione di discriminazione: - l`aumento richiesto nel patrimonio di conoscenze da applicare nei contesti produttivi (intelligenza), - la necessità di disporre di capacità di intervento autonomo, consapevole e (auto)imprenditoriale nei processi lavorativi, a prescindere dalla tipologia (dipendente o indipendente) del legame con l`impresa (autonomia), - l`innalzamento del livello di rischio derivante dall`instabilità del rapporto di lavoro (tipico e atipico) e dal diffondersi delle richieste di flessibilità, rappresentano uno stadio del processo di transizione che, lasciato a se stesso, configura una situazione di precarizzazione e di grave difficoltà socio-economica. I costi maggiori di investimento che dovrebbe sostenere il lavoratore tipico e atipico per: - la qualificazione, riqualificazione e il continuo aggiornamento professionale, - l`adeguamento della propria logistica e degli strumenti di lavoro,
- la previdenza e la protezione dai rischi di inattività e la ricerca di nuovi lavori e nuove opportunità,
Conducono a situazioni di difficoltà/discriminazione e povertà, nel significato ampio di `privazione di capacità (capabilities)` messo a punto da a.sen (9). Esiste, in altri termini, una forte difficoltà a raggiungere e a mantenere la capacità di vivere il ruolo di lavoratore (tipico o atipico) così come è richiesto dal nuovo contesto socio-economico, fino a raggiungere dei veri e propri stati di esclusione. Le situazioni di economia e lavoro irregolari (nella forma prevalente di lavoro semi-sommerso) rappresentano un forte aggravamento di tale stato di fatto in quanto aggiungono un`ulteriore privazione di capability costituita dalla forte difficoltà, a partire da uno status illegale e/o non regolare, ad intraprendere processi di fuoriuscita dallo stato di disagio, oltre a configurare debolezze specifiche, a livello aziendale e individuale, nella partecipazione ai mercati (delle merci e del lavoro). In situazioni di sommerso, particolari debolezze sono rappresentate, dal punto di vista sia del lavoratore che dell`impresa, da situazioni di maggiore subordinazione: - del lavoratore (tipico e atipico) nei confronti dell`impresa (flessibilità `selvaggia`, ecc.) - dell`impresa e della micro-impresa nei confronti del mercato, delle reti e delle filiere (produzioni `povere` di fase, accentuato decentramento, polverizzazione delle iniziative, ecc.). Ciò si unisce ad una grande difficoltà a relazionarsi con enti e istituzioni di rappresentanza, oltre che ad un`incapacità e difficoltà a costruire relazioni orizzontali (consorzi tra imprese, cooperazione, ecc.). Nuovi strumenti di intervento e di sostegno, pensati e gestiti da attori pubblici e privati, debbono far fronte in maniera coordinata e innovativa a tali nuove problematiche, producendo beni pubblici e capitale sociale che sostengano e aiutino le capacità dei sistemi locali di gestire e potenziare le competenze professionali, da una parte, e la partecipazione sempre più qualificata ai mercati di sbocco, dall`altra.
------------------------------------------------
Note:
(1) comunicazione della commissione sul lavoro non dichiarato, com (98) - 219.
(2) Schneider, f., d.h. enste, shadow economies: size, causes and consequences, journal of economic literature, vol. Xxxviii, 2000.
(3) C.Tartaglione, riallineamento e sommerso nel mezzogiorno, ires-cgil, 2001.
(4) L. Meldolesi, presentazione, in l`occupazione regolare in italia: uno spaccato occupazionale delle province italiane; ricerca condotta per conto del comitato per l`emersione del lavoro non regolare presso la presidenza del consiglio; gennaio 2001.
(5) ibidem
(6) Luca Meldolesi e Valeria Aniello (a cura di), l`Italia che non c`è: quant`è, dov`è, com`è?, in rivista di politica economica, viii-ix, agosto-settembre 1998, x-xi, ottobre-novembre 1998; L.Meldolesi, dalla parte del sud, Laterza, 1998.
(7) molti studi successivi confermano la presenza, al Sud e in Campania, di realtà di tipo distrettuale o, comunque, caratterizzate dalla presenza di piccole e medie imprese attive e vivaci, specie nei settori del made in Italy, e con alte capacità esportative. Si veda, ad esempio, G.Bodo, G.Viesti, la grande svolta, Donzelli, 1998, G.Viesti (a cura di), Mezzogiorno e distretti, Donzelli, 2000, L.Baculo, S.Gaudino, Impresa, territorio, sviluppo economico: verso i distretti industriali in campania?, edizioni scientifiche italiane, 2000. Sulla politica di emersione come politica di sviluppo e riscatto sociale ed economico vedi: L.Meldolesi, occupazione e emersione: nuove proposte per il Mezzogiorno d`Italia, Carocci, 2000 e L.Meldolesi, sud: liberare lo sviluppo, Carocci, 2001.
(8) E.Rullani, L.Romano, Postfordismo. Idee per il capitalismo prossimo venturo, etas libri, 1998.
(9) A. Sen, Lo sviluppo è libertà, Mondadori, 2000 (ed. Originale 1999).

