IMPORTANT LEGAL NOTICE
 

 PER.FORMAN.CE (CEntro per la PERsonalizazzione della FORMAzioNe) ascii version

Italy

 
DP Managing organisation : PRAGMA GROUP SOCIETA` RESPONSABILITA` LIMITATA
Other national partners : ASSOCIAZIONE ORIENTAMENTO E LAVORO DONNE
PARCO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO DI BASILICATA BASENTECH S.P.A.
UNIONE INDUSTRIALE DELLA PROVINCIA DI MATERA
UNIV. DI BASILICATA - FAC. DI INGEGNERIA, DAPIT- LIEG, Centro Servizi Didattici
EQUAL theme :Adaptability - Life long learning 
Type of DP :Geographical - Other - MATERA 
DP Legal status :Association without legal form 
DP identification :IT-IT-G-BAS-016 
Application phase :Project ended 
Selection date :17-05-2002 
Last update :10-05-2002 
Monitoring: 2003  2004  2005   

Rationale

Text available in

Description du problème de discrimination sous-jacente

La formation continue dans notre pays a une connotation structurale : il s`agit d`une formation sur terrain qui produit des exclusions et des discriminations.
- La formation est centrée surtout sur les entreprises tant que son organisation interne n`est pas compatible avec celle de l`école
- Les PME, qui ont les ressources pour élaborer et gérér les projets, ont accès à la formation
Il s`ensuit que les entreprises ont une grande difficulté à utiliser les ressources publiques engagées.
Le 73% des interviewés dès une enquete, expérimente une possibilité de mettre à jour ses compétences, sans prendre part aux cours individuels. La structuration des cours de formation professionnelle au niveau régional est un elément de discrimination pour l`accès à la formation des petites entreprises (PE).
Solutions envisagées
Pour réduire ces problématiques il faut changer le système
-à partir de la culture et des bonnes pratiques de formation il faut élaborer une bonne pratique de formation individualisée
-il faut renouveler la petite et micro-entreprise à travers la bonne pratique de planification du système-formation.
La formation individualisée
La formation individualisée réalise :
-une participation individuelle de formation structurée ; une participation à réunions/séminaires ou formation à catalogue.
-le tutoring sur terrain adressé soit aux acteurs soit aux petits groupes et géré par des experts.
-le FAD qui utilise des outils multimédias ou softwares didactiques.
Les actifs et les organisations demandent une formation individualisée de qualité.
Les plans de formation en entreprise.
Pour Plan de formation doit s`entendre un programme d`actions de formation que l`entreprise définie pour capitaliser les compétences professionnelles attendues.

dot Top


Objective

Text available in

Articolation des objectifs prioritaires et de la stratégie du PDD

On n`a pas apporté de modifications eu égard au formulaire de candidature pour l`ammission à l`Action 1.
L`objectif prioritaire du partenariat de développement (PDD) est de réduire l`exclusion des entreprises et des employés de la formation professionelle, y compris les travailleurs atypiques, en utilisant la formation individualisée et la planification de la formation d`entreprises. L`objectif réel du PDD est, surtout dans la phase initiale,d`élaborer, experimenter et conseiller une intervention pour un centre de services specialisés en : formation individualisée et planification de la formation dans les entreprises industrielles de la Provincia de Matera.
Buts de ` Performance ` :
Performance s`adresse soit aux demandeurs d`emploi soit à l`entreprise.
1. Dans ce cas l`objectif est de permettre au candidat potentiel de suivre un parcours de formation individualisée
2. Dans ce cas l`objectif du centre est de soutenir les entreprises dans l`élaboration des plans de formation plus formalisés
Actions concretes :
Les activités et les services de Performance dans le domaine de la formation individualisée sont les suivantes :
A. Analyse
B. Projet (création d`un parcours de formation issu des compétences qui permettent d`acquérir les objectifs prioritaires ; communication aux demandeurs d`emploi et aux entreprises sur le parcours en projet ; élaboration d`un parcours commun entre les demandeurs d`emploi et l`entreprise ; vérification des conditions de faisabilité ; mise au point du parcours).
C. Repérage d`opportunités de formation
D. Promotion de services de conseil/ tutoring
E. Certification (vérification / controle, documentation des compétences acquises)
Sur la base de cetteactivité on aure une initiale èlaboration des standards.
Les activités du centre sur l`élaboration de plans de formation en entreprises suivent les phases suivantes :
A. Analyse du contexte et des stratégie
B. Définition des taches tirées des stratégies adoptées et analyse des taches d`entreprise
C. Définition des compétences attendues et analyse des compétences d`entreprise
Toute activité prevue dans les 3 phases est une activité de recherche sur terrain. Cette recherche expéimentale est conduite soit par une observation directe ou une inteview au personnel soit par témoignage, en utilisant des outils de travail que grille, check list, questionnaire etc.
D. Elaboration du plan décliné dans les phases suivantes :
D1 Objectifs (repérage des compétences attenducs paur l`adoption des stratégies en entreprise;
D2 Action de formation (définition de types de formation qui permettent de poursuivre les objectifs/compétences prevues). Les actions se référent au cours de formation interne, cours de formation parmi des entreprises, voyages d`étude ; outils multimédia; autoformation; formation à distance, stages en entreprises etc ;
D3 Projet des action de formation (élaborer pour chaque action de formation un avant-projet ou un projet en détail);
D4 Planification des actions de formation;
D5 Description du système de coordination et controle (repérer un responsable du projet, élaborer un reporting pour le controle de gestion) ;
D6 Prévision et description d`actions de follow up (vérifier les changements tirés par es prestataires d`actions et par les entreprises; confirmer la validation des actions, projeter le plan de formation) ;
D7 Description du procès du recrutement et selections des candidats ;
D8 Description des ressources prevues ;
3. Taches. Pour ces actions il faut des compétences professionnelles: analyse des besoins de formation / projet de parcourse de formation / analyse de l`organisation, documentation, systématisation, diffusion de l`information.
Le centre compte sur ces compétences en mesure des nombres des prestataires des services de formation, offre une structure convenable et une organisation faisable. Des experts indépendents seront conctatés si necessaire.

dot Top


Innovation


Nature of the experimental activities to be implemented Rating
Guidance, counselling ****
Training ***
Conception for training programs, certification ****
Awareness raising, information, publicity ****

Type of innovation Rating
Process-oriented ****
Goal-oriented ***
Context oriented ***

Text available in

5.22 Description de l`innovation de l`action. Relever des changements eu égard au formulairede candidature pour l`Action 1.
On n`a pas apporté de modifications eu égard aux données du Formulaire decandidature pour l`Action 1. Performance est un projet très innovatif lorsque :
-réalise une innovation de procès, de produit et de contexte
a) les objectifs attendus : la réduction de l`exclusion des entreprises et des employés de la formation compte tenu de la formation professionnelle.
b) Les stratégies adoptées : la promotion de la formation individualisée et les plans de formation d`entreprise.
Un offre de formation individuelle/personalisée /individualisée représente une innovation dans le quadre de la formation continue en Italie.
Les plans de formation approchés au système de formation continue et financés par la Loi 236/93 sont un document d`ensemble plutot qu`un outil technique qui reléve les besoins et les parcours de formation personalisée.
c) Les outils adoptés pour réaliser les stratégies : une strucure permanente de promotion d`idées.
Le projet Performance mobilisera les Ressources Humaines des partenaires et des experts indépendants dans la perspective d`une évolution des activités.
Les produits et les prestations élaborés par la structure de promotion : un kit d`outils de travail pour le conseil /guidance à la formation individualisée et pour la planification d`entreprise, le plan de l`offre de formation à catalogue et du multimédia pour l`autoapprentissage, un groupe d`experts du tutoring en entreprise et les standards de competénces des secteurs industriels sélectionnés sont une grande innovation que ce soit au plan régional ou national.

dot Top


Budget Action 2

500 000 – 1 000 000 €

dot Top


Beneficiaries


Assistance to persons 
Unemployed  0.0%  0.0% 
Employed  50.0%  50.0% 
Others (without status, social beneficiaries...)  0.0%  0.0% 
  100.0% 
 
Migrants, ethnic minorities, …  0.0%  0.0% 
Asylum seekers  0.0%  0.0% 
Population not migrant and not asylum seeker  50.0%  50.0% 
  100.0%
 
Physical Impairment  0.0%  0.0% 
Mental Impairment  0.0%  0.0% 
Mental Illness  0.0%  0.0% 
Population not suffering from a disability  50.0%  50.0% 
  100.0% 
 
Substance abusers 0.0%  0.0% 
Homeless  0.0%  0.0% 
(Ex-)prisoners  0.0%  0.0% 
Other discriminated (religion, sexual orientation)  0.0%  0.0% 
Without such specific discriminations  50.0%  50.0% 
  100.0% 
 
< 25 year  0.0%  0.0% 
25 - 50 year  50.0%  50.0% 
> 50 year  0.0%  0.0% 
   100.0% 

