IMPORTANT LEGAL NOTICE
 

 P.A.S.S.T. Professioni Al Servizio dello Sviluppo e del Territorio ascii version

Italy

 
DP Managing organisation : CSEA MEDITERRANEA Scrl
Other national partners : Collegio dei Geometri della Provincia di Potenza
Collegio dei Ragionieri e dei Periti Commerciali
Comune di Potenza
Confederazione Generale Italiana del Lavoro di Basilicata
Consulenti del Lavoro Consiglio Provinciale dell`Ordine
Ordine Dottori Commercialisti Potenza e Lagonegro
Ordine degli Architetti della Provincia di Potenza
Ordine degli Ingegneri della Provincia di Potenza
Ordine dei Geologi di Basilicata
Sintesi s.a.s.
Unione Italiana del Lavoro-Comitato Regionale di Basilicata
Universita` degli Studi della Basilicata
EQUAL theme :Adaptability - Life long learning 
Type of DP :Geographical - Urban area - POTENZA 
DP Legal status :Association without legal form 
DP identification :IT-IT-G-BAS-025 
Application phase :Project ended 
Selection date :17-05-2002 
Last update :24-04-2002 
Monitoring: 2003  2004  2005   

Rationale

Text available in

The international competition, stimulated by the processes of internationalisation of the markets and diffusion of new technologies of the information, is destined to produce substantial effects in the markets of the professional services, in the propulsive role that the intellectual professions assume in the economic system. In this changing context, the intellectual professions take the risk of an increasing discrimination and exclusion from the market of work owed to different factors:- inadequacy of the university and secondary formation to the applications of a more and more complex and demanding market. - difficulty to measure with the market globalization and to gather the continuous evolution of the community normative. - scarce propensity to the permanent formation and the professional adjournment- Such professional figures have a marginal role in the processes of change owed, essentially, to the scarce awareness of the role that they could practice in the processes of local development scarce availability to the integration and the associations, to the experimentation of more modern and evolved forms of disbursement of professional services, as it happens in other countries. In the principal European countries exist same systems that foresee organizational forms of partnership for the exercise of the professional activity, such as English multidisciplinary partnership, society between more professionals, their aim is what English call `one stop shopping` that it allows, over that the recognition of the exercise of the profession, the possibility to have in a same physical space a plurality of services offered by different professionals. The same happens in Germany, through the societies of partnership and in France with the sociétéses de l` exercice liberal, that represent the evolved forms of associations, the result is the common practice of a professional activity, developed from more professionals, that hold the majority of the share, but to which can participate also (not professionals financiers of capitals). Such model represents an important reference for the reorganization of Italian intellectual professions, with the double purpose to allow the union of some economic means, as require the development of the technique and of the international competition, together with the necessity to preserve unchanged, in the new aggregation, the rules of guarantee deontological, the respect of the single ability of the partners, the seriousness and the transparency that allow a qualified image and a marked presence of it in the European and international commercial comparison.. The reform of some professional arrangements has revived in Italy the debate on the organization of the Orders, on their assignments, on the role of the affiliate and, particularly, on the free professionals. The objectives contained in the reform are finalized, mainly, to guarantee professional performances of great quality and a system of the professions competitive in a more and more integrated market, to improve accessibility to the profession, through suitable formative course that support the recognition, the exploitation, the professional qualification and the ability of the professionals to answer to a request of quality that comes from the market. Market, Formation and Occupation represent, therefore, the meaningful and conclusive elements of the process of affirmation and definition of the new role of the intellectual professions. The economic integration of the European Union and the international commercial accords impose a change of mind of the way to practice the profession, finding the correct compromise between the demands of the pure market and the public interest. For this reason, it results essential to promote and to stimulate the change of the profession, developing permanent formation, favouring the renewal of the technical instrumentations, facilitating the growth of the aggregations interprofessional and/or intereuropean making accessible the information on work opportunities and on the competence offer, improving the system of regulation of the profession related to the development and to the formalities of the professional activity (apprenticeship, examinations of qualification, standard of quality, rates, territorial limits, etc.).

dot Top


Objective

Text available in

The general objective of the project must be achieved effecting a general strategy, planned between the different component of the PS, that beginning from the analysis of the actual context and from the study of models of reference conducts to the formulation of hypothesis of lines of intervention; these can be experimented on specific targets to allow, through the analysis of the results, the setting-up of the hypothesised models and of the procedures adopted that, through a trial iterative, conducts to the validation of the used approach and the following phase of diffusion and mainstreaming. It intends to gather on the analysis of the context to have an organic and adjourned vision of the problems that torment the different professional categories; such approach allows the underlining common areas of intervention on which hypothesize experimental actions of great impact. The construction of an only database constitutes a strong element of change allowing the acquiring a general and congruent vision of the evolutionary case under observation. Given the consequence that such proposal intends to attribute to the experimentation of innovative approaches, we will reserved wide space to the study of relationship between the different social parts already experimented in other European countries as will examined the role played by the professionals in the processes of local development in other national and European realities. In this phase, the collaboration with the transnazional partners plays an important role. The activities foreseen by the project are: TO INDIVIDUATION OF POENTIAL RISK AREAS OF PROFESSIONAL EMARGINATION; STUDY OF MODELS AND ANALYSIS OF THE LOCAL SYSTEMS; PREDISPOSITION OF LINES OF INTERVENTION AND THEIR CARRING OUT; REALIZATION OF THE EXPERIMENTAL PHASE; DIFFUSION AND MAINSTREAMING

dot Top


Innovation


Nature of the experimental activities to be implemented Rating
Guidance, counselling ****
Training ****
Training on work place ****
Employment creation and support *
Training of teachers, trainers and staff *
Conception for training programs, certification ****
Anticipation of technical changes **
Work organisation, improvement of access to work places ****
Awareness raising, information, publicity ****
Studies and analysis of discrimination features ****

Type of innovation Rating
Process-oriented ****
Goal-oriented ***
Context oriented ****

Text available in

The innovation of the project is represented by the strategies put in action for the attainment of the individualized general objective: to define a modern role of the intellectual professions in the processes of social and occupational local development. The innovation results directed to the process, to the definition and experimentation of methods and innovative approaches able to contribute to the solution of the problem of discrimination individualized. Through the map of the formative requirements of the professionals, of the evolutionary phenomenon that regards the intellectual professions, finalized to the institution of a permanent observatory managed from the Council of the Order; the realization and the expansion of formative course and professional adjournment, also at distance, turned to the typologies of professionals more penalized by the laws in force and to the professionals over 50, they have got a lot of professional abilities that risk the obsolescence, relative, above all, to the society of the information, to the young people that with scarce abilities, linguistics or related to the new technologies of the information and that have difficulty to hold out the weight of the global market. The definition and the experimentation of a shared system for the recognition of the professional abilities will assure the transparency in the substantial certification of the same, acquired by integrated formative runs; the study of new models and associative forms between professionals, experimented in other European countries, (will assure to the professionals a more easy conforming) to the processes of local, social and occupational development and the dynamics of market.

dot Top


Budget Action 2

500 000 – 1 000 000 €

dot Top


Beneficiaries


Assistance to persons 
Unemployed  0.0%  0.0% 
Employed  81.7%  18.3% 
Others (without status, social beneficiaries...)  0.0%  0.0% 
  100.0% 
 
Migrants, ethnic minorities, …  0.0%  0.0% 
Asylum seekers  0.0%  0.0% 
Population not migrant and not asylum seeker  50.0%  50.0% 
  100.0%
 
Physical Impairment  0.0%  0.0% 
Mental Impairment  0.0%  0.0% 
Mental Illness  0.0%  0.0% 
Population not suffering from a disability  50.0%  50.0% 
  100.0% 
 
Substance abusers 0.0%  0.0% 
Homeless  0.0%  0.0% 
(Ex-)prisoners  0.0%  0.0% 
Other discriminated (religion, sexual orientation)  0.0%  0.0% 
Without such specific discriminations  50.0%  50.0% 
  100.0% 
 
