IMPORTANT LEGAL NOTICE
 

 PATTO PER LE COMPETENZE ascii version

Italy

 
DP Managing organisation : SOCIETA` CONSORTILE TRIGNO SINELLO A RESPONSABILITA` LIMITATA
Other national partners : AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI CHIETI
ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DI CHIETI
CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO ED AGRICOLTURA DI CHIETI
CONFEDERAZIONE NAZIONALE DELL`ARTIGIANATO - ASSOCIAZIONE PROVINCIALE DI CHIETI
ENTE NAZIONALE DI FORMAZIONE ED ADDESTRAMENTO PROFESSIONALE
ISTITUTO ADDESTRAMENTO LAVORATORI - REGIONE ABRUZZO
Monfor Onlus (gia Cnipa Abruzzo Onlus)
ORGANIZZAZIONE PROGETTI SERVIZI SPA
SIA SERVIZI INTEGRATI ASSINDUSTRIA SRL
EQUAL theme :Adaptability - Life long learning 
Type of DP :Geographical - Other - CHIETI 
DP Legal status :Association without legal form 
DP identification :IT-IT-G-ABR-056 
Application phase :Project ended 
Selection date :29-05-2002 
Last update :03-05-2002 
Monitoring: 2003   

Rationale

Text available in

The reference area is marked out by a large presence of concerns from the manufacturing sector whithin the system, with about 8000 employees equal to the 46% of the total (ISTAT intermediate censum 1996) definitely above the provincial and regional average. The trade sector follows with 3700 employees, the building one with about 2200 employees and the hotels` and restaurants` one with about 900 employees. The manifacturing sector reaches a high level of specialization within the manufacture of products from non metallic minerals (glass, car components production) with 61 concerns and 3445 emplyoees. An important position is also held by the metal production and the manufacture of metallic products (mechanics) with 150 concerns and 1210 employees, and by the textile and clothing industries with 88 concerns and 1135 employees.
The area is characterised by few big reference industries, that gather the 40% of the employees, and several SMEs some of them work in sub supplying. The average SMEs size is of about 6,5 employees per concern (8 employees in the metal production and manufacture of metallic products, 9 employees in the textile and clothing industries, 17 employees in the manufacture of products from non metallic minerals, the average size in the others sectors is much lower with about 2,5 employees per concern).

dot Top


Objective

Text available in

The general objective of the project is to create a real `pact for the competencies` in the area with the aim to promote life-long training programmes for reducing risks of exclusion from the job market. The access to the new technologies and new information society can play a very crucial role for the firms` market competition. For this reason the specific objectives of the project are:

· Research and analysis on the designing, implementation and monitoring phases of actions to develop human resources. The aim is to evaluate the local gap in the field of information technology mainly and to experiment the best practices to fill the gap (especially for the net-economy).
· Research and analysis on the training needs of workers and firms.
· Definition of indicators for firms` needs and creation of a monitoring system.
· Designing and managing a web supporting system for local firms to facilitate the use of new technologies.
· Actions to diffuse e-business oriented culture for firms.
· Disigning, experimentation and implementation of integrated training patterns
· Implementation of a local partners network aiming to co-ordinate to all the project actions even through the activation of an `animation unit` for technical support

The main goal will be to start up of a productive reorganization process among firms which tries to relate better with the local concerns, a new and more communicative planning of the industrial relationships between the trade unions and the employers, to increase the attention paid to the abilities as a way to get more competitive for all the economic system.

dot Top


Innovation


Nature of the experimental activities to be implemented Rating
Guidance, counselling **
Training ****
Training on work place ****
Employment creation and support ****
Training of teachers, trainers and staff ***
Conception for training programs, certification ****
Anticipation of technical changes ****
Work organisation, improvement of access to work places ****
Guidance and social services *
Awareness raising, information, publicity ***
Studies and analysis of discrimination features ****

Type of innovation Rating
Process-oriented ****
Goal-oriented ***
Context oriented ****

Text available in

Main innovative elements of the project are:
· To use new technologies for developing workers` competencies mainly in the information technology field
· Development of life-long training modules
· To certificate professional competencies
· Creation of a local network of firms involved in net-economy
· Creation of an `information society` against the discrimination and exclusion from the job market.