Assistance to structures and systems and accompanying measures Rating
Discrimination and inequality in employment ****
Other discriminations ****
Low qualification ****

dot Top


Empowerment

 

 With beneficiaries

Participation
Promoting individual empowerment
Developing collective responsibility and capacity for action
Participation in running and evaluating activities

Text available in

Description du procès de participation des prestataires
Les prestataires de la formation sont :
-les employés et les entreprises sélectionnés par les responsables du projet Performance dans la Provincia de Matera
-les employés et les entreprises des secteures industriels et d`autres secteurs dans la Provincia de Matera
-les employés et les entreprises de tous les secteurs de l`économie en dehors de la Provincia de Matera.
La stratégie adoptée utilise une information, sensibilisation et animation
a) pour les employés et les entreprises dans la Provincia de Matera des secteurs prevus pour l`expérimentation
-rencontres avec des entreprises pour promouvoir les activités du centre
-rencontres aves les travailleurs
-guichet d`information
b) pour les employés et les entreprises d`autres secteurs industriels et économiques dans la Provincia de Matera ; des rencontres avec les employeurs et les Associations de Travailleurs.
-pour promouvoir les objectifs et les démarches du centre
-pour le conseil et guidance et pour l`avant-projet d`un centre
c) pour les employés et les entreprises de tous secteurs en dehors de la Provincia de Matera
-rédaction d`un guide et création d`un outil multimédia sur Internet
Guide aux actions du centre pour la personalisation de la formation et la planification de la fomation en entreprise.

 

 Between national partners

Text available in

Description du procès de participation des partenaires
Domaines de participation active des partenaires
La participation active des partenaires tient compte de
a) decisions b) validations c) évaluation
A) Les partenaires décident sur
-définition du territoire par rapport au niveau des problématiques
-critères et modalités de selection des experts du centre
-modalités de promotion des activités du centre près des entreprises sélectionnées
-indicateurs de monitoring et d`évaluation
-modifications necessaires dans le Report de monitoring et d`évaluation
B) Les partenaires valident et approuvent l`élaboration de
-kit d`outils pour le conseil / guidance à la formation individualisée
-kit d`outils pour l`élaboration de plans de formation d`entreprise
-élaboration de standards de compétences dans les secteurs industriels sélectionnés
-modalités et démarches de controle et certification des compétences
-élaboration de standards de compétences
-élaboration de modules communs ou spécialisés pour les experts du centre
-data base ou système informatique sur les opportunités à catalogue de la formation
-data base ou système informatique sur des programmes d`autoapprentissage
-groupe d`experts dans les différents domaines en phase de tutoring
-business plan de Performance
-accompagnement au marché de travail
C) Les partenaires évaluent la réalisation, les résultats, l`approche du PDD sur la base d`un Report de monitoring/ Report d`évaluation finale
b. Modalités de participation active des partenaires
Les décisions, les validations et l`évaluation sont prises par l`équipe des responsables de chaque partenaire. Chaque rencontre sera organisée à l`ordre du jour selon un calendrier mensuel.

dot Top


Transnationality

 

 Linguistic skills

  • English
  • français
  • italiano
  • português

 Percentage of the budget for transnational activities

  • 4.5%

 Transnational Co-operation Partnerships

Transnational Co-operation Agreement DPs involved
933 DONATA BEfr 23
FR NAT-2001-10832

dot Top


Background

 

 Involvment in previous EU programmes

  • Two and more partners involved in A&E

dot Top


National Partners


Partner To be contacted for
PRAGMA GROUP SOCIETA` RESPONSABILITA` LIMITATA Co-ordination of experimental activities
Design of the project
DP managing organisation
Evaluation
Monitoring, data collection
Transnational partnership
ASSOCIAZIONE ORIENTAMENTO E LAVORO DONNE
PARCO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO DI BASILICATA BASENTECH S.P.A.
UNIONE INDUSTRIALE DELLA PROVINCIA DI MATERA
UNIV. DI BASILICATA - FAC. DI INGEGNERIA, DAPIT- LIEG, Centro Servizi Didattici

dot Top


Agreement Summary

Text available in

The representation of the Partnership and each of its sharers, towards the Administrations involved in the realization of the Plan,is entrusted to PRAGMA GROUP wich, consequently, takes on the leading role and then the responsibility of the direction and management of the Partnership.By playing this part it becomes the only interlocutor whom the mentioned Administrations can apply to and the only receiver of the pertinent contribution to be divided among its sharers.
Therefore, it will be able, both by acting of its own and as representative of the people attending the Partnership, to stipulate with the competent Administrations any convention, contract or agreement which tums out to be necessary or suitable to the realization of the Plan.
Provided that is admitted the autonomy of each sharer in the PS during the implementation of the Plan-stages referred to his competence, every partner binds himself towards the other partners and the competent Administrations to fulfil the stages of his own competence by the full observance of the time-limits and the execution-due dates provided for by the Plan.
Particularly, the PRAGMA GROUP will play a prominent part in the activities of Design, Administrative and Financial Management, Coordination of the activities, Experimentation, Coordination of the trasnational activities. Moreover, it partecipates in the development of some parts of the other activities wich are referred to the competence of the other partners: Selfevaluation, Publicizing, Collection and Elaboration of the required data, Implementation of the Centre.
Basentech (j.s.c.) will play a prominent part in the publicizing and Diffusion; besides, it partecipates in the development of some parts of the activities wich are referred to the competence of the other partners: Experimentation, Selfevaluation, Implementation of the Centre.
The `Industrialists Union` will play a prominent part in the Publicizing and Diffusiion activities; moreover, it partecipates in the development of some parts of other activities referred to the other partners competence: Experimentation, Selfevaluation, implementation of the Centre.
The university of Basilicata will play a prominent part in the Selfevaluation activities; moreover , it partecipates in the development of some parts of activities which are referred to the competence of the other partners: Coordination of the activities, Experimentation, Publicizing, Implementation of the Centre.
The menagement of the relations with the above-mentionned Administrations will be referred to a Plan responsible Subject, who is competent in the technical-operational and administrative side of the Plan.
He will be appointed by the PRAGMA GROUP and supported by a Coordination Committee including a delegate of each sharer in the Partnership.
The management of the financial contributions, especially with reference to the accounting and certification-expenses, is to be guaranteed and effected by the Partnership, according to what is provided for by the set of rules regarding the Structural Funds and the ministerial and regional instructions about the administrative management of the funded plans. The administrative and financial management is guaranteed by an organization, in this case the PRAGMA GROUP, wich boasts a long-term experience concerning the Public Funds Management.
The sharers in the Partnership agree with the obligation that the results of the activities provided for by the Plan , be spread and publicized.
The organization of the subjects involved in the achievement of the Plan provides for the activation of instruments and mechanisms wich can guarantee the partecipation of the subjects themselves for the wole period of the Partnership. Particularly: a Coordination Commmmittee will be set up; the Partnership`s representatives will take part in it.
Every subject will develop parts of activities provided for in the Plan sphere, according to the synergy and stages-sequence condition, and contribute in the wole realization of the Plan itself and in the attainment of the targets optimization.
The Partnership pledges itself:
to operate in a context of transnational cooperation, with the purpose to encourage the involvement of a trasnational partner, who will be directed t promote the trasfer of knowledges and experiences among the partners both on operational level (exchange of know how, comparison of good procedures, common products elaboration etc) and on the political one (comparison of sets of rules and programmatic trends);
to develop networking interventations and results diffusion by the organization of meetings, seminars and discussionsabout the above-mentioned themes;moreover, to elaborate a platform of proposals intended for the Region and the social parties and directed towards the improvement of the individualized formation and the corporate plannings.