dot Top


Objective

Text available in

A partire dalla conoscenza socio-economica puntuale dei territori che costituiscono il target dell`intervento, ottenuta attraverso ricerche sul campo da svolgersi in via preliminare e da aggiornare in via continuativa, nella forma di monitoraggio e valutazione in itinere, si passa alla progettazione ed all`implementazione di interventi nelle seguenti aree:
·area ricerca, monitoraggio e valutazione
·area orientamento, competenze e sistemi professionali
·area organizzazione e reti
·area servizi e supporti.
Tali aree costituiscono le divisioni operative della rete dei centri di sviluppo. A valle della progettazione puntuale degli interventi, e prima dell`implementazione operativa, le aree saranno strutturate in maniera adeguata in termini di risorse umane e materiali e di formazione ad hoc, ottenuta anche attraverso stages e contatti diretti con esperienze nazionali e internazionali su argomenti similari. In particolare, per quanto riguarda l`area orientamento, competenze e sistemi professionali, sarà ricercato il collegamento con esperienze nazionali maturate all`interno delle i.c. occupazione e adapt e riguardanti bilancio di competenze e modalità innovative di orientamento, con l`obiettivo di compiere passi in avanti nella direzione del coinvolgimento degli attori sociali locali nella costruzione di sistemi professionali di area.si cercherà, in particolare, di applicare, innovativamente, ad un`area territoriale (di tipo distrettuale) il concetto di sistema professionale, strumento gestionale nato e applicato all`interno di singole aziende.il sistema professionale è un`architettura gestionale che progetta e gestisce professioni, ruoli professionali e aree professionali; esso costituisce, insieme, un sistema sociale, un sistema di gestione e sviluppo/empowerment delle persone, un sistema di produzione (1).la definizione di un sistema professionale di area richiede un processo di studio e condivisione, da parte degli attori che agiscono nel sistema locale/distretto, dell`architettura del sistema. In tale fase è imprescindibile il contributo conoscitivo dato dallo studio socio-economico del territorio. Gli attori (in primis lavoratori e imprese, anche attraverso le loro rappresentanze), a valle di una fase di condivisione e concertazione, saranno chiamati ad un ruolo di validazione e di gestione del sistema, in termini di suo continuo miglioramento ed adattamento.la sperimentazione di un sistema professionale di area dovrà caratterizzarsi attraverso un approccio sovra-aziendale, avendo come riferimento il sistema locale/distretto; in ciò dovrà garantire elementi di generalità (relativi al settore di riferimento) e di specificità/peculiarità (relativi agli elementi caratterizzanti il contesto locale) per quanto riguarda la definizione della professione nei suoi elementi costitutivi:· ruolo professionale (compiti, relazioni, obiettivi),· contesto di riferimento (processo, organizzazione, tecnologia)· struttura della professione (requisiti professionali, riconoscimento sociale).gli utilizzatori del sistema professionale di area saranno i lavoratori appartenenti al distretto/sistema locale, indipendentemente da status e tipologia contrattuale (dipendente o indipendente, tipico o atipico, emerso o (semi)sommerso), le imprese e, per aspetti connessi a compiti istituzionali, i centri per l`impiego, le camere di commercio e le agenzie di lavoro temporaneo.il sistema professionale di area costituirà il quadro di riferimento e lo strumento guida attraverso il quale i centri di sviluppo emergere progetteranno ed erogheranno i servizi di supporto connessi.generalità e specificità caratterizzeranno, in ugual modo, anche la progettazione dei servizi connessi, in primis la progettazione della formazione (unità formative capitalizzabili), la definizione di moduli formativi on-the-job ed il servizio di bilancio di competenze.il bilancio di competenze, collegato al sistema professionale di area, rappresenterà un sistema di supporto al lavoratore (dipendente o indipendente, tipico o atipico, emerso o (semi)sommerso) che intenda certificare il proprio status professionale e/o disegnare un percorso di sviluppo, formazione e empowerment in relazione al contesto socio-economico locale. Tale contesto avrà prodotto un`architettura di riferimento e dei servizi collegati che sono, ad un tempo, condivisi e basati su bisogni e specificità locali, oltre a contenere una necessaria base `generalista`: in ciò consisterà una maggiore garanzia di efficacia delle azioni orientative e di sviluppo. Il sistema professionale di area, in tal modo, diventerà un punto di riferimento ed uno strumento di crescita per lavoratori e imprese del