dot Top


Budget Action 2

1 000 000 – 1 500 000 €

dot Top


Beneficiaries


Assistance to persons 
Unemployed  0.0%  0.0% 
Employed  50.0%  30.0% 
Others (without status, social beneficiaries...)  10.0%  10.0% 
  100.0% 
 
Migrants, ethnic minorities, …  8.0%  2.0% 
Asylum seekers  0.0%  0.0% 
Population not migrant and not asylum seeker  52.0%  38.0% 
  100.0%
 
Physical Impairment  0.0%  0.0% 
Mental Impairment  0.0%  0.0% 
Mental Illness  0.0%  0.0% 
Population not suffering from a disability  60.0%  40.0% 
  100.0% 
 
Substance abusers 0.0%  0.0% 
Homeless  0.0%  0.0% 
(Ex-)prisoners  0.0%  0.0% 
Other discriminated (religion, sexual orientation)  0.0%  0.0% 
Without such specific discriminations  60.0%  40.0% 
  100.0% 
 
< 25 year  5.0%  5.0% 
25 - 50 year  35.0%  20.0% 
> 50 year  20.0%  15.0% 
   100.0% 

Assistance to structures and systems and accompanying measures Rating
Gender discrimination ****
Support to entrepreneurship *
Discrimination and inequality in employment ****
Disabilities *
Other discriminations **
Low qualification ****
Racial discrimination *
Unemployment *

dot Top


Empowerment

 

 With beneficiaries

Participation
Promoting individual empowerment
Developing collective responsibility and capacity for action
Participation in running and evaluating activities
Changing attitudes and behavior of key actors

Text available in

The DP will provide an active participation of the promoting partners (local and national) and mainly of the beneficiaries of the project. Beneficiaries of the project are intended opinion makers, opinion leaders, workers targeted groups. Beneficiaries will be exposed to a constant exchange of the information through t a web-site dedicated and an e-learning platform.
The active participation of the workers will be obtained through their involvement as a `users` during the implementation of the project and during experimentation phases.

 

 Between national partners

Text available in

The DP guarantees to all key partners the same opportunities, active and wide participation in the decision making process.
The DP main task will be to ensure the integration and the complementarities of all actors in observance of their specific roles and curricula.
In order to accomplish the proposed objectives, the programme is relying on an organisational structure formed by:
Pilot group which provides the necessary consistency of the project in its technical and operative phases;
Monitoring unit for the evaluation and monitoring of the overall results
Thematic working groups set up to specific themes
Technical support and co-ordination of different actions

It has been already established a structural partnership based on an active cooperation among the players. It operates for planning and attributing roles and responsibilities to the various partners by putting a special emphasis on joint activities.

dot Top


Transnationality

 

 Linguistic skills

  • English
  • español (castellano)
  • français
  • italiano

 Percentage of the budget for transnational activities

  • 9.6%

 Transnational Co-operation Partnerships

Transnational Co-operation Agreement DPs involved
2693 COMPETENCES CONTRE DISCRIMINATIONS BEfr 20
FR AUV-2001-10974
FR BNR-2001-10876
IT IT-G-VEN-023

dot Top


Background

 

 Involvment in previous EU programmes

  • Two and more partners involved in A&E

dot Top


National Partners


Partner To be contacted for
SOCIETA` CONSORTILE TRIGNO SINELLO A RESPONSABILITA` LIMITATA Co-ordination of experimental activities
Design of the project
DP managing organisation
Evaluation
Monitoring, data collection
Transnational partnership
AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI CHIETI
ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DI CHIETI
CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO ED AGRICOLTURA DI CHIETI
CONFEDERAZIONE NAZIONALE DELL`ARTIGIANATO - ASSOCIAZIONE PROVINCIALE DI CHIETI
ENTE NAZIONALE DI FORMAZIONE ED ADDESTRAMENTO PROFESSIONALE
ISTITUTO ADDESTRAMENTO LAVORATORI - REGIONE ABRUZZO
Monfor Onlus (gia Cnipa Abruzzo Onlus)
ORGANIZZAZIONE PROGETTI SERVIZI SPA
SIA SERVIZI INTEGRATI ASSINDUSTRIA SRL

dot Top


Agreement Summary

Text available in

The PS is based on a cooperation agreement underwrite from the interested organisms and registered at the Registry of Deeds.
The PS is equipped of managerial autonomy compared to the agencies partners that compo it.
All the underwriters of the agreement constitute the PS assembly that is the decisional organ.
A Committee of Pilotage, instituted from the parts, carries out tasks of technical-operating direction about execution of technical activities.
The PS democratic management is garanteed from the partecipation of small organisms to the PS assembly and to the Committe of Pilotage, organisms on whose partners can take part to the convocation and the agenda and whose decisional mechanisms provide the same representation for every present organizations.