< 25 year  0.1%  0.1% 
25 - 50 year  65.9%  18.0% 
> 50 year  15.7%  0.2% 
   100.0% 

Assistance to structures and systems and accompanying measures Rating
Gender discrimination **
Discrimination and inequality in employment ****
Low qualification **

dot Top


Empowerment

 

 With beneficiaries

Participation
Promoting individual empowerment
Developing collective responsibility and capacity for action
Participation in running and evaluating activities
Changing attitudes and behavior of key actors

Text available in

The approach that the PS intends to adopt in the realization of the present project foresees the systematic involvement of all the working actors on the territory interested in the circumstances of the individuated professionals. The innovative aspects contained in the project acquire full value only if they can move to non-experimental contexts becoming patrimony of the social and economic community. This aspect imposes that the transfer of the innovation to level of system is not exhausted in the involvement of the institutional environment but requires that it be socialized at all levels: from the single addressee of the interventions to the actors of the territory, according to the principle of the active participation expressed by the European Committee. The active participation of all the involved subjects is able to guarantee the coherence between the developed activities and the needs expressed by the subjects, the coherence between objective of the project, developed activity and local demands in subject of socio-economic development. It is able to increase the possibilities of success of the intervention and the probability to propagate the results. The process of involvement of the final addresser will be activated since the beginning, and it foresees: interviews and conversation aimed to gather information and data with the purpose to get an articulated map of the different professional areas, an active and important role will be allot to the Professional Orders that become information points and centre of divulgation towards all the member, organization of informative and popular seminars, realization of a specialized web site on the problems of interest for the professionals that it will contain adjourned information on the state of advancement of the project and on the activities foreseen in the regional politics for the development and the occupation.

 

 Between national partners

Text available in

There is the awareness that the individualized objective by the present intervention can be fully achieved only with the total sharing of the same interest from all the components of the PS and the presence, in it, of all the subjects that can develop an active and qualified role to face every aspect of the problem according to an integrated and interdependent vision. This has engraved on:
1. the composition of the partnership so that it gathered all the interested subjects to the resolution of the problem aiming not on the numerousness of the components but on the coherence of the institutional role and the experience possessed by every of them in relationship to the matters to confront
2. the approach adopted to face the problem and in hypothesis possible decisive runs, opting since the beginning for an active involvement of all the components of the PS in the assumption of decisions.
The Institution of a technical committee of coordination, that foresees the share of a representative of every member of the partnership, will guarantee the respect of the principle of the active share and it will assure that the lines of action hypothesized and the operational choices are shared by everybody

dot Top


Transnationality

 

 Linguistic skills

  • Deutsch
  • English
  • français
  • italiano

 Percentage of the budget for transnational activities

  • 7.5%

 Transnational Co-operation Partnerships

Transnational Co-operation Agreement DPs involved
1038 PROF.I.L.E. FR NAT-2001-10540

dot Top


Background

 

 Involvment in previous EU programmes

  • Two and more partners involved in A&E

dot Top


National Partners


Partner To be contacted for
CSEA MEDITERRANEA Scrl Co-ordination of experimental activities
Design of the project
DP managing organisation
Evaluation
Monitoring, data collection
Transnational partnership
Collegio dei Geometri della Provincia di Potenza
Collegio dei Ragionieri e dei Periti Commerciali
Comune di Potenza
Confederazione Generale Italiana del Lavoro di Basilicata
Consulenti del Lavoro Consiglio Provinciale dell`Ordine
Ordine Dottori Commercialisti Potenza e Lagonegro
Ordine degli Architetti della Provincia di Potenza
Ordine degli Ingegneri della Provincia di Potenza
Ordine dei Geologi di Basilicata
Sintesi s.a.s.
Unione Italiana del Lavoro-Comitato Regionale di Basilicata
Universita` degli Studi della Basilicata

dot Top


Agreement Summary

Text available in

La Municipalité de Potenza, en qualité de sujet promoteur du projet, a la fonction d`adresser les autres partenaires signataires, ainsi que le Sujet coordinateur IS.FO.A. s.c.a.r.l, en poursuivant les buts publics et sociaux qui sont à la base du projet même. l`Administration Municipale aura la fonction de coordonner les activités et de contrôler la réalisation des actions. Pendant l`Action 1, la Municipalité de Potenza a décidé, en accord avec le Partenariat, de conférer à la Société IS.FO.A. le rôle de Sujet Coordinateur; en conséquence, IS.FO.A. représente le Partenariat par rapport aux Administrations intéressées et il est leur seul interlocuteur. IS.FO.A. coordonne les activités en ce qui concerne le partenariat transnational et s`occupe des rapports entre le Partenariat et les autres structures engagées dans le projets réalisés dans le domaine de l`Initiative Communautaire Equal. La Societé reçoit directement le financement pour le compte de tous les partenaires qui composent le Partenariat et assume la responsabilité et la gestion administrative et financière du projet soit pour la partie nationale que transnationale.

Les partenaires signataires de l`accord développeront les activités qu`on a leur assignées selon ce qu`on a établi dans le projet exécutif, dans le respect des temps et des modalités prévues, ils devront se conformer, aussi, aux prévisions du bilan pluriannuel en ce qui concerne les différents frais.
Chaque partenaire exécute les prestations de sa compétence en pleine autonomie fiscale, gestionnaire et opérationnelle, dans le respect de ce qu`on a établi dans le projet exécutif et des directions définies par le Partenariat pendant le cours de l`Action 1, avec responsabilité individuelle relativement à la correcte exécution des tâches, étant entendu la responsabilité solidaire de tous les autres sujets signataires du présent accord de coopération.
Les sujets intéressés s`engagent à collaborer entre eux pour la réalisation de l`intervention et à favoriser des modalités d`action qui facilitent l`intégration entre les différentes compétences.
L`organisation du Partenariat prévoit l`activité de 3 organes spécifiques: l`Assemblée du Partenariat, le Comité Exécutif de projet et le Comité Scientifique.

l`Assemblée du Partenariat est constituée des représentants nommés par chacun des sujets, publics et privés, qui ont souscrit l`Accord de Coopération. Le représentant indiqué par la Municipalité de Potenza assume la charge de Président.
l`Assemblée du Partenariat préside la réalisation du projet exécutif et contribue au déroulement des activités prévues; elle nomme les troi membres du Comité Exécutif de projet, dont un a la fonction de Coordonnateur de projet; elle nomme, aussi, le Comité Scientifique composé de quatre membres proposés respectivement par l`Université de Basilicata, par les Ordres Professionnels partenaires du projet, par le Syndicat et par la Municipalité de Potenza.

Les membres de l`Assemblée du Partenariat participent aux réunions de validation des résultats atteints.
Le Comité Exécutif de projet garantit, pour toute la durée du projet, la gestion des activités vouée à assurer l`obtention des objectifs vous et des résultats finaux du projet. Il, en utilisant des mécanismes et des instruments indiqués, il coordonne et contrôle in itinere toutes les activités prévues par le projet exécutif, dans le respect des directions fournies par le Partenariat et le Comité Scientifique.

Le Comité Scientifique dirige la réalisation du projet en se coordonnant avec le Comité Exécutif, en évaluant la cohérence technico-scientifique et en contribuant à la complète réalisation du principe de mainstreaming. Le Comité Scientifique garantit la diffusion des résultats obtenus du développement du projet, et le déplacement des produits résultés de la réalisation du projet, en encourageant leur utilisation sur le territoire.