Last update: 10-05-2002 dot Top


PRAGMA GROUP SOCIETA` RESPONSABILITA` LIMITATA

(-----------------------------------)
VIA DEGLI ARAGONESI N.36
75100 MATERA
www.pragmagroup.it

Tel:0835/381760
Fax:0835/259522
Email:pragma.consult@tiscalinet.it

 
Responsibility in the DP: Co-ordination of experimental activities
Design of the project
DP managing organisation
Evaluation
Monitoring, data collection
Transnational partnership
Type of organisation:Enterprise
Legal status:Private
Size:Staff 10-50
NUTS code:MATERA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

La Pragma Group créé en 1984 comprend un staff d`operateurs de différentes experiences professionnelles et offre plusieurs services dans le domaine de la gestion des ressources humaines (GRH), organisation, marketing, comunication visuelle et publicité, job creation, soutien financier, internationalisation.
En particulier, la PRAGMA s`occupe de la promotion et diffusion des services réels d`organisation et de gestion.
La PRAGMA est chargée de :
- promouvoir le conseil au management
- organiser des actions de formation professionnelle
- planifier et proposer des cours de courte durée, de base ou spécialisés.
- élaborer des recherches, études et analyse sur son territoire et sa réalité economique, sociale et culturelle.
- élaborer des plans d`orientation professionnelle compte tenu des exigences du systhème de production.
PRAGMA GROUP a réalisé, au cours des dernières années, plusieurs activités de formation et conseil, meme à travers des projets à ` reseau `.
Depuis longtemps la mission de PRAGMA dans le domaine de la formation s`adresse surtout à la formation ` on the job ` et contribue au placement extra-régional.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
FIORE ANTONIO SEVERINO 0835/381760 pragma.consult@tiscalinet.it Responsable du projet

Last update: 10-05-2002 dot Top


ASSOCIAZIONE ORIENTAMENTO E LAVORO DONNE

(--------------------------)
VIA TIMMARI, 1
75100 MATERA
---------------------------

Tel:0835/381760
Fax:0835/259522
Email:---------------------------

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Other
Legal status:Private
Size:Staff 10-50
NUTS code:MATERA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Renseignements sur les activités de l`organisme (Associazione Orientamento e Lavoro Donne)

L`Association Orientation et Emploi aux Femmes est née en 1993. Son but est l`Orientation et la Formation des adultes, des jeunes et notamment des femmes. L`Association favorise la formation personnelle, professionnelle et sociale et réalise des activités de :
- planification, organisation et gestion de cours d`orientation et formation professionnelle
- projets d`insertion pour les nouveaux métiers
- analyse et prévention des discriminations
- formation de formateurs
- data base et documentation des données
- selection et évaluation des candidats.
L`Association travaille dans le domaine de l`orientation professionnelle et utilise la méthodologie retravailler ; adhére à l`Association Nationale C.O.R.A. (Centres d`Orientation Retravailler Associés) dont les membres publiques et privés sont 30. Meme le reseau CORA adhére au reseau européen EWA (Europe Work Action). Son adhésion au reseau CORA lui permet d`utiliser le modèle Retravailler pour les Régions Basilicate et Pouilles.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
DRAGONE ROSALBA 0835/381760 --------------------------- Responsable des activites gerees par le partenaire

Last update: 10-05-2002 dot Top


PARCO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO DI BASILICATA BASENTECH S.P.A.

(P.S.T. BASENTECH S.P.A)
VIA DELLE FIERE
75100 MATERA
www.basentech.it

Tel:0835/265111
Fax:0835/265135
Email:basentech@basentech.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Enterprise
Legal status:Private
Size:Staff 10-50
NUTS code:MATERA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Renseignements sur les activités principales du PARCO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO DI BASILICATA- BASENTECH (Parc de la science et de la technologie de Basilicate- Basentech)

Le parc de la Science et de la Technologie de Basilicate -Basentech encourage la diffusion de programmes de recherche avancée. A ce titre, Basentech se propose comme un centre innovateur de politique industriel et promeut la qualification des entreprises de la Basilicate.
Le P.S.T. Basentech assure le développemrnt de la technologie et de la culture de l`innovation, encourage le déplacement de Know-how et favorise le système local des entreprises.
Le P.S.T. Basentech est référent régional du Murst (Ministère de l`Université et de la Recherche scientifique).
Basentech est un laboratoire d`innovation et de déplacement de tecnologie. C`est un incubateur d`initiatives d`entreprises et assure conseil et orientation.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
GIOIOSO RAFFAELE 0835/265111 gioioso@basentech.it Responsable des activites gerees par le partenaire

Last update: 10-05-2002 dot Top


UNIONE INDUSTRIALE DELLA PROVINCIA DI MATERA

(------------------)
VIA XX SETTEMBRE N.3
75100 MATERA
www.unind.mt.it

Tel:0835/383863
Fax:0835/383873
Email:info@unind.mt.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Employers' organisation
Legal status:Private
Size:Staff 10-50
NUTS code:MATERA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Renseignements sur les activités de la structure (Unione industriale)

L`Union Industrielle de la Province (Département) de la ville de Matera est née en 1945 ; il s`agit d`une association départementale qui adhére à la Confindustria ; son but est de soutenir, promouvoir et représenter les entreprises privées de type industriel qui sont dans la Province de Matera, aussi que de contribuer, à travers des politiques de développement, au progrès socio-economique du territoire et prévenir le chomage.
L`Union offre à ses membres des services de conseil et guidance dans le domaine de : économie et entreprise, finance, impots, relations industrielles et affaires sociales, formation et promotion.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
CARRIERO GIUSEPPE 0835/383863 info@unind.mt.it Responsable des activites gerees par le partenaire

Last update: 10-05-2002 dot Top


UNIV. DI BASILICATA - FAC. DI INGEGNERIA, DAPIT- LIEG, Centro Servizi Didattici

(---------------------)
C.DA MACCHIA ROMANA
85100 POTENZA
---------------------

Tel:0971/205032
Fax:0971/22115
Email:presing@unibas.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:University / Research organisation
Legal status:Public organisation
Size:Staff 50-250
NUTS code:POTENZA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

Renseignements sur les activités de la structure (Università di Basilicata- Facoltà di Ingegnieria)

L`Université de la Basilicate est une institution publique ayant une autonomie didactique, scientifique, financière, contable et organisative dans l`esprit de l`art. 33 de la Constitution italienne.
L`Université developpe le savoir scientifique et encourage l`étude et l`enseignement, dans la perspective de l`education continue. L`Université fait face aux besoins culturelles et professionnelles des acteurs, de la socièté et des organismes administratifs et productifs.
La faculté d`Ingénierie de l`Université de la Basilicate est consacreée à la didactique et conduit ses recherches dans le domaine des science.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
SCHIUMA GIANNI 0971/205032 schiuma@unibas.it Responsable des activites gerees par le partenaire

Last update: 10-05-2002 dot Top



 
 
 
 

 
 
 
 

 
 
 
 
Warning! This section is not meant to be read directly, but rather be navigated through from the main page above.
 
 
 
 

PER.FORMAN.CE (CEntro per la PERsonalizazzione della FORMAzioNe)

Rationale

Text available in

Non sono state apportate modifiche rispetto a quanto indicato nel formulario di candidatura per l`ammissione all`Azione 1