territorio, dando alle azioni di sostegno e sviluppo una logica di sistema e di integrazione.da sottolineare il particolare carattere di incentivo indiretto all`emersione che le attività formative rivolte agli occupati rivestono; il progetto, nel prevedere, per i lavoratori occupati in via regolare, un rimborso alle aziende che aderiscono ai progetti formativi, spinge, con un ulteriore elemento di favore, alla regolarizzazione ed emersione di forza lavoro; l`interesse che le aziende mostreranno alle attività formative sarà tanto più alto quanto più, in sede locale ed in prossimità delle realtà di tipo distrettuale, si sarà progettato un sistema professionale di area realmente aderente alle richieste ed alle opportunità che la realtà locale avrà manifestato.nell`area organizzazione e reti sarà ricercato, in particolare, il collegamento con esperienze nazionali ed europee di spin-off programmato (2), allo scopo di implementare tale azione in relazione all`individuazione concertata dei sistemi professionali di area (e servizi connessi) ed allo studio delle caratteristiche delle reti di sub-fornitura esistenti (e relative opportunità di crescita e miglioramento). Sarà data, inoltre, particolare rilevanza alle azioni finalizzate a promuovere l`associazionismo (creazione di consorzi fidi, acquisti, marchi e disciplinari, ecc.) Ed alla promozione del miglioramento delle reti di sub-fornitura esistenti. Caratteristica di quest`area di intervento è la ricerca del rafforzamento della presenza degli attori nelle reti, superando, insieme, subordinazione e polverizzazione. La spinta e la promozione all`associazionismo ed alla cooperazione (di micro e piccole imprese e di lavoratori atipici) avrà l`obiettivo di migliorare le performances nelle reti e sui mercati, di sperimentare forme organizzative agili e ben inserite nei sistemi locali ed anche di ricercare forme di protezione dai rischi di inattività. Tale ultimo obiettivo si potrà raggiungere in via indiretta - attraverso il potenziamento delle strutture produttive e la crescita delle iniziative in cooperazione - ed in via diretta - attraverso la sperimentazione di fondi di solidarietà e di assicurazione, sulla falsariga delle iniziative degli enti bilaterali, con i quali si cercherà collaborazione e sinergia.l`area servizi e supporti servirà in maniera trasversale tute le altre attività, mirando principalmente a promuovere un approccio collettivo e non polverizzato per quanto riguarda l`accesso ai servizi (qualità, sicurezza, internazionalizzazione, alfabetizzazione informatica, ecc.) Da parte di micro e piccole imprese e di singoli lavoratori autonomi.gli interventi saranno tutti progettati a partire da analisi conoscitive e con il coinvolgimento degli attori locali, sia attraverso gli organismi di rappresentanza che in maniera diretta, associando nella progettazione gli attori interessati all`implementazione delle azioni. Ciò sarà reso possibile anche dalle modalità di ricerca e analisi sul campo, basate in larga misura su interviste in profondità ad attori e testimoni privilegiati che, normalmente, sono coinvolgibili e diventano i preziosi protagonisti delle iniziative che hanno contribuito ad identificare. Tale modalità, trattandosi di realtà ad alto contenuto di sommerso, appare l`unica veramente efficace, in termini di contenuti conoscitivi e di coinvolgimento operativo.la fase di funzionamento operativo di una prima rete di centri avverrà, nell`erogazione dei servizi di sostegno, in stretta sinergia e coordinamento con i programmi delle commissioni provinciali per l`emersione del lavoro non regolare, in modo da rafforzare e concentrare più risorse e più linee d`azione finalizzate a promuovere percorsi di emersione e sviluppo locale scaturiti dall`analisi delle singole realtà socio-economiche locali.l`operatività dell`area ricerca, monitoraggio e valutazione costituirà un importante strumento di integrazione delle basi informative dei centri per l`impiego e delle Camere di Commercio, oltre a costituire un fondamentale elemento di conoscenza utile sia a rendere possibili aggiustamenti delle politiche e delle azioni, sia a valutarne effetti ed efficacia. Inoltre, come abbiamo visto in precedenza , un prerequisito per il successo di azioni finalizzate all`emersione e allo sviluppo di realtà locali è la conoscenza diretta, ottenuta tramite ricerche sul campo, delle realtà di riferimento, degli attori locali e delle peculiari condizioni ed esigenze.
--------------------------------------------------------------
Note :
(1) F.Butera, E.Donati, R.Cesaria, I lavoratori della conoscenza, Franco Angeli, 1997.(2) ad esempio, l`esperienza eurospin, realizzata dal comune di Faenza nell`ambito di adapt.