Tous les partenaires s`engagent à fournir les données du monitorage financières, physique et de procédure selon les temps et les modalités établies par les Administrations qui accordent le financement.
Les partenaires s`engagent aussi à garantir l`envoi des données considérables au but du monitorage qualitatif qui seront demandées par ISFOL, selon les échéances et les modalités communiquées de fois en fois. Tous les partenaires s`engagent à diffuser les résultats des activités (produits, instruments, méthodologies),

Tous les partenaires s`engagent à collaborer à la réalisation de réseaux thématiques utiles à la diffusion des activités réalisées sur les politiques locales et nationales. Tous les partenaires s`engagent, en outre, à garantir l`efficace utilisation sur le territoire des activités déroulées, en impliquant les acteurs socio-économiques, et en les informant sur les possibles sources de financement alternatives, complémentaires et cohérentes par rapport au but du projet.

Last update: 24-04-2002 dot Top


CSEA MEDITERRANEA Scrl

(CSEA MED Scrl)
Sede operativa: Area Industriale di Tito
85050 Tito
---------

Tel:0971/485653
Fax:0971/485653
Email:cseamed@csea.it

 
Responsibility in the DP: Co-ordination of experimental activities
Design of the project
DP managing organisation
Evaluation
Monitoring, data collection
Transnational partnership
Type of organisation:Enterprise
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:POTENZA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The Institute for the Advanced Training (ISTITUTO PER LA FORMAZIONE AVANZATA) has been promoted as a society to limited responsibility, in the January 1995. The society has for object: training, services for the technological, managerial and organizational innovation, addressed to public and private Institutions, associations, artisans, publishing, industrial, commercial and services, enterprises; participation and management of programs of formation, search and development, either national either international; ideation and realization of projects and services of information and communication; studies of feasibility of projects. The main activities are the Training, the Services for the transition to the job, Search and development, Services for the technological innovation, managerial and organizational Services, Projects and services of information, Planning of interventions related to the use, government and management of the territory, Communication and multimedia, market research, Studies of feasibility, technical Assistance to the local Institution.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Capitanio Claudio 0971/485653 cseamed@csea.it Administrative and financial management, coordination of the project

Last update: 24-04-2002 dot Top


Collegio dei Geometri della Provincia di Potenza

(----)
Via Vespucci, 88
85100 Potenza
-------

Tel:0971/35151
Fax:0971/411712
Email:collgeompz@tin.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Other
Legal status:Public organisation
Size:Staff 10-50
NUTS code:POTENZA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

College of Surveyors of the Province of Potenza develops a function of:- protection and safeguard of the profession and professionals` role- protection and safeguard of the quality of the performances, - promotion and support of formative course and professional renovation turned to his own members, - respect of deontological regulations, of the relationships with public and private customer.- control and validation of the honorarium - vulgarization and information on proclamations, contracts, competitions



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Salvatore Pasquale 0971/35151 collgeompz@tin.it 3.2.4.10 Involvement in the search, in model definition and in transnationality

Last update: 24-04-2002 dot Top


Collegio dei Ragionieri e dei Periti Commerciali

(-----)
Viale Dante, 158
85100 Potenza
-------

Tel:0971/472544
Fax:0971/472544
Email:coragpz@pandora.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Other
Legal status:Public organisation
Size:Staff 50-250
NUTS code:POTENZA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

College of the Accountants and the Qualified Accountants of the Province of Potenza develops a function of:- protection and safeguard of the profession and professionals` role- protection and safeguard of the quality of the performances, - promotion and support of formative course and professional renovation turned to his own members, - respect of deontological regulations, of the relationships with public and private customer.- control and validation of the honorarium - vulgarization and information on proclamations, contracts, competitions



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Fusco Giacomo 0971/37314 fuscoassociati@memex.it 3.2.4.10 Involvement in the search, in model definition and in transnationality

Last update: 24-04-2002 dot Top


Comune di Potenza

(--------)
C/da S. Antonio La Macchia
85100 Potenza
www.comune.potenza.it

Tel:0971/415111
Fax:0971/415315
Email:urp@comune.potenza.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Public authority (national, regional, local)
Legal status:Public organisation
Size:>250
NUTS code:POTENZA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Potenza City Council is the Autonomous (Self) Institution in the circle of the principles fixed by the State and Statute laws it. Manages his own functions and the attributed or delegated functions. These functions are fixed in State and Region laws. It has statutory and financial autonomy.The Municipality chief town, seat of the Basilicata Region and seat of the University of the Studies, distributes services to the whole regional community involving Province and Municipalities actively. The City Council contributes to the defence of the ground, of the water resources and to the ecological protection of the environment, it promotes an organic order of the territory, it guarantees citizens rights to the information on the public management for a real and effective participation.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Sabatino Nicola 0971/24421 urp@comune.potenza.it 3.2.4.10 Coordination of the activities, spreading and promotion of the results

Last update: 24-04-2002 dot Top


Confederazione Generale Italiana del Lavoro di Basilicata

(C.G.I.L.-Basilicata)
Via Bertazzoni, 100
85100 Potenza
------

Tel:0971/37022
Fax:0971/37309
Email:basilicata@cgilmail.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Trade Union
Legal status:Private
Size:Staff 50-250
NUTS code:POTENZA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The CGIL Basilicata is a structure that promotes (in the protection of the workers, employed and unemployed people, in the regional territory. It is a labour organization that develops initiatives and it decides in full autonomy on the regional themes, such as: economic and social politics, of the formation and of the information of the town-planning politics and the defence of the territory, of the industrial politics, of the efficiency of the public administration and the services of general interest, as well as of the consumers` guardianship through the promotion of special associations.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Romaniello Giannino 0971/37022 basilicata@cgilmail.it Involvement in the search, in model definition

Last update: 24-04-2002 dot Top


Consulenti del Lavoro Consiglio Provinciale dell`Ordine

(-----)
v/co Settembrini, 16
85100 Potenza
-------

Tel:0971/34554
Fax:0971/34554
Email:-------

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Employers' organisation
Legal status:Public organisation
Size:Staff 50-250
NUTS code:POTENZA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Provincial Council of the Order of Advisors of the Work develops a function of:- protection and safeguard of the profession and professionals` role- protection and safeguard of the quality of the performances, - promotion and support of formative course and professional renovation turned to his own members, - respect of deontological regulations, of the relationships with public and private customer.- control and validation of the honorarium - vulgarization and information on proclamations, contracts, competitions



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Lateana Teodoro 0971/411527 -------- 3.2.4.10 Involvement in the search, in model definition and in transnationality

Last update: 24-04-2002 dot Top


Ordine Dottori Commercialisti Potenza e Lagonegro

(------)
Via della Chimica
85100 Potenza
-------

Tel:0971/53953
Fax:0971/440740
Email:uniss@tin.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Other
Legal status:Public organisation
Size:Staff < 10
NUTS code:POTENZA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Order of the Business Consultants Potenza and Lagonegro develops a function of:- protection and safeguard of the profession and professionals` role- protection and safeguard of the quality of the performances, - promotion and support of formative course and professional renovation turned to his own members, - respect of deontological regulations, of the relationships with public and private customer.- control and validation of the honorarium - vulgarization and information on proclamations, contracts, competitions



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Arcieri Giuseppe 0971/35009 uniss@tin.it 3.2.4.10 Involvement in the search, in model definition and in transnationality

Last update: 24-04-2002 dot Top


Ordine degli Architetti della Provincia di Potenza

(-------)
Viale Marconi, 82
85100 Potenza
www.pz.archiworld.it

Tel:0971/54578
Fax:0971/471411
Email:architettipotenza@archiworld.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Other
Legal status:Public organisation
Size:Staff 10-50
NUTS code:POTENZA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Order of the Architects of the Province of Potenza develops a function of: - protection and safeguard of the profession and professionals` role- protection and safeguard of the quality of the performances, - promotion and support of formative course and professional renovation turned to his own members, - respect of deontological regulations, of the relationships with public and private customer.- control and validation of the honorarium - Vulgarization and information on proclamations, contracts, competitions



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Graziadei Michele Mariano 0971/54578 architettipotenza@archiworld.it 3.2.4.10 Involvement in the search, in model definition and in transnationality