1.- DESCRIZIONE E ANALISI DEL PROBLEMA. - LA FORMAZIONE CONTINUA DEL NOSTRO PAESE HA UNA CONNOTAZIONE STRUTTURALE:È UNA FORMAZIONE EMINENTEMENTE CORSUALE . NEL VOLUME `VALUTAZIONE FINALE DEL`OB. 4 IN ITALIA` CURATO DALLA STRUTTURA DI VALUTAZIONE DELL`ISFOL., A PROPOSITO DELLE TIPOLOGIE D`INTERVENTO UTILIZZATE NEI PROGETTI DI FORMAZIONE DESTINATI AD OCCUPATI, SI AFFERMA: `NEL COMPLESSO NON SEMBRANO ESSERE STATE SUFFICIENTEMENTE VALORIZZATE LE VARIE MODALITÀ D`INTERVENTO PREVISTE DAL DOCUP: LE PROPOSTE SI SONO DI FATTO ALLINEATE SU DI UNO STANDARD D`INTERVENTO - IL CORSO -TUTTO SOMMATO TRADIZIONALE`. TALE CARATTERISTICA COSTITUISCE, IN UNA PROSPETTIVA SISTEMICA, LA CRITICITÀ DI FONDO DELLA FORMAZIONE CONTINUA, PERCHÉ INNESTA ESCLUSIONI E DISCRIMINAZIONI. L`INTERVENTO CORSUALE, INFATTI, PREVEDENDO NECESSARIAMENTE UN STRUTTURA FORTE (NUMERO COSPICUO ED OMOGENEO DI PARTECIPANTI, DURATA DEGLI INTERVENTI NORMALMENTE NON INFERIORE ALLE 150 ORE , PROGETTAZIONE COMPLESSA, TEMPI DI APPROVAZIONE GENERALMENTE MOLTO LUNGHI E DISTANTI DAL MOMENTO DI RILEVAZIONE DEL FABBISOGNO, GESTIONE DIDATTICA ATTENTA AI PROCESSI DI APPRENDIMENTO DI TUTTI) DI FATTO: IN GENERALE, RIDUCE IL RICORSO ALLA FORMAZIONE DELLE IMPRESE, PERCHÉ I PARADIGMI ORGANIZZATIVI AZIENDALI NON SONO COMPATIBILI CON QUELLI `PARASCOLASTICI` DELL`INTERVENTO CORSUALE; IN PARTICOLARE, LIMITA L`ACCESSO ALLA FORMAZIONE AD AZIENDE MEDIO-GRANDI, CHE HANNO RISORSE E CULTURA PER ELABORARE O FARSI ELABORARE E PER GESTIRE O FARSI GESTIRE PROGETTI. LA GENERALE DIFFICOLTÀ DELLE IMPRESE AD UTILIZZARE LE RISORSE PUBBLICHE PER LA FORMAZIONE CORSUALE CI VIENE ATTESTATA DA UN`INDAGINE DI PRAGMA REALIZZATA NEL 1998, MEDIANTE INTERVISTE AL MANAGEMENT E AI QUADRI DELL`INDUSTRIA MATERANA: SI CONSIDERI CHE IL TARGET DELL`INDAGINE È PARTICOLARMENTE SIGNIFICATIVO IN QUANTO COMPRENDE LA PARTE DEL SISTEMA PRODUTTIVO POTENZIALMENTE PIÙ IN GRADO DI VALUTARE LA FORMAZIONE COME RISORSA PERSONALE ED AZIENDALE. INFATTI IL 73% DEGLI INTERVISTATI RICONOSCE LA NECESSITÀ DI AGGIORNARE LE PROPRIE COMPETENZE, MA DICHIARA POCO `PRATICABILE` E COMUNQUE `POCO PROPENSO` A PARTECIPARE ALLA FORMAZIONE CORSUALE (TROPPO `TEORICA`, CON DURATE E IN TEMPI DIFFICILMENTE CONCILIABILI CON LE ESIGENZE PRODUTTIVE DELL`AZIENDA) . A FRONTE DI QUESTA SCARSA PROPENSIONE INVECE CI SONO, NEL TERRITORIO MATERANO, PARTICOLARMENTE `VIVACE` SOTTO IL PROFILO PRODUTTIVO, SOPRATTUTTO SE CONFRONTATO CON IL RESTO DELLA REGIONE E CON IL COMPLESSO DEL MEZZOGIORNO, EVIDENTI BISOGNI DI FORMAZIONE. INFATTI QUESTO SISTEMA IN FASE ESPANSIVA (TRA IL `92 E IL `97 SI È SVILUPPATO AGLI STESSI RITMI DEL NORD-EST) È COMPLESSIVAMENTE RECENTE, QUINDI SENZA UN CONSOLIDATO RETROTERRA DI CULTURA AZIENDALE E DI KNOW HOW TECNICO. LA CITATA INDAGINE PRAGMA , RILEVA CHE: LA GRANDE MAGGIOR PARTE DEGLI INTERVISTATI (72,7%) HA UN`ANZIANITÀ SOTTO I DIECI ANNI E ADDIRITTURA IL 13,6% LAVORA DA MENO DI UN ANNO; SOLO IL 9 % DEL CAMPIONE HA UNA LAUREA, E BEN IL 36% SOLO L`OBBLIGO SCOLATICO; LA FREQUENZA A INTERVENTI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE È QUASI IRRILEVANTE; SOLO IL 2% NE HA FREQUENTATO UNO PRIMA DI LAVORARE, NESSUNO DURANTE L`ATTIVITÀ. LE UNICHE OPPORTUNITÀ FORMATIVO-INFORMATIVE USUFRUITE SONO STATE QUELLE LEGATE ALL`ON THE JOB E ALL`AUTOFORMAZIONE.LA STRUTTURA CORSUALE DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE REGIONALE, PERÒ, NON SOLO SCORAGGIA LE AZIENDE MA NE DISCRIMINA L`ACCESSO ALLE AZIENDE PIÙ PICCOLE. NEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DELL`OB.4 CITATO, INFATTI, L`ISFOL HA RILEVATO CHE `PERSISTONO LE DIFFICOLTÀ DI ACCESSO AI FINANZIAMENTI DA PARTE DELLE UNITE DI PICCOLISSIME DIMENSIONI`:INFATTI MENTRE LE AZIENDE CON PIÙ DI 50 ADDETTI SONO STATE DESTINATARIE DEL 59% DEI FINANZIAMENTI, QUELLE CON MENO DI 10 ADDETTI SOLO IL 7,7% . E TALE PERCENTUALE SALE CON LENTA PROGRESSIONE CON L`AUMENTARE DEL NUMERO DEGLI ADDETTI A EVIDENTE RIPROVA CHE LE IMPRESE CHE INTENDONO REALIZZARE FORMAZIONE CON RISORSE PUBBLICHE DEVONO POTER CONTARE SU UN SIGNIFICATIVO LIVELLO DI STRUTTURAZIONE E DEVONO ESSERE DOTATE DI ADEGUATA STRUTTURA ORGANIZZATIVA.
SE TRASFERIAMO QUESTE CONSIDERAZIONI ALLA REGIONE BASILICATA SI PUÒ STIMARE, SULLA BASE DEI DATI UNIONCAMERE, CHE RIMANGONO FUORI DA UNA `PROSPETTIVA` DI FORMAZIONE PIÙ DI 6000 MICRO IMPRESE (QUELLE DELLA CLASSE DIMENSIONALE DI DIPENDENTI 1-9) CON PIÙ DI 16.000 DIPENDENTI E ALMENO 500 PICCOLE IMPRESE (QUELLE DELLA CLASSE 10 - 49 ADDETTI) CON CIRCA 10.000 DIPENDENTI E DI QUESTE 3.500 DEL COMPARTO INDUSTRIALE CON CIRCA 15.000 ADDETTI. TALE NUMERO VA INCREMENTATO CON LA QUOTA DEI LAVORATORI ATIPICI. NATURALMENTE IL PESO MAGGIORE DI QUESTA ESCLUSIONE È SOSTENUTO DALLA PROVINCIA DI MATERA. OCCORRE SOTTOLINEARE, IN BASE AD UNA RECENTE ACQUISIZIONE CULTURALE E NORMATIVA CHE FA DELLA FORMAZIONE UNA RISORSA PERSONALE E DEL SISTEMA PRODUTTIVO, CHE TALI ESCLUSIONI E DISCRIMINAZIONI SONO A LIVELLO DEL SINGOLO LAVORATORE E DEL SISTEMA PRODUTTIVO