RESPONSABILITY SUBDIVISION

The partner, eachone according to their own autority and qualification, are due to give full and precise execution of job planning, according to the tasks and the specific responsabilities explained in the present regulation.
In particular, the tasks of transnational contacts, relationships management whit the referring Administration, financial resources management and control, the self appraisal and mainstreaming, are assumed from the referring subject, which is taken advantage, in particular for the mainstreaming, the monitoring and the appraisal, also of specific activities carried out from the partners on the performance of their own competence actions.
To such care it is specified that the referring subject: it is equipped of an organization in a position to managing public funds (with experiences in matter) assuringto the accoimplishment of organizational, technical, administrative and book keeping functions, apt to guarante the correct development of the entrusted tasks, as specified in the 3.1.10 point; it is equipped of ability to operate in a context of transnational cooperation, networking and spread of the outcomes sa we can see beyond that from the specific resources destined to such scope, also from the professional profile of the human resources who compose plan technical staff (the previous experiences in cooperation activity, networking and spread); it has predisposed an animation device composed from specific instruments and mechanisms (work groups, information activity, etc.) in order to assure the collaboration of the partners, the sharing and the participation of the local memberships during all the duration of the partnership.
All the partners have accepted that the outcomes of their own activities (products, instruments and methodologies, etc.) are diffuse and the plan provides specific instruments in order to facilitate the spread.

ORGANIZATION OF THE RELATIONSHIP MANAGEMENT MODALITIES WITH REFERRING ADMINISTRATIONS

The partners make to know to eachother that the only interlocutor and responsible of the relationships management with the referring Administrations is the referring subject.
Every partner are due to: supply the specificationsof the financial monitoring, physical and procedural; to guarante the presence of the staff directly involved in the plan, during the visits made for the qualitative monitoring;to allow the civil employees of the istitutions, to proceed to the ispections supplying every useful collaboration; to acquire all general dispositions of ministerial emanation.
The referring subject will have to manage the possible demands for variation of the plan and/or the expenditures virenemets, the demand of questions, th predisposition and the dispatch of intermediate and financial relationship, the predisposition and the dispatch of the statement for the total plan, the eventual inspecting visits, the resolution of the counter-deductions and resources and all that is directly connected to the demands of the referring Administrations.

MODALITY OF THE FINANCIAL CONTRIBUTIONS MANAGEMENT

The partners has agreed that the only collector of the contribution grants to the PS for the Azione 2 is,towards the conceding Administration, the referring subject.
The referring subject is, therefore, obligated to demand to the conceding Administration the payment of the contributions according to the modalities and terms provided by the management and payment autority.
The next payment from the referring subject to each partner will happen in correspondence of the relative distributions from conceding Administration.
The referring subject will adopt a different accounting method (specific for the PS), reported to the complex of the planning activities or a rhgt book keeping coding of every planning acts.
For the certification of the costs of the PS, in its complex, the referring subject will use the informative application that will be supplied from the MLPS.

Last update: 03-05-2002 dot Top


SOCIETA` CONSORTILE TRIGNO SINELLO A RESPONSABILITA` LIMITATA

(SOC. CONS. TRIGNO SINELLO A R.L.)
STRADA STATALE 16 NORD N. 240
66054 VASTO
http://space.tin.it/scienza/giodegae