Last update: 24-04-2002 dot Top


Ordine degli Ingegneri della Provincia di Potenza

(---------)
Via Di Giura
85100 Potenza
www.powernet.it/ording/

Tel:0971/442757
Fax:0971/441455
Email:info@ordingpz.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Other
Legal status:Public organisation
Size:Staff 10-50
NUTS code:POTENZA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Order of the Engineers of the Province of Potenza develops a function of:- protection and safeguard of the profession and professionals` role- protection and safeguard of the quality of the performances, - promotion and support of formative course and professional renovation turned to his own members, - respect of deontological regulations, of the relationships with public and private customer.- control and validation of the honorarium - vulgarization and information on proclamations, contracts, competitions



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Pecoraro Gaetano 0971/442757 info@ordingpz.it 3.2.4.10 Involvement in the search, in model definition and in transnationality

Last update: 24-04-2002 dot Top


Ordine dei Geologi di Basilicata

(------)
Via Zara, 114
85100 Potenza
-------

Tel:0971/26352
Fax:0971/35940
Email:basilicata@geologi.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Other
Legal status:Public organisation
Size:Staff < 10
NUTS code:POTENZA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Order of Geologists of Basilicata develops a function of:- protection and safeguard of the profession and professionals` role- protection and safeguard of the quality of the performances, - promotion and support of formative course and professional renovation turned to his own members, - respect of deontological regulations, of the relationships with public and private customer.- control and validation of the honorarium - vulgarization and information on proclamations, contracts, competitions



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Tambone Gilberto 0971/26352 giltamb@libero.it 3.2.4.10 Involvement in the search, in model definition and in transnationality

Last update: 24-04-2002 dot Top


Sintesi s.a.s.

(------)
Via Ciccotti, 36
85100 Potenza
www.e-sintesi.it

Tel:0971/51651
Fax:0971/469520
Email:main@e-sintesi.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Education / training organisation
Legal status:Private
Size:Staff 10-50
NUTS code:POTENZA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Sintesi is a services society, which has a considerable experience in the sector of the Developed Ocational Training with particular reference to the local development and the use of the computer technologies. It therefore is focused on the problematic of the society of the information and on the impacts that it produces in the social and economic context. Sintesi has also developed experiences on the systems of continuous training using modular approaches in degree to allow the certification of the competences.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Brindisi Umberto 0971/51651 main@e-sintesi.it 3.2.4.10 Definition, experimentations of the models, coordination of activities

Last update: 24-04-2002 dot Top


Unione Italiana del Lavoro-Comitato Regionale di Basilicata

(U.I.L.)
Via Napoli, 5
85100 Potenza
-------

Tel:0971/411435
Fax:0971/34092
Email:csp@uil.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Trade Union
Legal status:Private
Size:>250
NUTS code:POTENZA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Provincial Labour Chamber UIL of Potenza is constituted as association of all the Provincial Labour Unions of category and it realizes the organizational and politics unity of the workers of all the categories within its own territory. Between the other assignments, it promotes all the necessary initiatives to realize the growth of the UIL together to the objectives of the labour union for the politics of the territory.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Guglielmi Antonio 0971/411435 csp@uil.it Involvement in the search, in model definition

Last update: 24-04-2002 dot Top


Universita` degli Studi della Basilicata

(-------)
Via Nazario Sauro, 85
85100 Potenza
www.unibas.it

Tel:0971/54978
Fax:0971/202102
Email:rettore@unibas.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:University / Research organisation
Legal status:Public organisation
Size:>250
NUTS code:POTENZA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

University of the Studies of Basilicata has been founded in the beginnings of 1980.In these years, besides the construction of a stable seat in C/da Macchia Romana and the constitution of the university pole in Matera, there was a continuous amplification and adjustment of the didactic offer of services with the institution of new faculties. The athenaeum assures an efficient and flexible answer to the students demands and a constant attention to the city and the territory with projects of search and different forms of collaboration to exploit the common potentialities of cultural and economic growth. The international vocation of the university is confirmed also by the adhesion to the programs of international mobility of students and teachers to programs of transnazional search of the European limits.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Viparelli Rosa 0971/54978 viparelli@unibas.it 3.2.4.10 Self-evaluation and monitoring of the project, model testing

Last update: 24-04-2002 dot Top



 
 
 
 

 
 
 
 

 
 
 
 
Warning! This section is not meant to be read directly, but rather be navigated through from the main page above.
 
 
 
 