2.- LINEE DI SOLUZIONE. - PER ELIMINARE O ALMENO RIDIMENSIONARE TALI CRITICITÀ OCCORRE PERTANTO ROVESCIARE LA LOGICA CHE SOTTOSTÀ ALL`ATTUALE SISTEMA: PASSANDO DALLA CULTURA E DALLA PRASSI DELLA FORMAZIONE CORSUALE ALLA CULTURA E ALLA PRASSI DELLA FORMAZIONE INDIVIDUALIZZATA, CHE HA LA CAPACITÀ DI RISPONDERE CON UNA PLURALITÀ DI MODI, A BASSO LIVELLO DI STRUTTURAZIONE E FORMALIZZAZIONE, A PROBLEMI E SITUAZIONI DIVERSI DI SINGOLI LAVORATORI O DI PICCOLI GRUPPI; CERCANDO DI RECUPERARE LA PICCOLA E MICRO AZIENDA ALLA RISORSA FORMAZIONE MEDIANTE LA PRASSI DI UNA PIANIFICAZIONE SISTEMATICA DELLA FORMAZIONE.
2.1.LA FORMAZIONE INDIVIDUALIZZATA. - SI È SOLITI RIPETERE CHE LA FORMAZIONE È FATTORE DI SUCCESSO, È LEVA DI VANTAGGIO COMPETITIVO PER L`AZIENDA. IN REALTÀ QUESTA AFFERMAZIONE È SOLO PARZIALMENTE VERA. CIÒ CHE È VERO È CHE LE AZIENDE HANNO UN GRANDE BISOGNO CHE LE PERSONE CHE OPERANO IN ESSE IMPARINO E DIVENTINO COMPETENTI. IL VANTAGGIO COMPETITIVO È, CIOÈ, DATO DALL`APPRENDIMENTO, DAL LEARNING E LE PERSONE APPRENDONO NELLA LORO VITA IN MODI DIVERSI E NON CERTO SOLO MEDIANTE PERCORSI DI FORMAZIONE STRUTTURATA, IL TRAINING. LA FORMAZIONE CORSUALE, CIOÈ, NON ESAURISCE NÉ È SOVRAPPONIBILE ALL`APPRENDIMENTO, NE È SOLO UNA MODALITÀ. MODALITÀ NECESSARIA, NEL PRESENTE E IN PROSPETTIVA, ANCHE SE RIDIMENSIONATA DA ALTRE FORME DI LEARNING PIÙ O MENO FORMALIZZATE, SENZ`ALTRO PIÙ INDIVIDUALIZZATE. NEI DOCUMENTI COMUNITARI VIENE RICHIAMATA LA NECESSITÀ DI UTILIZZARE NELLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE DESTINATE AGLI OCCUPATI METODOLOGIE INNOVATIVE, INTENDENDO SOPRATTUTTO LA PERSONALIZZAZIONE DEI PERCORSI E LA FAD, FORMAZIONE A DISTANZA E SI SOTTOLINEA COME GLI APPROCCI TRADIZIONALI PRESENTINO IL RISCHIO DI UNA `SCOLARIZZAZIONE DEI PROCESSI FORMATIVI`.
LA CIRCOLARI MINISTERIALE 139/98, ATTUATIVA DELLA L. 236/93, PREVEDE LA POSSIBILITÀ DI FINANZIARE PERCORSI DI FORMAZIONE INDIVIDUALIZZATA. SI VA CIOÈ DELINEANDO UN SETTING DI APPRENDIMENTO CHE PASSA ATTRAVERSO UNA PLURALITÀ DI FORME CHE, RICORRENDO AD UNA SISTEMATIZZAZIONE DI MASSIMA, SI PUÒ COSÌ SCHEMATIZZARE: FORMAZIONE CORSUALE; FORMAZIONE INDIVIDUALIZZATA, CHE SI REALIZZA SECONDO UNA TRIPLICE ACCEZIONE (LA PARTECIPAZIONE `INDIVIDUALE` A FORMAZIONE STRUTTURATA; FREQUENZA DI SEMINARI O COMUNQUE; DI FORMAZIONE A CATALOGO, MEDIANTE LA UTILIZZAZIONE DI `BONUS` FINANZIARI, DI VOUCHER; IL TUTORING SUL LAVORO AD INDIVIDUI O PICCOLI GRUPPI DA PARTE DI ESPERTI; LA UTILIZZAZIONE DI FAD PER LA FORMAZIONE MEDIANTE SOFTAWARE SPECIFICO).LA DOMANDA DI FORMAZIONE INDIVIDUALIZZATA PUÒ SCATURIRE O DAL LAVORATORE SINGOLO, CHE DECIDE DI INTRAPRENDERE UN PERCORSO FORMATIVO INDIPENDENTEMENTE DALL`ORGANIZZAZIONE DI APPARTENENZA, O DALL`ORGANIZZAZIONE CHE DECIDE DI FAR PARTECIPARE UN PROPRIO DIPENDENTE AD UN INTERVENTO FORMATIVO. SUL LATO DELL`OFFERTA , INVECE, COME SI È RILEVATO PRECEDENTEMENTE, SI POSSONO INDIVIDUARE DUE MODALITÀ: QUELLA CHE PROPONE PERCORSI FORMATIVI SULLA BASE DI UN CATALOGO PREESISTENTE O QUELLO CHE REALIZZA PERCORSI FORMATIVI SU MISURA, PER IL SINGOLO E PER PICCOLI GRUPPI. IL SUCCESSO DELLA FORMAZIONE INDIVIDUALIZZATA DIPENDE DA PIÙ FATTORI, TRA I QUALI:LA POSSIBILITÀ DI DISPORRE DI UNA MAPPA ORGANICA DI UN`OFFERTA FORMATIVA A CATALOGO (SI È DI FRONTE AD UN UNIVERSO NON SOLO SCONOSCIUTO ALLE IMPRESE MA ANCHE ALLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE CHE HANNO RESPONSABILITÀ IN CAMPO FORMATIVO); LA POSSIBILITÀ DI FRUIRE DI UN ELENCO DI ESPERTI, TECNICI DISCIPLINARI DISPOSTI AD AZIONI DI CONSULENZA E TUTORAGGIO A SINGOLI O A PICCOLI GRUPPI; LA POSSIBILITÀ DI CONOSCERE ED UTILIZZARE SOFTWARE PER L`AUTOISTRUZIONE; LA POSSIBILITÀ DI UTILIZZARE DEI CONGEDI RETRIBUITI PER FORMAZIONE. UNA PRIMA RISPOSTA AL PROBLEMA DEI CONGEDI È STATA DATA DALLA LEGGE N. 53/2000 ART. 6.LA PS SI MUOVE NELLA PROSPETTIVA DI COMINCIARE A SCIOGLIERE I NODI RELATIVI AGLI ALTRI FATTORI.
2.2.I PIANI AZIENDALI DI FORMAZIONE. - FORTEMENTE LEGATA ALLA PROBLEMATICA DELLA FORMAZIONE INDIVIDUALIZZATA È QUELLA DEI PIANI FORMATIVI AZIENDALI, FENOMENO RECENTE MA SENZ`ALTRO IN CRESCITA. PER PIANO FORMATIVO S`INTENDE UN PROGRAMMA ORGANICO DI AZIONI FORMATIVE CON LE QUALI L`AZIENDA INTENDE DOTARSI DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI NECESSARIE
LA PROGETTAZIONE DEI PIANI FORMATIVI AZIENDALI È UN`ATTIVITÀ: IMPORTANTE, PERCHÉ SVOLGE UNA FUNZIONE DI SUPPORTO ALLE SCELTE STRATEGICHE DELL`AZIENDA, SIA CHE QUESTE SIANO DIFENSIVE, O ADATTIVE, O ANTICIPATIVE: OGNI SCELTA COMPORTA LA CAPACITÀ DELL`AZIENDA DI PERSEGUIRLA E TALE CAPACITÀ RISIEDE, PRIMA DI TUTTO, NELLE COMPETENZE DEL PERSONALE; COMPLESSA, IN QUANTO È UNA FUNZIONE DI SISTEMA, TIENE CIOÈ IN CONSIDERAZIONE TUTTI GLI ASPETTI DEL SISTEMA IMPRESA, CON I QUALI REALIZZA UN RAPPORTO DI COERENZA. COERENZA CON I BISOGNI FORMATIVI, CHE DEVONO ESSERE COERENTI CON I FABBISOGNI DI COMPETENZE, A LORO VOLTA COERENTI CON LE ESIGENZE ORGANIZZATIVE, CHE DEVONO RISULTARE DA STRATEGIE COERENTI CON LE EVOLUZIONI DEL CONTESTO DI RIFERIMENTO.