Tel:0873 311035
Fax:0873 311678
Email:equal@trignosinello.org

 
Responsibility in the DP: Co-ordination of experimental activities
Design of the project
DP managing organisation
Evaluation
Monitoring, data collection
Transnational partnership
Type of organisation:Other
Legal status:Public organisation
Size:Staff < 10
NUTS code:CHIETI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The Trigno-Sinello Soc. a r.l. is a public/private organisation working as a local development agency based on cultural active contribution of the local human capital and material resources.
The public members are: Province of Campobasso, Isernia and Chieti, the Association of Local Bodies, the Chamber of Commerce etc.; the private members are: representatives of entrepreneurs, social partners (trade unions), banks, research centres, cultural and environmental associations.
The trigno-Sinello is a permanent agency for local development working to improve the local context through:
Ø An active partnership which involves private operators, as banks, representatives of entrepreneurs, trade unions, environmental and cultural associations and public operators, as well as public administrations (regional, provincial, etc.), municipalities, mountain communities, chamber of commerce.
Ø The development strategies are based on: integration, intersectorial approach, efficiency, improvement and valorisation of territorial and cultural diversity
Actions:
· Organization of thematic groups
· Communication
· Collecting projects through public procedures
- Promotion of services to supporting enterprises, protecting the environment, exploiting the possibility of new job opportunities
- Activation of new services to foster initial vocational training programmes for young and/or unemployed people to enter the labour market
- Monitoring of all the actions
- Supporting the creation of a local IT network (within public administrations and schools)



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
TRIVILINO RAFFAELE 0873 311035 rtrivilino@tin.it project manager

Last update: 03-05-2002 dot Top


AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI CHIETI

(PROVINCIA DI CHIETI)
Corso Marrucino, 97
66100 Chieti
www.provincia-chieti.org

Tel:0871 4081
Fax:0871 330804
Email:mrfebbo@acsnet.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Public authority (national, regional, local)
Legal status:Public organisation
Size:>250
NUTS code:CHIETI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The Province of Chieti is the local Public Administration body. Its activities concern on promotion and coordination in different sectors: economic, commerce, tourism, social, cultural and sport.
The Province of Chieti promoted and implemented 3 `territorial pacts` on its territory. It adopted the bottom up and integrated approach for improving the general socio-economic system of the area.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Febbo Maria Rita 0871 4084805 mrfebbo@acsnet.it Project Manager amministrazione provinciale di Chieti

Last update: 03-05-2002 dot Top


ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DI CHIETI

(API CHIETI)
Viale Benedetto Croce, 285
66100 Chieti
X

Tel:0871 540205
Fax:0871 575849
Email:apindustriechieti@virgilio.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Employers' organisation
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:CHIETI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The API is a national association for supporting small and medium enterprises.
It aims at providing services for: fiscal matter, management, environmental, assurance and safety of workers. API organized training courses, seminars and meeting on introducing quality system for firms, information technology, Euro and the new monetary system, analysis of professional competencies of workers.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Di Fulvio Paola 0871 540205 apindustriechieti@virgilio.it Project Manager API

Last update: 03-05-2002 dot Top


CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO ED AGRICOLTURA DI CHIETI

(CCIAA CH)
Piazza G.B.Vico, 3
66100 Chieti
www.ch.camcom.it

Tel:0871 354307
Fax:0871 330913
Email:cciaa@webzone.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Chamber of commerce/industry/crafts
Legal status:Public organisation
Size:Staff 10-50
NUTS code:CHIETI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The Chamber of Commerce , within its own Province territory, has the role to support and promote general interests of local firms in economical and administrative fields related with the enterprises system.
The Chamber of Commerce avails itself of the Azienda Speciale, its operational organisation called `Agenzia di Sviluppo`, in order to plan and carry out activities aiming at developing the competitiveness of local small an medium enterprises.
The Chamber of Commerce carries out the following activities:
- managing information system called Excelsior, aiming at monitoring local labour market needs. The system is ran together with National Chambers of Commerce Network, National Labour Ministry and EU;
- assistance and consultancy for the start up of new enterprises. The service provides to potential entrepreneursa wide range of tools helpfulto draw uop feasibility plans, to evaluate entrepreneurial attitudes, to define business related risks, to find National and Regional financial opportunities
- promoting SMEs managing systems innovation ;
- participation, within the frameworkof Go-Digital programme, in the European e-business campaign aiming at promoting the use of e-business solutions among SMEs;
- participation in the European programme Interactive Policy Making aiming at monitoring the problems encountered by European enterprises while doing business in the internal market;
- participation at the agreement with Sviluppo Italia aiming at promoting national laws financing the start up of new enterprises;
- management of the Euro Info Centre desk coordinated by European Commission DG Enterprise and of the Globus desk for internationalisation coordinated by the national network of the Italian Chambers of Commerce .