P.A.S.S.T. Professioni Al Servizio dello Sviluppo e del Territorio

Rationale

Text available in

La competizione internazionale, stimolata dai processi di internalizzazione dei mercati e di diffusione di nuove tecnologie dell`informazione, è destinata a produrre effetti sostanziali nei mercati dei servizi professionali, nel ruolo propulsivo che le professioni intellettuali assumono nel sistema economico. In tale contesto di cambiamento, le professioni intellettuali corrono il rischio di una crescente di discriminazione ed esclusione dal mercato del lavoro dovuta a diversi fattori:- inadeguatezza della formazione universitaria e secondaria alle richieste di un mercato sempre più complesso ed esigente. Tale formazione garantisce solo in parte il processo di acquisizione di competenze e saperi spendibili nel mercato del lavoro, trascurando spesso gli aspetti metodologici ed operativi che favoriscono le scelte e contribuiscono all`affermazione della figura professionale e della sua competitività. La quasi totalità dei neolaureati (si veda l`indagine condotta dal Consiglio Nazionale Ingegneri) ritiene che l`ordinamento dei corsi di laurea debba essere modificato per superare le difficoltà occupazionali.- difficoltà a misurarsi con la globalizzazione del mercato e a cogliere l`evoluzione continua del quadro normativo comunitario. Il mercato delle libere professioni, o delle professioni intellettuali, non è più un mercato nazionale protetto, ma un mercato integrato in senso europeo che si globalizza sempre più a livello mondiale. Ne deriva l`esigenza di mettere i professionisti nelle condizioni di competere efficacemente con i colleghi di altri paesi e di adeguare, di conseguenza, le forme organizzative delle professioni italiane ai livelli di organizzazione e competitività degli altri paesi (Atti del V Congresso Nazionale degli Architetti, testo del D.d.L. Fassino, documenti ed emendamenti redatti dai Consigli Nazionali degli Ordini Professionali) .- scarsa propensione alla formazione permanente e all`aggiornamento professionale dovuta anche all`assenza di un sistema della formazione continua, che assuma un ruolo nodale anche per gli Ordini professionali, in grado di fornire ai professionisti che svolgono la propria attività in forma individuale e/o associata, come dipendenti di enti pubblici e privati, con contratti atipici, `parasubordinato` e/o di `lavoro mobile`, uguali strumenti e modalità di aggiornamento professionale e culturale.- marginalità di tali figure professionali nei processi di cambiamento dovuta, essenzialmente, alla scarsa consapevolezza del ruolo che potrebbero esercitare nei processi di sviluppo locale, in particolare nel Mezzogiorno, ove le condizioni di disagio socio-economico sono tanto più forti da lambire anche le professioni che un tempo si definivano `forti e sicure` (si veda ricerca del C.N.I.).- scarsa disponibilità all`integrazione e all`associazionismo, alla sperimentazione di forme più moderne ed evolute di erogazione di servizi professionali, così come accade in altri paesi. (Campagna di sensibilizzazione operate dall`Engineering Council in Gran Bretagna). La possibilità di esercitare l`attività professionale non solo individualmente, ma attraverso forme societarie, garantendo la tutela delle attività e della professione, è largamente diffusa ed è un elemento di modernizzazione, di innovazione, di dinamismo e di forza dei nuovi sistemi, la cui inadeguatezza penalizza fortemente il sistema professionale italiano.Nei principali paesi europei esistono sistemi che prevedono forme organizzative di tipo societario per l`esercizio dell`attività professionale, quali le multidisciplinary partnership inglese, società tra più professionisti di più generi, finalizzate a quello che gli inglesi chiamano `one stop shopping` che consente, oltre che il riconoscimento dell`esercizio della professione, la possibilità di avere in uno stesso spazio fisico una pluralità di servizi offerti da diversi professionisti. Lo stesso avviene in Germania, attraverso le società di partenariato e in Francia con le sociétés di exercice liberal, che rappresentano le forme più evolute di associazionismo, finalizzate all`esercizio comune di un`attività professionale, svolta da più professionisti, che detengono la maggioranza delle azioni, ma a cui possono partecipare anche finanziatori di capitali, non professionisti. (si veda i risultati dello studio dell`OCSE intitolato `Regulatory Reform Project` su i Professional Business Services). Tale modello rappresenta un importante riferimento per il riordino delle professioni intellettuali anche in Italia, con il duplice scopo di consentire la messa in comune dei mezzi economici, come esige l`evolversi della tecnica e della concorrenza internazionale, unitamente alla necessità di conservare inalterate, nella nuova aggregazione societaria, le regole di garanzia deontologica, il rispetto delle singole professionalità dei soci, la serietà e la trasparenza che ne consentono una qualificata immagine ed una marcata presenza nel confronto commerciale europeo ed internazionale.. La riforma degli ordinamenti professionali, prevista dal D.d.L. Fassino, ha riacceso in Italia il dibattito sull`organizzazione degli Ordini, sui loro compiti, sul ruolo degli iscritti ed, in particolare, sui liberi professionisti. Gli obiettivi contenuti nella riforma sono finalizzati, principalmente, a garantire prestazioni professionali di maggiore qualità ed un sistema delle professioni competitivo in un mercato sempre più integrato, a migliorare l`accessibilità alla professione, attraverso percorsi formativi adeguati che favoriscano il riconoscimento, la valorizzazione, la qualificazione professionale e la capacità dei professionisti di rispondere ad una domanda di qualità che viene dal mercato. Mercato, Formazione e Occupazione rappresentano, quindi, gli elementi significativi e determinanti del processo di affermazione e definizione del nuovo ruolo delle professioni intellettuali. L`integrazione economica dell`Unione Europea e gli accordi commerciali internazionali impongono un ripensamento del modo di esercitare la professione, individuando il giusto compromesso tra le esigenze di puro mercato e l`interesse pubblico. La formazione, di base, universitaria, post-universitaria, l`aggiornamento professionale rappresentano elementi essenziali per i professionisti che si assumono il compito, culturale ed economico, di rispondere alle esigenze del mercato, nel segno della qualità e della salvaguardia della peculiarità intellettuale. L`occupazione, che certamente rappresenta il tema fondamentale, impone proposte politiche a livello nazionale e comunitario, oltre che il riconoscimento della qualità della prestazione professionale. A tal fine, risulta indispensabile promuovere ed incentivare il cambiamento della professione, sviluppando la formazione permanente, favorendo il rinnovamento delle strumentazioni tecniche, agevolando la crescita delle aggregazioni interprofessionali e/o intereuropee, rendendo accessibile l`informazione sulle opportunità di lavoro e sull`offerta di competenze, migliorando il sistema di regolamentazione della professione relativo allo svolgimento e alle modalità proprie dell`attività professionale (tirocinio, esami di abilitazione, standard di qualità, tariffe, limiti territoriali, etc.). Il dinamismo e la competitività, le trasformazioni in atto, relative al ruolo dei professionisti e al quadro normativo rappresentano anche e soprattutto nell`area territoriale di riferimento fattori condizionanti per lo svolgimento dell`attività professionale. I dati, in valore assoluto e percentuali, evidenziano come il territorio di interesse esemplifichi, e talora veda amplificate, le criticità del mondo delle libere professioni che sono al centro del dibattito nazionale e vede coinvolti, su posizioni spesso convergenti, gli ordini professionali, i consigli nazionali, il mondo universitario.L`analisi territoriale dei dati forniti, ad esempio, dalle indagini commissionate dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri e dalla Fondazione Aristeia (Istituto di ricerca dei dottori commercialisti) traccia una profonda spaccatura, ovvero delinea un significativo divario territoriale tra il Nord e il Centro-Sud. Divario che appare, particolarmente, marcato tra il Nord-Est e il Sud e che sembra quasi tracciare l`identikit di due modelli professionali radicalmente differenti. In particolare, la scarsa diffusione di studi associati al Sud (il 20% degli iscritti circa a fronte del 44% nel Nord-Est), per quanto possa rappresentare un elemento naturale ricavabile o desumibile dal grado di sviluppo economico dell`area, costituisce di fatto un freno all`innovazione professionale. Se la media nazionale di studi con meno di 3 addetti è pari al 50%, nel Sud il dato sale al 68%, mentre nel Nord-Est scende al 31%. Non molto lontano dalla media nazionale risulta il dato del Sud relativo alla classe 3-5 addetti (20% contro 23%); i dati indicano chiaramente come il Sud sia penalizzato dalla scarsa diffusione di studi associati, laddove si concentra il maggior numero di addetti dipendenti.Analoghe considerazioni valgono per quanto attiene la specializzazione post lauream (ancor più se si considerano esperienze con stage all`estero) e la conoscenza delle lingue straniere.Due gli elementi in comune con il contesto nazionale. Il primo è il dato relativo alla sproporzione tra la componente maschile (81,7%) e quella femminile (18,3%), soprattutto per effetto dello squilibrio tipico, ma tendenzialmente in inversione, dell`ordine degli ingegneri (689 iscritti, 627 dei quali di sesso maschile). Il secondo, strettamente connesso alla durata dei corsi universitari, è legato alla bassissima incidenza percentuale della fascia d`età al di sotto dei 25 anni (0,2% con una equilibrata distribuzione tra i sessi). Val la pena sottolineare, infatti, come sia, tuttora, consistente la percentuale dei neolaureati oltre i 30 anni di età (che costituiscono ad esempio il 28,4%, a livello nazionale) tra i giovani ingegneri ed architetti.