dot Top


Objective

Text available in

Non sono state apportate modifiche rispetto a quanto indicato nel formulario di candidatura per l`ammissione all`azione 1

L`OBIETTIVO GENERALE DELLA PARTNERSHIP DI SVILUPPO È LA RIDUZIONE DEL FENOMENO DELL`ESCLUSIONE DALLA FORMAZIONE PROFESSIONALE DI IMPRESE E LAVORATORI, COMPRESI GLI ATIPICI, MEDIANTE LA FORMAZIONE INDIVIDUALIZZATA E LA PIANIFICAZIONE FORMATIVA AZIENDALE. PER REALIZZARE SISTEMATICI INTERVENTI DI FORMAZIONE INDIVIDUALIZZATA E DI PIANIFICAZIONE FORMATIVA È NECESSARIO DISPORRE DI UNA STRUTTURA SPECIFICA.
L`OBIETTIVO OPERATIVO DELLA PARTNERSHIP DI SVILUPPO È LA PROGETTAZIONE, SPERIMENTAZIONE E ASSISTENZA TECNICA NELLA FASE DI DECOLLO DI UN CENTRO SERVIZI SPECIALISTICO (IN SEGUITO DENOMINATO CENTRO O PER.FORMAN.CE) IN: FORMAZIONE INDIVIDUALIZZATA E PIANIFICAZIONE FORMATIVA AZIENDALE NEL SETTORE INDUSTRIALE DELLA PROVINCIA DI MATERA. PER LA COMPRENSIONE DELL`OBIETTIVO OPERATIVO OCCORRE TENERE PRESENTE 1) LE FINALITÀ 2) LE MODALITÀ OPERATIVE 3) LE CONNOTAZIONI FUNZIONALI DEL CENTRO CHE S`INTENDE PROGETTARE SPERIMENTARE E IMPLEMENTARE.
1) FINALITÀ PER.FORMAN.CE SI MUOVE SU DUE LINEE OPERATIVE A SECONDA CHE DESTINATARIO DELL`INTERVENTO SIA L`INDIVIDUO O L`AZIENDA. 1.1.- NEL PRIMO CASO L`OBIETTIVO È QUELLO DI METTERE IN CONDIZIONE L`UTENTE DI UTILIZZARE UN PERCORSO FORMATIVO PERSONALIZZATO. A TALE SCOPO IL CENTRO METTE A SUA DISPOSIZIONE SERVIZI DI: ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI, PROGETTAZIONE DI PERCORSI FORMATIVI, RICERCA DI PERCORSI FORMATIVI (ESISTENTI) CON SISTEMI IN PRESENZA E A DISTANZA, INDIVIDUAZIONE DI ESPERTI PER AZIONI DI TUTORING, CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE. 1.2.- NEL SECONDO CASO L`OBIETTIVO DEL CENTRO È QUELLO DI SUPPORTARE LE AZIENDE NELL`ELABORAZIONE DI PIANI FORMATIVI ATTRAVERSO UN PRELIMINARE PERCORSO FORMALIZZATO CHE SI ARTICOLA NELLE FASI DI: ANALISI DEL CONTESTO E DELLE STRATEGIE AZIENDALI, DEFINIZIONE DI COMPITI RICHIESTI DALLE STRATEGIE ADOTTATE, INDIVIDUAZIONE DELLE COMPETENZE NECESSARIE ALLA REALIZZAZIONE DEI COMPITI, DEFINIZIONE DELL`ACQUISIBILITÀ DELLE COMPETENZE MEDIANTE LA FORMAZIONE.
2) MODALITÀ OPERATIVE. PIÙ IN PARTICOLARE LE ATTIVITÀ E I SERVIZI RESI DA PER.FORMAN.CE SUL VERSANTE DELLA FORMAZIONE INDIVIDUALIZZATA, IN ORDINE SEQUENZIALE SONO: A. FASE DELL`ANALISI (COLLOQUIO CON L`AZIENDA E/O L`UTENTE PER STABILIRE I COMPITI CHE DOVRÀ REALIZZARE - INDIVIDUAZIONE DEL TRAGUARDO/OBIETTIVO DA RAGGIUNGERE; COLLOQUIO CON L`UTENTE PER EFFETTUARE UN BILANCIO DELLE COMPETENZE MATURATE - INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA. B.- FASE DEL PROGETTO (DEFINIZIONE DA PARTE DELL`ESPERTO DI PER.FORMAN.CE DI UN PERCORSO DI FORMAZIONE CHE PARTENDO DALLE COMPETENZE POSSEDUTE CONSENTA DI RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI PREDEFINITI; COMUNICAZIONE DEL PERCORSO PROGETTATO ALL`UTENTE E ALL`AZIENDA: PERCORSO CHE PUÒ PREVEDERE: LA PARTECIPAZIONE AD UN INTERVENTO CORSUALE, L`EFFETTUAZIONE DI UNO STAGE AZIENDALE, UN IMPEGNO PERSONALE CON SUSSIDI CARTACEI/MULTIMEDIALI CON O SENZA TUTORAGGIO, L`ASSISTENZA DI UN TUTOR IN AMBIENTE LAVORATIVO, ECC.; CONCERTAZIONE CON L`UTENTE E L`AZIENDA DEL PERCORSO E VERIFICA DELLE CONDIZIONI DI FATTIBILITÀ; EVENTUALE RITARATURA DEL PERCORSO). C.- .FASE DEL REPERIMENTO DELLA OPPORTUNITÀ FORMATIVA (RICERCA - A PARTIRE DAL TERRITORIO DI RIFERIMENTO - DI INTERVENTI CORSUALI ADEGUATI O COMPATIBILI O ADATTABILI AL PERCORSO DELINEATO; RICERCA - A PARTIRE DAL TERRITORIO DI RIFERIMENTO - DI OCCASIONI NON CORSUALI AD ES. STAGE). D.- FASE DELLA EROGAZIONE DI SERVIZI DI CONSULENZA/TUTORING (RICHIESTA DA PARTE DELL`AZIENDA DI ESPERTI-TUTOR; RICERCA E REPERIMENTO DI ESPERTI-TUTOR). E.- FASE DELLA CERTIFICAZIONE (ACCERTAMENTO, DOCUMENTAZIONE DELLE COMPETENZE ACQUISITE). ALLA BASE DI TALE ATTIVITÀ C`È UNA PRELIMINARE ELABORAZIONE DEGLI STANDARD.
LE ATTIVITÀ DEL CENTRO SUL VERSANTE DELLA ELABORAZIONE DI PIANI FORMATIVI AZIENDALI SEGUONO QUESTA SEQUENZA: A.- FASE DELL`ANALISI DEL CONTESTO E DELLE STRATEGIE, CHE SI CONCRETIZZA NELLA RILEVAZIONE E NELLO STUDIO DELLE CARATTERISTICHE STRUTTURALI DELL`AZIENDA, DEL SUO AMBIENTE (ASSETTO ECONOMICO, MERCATO, MERCATO DEL LAVORO, TECNOLOGIA, TERRITORIO, ASSETTO POLITICO-ISTITUZIONALE, SISTEMA SOCIO-CULTURALE) DELLE SCELTE STRATEGICHE (IN ORDINE A ORGANIZZAZIONE, PRODOTTI/SERVIZI, MERCATI, TECNOLOGIE, ESPANSIONE/RIDUZIONE, ALLEANZE, TRASFERIMENTI). B.- FASE DELLA DEFINIZIONE DI COMPITI LAVORATIVI RICHIESTI DALLE STRATEGIE ADOTTATE E ANALISI DEI COMPITI AZIENDALI (RILEVARE L`ASSETTO OPERATIVO, CIOÈ L`INSIEME DELLE PRESTAZIONI LAVORATIVE OCCORRENTI PER SUPPORTARE LE STRATEGIE SCELTE; RILEVARE LA DIFFERENZA TRA TALE ASSETTO `VIRTUALE` E QUELLO EFFETTIVAMENTE PRESENTE IN AZIENDA, CIOÈ IL GAP TRA PRESTAZIONI OCCORRENTI E PRESTAZIONI ATTUALI). C. FASE DELLA DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE NECESSARIE PER REALIZZARE I NUOVI COMPITI E ANALISI DELLE COMPETENZE PRESENTI IN AZIENDA. (ANALISI DELLE PRESTAZIONI OCCORRENTI E DELLE COMPETENZE NECESSARIE PER REALIZZARLE -L`INSIEME CIOÈ DI CONOSCENZE, ABILITÀ OPERATIVO-PROCEDURALI, STILI E ATTEGGIAMENTI PROFESSIONALI CHE RENDE POSSIBILE LA PERFORMANCE-; VERIFICA SE IL PERSONALE DELL`AZIENDA PRESENTA TALE COMPETENZE, PER MISURARE L`EVENTUALE GAP TRA COMPETENZE NECESSARIE E COMPETENZE POSSEDUTE; DECISIONE SE FARE RICORSO A PERSONALE AGGIUNTIVO - DA ASSUMERE O DA ACQUISIRE DALL`ESTERNO - O UTILIZZARE IL PERSONALE ESISTENTE PREVIA OPERAZIONE DI JOB ENLARGEMENT. IN QUEST`ULTIMO CASO SI TRATTA DI VERIFICARE SE TALE OPERAZIONE PASSA NECESSARIAMENTE ATTRAVERSO UN`AZIONE FORMATIVA).TUTTA L`ATTIVITÀ DI QUESTE TRE FASI SI CONNOTA COME ATTIVITÀ DI RICERCA MEDIANTE INDAGINE DI CAMPO. TALE INDAGINE SI REALIZZA CON L`OSSERVAZIONE DIRETTA E/O L`INTERVISTA AL PERSONALE E A TESTIMONI PRIVILEGIATI E SI AVVALE DI STRUMENTI OPERATIVI (GRIGLIE, CHECK LIST, QUESTIONARI…). D.- FASE DELL`ELABORAZIONE DEL PIANO, ARTICOLATO NELLE PARTI SEGUENTI: D.1-OBIETTIVI (INDIVIDUAZIONE DELLE COMPETENZE DA RAGGIUNGERE PER POTER REALIZZARE I COMPITI ESIGITI DALL`ADOZIONE DELLE STRATEGIE AZIENDALI); D.2- AZIONI FORMATIVE (DEFINIZIONE DELLE TIPOLOGIE DI INTERVENTO FORMATIVO CHE, IN UNA LOGICA DI SISTEMA, CONSENTONO DI RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI/COMPETENZE. UTILIZZIAMO IL TERMINE `AZIONI FORMATIVE` PER NON RIDUTTIVAMENTE FAR COINCIDERE FORMAZIONE CON CORSO DI FORMAZIONE, COME PRECEDENTEMENTE DETTO. LE AZIONI RIGUARDANO CORSI DI FORMAZIONE INTENI, CORSI DI FORMAZIONE INTERAZIENDALI, AFFIANCAMENTO, VIAGGI DI STUDIO, ANALISI DI ESPERIENZE VISSUTE; PACCHETTI FORMATIVI MULTIMEDIALI; AUTOFORMAZIONE, FORMAZIONE A DISTANZA, STAGE INTERNI O IN ALTRE AZIENDE, ECC.); D.3- PROGETTAZIONE DELLE AZIONI FORMATIVE (ELABORARE PER CIASCUNA DELLE AZIONI FORMATIVE SCELTE UN PROGETTO: DI MASSIMA - INFORMAZIONI DI IMPOSTAZIONE - O DI DETTAGLIO - INFORMAZIONI LEGATE ALLA REALIZZAZIONE PRATICA -, A SECONDA DELLA DISTANZA DI TEMPO TRA IL MOMENTO PROGETTUALE E QUELLO REALIZZATIVO. NEL CASO AD ESEMPIO DI UNA DOMANDA DI FINANZIAMENTI PUBBLICO SI RICORRE ALLA PROGETTAZIONE DI MASSIMA IN QUANTO L`INTERVENTO, NEL CASO DI ESITO POSITIVO DELLA DOMANDA, VERRÀ NORMALMENTE REALIZZATO MOLTI MESI DOPO. QUANDO, PERÒ, IL PROGETTO È IMMEDIATAMENTE OPERATIVO PUÒ ESSERE REDATTO IN UNA FORMULA UNICA NELLA QUALE, CIOÈ, VENGONO CONIUGATE LE IMPOSTAZIONI GENERALI CON QUELLE OPERATIVE); D.4- PIANIFICAZIONE DELLE AZIONI FORMATIVE, AL FINE DI: DISLOCARE NEL TEMPO GLI INTERVENTI, CERCANDO DI EVITARE SOVRAPPOSIZIONI E PROBLEMI ALLA ATTIVITÀ LAVORATIVE; UTILIZZARE LE RISORSE UMANE E STRUMENTALI, FAVORENDO OBIETTIVI DI EFFICIENZA; D.5 - DESCRIZIONE DEL SISTEMA DI COORDINAMENTO E CONTROLLO: (IDENTIFICARE UN RESPONSABILE DEL PIANO, CON IL COMPITO DI STIMOLARE LA REALIZZAZIONE DELLE INIZIATIVE, FAVORIRE IL PERSEGUIMENTO DEGLI OBIETTIVI, GESTIRE LE RISORSE, VERIFICARE LA CONFORMITÀ DELLA REALIZZAZIONE DELLE AZIONI ALLA PROGETTAZIONE E PROVVEDERE AD EVENTUALI RIPROGETTAZIONI DELLE AZIONI; PREDISPORRE LA STRUMENTAZIONE OPERATIVA DI REPORTING PER IL CONTROLLO DI GESTIONE); D.6.- PREVISIONE E DESCRIZIONE DI INTERVENTI DI FOLLW UP (VERIFICARE UNA VOLTA TERMINATA L`AZIONE FORMATIVA E, PREVALENTEMENTE, A DISTANZA DI TEMPO, I CAMBIAMENTI PRODOTTI SIA NEI DESTINATARI DELLE AZIONI, SIA NELL`AZIENDA; CONFERMARE O MENO, SULLA BASE DELLE INFORMAZIONI ASSUNTE, LA VALIDITÀ DEGLI INTERVENTI REALIZZATI, AI FINI DI RIPETERE LE ESPERIENZE IN PIANIFICAZIONI SUCCESSIVE, RITARARE GLI INTERVENTI E RIPROGETTARE IL PIANO FORMATIVO, RIFARE L`ANALISI PERCHÉ NON SONO STATI INDIVIDUATI CORRETTAMENTE I PROBLEMI); D.7 DESCRIZIONE DELLE RISORSE NECESSARIE(DEFINIZIONE DELLE RISORSE UMANE E STRUTTURALI; ELABORAZIONE BUDGET)
3) CONNOTAZIONI FUNZIONALI. PER LE OPERAZIONI SOPRADESCRITTE OCCORRONO COMPETENZE PROFESSIONALI: DI ANALISI DI FABBISOGNI FORMATIVI/PROGETTAZIONE DI PERCORSI FORMATIVI/ANALISI DI ORGANIZZAZIONE; DI DOCUMENTAZIONE (RACCOLTA SISTEMATIZZAZIONE, EROGAZIONE DELL`INFORMAZIONE). NELL`UNO E NELL`ALTRO CASO SONO COMPETENZE SPECIFICHE, NON IMMEDIATAMENTE RINVENIBILI O PARTICOLARMENTE DIFFUSE SUL TERRITORIO. IL CENTRO DEVE CONTARE SU TALI COMPETENZE CON CONTINUITÀ E IN MISURA ADEGUATA AL NUMERO DI UTENTI CHE FARANNO RICHIESTA DEI SERVIZI E DEVE UTILIZZARE UNA SEDE OPERATIVA SPECIFICAMENTE DEDICATA AI COMPITI DEL CENTRO STESSO E CON UN`ADEGUATA DOTAZIONE... TALE ESIGENZE, PERÒ, NON SI TRADUCONO NECESSARIAMENTE IN UNA CONFIGURAZIONE ORGANIZZATIVA FORTEMENTE STRUTTURATA: SIA SOTTO IL PROFILO LOGISTICO , MA SOPRATTUTTO DI RISORSE UMANE (PERSONALE CON RAPPORTI FULL TIME E CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO).AL CONTRARIO IL CENTRO, SIA NELLA SUA GESTAZIONE ALL`INTERNO DELLA PS SIA UNA VOLTA A REGIME, DOVRÀ AVERE UN FISIONOMIA ORGANIZZATIVA `LEGGERA` POTENDO CONTARE SU SPAZI, DOTAZIONI E PERSONALE DEI PARTNERS. L`UTILIZZAZIONE E IL NUMERO DI EVENTUALI COLLABORAZIONI ED APPORTI ESTERNI POTRANNO ESSERE PRESI IN CONSIDERAZIONE, IN RELAZIONE AL VOLUME DI UTENZA, PERSONALE ED AZIENDALE, SOLO A REGIME.