dot Top


Innovation

Text available in

Il progetto mostra un`elevata presenza di caratteri innovativi relativamente ai processi, agli obiettivi ed al contesto.processi:·nesso metodologico e operativo tra ricerca socio-economica territoriale , volta a rappresentare la realtà dei sistemi locali distrettuali, e progettazione-erogazione di azioni e interventi.·utilizzo, per i sistemi locali, i distretti e gli addensamenti di piccola industria, dello strumento gestionale rappresentato dal sistema professionale di area, strumento nato e applicato all`interno di singole aziende e da adattare, nella sua progettazione e nel suo funzionamento, all`ambito sovra-aziendale rappresentato dal sistema locale.· ripensamento, in ottica di sistema locale distrettuale e architettura di sistema professionale di area, degli strumenti delle politiche di adattabilità (formazione, validazione dei crediti formativi, orientamento e bilancio di competenze).obiettivi:·costruzione di profili professionali e di servizi connessi ricercando, metodologicamente ed operativamente, il giusto equilibrio tra aspetti di generalità (relativi alle caratteristiche sovraterritoriali dei processi lavorativi) ed aspetti di specificità e peculiarità (particolari configurazioni delle reti locali e delle realtà distrettuali, prassi locali e particolari caratteristiche dei saperi taciti contestuali).·riferimento di azioni programmate di spin-off e di creazione di nuove iniziative alla definizione di opportunità locali riconosciute e definite a valle delle analisi socio-economiche territoriali effettuate.·utilizzo degli strumenti di orientamento professionale e bilancio di competenze in maniera integrata con la promozione di autoimprenditorialità.·promozione e sostegno alla cooperazione e all`associazionismo, come strumenti di raggiungimento di più elevate performances da parte di micro e piccole imprese e lavoratori autonomi (atipici).·ricerca di metodi e strumenti finalizzati alla riduzione dei rischi connessi ai periodi di inattività ed alla ricerca di nuovi lavori e nuove opportunità, attraverso - in via diretta - il potenziamento delle strutture produttive e la crescita delle iniziative in cooperazione e - in via diretta - attraverso la sperimentazione di fondi di solidarietà e di assicurazione, sulla falsariga delle iniziative degli enti bilaterali, con i quali si cercherà collaborazione e sinergia.contesto:·piena assunzione delle caratteristiche di transizione al post-fordismo presentate dalle evoluzioni congiunte del mercato del lavoro e delle reti locali di piccola e media impresa; ciò avviene attraverso il pieno riconoscimento di una situazione caratterizzata, nell`attuale fase di transizione, dal contemporaneo verificarsi di fenomeni di irregolarità ed emarginazione, da un lato, e di vitalità/potenzialità delle piccole e medie imprese e del lavoro, tipico e atipico, dall`altro, con il conseguente adattamento, allargamento, miglioramento ed integrazione delle politiche e degli strumenti di intervento.