dot Top


Objective

Text available in

Il progetto intende rimuovere gli ostacoli che producono disuguaglianza e discriminazione, per quanto attiene il libero accesso/permanenza al mercato del lavoro, di cui sono oggetti i professionisti iscritti ai competenti Ordini Professionali e residenti nella città di Potenza ed il suo hinterland, adottando le esperienze e le prassi sperimentate in altri paesi europei. In tale area geografica si riscontra un numero considerevole di cittadini in possesso di un titolo di studio di tipo tecnico che rimane a lungo tempo inoccupato o vive una perdurante situazione di sottoccupazione o precarietà (saltuarietà delle occasioni di lavoro, contratti atipici con prevalenza di collaborazioni occasionali o addirittura collaborazioni in nero). D`altra parte il contesto ambientale europeo è stato interessato negli ultimi anni da profondi mutamenti da attribuire principalmente a: abbattimento delle barriere nazionali in ambito UE e conseguente apertura dei mercati alle imprese in grado di cogliere tali opportunità; circolazione in tempo reale di informazioni resa possibile dalle tecnologie informatiche più evolute ed a basso costo. L`allargamento del mercato produce maggiori opportunità per chi è in grado di operare in un raggio d`azione più ampio ma anche necessità di difendere la propria posizione di mercato rispetto a competitors esterni. Le tecnologie dell`informazione possono costituire un fattore di crescita a patto di saperne cogliere la valenza strategica e di saperle usare in modo appropriato. L`aumento della competitività ha determinato un progressivo mutamento del mercato del lavoro nella direzione di una maggiore flessibilità, soprattutto in Italia in cui esso era caratterizzato da una estrema rigidità, generando o rafforzando particolari ostacoli e barriere alla piena uguaglianza di opportunità fra i gruppi sociali in ingresso e in permanenza nel mercato del lavoro. Lo scenario appena delineato ha impatto non trascurabile anche sulla situazione lavorativa dei professionisti residenti nell`area geografica interessata dal presente intervento, in cui gran parte dei professionisti, in particolare i giovani e le donne, non hanno mai avuto una vera opportunità di occupazione stabile e di crescita professionale. Sono costretti a vivere una perdurante situazione di precarietà, derivante in primo luogo dalla atipicità dei rapporti di lavoro, che rende sempre più obsolète le conoscenze in loro possesso e di conseguenza diventano meno appetibili per un mercato alla ricerca di professionalità più evolute, con conseguente perdita di un potenziale occupazionale a grande valore aggiunto. Una situazione di potenziale disuguaglianza si verifica anche per i professionisti più anziani i quali, a causa della atipicità del loro rapporto di lavoro, non hanno potuto fruire di percorsi di formazione per aggiornare le proprie competenze ed adeguarle alle nuove necessità di mercato.Tale situazione di difficoltà ha ispirato la presente proposta progettuale che intende concentrarsi su un`area geografica limitata in cui si concentra una parte considerevole di servizi ed intorno a cui ruota l`attività professionale della quasi totalità dei giovani lucani, al fine di rimuovere le condizioni che impediscono attualmente ad una vasta fascia di professionisti di adattarsi alle mutate condizioni di mercato in modo che essi possano cogliere le opportunità offerte dal profilarsi di nuovi scenari e possano avere una concreta opportunità di occupazione più stabile e regolamentata. Questo è perseguibile attraverso modalità innovative di aggregazione dei professionisti, fra le quali l`associazionismo o la partecipazione a società di servizi, attraverso un cambiamento di mentalità che deve essere guidato ed accelerato grazie alla partecipazione di tutti i soggetti interessati che dovranno mettere a punto metodologie procedure e strumenti innovativi per trovare soluzioni al problema innanzi descritto. Il presente intervento, pertanto, utilizzando un approccio innovativo ed e, in coerenza con le finalità generali di EQUAL e con le priorità nazionali individuate nel DOCUP, intende contribuire a: definire un ruolo moderno delle professioni intellettuali nei processi di sviluppo locale; favorire il confronto interprofessionale; incentivare azioni di integrazione a livello comunitario; stimolare nuova occupazione anche attraverso lo sviluppo di nuove forme di erogazione delle prestazioni professionali in modo che siano più rispondenti alle esigenze del mercato; realizzare un sistema dell`aggiornamento professionale e della formazione permanente; istituzionalizzare un confronto permanente con gli attori dello sviluppo locale; eliminare gli ostacoli che impediscono a coloro che svolgono un professione intellettuale di avere un approccio più stabile e più consapevole con il mercato del lavoro, uscendo da situazioni di sottoccupazione, precarietà e deregolamentazione. Gli obiettivi del progetto dovranno essere conseguiti attuando una strategia generale, concertata fra i diversi componenti della PS, che partendo dall`analisi del contesto attuale e dallo studio di modelli di riferimento conduca alla formulazione di ipotesi di linee di intervento; queste potranno essere sperimentate su specifici target per consentire, attraverso l`analisi dei risultati, la `messa a punto` dei modelli ipotizzati e delle procedure adottate che, attraverso un processo iterativo conduca alla validazione dell`approccio utilizzato ed alla successiva fase di diffusione e mainstreaming. Essa intende concentrarsi inizialmente sull`analisi del contesto in modo da avere una visione organica ed aggiornata dei problemi che affliggono le diverse categorie professionali; tale approccio consente di evidenziare aree comuni di intervento sulle quali ipotizzare azioni sperimentali di maggiore impatto. La costruzione di un unico data base costituisce un forte elemento di novità consentendo di acquisire una visione complessiva e congruente dei fenomeni evolutivi sotto osservazione. Data la rilevanza che tale proposta intende attribuire alla sperimentazione di approcci innovativi sarà riservato ampio spazio allo studio di modelli di relazione fra le diverse parti sociali già sperimentati in altri paesi europei così come sarà analizzato il ruolo giocato dai professionisti nei processi di sviluppo locale in altre realtà nazionali ed europee. In questa fase la collaborazione con i partner trasnazionali gioca un ruolo fondamentale. I componenti della PS a questo punto sono in grado di ipotizzare nuovi modelli comportamentali, nuove procedure e nuovi strumenti per la risoluzione del problema in questione. L`esperienza di ciascuno dei partner, le specifiche conoscenze delle situazioni da affrontare, il metodo concertativo posto in essere, costituiscono fattori fondamentali per la definizione di iniziative e strumenti idonei a contrastare i problemi che riguardano le professioni intellettuali nell`area individuata. Più in particolare, allo scopo di fornire una visione organica della modalità di attuazione dell`intervento, si riporta l`articolazione delle attività previste dal progetto: INDIVIDUAZIONE DEI BACINI A POTENZIALE RISCHIO DI EMARGINAZIONE PROFESSIONALE: Analisi della situazione di contesto e mappatura delle diverse aree professionali; Raccolta ed elaborazione dati finalizzata alla realizzazione e gestione di un osservatorio permanente sui fenomeni evolutivi delle professioni; Progettazione di un data base, relativo alle informazioni raccolte nell`analisi; Definizione del modello di autovalutazione: strumenti, modalità e procedure di autovalutazione. STUDIO DI MODELLI E ANALISI DEI SISTEMI LOCALI: Studio di nuovi modelli associativi fra professionisti con particolare riferimento ad esperienze di altri paesi europei; Studio di modelli relazionali fra enti locali, sindacati ed imprese; Analisi dei problemi connessi ai cambiamenti del mercato, ivi compreso quello del lavoro; Analisi dei sistemi locali e proposizione di modelli di coinvolgimento delle professioni nei processi di sviluppo locale; Autovalutazione delle attività realizzate. DEFINIZIONE DI SISTEMI: Definizione di un modello sperimentale di aggiornamento professionale; Definizione di un modello di riconoscimento sostanziale e di certificazione delle competenze; Implementazione di una piattaforma per la FAD; Definizione di modelli associativi fra professionisti coerenti con i recenti provvedimenti legislativi nazionali e comunitari; Individuazione di forme contrattuali finalizzate a favorire l`aggiornamento professionale dei parasubordinati; Autovalutazione delle attività realizzate. ATTUAZIONE FASE SPERIMENTALE: Individuazione dei target oggetto di sperimentazione; Orientamento/Bilancio delle competenze; Sperimentazione di percorsi formativi tematici mediante FAD; Sperimentazione di un sistema per la certificazione delle competenze; Sperimentazione di nuove modalità di erogazione delle prestazioni da parte dei professionisti più rispondenti alle nuove richieste del mercato; Sperimentazione di forme contrattuali finalizzate a favorire la formazione permanente dei lavoratori atipici; Realizzazione e gestione di un portale che offra informazioni aggiornate su tutti gli argomenti di interesse per i professionisti; Produzione di report di analisi dei risultati conseguiti nelle diverse attività; Autovalutazione delle attività realizzate. DIFFUSIONE E MAINSTREAMING: Realizzazione di un rapporto finale sugli esiti del progetto e sulle modalità di attuazione dello stesso; Coinvolgimento degli attori di sviluppo locale e delle istituzioni pubbliche attraverso seminari informativi e convegni in corrispondenza dei momenti più importanti del progetto; Diffusione e pubblicizzazione attraverso la rete internet; Autovalutazione delle attività realizzate.