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Marcantonio Giovanni 0871 354321 giovanni.marcantonio@ch.camcom.it Project manager CCIAA CH

Last update: 03-05-2002 dot Top


CONFEDERAZIONE NAZIONALE DELL`ARTIGIANATO - ASSOCIAZIONE PROVINCIALE DI CHIETI

(CNA CHIETI)
Via della Liberazione, 69
66100 Chieti
www.cna.it

Tel:0871 42371
Fax:0871 4237217
Email:chieti@cna.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Employers' organisation
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:CHIETI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

CNA is the national association for small and medium enterprises.
CNA mission is to support and provide enterprises with:
technical and managerial training programmes
engineering, consulting programmes for new enterprises
entrepreneurship programmes for women
It participated to following European initiatives: NOW, YOUTHSTART and LEADER.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Calice Silvio 0873 69000 silvio.calice@cnachieti.it Project Manager CNA

Last update: 03-05-2002 dot Top


ENTE NAZIONALE DI FORMAZIONE ED ADDESTRAMENTO PROFESSIONALE

(ENFAP ABRUZZO)
Via Venezia 28
65121 Pescara
WWW.ENFAP.COM

Tel:085 4715833
Fax:085 4715833
Email:servizialleimprese@enfap.com

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Education / training organisation
Legal status:Private
Size:Staff 50-250
NUTS code:PESCARA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

ENFAP Abruzzo is a regional training agency. With its 13 centres around the Abruzzo region, all ISO 9001 certified, ENFAP develops market/research analysis, training methodologies and experimentation, planning and promotion of new professional figures. It participated to following European initiatives: ADAPT-1, NOW, INTEGRA, FARE. It was partner of University of Pisa, Department of computer science, (ADAPT I) for developing a remote learning system in environment and security sectors through information technology.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
D`Onofrio Vincenzo 085 4715833 vdonofri@libero.it Project Manager Enfap Abruzzo

Last update: 03-05-2002 dot Top


ISTITUTO ADDESTRAMENTO LAVORATORI - REGIONE ABRUZZO

(I.A.L. ABRUZZO)
Via Aterno, 256
65100 Pescara
www.ial.abruzzo.it

Tel:085 432161
Fax:085 43216223
Email:ialabruz@tin.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Education / training organisation
Legal status:Private
Size:Staff 10-50
NUTS code:PESCARA
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

IAL-CISL is a no-profit organization providing social, professional and cultural training for workers. Its activities are mainly intended to facilitate the access to the labour market for young and disadvantaged people through educational and vocational training tools.
It participated to following European initiatives: ADAPT, HORIZON, INTEGRA



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Di fulvio Paola 085 432161 difulviop@libero.it Project Manager I.A.L. Abruzzo

Last update: 03-05-2002 dot Top


Monfor Onlus (gia Cnipa Abruzzo Onlus)

(Monfor Onlus)
Viale D`Annunzio, 68
66054 Vasto
www.sangabrielevasto.it

Tel:0873 362679
Fax:0873 374534
Email:monfor@sangabrielevasto.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Education / training organisation
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:CHIETI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

CNIPA ABRUZZO ONLUS is a national consortium for the professional training of hand-craft enterprises. It main activities are: promotion and management of training courses devoted to unemployed, employed people and immigrants.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Viccione Gaetano 0873 362297 gaevic@tin.it Project manager CNIPA ABRUZZO ONLUS

Last update: 03-05-2002 dot Top


ORGANIZZAZIONE PROGETTI SERVIZI SPA

(OPS SPA)
Via Padre Ugo Frasca
66013 Chieti Scalo
www.opschieti.it

Tel:0871 58571
Fax:0871 5857890
Email:info.ops@opschieti.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Enterprise
Legal status:Semi-public organisation
Size:Staff 10-50
NUTS code:CHIETI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

The O.P.S. `Organizzazione Progetti e Servizi` S.p.A. is a public/private company for managing services for public sector.
It aims at provide public bodies with analysis and processing data.
Its main activity concerns the implementation of a Territorial Informative System, engineering and managing infrastructures, communication and informative databases to build a local network system.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Del Casale Nicola 0871 58571 nicola.delcasale@opschieti.it Project Manager OPS SPA

Last update: 03-05-2002 dot Top


SIA SERVIZI INTEGRATI ASSINDUSTRIA SRL

(SIA)
Larghetto Teatro Vecchio, 4
66100 Chieti
www.siaservizi.com

Tel:0871 3595291
Fax:0871 321605
Email:Siaservizi@tin.it

 
Responsibility in the DP:
Type of organisation:Enterprise
Legal status:Private
Size:Staff < 10
NUTS code:CHIETI
Date of joining / leaving:27-08-2001 /

Text available in

SIA Servizi Integrati Assindustria srl is a company for integrated services of the Industry Association of the Province of Chieti. Certified Iso 9001-Vision 2000, its mission is providing enterprises with technical training and managerial services mainly in the field of internationalisation.