dot Top


Agreement Summary

Text available in

a) Le responsabilità di indirizzo e di gestione della partnership è stata affidata, come risulta dall`Accordo di Cooperazione che si allega al presente formulario, all`ECIPA Campania.Dal punto di vista delle modalità organizzative che si intendono adottare, anche al fine di assicurare il pieno coinvolgimento di tutti i partner per tutta la durata del progetto, verrà costituito un Coordinamento generale di progetto con sede in Napoli con l`obiettivo di esaminare periodicamente (4-6 mesi) lo svolgimento delle attività previste dal progetto Emergere, scambiare informazioni sulle attività realizzate e contribuire alla definizione in itinere degli obiettivi progettuali. Per l`attuazione del progetto e degli indirizzi del Coordinamento generale verrà costituita una Direzione esecutiva di progetto, che avrà sede presso la sede di Coordinamento.
Nelle tre sub-aree individuate nelle tre provincie verrà costituito un coordinamento territoriale composto da tutti i partner che operano nella sub-area. La sede del coordinamento territoriale sarà presso i Centri Emergere che verranno costituiti. Presso queste sedi verranno svolte le attività previste nella sub-area, svolte le attività formative ed erogati i servizi previsti dal progetto.
Per l`attività di indagine e di ricerca, ferma restando la responsabilità del Centro Interdipartimentale URBAN-ECO dell`Università di Napoli, verrà costituito un Comitato Tecnico Scientifico per le attività di direzione e progettazione della ricerca ed analisi dei risultati.


b)La suddivisione delle responsabilità per l`esecuzione materiale del programma di lavoro è la seguente:
contatti transnazionali : ECIPA Campania
gestione dei rapporti con le Amministrazioni referenti: ECIPA Campania
gestione e controllo delle risorse finanziarie: ECIPA Campania
autovalutazione e monitoraggio: Università di Napoli
progettazione della ricerca e analisi dei dati: Università di Napoli
gestione della ricerca: Università di Napoli - CRESM Campania
attività formative: Università di Napoli e ECIPA Campania
costituzione e funzionamento dei tavoli di concertazione nelle tre sub - aree individuate dal progetto: Amministrazione Provinciale di Napoli, Amministrazione Provinciale di Salerno, Camera di Commercio di Avellino, CRESM Campania
mainstreaming: Università, Amministrazione Provinciale di Napoli, Amministrazione Provinciale di Salerno, Camera di Commercio di Avellino e tutti gli altri partner
coordinamento territoriale: tutti i partner a livello territoriale
gestione dei centri Emergere: ECIPA Campania
erogazione dei servizi dei Centri Emergere: ECIPA Campania, OBR, EBAC, CGIL provinciale di Napoli, Salerno e Avellino, UIL Campania, CNA regionale, CNA Avellino

c)i rapporti con le Amministrazioni referenti dal punto di vista organizzativo e gestionale saranno svolti per conto del soggetto referente dal Dott. Domenico Delli Carri , coordinatore del progetto, e dal personale della struttura di coordinamento del progetto Emergere.

d)la gestione dei contributi finanziari verrà svolta mediante l`utilizzazione di un centro contabile informatizzato, articolato per centri di costo, con una codificazione contabile appropriata di tutti gli atti contemplati dall`intervento. (Regolamento CE n. 1260/99, art.34, punto 1, lettera e). La gestione amministrativa e finanziaria sarà curata, nel pieno rispetto della normativa comunitaria e regionale vigente attraverso il personale amministrativo dell`ECIPA e consulenti esterni. Lo staff amministrativo dell`ECIPA ha conseguito negli anni una notevole esperienza essendo stato attuatore in Campania dei progetti : IREE NOW IC/0113/N, per la costituzione di una rete nazionale di centri di servizio e sostegno all`imprenditora femminile; YOUTHSTART IC/0818/Y `Nuovi percorsi` promosso dal Comune di Quarto; ADAPT bis n.1239/A2/REG per la promozione tra le PMI della Campania della diffusione e l`utilizzo di innovative tecnologie informatiche e telematiche; INTEGRA 2197/E2/I/R promosso dall`Amministrazione Provinciale di Avellino `Nuovi orizzonti occupazionali in Irpinia

e) Il soggetto referente e la partnership accettano che i risultati delle attività ( prodotti, strumenti, metodologie, ecc) siano diffusi, pubblicizzati e resi di dominio pubblico.

f)Tutti i partner saranno coinvolti, per l`intera durata del progetto, alla sua realizzazione. Infatti, tutti i partner che hanno dato vita alla PS, oltre alle attività specificamente a loro demendate, faranno parte di una struttura di indirizzo a livello regionale con sede in Napoli, al fine di essere informati sulle attività realizzate nelle diverse aree di intervento del progetto Emergere e contribuire alla definizione in itinere degli obiettivi progettuali. E` previsto, inoltre, nei tre bacini di riferimento del progetto Emergere, la costituzione di tre strutture di coordinamento e gestione delle attività di progetto. Per l`attività di indagine e di ricerca, la responsabilità primaria sarà del partner Centro Interdipartimentale Urban-Eco dell`Università di Napoli che darà vita alla costituzione di un Comitato Tecnico Scientifico per le attività di progettazione ed analisi dei risultati.