dot Top


Innovation

Text available in

Il carattere innovativo del progetto è rappresentato, innanzitutto, dalle strategie messe in atto per il raggiungimento dell`obiettivo generale individuato: definire un ruolo moderno delle professioni intellettuali nei processi di sviluppo locale sociale ed occupazionale. Prevalente risulta il carattere di innovazione orientato ai processi, alla definizione e sperimentazione di metodi ed approcci innovativi in grado contribuire alla soluzione del problema di discriminazione individuato. Attraverso la mappatura dei fabbisogni formativi dei professionisti, dei fenomeni evolutivi riguardanti le professioni intellettuali, finalizzata all`istituzione di un osservatorio permanente gestito dalla Consulta degli ordini,; la realizzazione e/o il potenziamento di percorsi formativi e di aggiornamento professionale, anche a distanza, rivolti alle tipologie di professionisti più penalizzate dalle vigenti norme (parasubordinati) e ai professionisti over 50, in possesso di competenze professionali ad alto rischio di obsolescenza, relative soprattutto alla società dell`informazione, ai giovani che con scarse competenze relazionali, linguistiche o relative alle tecnologie dell`informazione e che hanno difficoltà a reggere il peso della globalizzazione del mercato. La definizione e la sperimentazione di un sistema condiviso per il riconoscimento delle competenze professionali assicurerà la trasparenza nella certificazione sostanziale delle stesse, acquisite con percorsi formativi integrati; lo studio di nuovi modelli e forme associative fra professionisti, sperimentati in altri paesi europei, assicureranno ai professionisti un più facile adeguamento ai processi di sviluppo locale, sociale ed occupazionale e alle dinamiche di mercato.Sarà strutturato un piano di trasferimento dei risultati innovativi, intermedi e finali, dell`intervento (buone prassi e di sperimentazioni significative), verso il sistema di riferimento per incidere sui sistemi e sulle politiche della formazione e dell`occupazione, locali e nazionali.L`innovazione riguarda inoltre:
- l`integrazione stabile fra le politiche del lavoro e le politiche sociali attraverso la sperimentazione di nuove prassi integratrici finalizzate a un approccio globale all`accesso e alla permanenza nel mercato del lavoro;
- lo sviluppo di una società dell`informazione non discriminatoria. Il carattere innovativo è legato a interventi di formazione, anche attraverso la FAD, finalizzati a dotare i soggetti e i contesti territoriali, di maggiori capacità di utilizzo degli strumenti della società dell`informazione;il supporto allo sviluppo locale, sociale e occupazionale: Tali strategie progettuali consentiranno di ridurre le disuguaglianze presenti nel mercato del lavoro e favoriranno nel contempo la crescita economica ed occupazionale del territorio

dot Top


Agreement Summary

Text available in

Il Comune di Potenza assume, in qualità di soggetto promotore del progetto, le funzioni di indirizzo nei confronti degli altri partner firmatari, nonché del Soggetto referente IS.FO.A. s.c.a.r.l., perseguendo le finalità pubbliche e sociali che sono alla base del progetto stesso.
All`Amministrazione Comunale fanno capo le funzioni di coordinamento delle attività e di controllo sulla realizzazione delle azioni per quanto attiene gli effetti del progetto sulla realtà locale e la partnership transnazionale. Nel corso dell`Azione 1, il Comune di Potenza ha deciso, in accordo con la PS, di conferire alla Società IS.FO.A. s.c.a.r.l. il ruolo di Soggetto Referente (D.G.C. n° 135 dell`11/4/02); alla luce di ciò, la Società IS.FO.A. s.c.a.r.l. rappresenta la PS nei confronti delle Amministrazioni interessate ed è l`unico interlocutore delle stesse.
La Società IS.FO.A. s.c.a.r.l. assume le funzioni di coordinamento delle attività e di controllo sulla realizzazione delle azioni in base a quanto stabilito nel progetto esecutivo; coordina le attività per quanto riguarda la partnership transnazionale e cura i rapporti, funzionali al progetto P.A.S.S.T., tra la PS e le altre strutture impegnate in progetti realizzati nell`ambito dell`Iniziativa Comunitaria Equal.
La Società IS.FO.A. s.c.a.r.l. riceve direttamente il finanziamento per conto di tutti i partner che compongono la PS pertanto assume la responsabilità e la gestione amministrativa e finanziaria del progetto sia per la parte nazionale che transnazionale.
In ottemperanza a quanto richiesto dal disciplinare di Equal, la Società IS.FO.A. s.c.a.r.l. è dotata di un`organizzazione in grado di gestire fondi pubblici, con esperienze pregresse in materia.
I partner firmatari dell`accordo svolgeranno le attività ad essi attribuite secondo quanto stabilito nel progetto esecutivo, nei tempi e secondo le modalità in esso previste ed attenersi alle previsioni del bilancio pluriennale per quanto riguarda le diverse spese.
I partner firmatari sono tenuti a mettere a disposizione della Società IS.FO.A. s.c.a.r.l., soggetto incaricato di svolgere le attività di rendicontazione, la documentazione necessaria relativa alle attività loro affidate, secondo le modalità e nei tempi stabiliti dalla normativa comunitaria e nazionale di riferimento.
Ciascun partner esegue le prestazioni di propria competenza con autonomia fiscale, gestionale ed operativa, nel rispetto di quanto stabilito nel progetto esecutivo e degli indirizzi definiti dalla PS nel corso dell`Azione 1 o di quanto definito dall`Assemblea della Partnership o dal Comitato Esecutivo di progetto, con responsabilità individuale in ordine alla corretta esecuzione dei compiti a ciascuno affidati, ferma restando la responsabilità solidale di tutti gli altri soggetti firmatari del presente accordo di cooperazione.
I soggetti attuatori si impegnano a collaborare tra loro per la realizzazione dell`intervento e a favorire modalità operative che facilitino l`integrazione tra le diverse competenze.
L`organizzazione della PS vede l`attività di 3 organi specifici: l`Assemblea della Partnership, il Comitato Esecutivo di progetto e il Comitato Scientifico.
L`Assemblea della Partnership è costituita dai rappresentanti nominati da ciascuno dei soggetti, pubblici e privati, che hanno sottoscritto l`Accordo di Cooperazione. Il rappresentante indicato dal Comune di Potenza assume la carica di Presidente.
L`Assemblea della Partnership presiede l`attuazione del progetto esecutivo e contribuisce allo svolgimento delle attività in esso previste. L`Assemblea della Partnership svolge altresì funzioni di controllo nei confronti dei soggetti facenti parte delle PS, circa lo svolgimento delle attività secondo quando stabilito dal progetto esecutivo e nel rispetto delle indicazioni riportate nel formulario di ammissione all`Azione 2. Esso può deliberare eventuali variazioni di budget, al fine di garantire la piena realizzazione del progetto, nei limiti consentiti dalla normativa nazionale e comunitaria. L`Assemblea si riunisce almeno una volta ogni tre mesi, previa formale convocazione del Presidente ed ogni volta che il Comitato Esecutivo di Progetto lo riterrà opportuno. L`Assemblea della Partnership nomina i componenti del Comitato Esecutivo di progetto, composto da tre membri, di cui uno con funzione di Coordinatore di progetto. Quest`ultimo è proposto dal soggetto referente e la sua nomina è ratificata dall`Assemblea della PS. L`Assemblea nomina inoltre il Comitato Scientifico composto da quattro componenti proposti rispettivamente dall`Università della Basilicata, dagli Ordini Professionali partner del progetto, dal Sindacato e dal Comune di Potenza.
I membri dell`Assemblea della Partnership partecipano alle riunioni di validazione dei risultati conseguiti.
Il Comitato Esecutivo di progetto, costituito secondo le regole di cui sora, garantisce, per l`intera durata del progetto, una conduzione delle attività tesa ad assicurare il conseguimento degli obiettivi e dei risultati finali del progetto. Esso, utilizzando meccanismi e sturmenti idonei, coordina e controlla in itinere tutte le attività previste dal progetto esecutivo, nel rispetto degli indirizzi forniti dalla PS e dal Comitato Scientifico. Esso si riunisce almeno 2 volte al mese.
Riporta i risultati di quanto realizzato all`Assemblea della PS sottoponendoli alla sua validazione.
Il Comitato Scientifico, nella composizione sopra descritta, sovrintende l`attuazione del progetto coordinandosi con il Comitato Esecutivo, valutandone la coerenza tecnico-scientifica e contribuendo alla completa realizzazione del principio di mainstreaming.
Il Comitato Scientifico garantisce la diffusione dei risultati conseguenti allo sviluppo del progetto, e la trasferibilità dei prodotti conseguenti alla realizzazione del progetto, promuovendone l`utilizzo sul territorio.
Esso si riunisce almeno due volte l`anno.
La Società IS.FO.A. s.c.a.r.l. svolge le attività di controllo delle spese sostenute dai partner nell`attuazione del progetto esecutivo e di ripartizione del finanziamento ricevuto dagli Enti concedenti.
Tutti i soggetti attuatori sono tenuti al rispetto delle procedure definite dagli Enti concedenti in materia di gestione finanziaria.
Nel caso di ritardo o inadempimento delle prestazioni promesse da parte di uno dei partner, l`Assemblea, dopo i richiami e le diffide, si riserva di escludere parzialmente o definitivamente il partner dell`accordo.
Tutti i partner si impegnano a fornire i dati del monitoraggio finanziario, fisico e procedurale secondo i tempi e le modalità stabilite dalle Amministrazioni concedenti il finanziamento.
I partner si impegnano altresì a garantire l`invio dei dati rilevanti ai fini del monitoraggio qualitativo che saranno richiesti dall`ISFOL, secondo le scadenze e le modalità comunicate di volta in volta. Inoltre, nel corso delle ispezioni da parte dell`ISFOL, i partner sono tenuti a garantire la presenza dello staff direttamente coinvolto nel progetto.
Tutti i partner si impegnano a far sì che ai risultati delle attività (prodotti, strumenti, metodologie), sia data massima diffusione.
Tutti i partner si impegnano a collaborare alla realizzazione di reti tematiche utili alla diffusione delle attività realizzate sulle politiche locali e nazionali.
Tutti i partner si impegnano inoltre a garantire l`efficace utilizzo sul territorio delle attività svolte, coinvolgendo gli attori socio-economici, e informandoli sulle possibili fonti di finanziamento alternative integrative e coerenti rispetto alla finalità del progetto.
Essi inoltre si impegnano sul piano dei rapporti transnazionali favorendo la cooperazione e la creazione di reti di sviluppo.