dot Top


Innovation

Text available in

Non sono state apportati scostamenti rispetto a quanto descritto nel Formulario di Candidatura per l`ammissione all`azione 1
Per.forman.ce presenta vari livelli di innovazione:
Rappresentano INNOVAZIONI DI PROCESSO, PRODOTTO e CONTESTO
a) gli obiettivi perseguiti: la riduzione del fenomeno dell`esclusione dalla formazione delle imprese e dei lavoratori agendo su aspetti strutturali della formazione professionale. Finora, infatti, ci si è preoccupati di un`espansione quantitativa della formazione, senza preoccuparsi degli aspetti escludenti e discriminanti connessi all`organizzazione `parascolastica` della formazione stessa.
b) le strategie adottate: la promozione della formazione individualizzata e i piani di formazione aziendali, Dice a proposito della prima il volume dell`Isfol Valutazione finale dell`Ob.4 in Italia
`L`Offerta di percorsi di formazione individuale … rappresenta una novità nel panorama attuale della formazione continua in Italia. Le amministrazioni competenti stanno infatti introducendo nella programmazione questa nuova modalità formativa` .
Rappresentano una novità anche i secondi. Infatti i `Piani formativi` promossi nel sistema di formazione continua finanziato dalla L. 236/93 non sono uno strumento tecnico che pianifica rilevazione di bisogni e percorsi formativi personalizzati ma soprattutto un documento che realizza ed esprime la concertazione delle parti.
c) gli strumenti adottati per la realizzazione delle strategie: una struttura di promozione a carattere permanente appositamente ideata. Questa rappresenta una innovazione sotto profili diversi: è l`idea di una struttura che è innovativa; le Regioni che stanno tentando la strada della personalizzazione dei percorsi, sperimentano delle politiche e non delle strutture di promozione di tali politiche. E` innovativa la formula organizzativa .che possiamo definire a geometrie variabile. Le strutture create con risorse pubbliche spesso cessano di vivere quando vengono meno le risorse:l`impatto con il mercato `non protetto` si prospetta spesso traumatico. Per.forman.ce continuerà ad operare con le risorse umane dei partners, a cui si aggiungeranno esperti nel caso di un`espansione del suo volume di attività
I mezzi utilizzati dalla struttura di promozione: il kit di strumenti operativi per la consulenza relativa alla formazione individualizzata e quelli per la pianificazione aziendale, la mappa dell`offerta formativa a catalogo e quella del software per l`autoistruzione, gli elenchi dei consulenti - esperti - tecnici disciplinari disponibili per il tutoring aziendale e gli standard di competenze relativi ai comparti industriali predefiniti rappresentano delle novità (di prodotto e di metodo) nel panorama non solo regionale ma anche in quello nazionale. Si segnala in particolare l`elaborazione degli standard di competenza, che verranno redatti secondo il lay out previsto dall`art. 3 del D.M. 174/2001 sulla certificazione delle competenze.

dot Top


Agreement Summary

Text available in

La rappresentanza della PS e di ciascuno dei soggetti partecipanti alla medesima, nei confronti delle Amministrazioni competenti al progetto menzionato in premessa è affidata a Pragma Group s.r.l. che, assume dunque il ruolo di soggetto referente, ed avrà quindi la responsabilità di indirizzo e di gestione della PS, sarà unico interlocutore delle medesime Amministrazioni ed unico percettore del relativo contributo, da ripartirsi tra i partecipanti.
L`indicata parte rappresentante, pertanto, potrà - agendo tanto in proprio che quale rappresentante delle partecipanti alla PS - stipulare con le Amministrazioni competenti qualsiasi convenzione, contratto o accordo necessario o opportuno all`attuazione del Progetto e tutti i conseguenti atti - tanto di disposizione, quanto di significazione o conoscenza - senza che mai possano opporlesi carenza o indeterminatezza di facoltà.

Ferma restando l`autonomia di ciascun partecipante alla PS nell`esecuzione delle fasi di rispettiva competenza del richiamato Progetto, tutte i partner si obbligano - reciprocamente tra loro e nei confronti delle Amministrazioni competenti all`esecuzione delle fasi di rispettiva pertinenza con l`osservanza assoluta dei tempi e dei termini di esecuzione previsti dal Progettoi.