g )In tutte le precedenti esperienze di partenariati transnazionali, l`ECIPA e gli altri componenti della PS hanno sempre mostrato capacità e volontà di operare in un contesto di cooperazione, di networking e diffusione dei risultati. Il rapporto con tutti i partner di altri paesi (CENTRE D`OCCUPACIO MUNICIPAL - Centre de Serveis Integrals Poligono de Alcodar - Gandia Valencia; CFNT - Roches Gijon; PATRONATO DE NOSSA SENHORA DAS DORES - Madeira; CHAMBRE DE METIERS DE LA SOMME - Angers; KOLPING BILDUNGSWERK SACHSEN E V. - Dresde) è sempre stato positivo con uno scambio di informazioni e di esperienze che continua al di là della durata del progetto. Ciò ha consentito un arricchimento delle capacità di ciascun Ente e struttura formativa nella comprensione dei processi di sviluppo economico sociale che interessano l`Europa e sulle modalità di svolgimento delle attività formative finalizzate alla crescita occupazionale.

dot Top


Empowerment

 With beneficiaries

Text available in

Il coinvolgimento dei beneficiari (lavoratori e microimprese a rischio di irregolarità (facenti parte di settori e sistemi individuati come interessati in maniera particolare dal fenomeno del sommerso), lavoratori con basse qualifiche, lavoratori atipici (interinali, collaborazioni c. E c., partite iva, ecc.), lavoratori disoccupati e in mobilità, donne lavoratrici, facenti parte dei distretti e dei sistemi locali di piccola e media impresa) avviene attraverso diversi meccanismi:
-la ricerca socio-economica territoriale, attraverso la quale si sviluppa uno stretto contatto con attori e testimoni privilegiati i quali, dal punto di vista metodologico, sono chiamati non solo a definire la propria situazione, ma anche a delineare possibili soluzioni, vie di uscita ed azioni da implementare;
-l`individuazione congiunta, tra lavoratori e imprese, in via diretta e attraverso le rispettive rappresentanze, siano esse o meno presenti tra i partners dell`iniziativa, di problemi e fabbisogni;
-la concertazione e condivisione, tra lavoratori e imprese, in via diretta e attraverso le rispettive rappresentanze, siano esse o meno presenti tra i partners dell`iniziativa, della definizione e validazione dei sistemi professionali di area;
-la concertazione e condivisione, tra gli attori interessati, di percorsi programmati di spin-off e di creazione di nuove iniziative, basate su modalità innovative di organizzazione;
-l`erogazione, individuale e collettiva, di servizi di formazione, orientamento e bilancio di competenze;
In particolare, orientamento e bilancio di competenze sono basati metodologicamente su modalità partecipative e coinvolgenti.

dot Top


Empowerment

 Between national partners

Text available in

Il processo di gestione e coordinamento delle attività è basato sui principi della responsabilità e della condivisione/validazione delle decisioni prese.
Il programma dettagliato delle attività (interne ed internazionali) del progetto, sarà messo a punto da ecipa regionale, soggetto referente della ps, e portato a conoscenza e validato dall`assemblea della ps.
Tale programma conterrà la definizione precisa delle responsabilità delle varie attività previste, con l`indicazione puntuale del tipo di apporto richiesto ai partners non responsabili di singole attività.
Al momento, si può definire che:
Ecipa regionale mantiene il coordinamento progettuale ed amministrativo generale del progetto e la responsabilità delle azioni formative e orientative,
L`Università di Napoli (centro interdipartimentale urban-eco) il coordinamento delle attività di studio, monitoraggio, valutazione e diffusione/mainstreaming orizzontale,
L`assemblea delle parti sociali rappresentative e degli organismi bilaterali la responsabilità dei processi di concertazione e condivisone locali,
Le commissioni provinciali coinvolte la responsabilità del processo di mainstreaming verticale.

dot Top



Logo EQUAL

Home page
DP Search
TCA Search
Help
Set Language Order
Statistics