dot Top


Empowerment

 With beneficiaries

Text available in

L`approccio che la PS intende adottare nell`attuazione del progetto prevede il coinvolgimento sistematico di tutti gli attori operanti sul territorio interessati nelle vicende dei professionisti individuati; è altresì previsto il coinvolgimento dei destinatari finali dell`intervento. Gli aspetti innovativi acquisiscono piena valenza solo se possono essere trasferiti in contesti non sperimentali diventando patrimonio della collettività sociale ed economica. Questo aspetto impone che il trasferimento dell`innovazione a livello di sistema non si esaurisca nel coinvolgimento dell`ambiente istituzionale ma richieda che essa venga socializzata a tutti i livelli: dai singoli destinatari degli interventi agli attori del territorio, secondo il principio della partecipazione attiva espresso dalla Commissione europea; tale principio implica che tutte le persone e tutti gli organismi che intervengono nella realizzazione delle attività dovranno anche partecipare al processo decisionale. La partecipazione attiva di tutti i soggetti coinvolti è in grado di garantire, attraverso il coinvolgimento dei destinatari finali, la coerenza fra le attività svolte ed i bisogni espressi da questi ultimi e la coerenza fra obiettivi del progetto, attività svolte ed esigenze locali in materia di sviluppo socio-economico. Essa è, dunque, in grado di accrescere le possibilità di successo dell`intervento e la probabilità di diffondere i risultati ottenuti. Il processo di coinvolgimento dei destinatari finali sarà attivato sin dall`inizio, e prevede: - interviste e colloqui mirati alla raccolta di dati ed informazioni necessarie per ottenere una mappa articolata delle diverse aree professionali; - un ruolo attivo ed aggregante degli Ordini professionali che diventano punti di accumulazione di informazione e centri di divulgazione nei confronti di tutti gli iscritti; gli Ordini ed i Collegi coinvolti diventano sedi di consultazione permanente fra gli iscritti i quali possono fornire il loro contributo rappresentando esigenze e formulando proposte; - organizzazione di seminari informativi e divulgativi, convegni e dibattiti; - realizzazione di un portale specializzato sui problemi di interesse per i professionisti che conterrà informazioni aggiornate sullo stato di avanzamento del progetto e sulle attività previste. Il portale, al cui aggiornamento potranno contribuire i singoli destinatari finali, prevedrà la possibilità di accettare contributi, idee ed osservazioni, dei singoli beneficiari su questioni di particolare interesse. Per quanto concerne gli organismi istituzionali, locali e regionali, si prevede di instaurare con essi un dialogo continuo, anche attraverso momenti formalizzati (tavoli di discussione, seminari, work shop) al fine di individuare azioni di sostegno al progetto e possibili modalità di utilizzo dei risultati prodotti nell`ambito delle politiche regionali per lo sviluppo e l`occupazione

dot Top


Empowerment

 Between national partners

Text available in

La consapevolezza che l`obiettivo individuato dal presente intervento può essere pienamente conseguito solo con la totale condivisione dello stesso da parte di tutti i componenti della PS e la presenza, al suo interno, di tutti i soggetti che possono svolgere un ruolo attivo e qualificato per affrontare ogni aspetto del problema secondo una visione integrata ed interdipendente, ha inciso su
1. la composizione della partnership in modo che essa raggruppasse tutti i soggetti interessati alla risoluzione del problema puntando non tanto sulla numerosità dei componenti quanto piuttosto sulla coerenza del ruolo istituzionale e dell`esperienza posseduta da ciascuno di essi in relazione alle questioni da affrontare
2. l`approccio adottato nell`affrontare il problema e nell`ipotizzare possibili percorsi risolutivi, optando sin dall`inizio ( e dunque già nella fase di definizione della proposta progettuale) per un coinvolgimento attivo di tutti i componenti della PS nell`assunzione di decisioni.
D`altronde , il principio della partecipazione attiva, elemento centrale della PS, comporta la necessità che tutti i suoi membri abbiano un ruolo attivo ed abbiano accesso ai processi decisionali, a prescindere dalla dimensione delle organizzazioni componenti la partnership.L`istituzione di un comitato tecnico di coordinamento, che prevede la partecipazione di un rappresentante di ciascun membro della partnership, garantirà il rispetto del principio della partecipazione attiva ed assicurerà che le linee d`azione ipotizzate e le scelte operative siano condivise da tutti.Il pieno coinvolgimento di tutti i membri è comunque assicurato dalla circostanza che già in fase di costituzione della PS si è tenuto conto dell`esperienza di ciascuno e della individuazione del singolo contributo da apportare per realizzare l`idea progettuale. Fermo restando che ciascuno dei ruoli previsti in progetto sarà svolto in modo prevalente da un singolo membro, quest`ultimo interviene, in forza delle competenze possedute e delle esperienze maturate, in più ruoli. In altra sezione del presente dossier vengono descritti i ruoli che ciascun componente della partnership svolgerà in fase di attuazione con esplicita indicazione di quello svolto in modo prevalente. Il processo decisionale terrà in debito conto i contributi dei beneficiari e le indicazioni che perverranno dai tavoli di lavoro con le autorità locali e regionali. Esso si avvarrà in modo sistematico dei feed back provenienti dal sistema di autovalutazione per apportare correzioni in itinere ed assicurare il pieno conseguimento degli obiettivi del progetto.Il rapporto fra i partner sarà stabilito in modo paritario per quanto concerne la definizione delle linee di intervento e le scelte gestionali pur tenendo conto delle responsabilità che ciascuno di essi avrà assunto in relazione ai diversi ruoli previsti in progetto.

dot Top



Logo EQUAL

Home page
DP Search
TCA Search
Help
Set Language Order
Statistics