In particolare la PRAGMA GROUP svolgerà un ruolo prevalente nelle attività di Progettazione, Gestione amministrativa e finanziaria, Coordinamento delle attività, Sperimentazione, Coordinamento delle attività transnazionali, e partecipa allo sviluppo di alcune parti di altre attività a prevalente realizzazione degli altri partners: Autovalutazione, Pubblicizzazione, Raccolta ed elaborazione dati richiesti, Implementazione del Centro.
VEDERE PUNTO 3.1.9.8

Basentech s.p.a. svolgerà un ruolo prevalente nell`azione Raccolta ed Elaborazione Dati Richiesti, ma parteciperà anche in altre attività previste e a prevalente realizzazione degli altri partners: Coordinamento delle attività, Pubblicizzazione.
VEDERE PUNTO 3.2.8.7

L`Unione degli Industriali della Provincia di Matera svolgerà un ruolo prevalente nell`attività di Pubblicizzazione e Diffusione, e partecipa inoltre allo sviluppo di alcune parti di altre attività a prevalente realizzazione degli altri partners : Sperimentazione, Autovalutazione, Implementazione del Centro.
VEDERE PUNTO 3.2.8.7

L`Università degli Studi di Basilicata facoltà di Ingegneria svolgerà un ruolo prevalente nell`attività di Autovalutazione, nonché partecipa allo sviluppo di alcune parti di altre attività a prevalente realizzazione degli altri partners : Coordinamento delle attività, sperimentazione, Pubblicizzazione. Implementazione del Centro.
VEDERE PUNTO 3.2.8.7

La gestione dei rapporti con le Amministrazioni referenti potrà avvenire a mezzo di un Responsabile di Progetto, competente sia per la parte tecnico-operativa che per quella amministrativa del Progetto e che sarà designato dal soggetto referente Pragma Group s.r.l., la quale potrà anche sostituire a s detto Responsabile da essa designato nell`esercizio dei poteri di rappresentanza della PS e dei suoi partecipanti nei confronti delle suddette Amministrazioni, conferendogli analoghi o pi limitati poteri.
Il Responsabile di Progetto potrà essere supportato da un Comitato di Coordinamento costituito da un rappresentante di ciascun partecipante alla PS.
La gestione dei contributi finanziari, con particolare riferimento alla contabilizzazione e certificazione delle spese, dovrà essere assicurata ed effettuata dalla PS nel rispetto di quanto previsto dalla normativa sui Fondi Strutturali e in particolare sul FSE, e delle disposizioni ministeriali e regionali in merito alla gestione amministrativa dei progetti finanziati.
La gestione amministrativa e finanziaria è assicurata da un`organizzazione, nella fattispecie la Società Pragma Group srl, con esperienza pluriennale nella gestione dei fondi pubblici.(VEDI PUNTO 3.1.10). La stessa PS è costituita , comunque, tra soggetti che presentano ampia e documentata esperienza in materia.
I partecipanti alla PS accettano che i risultati delle attività previste nell`ambito del progetto, in termini di prodotti, strumenti, metodologie, ecc., siano diffusi, pubblicizzati e resi di dominio pubblico.
L`organizzazione dei soggetti interessati alla realizzazione del progetto prevede l`attivazione di strumenti e meccanismi che assicurino la partecipazione dei suddetti a pieno titolo e per tutta la durata della partnership.
In particolare :
- sarà costituito un Comitato di Coordinamento cui parteciperanno i rappresentanti della PS;
- tutti i soggetti interessati svilupperanno parti di attività previste nell`ambito del progetto, in regime di sinergia e successione delle fasi, contribuendo alla piena realizzazione dello stesso e al raggiungimento dell`ottimizzazione degli obiettivi. In particolare vedere PUNTO 5.18.3 del presente Formulario.
La PS si impegna a :
- operare in un contesto di cooperazione transnazionale, attivando la partecipazione e il coinvolgimento di almeno un partner transnazionale volto a promuovere il trasferimento delle conoscenze e delle esperienze tra i partner a tutti i livelli, da quello operativo ( scambio di know how, confronto buone prassi, elaborazioni di prodotti comuni, ecc.) a quello politico (comparazione di normative e di orientamenti programmatici);
- sviluppare interventi di networking e diffusione dei risultati, sia promuovendo l`organizzazione di convegni, seminari e dibattiti sulle tematiche in oggetto, sia elaborando una piattaforma di proposte destinate alla Regione e alle parti sociali, finalizzate alla valorizzazione della formazione individualizzata e dei piani aziendali.
VEDERE INOLTRE ACCORDO DI COOPERAZIONE ALLEGATO

dot Top


Empowerment

 With beneficiaries

Text available in

I beneficiari sono individuabili
a) nei lavoratori e nelle aziende dei comparti scelti per la sperimentazione di Per.forman.ce della Provincia di Matera
b) nei lavoratori e nelle aziende di altri comparti industriali e altri settori economici della Provincia di Matera
c) nei lavoratori e nelle aziende di tutti i settori economici fuori della provincia di Matera

Il coinvolgimento è rappresentato essenzialmente da una strategia capillare di informazione sensibilizzazione animazione.
a) Per i lavoratori e le aziende della Provincia di Matera appartenenti ai comparti scelti per la sperimentazione
· incontri aziendali ed interaziendali con i responsabili per l`illustrazione delle finalità e del funzionamento del Centro. (Potenzialmente tale iniziativa è rivolta a tutte le aziende del comparto)
· incontri con i lavoratori
· sportello informativo
b) Per i lavoratori e le aziende di altri comparti industriali e altri settori economici della Provincia di Matera: incontri con rappresentanti di OO.SS. dei datori e dei lavoratori e Associazioni di categoria e Ordini professionali
· per illustrare le finalità e funzionamento del Centro
· per attività di consulenza per la progettazione di massima di un Centro (definizione dei processi lavorativi, delle risorse umane da impegnare (tipologia di competenze, di governo, tecniche, di supporto e relativo numero), della logistica, della dotazione strumentale, del sistema informativo - informatico…)
c) Per i lavoratori e le aziende di tutti i settori economici fuori della provincia di Matera.
· Pubblicazione cartacea e CD ROM: Guida al funzionamento di un Centro per la personalizzazione della formazione e per la pianificazione formativa aziendale: finalità, funzionamento, procedure e strumentazione operativa, inviati a OO.SS. dei datori e dei lavoratori e Associazioni di categoria e Ordini professionali a livello nazionale e locale.

dot Top


Empowerment

 Between national partners

Text available in

A) Ambiti operativi che realizzano la partecipazione attiva dei partners

La partecipazione attiva dei partners si esprime in a) decisioni, b) validazioni e c) valutazioni
a) I partners decidono in merito a:
· definizione del bacino territoriale e/o settoriale del Centro, in relazione ai macrocriteri tasso di problematicità e livello di significatività
· criteri e modalità di selezione degli esperti del Centro
· modalità e strumenti di pubblicizzazione e promozione delle attività del Centro presso le aziende dei comparti del Centro
· criteri e modalità di selezione dei beneficiari
· modalità di assistenza tecnica nella fase di erogazione di servizi
· quadro degli indicatori per il monitoraggio e la valutazione
· azioni correttive che si rendessero necessarie per ovviare criticità segnalate dai Report di monitoraggio e valutazione
b) Validano e approvano le elaborazioni tecniche relative
· al kit di strumenti per la consulenza relativa alla formazione individualizzata
· al kit di strumenti operativi per l`elaborazione di piani formativi aziendali
· alla elaborazione di standard di competenze per il/i comparti industriali prescelti
· alle modalità e procedure per l`accertamento e la documentazione delle competenze
· alla elaborazione degli standard di competenze
· alla programmazione formativa dei moduli comuni e specialistici per gli esperti del Centro
· al data base (sistema informativo e informatico) su opportunità formative a catalogo, a carattere generalista e tematico
· al data base (sistema informativo e informatico) su pacchetti formativi in autoistruzione , a carattere generalista e tematico
· alle liste di esperti disciplinari utilizzabili in prestazioni di tutoring e consulenza aziendale
· al business plan di Per.forman.ce
· alle misure di accompagnamento a Per.forman.ce nella fase di transizione verso il mercato.
c) Valutano lo stato di avanzamento, la realizzazione fisica, i risultati, l`impatto della PS, sulla base di
· report di monitoraggio
· report di valutazione

B) Modalità con cui si esprime la partecipazione attiva dei partners

Le decisioni, le validazioni e le valutazioni vengono assunte collegialmente dall`équipe dei responsabili di ogni partner in sessioni collegiali, da realizzarsi con frequenza almeno mensile e sulla base di ordini del giorno predefiniti

dot Top



Logo EQUAL

Home page
DP Search
TCA Search
Help
Set Language Order
Statistics