Contact person(s)

Name First name Phone E-mail Responsibility
Esposito Gianfranco 0871 3595291 siaservizi@tin.it Project manager Sia srl

Last update: 03-05-2002 dot Top



 
 
 
 

 
 
 
 

 
 
 
 
Warning! This section is not meant to be read directly, but rather be navigated through from the main page above.
 
 
 
 

PATTO PER LE COMPETENZE

Rationale

Text available in

L`area di riferimento si caratterizza per la forte presenza nel sistema delle imprese del settore manifatturiero con circa 8.000 addetti pari a circa il 46 % del totale (istat censimento intermedio 1996) nettamente superiore alla media regionale e provinciale. Segue il settore del commercio con 3.700 addetti, delle costruzioni, con circa 2200 addetti, e degli alberghi e ristoranti con circa 900 addetti. Il manifatturiero ha un elevato grado di specializzazione nel comparto della fabbricazione di prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (vetro, componentistica auto) con 61 imprese e 3445 addetti. Anche la produzione di metallo e fabbricazione di prodotti in metallo (meccanica), con 150 imprese e 1210 addetti, e le industrie tessili e dell`abbigliamento, con 88 imprese e 1135 addetti, rivestono notevole importanza. La specializzazione è determinata dalla presenza di alcune grandi imprese che costituiscono dei veri poli produttivi (gruppo pilkington, denso, tyco-amp, golden lady) fortemente globalizzati che incidono positivamente nella capacita` di esportazione dell`area, tra le piu` forti della regione. Insieme a queste grandi imprese di riferimento, che occupano circa il 40% degli addetti, nel settore manifatturiero convivono un considerevole numero di pmi, alcune delle quali operanti nel mercato della sub fornitura e quindi collegate ai poli prima evidenziati. La dimensione media delle pmi e` di circa 6,5 addetti per impresa con valori di 8 addetti per la produzione di metallo e fabbricazione di prodotti in metallo, 9 addetti per le industrie tessili e dell`abbigliamento e 17 addetti per la fabbricazione di prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi che rappresentano i comparti con piu` elevato coefficiente di specializzazione. Negli altri settori la dimensione media e` bassa con valori di 2,5 addetti per impresa.
Come emerso anche dalle analisi svolte in fase di preparazione del patto territoriale, la situazione in atto evidenzia:
- un`eccessiva polverizzazione delle imprese e un basso livello di innovazione specie in settori tradizionali e maturi, criteri di gestione non orientati all`utilizzazione di metodi e prassi evolute di management e carenza di qualità dell`offerta formativa per il personale interno alle aziende, per la (ri)qualificazione e formazione continua degli addetti;
- l`avvio di un processo di riorganizzazione produttiva dei poli prima citati con un maggior coinvolgimento delle imprese locali, le relazioni industriali tra le organizzazioni sindacali e quelle datoriali improntate ad un clima di maggiore collaborazione, l`incremento di attenzione, nelle pmi di dimensioni piu` rilevanti e operanti nei comparti piu` globalizzati, nei confronti delle competenze come fattore di competitivita`.
Per quanto riguarda i lavoratori dall`analisi dell`area di riferimento emerge:
- la percentuale degli occupati da 15 a 24 anni e` piu` bassa della media regionale (-1,5%) mentre quella tra 15 e 29 e tra 29 e 64 e` piu` alta (+1%),
- il livello di istruzione dei lavoratori oltre 35 anni e` inferiore alla media regionale spesso con carenze nella formazione di base,
- le qualifiche degli operatori sono basse,
- la percentuale di lavoratori dipendenti e` piu` bassa della media regionale,
L`evoluzione della situazione evidenzia:
- le attivita` per l`adeguamento delle competenze professionali sono ancora ridotte sia per gli occupati che per gli inoccupati,con particolare riguardo alle tecnologie informatiche e telematiche,
- una scarsa attenzione alla formazione individuale del lavoratore
- carenza di collaborazione e coordinamento tra scuola, organismi formativi e territorio
- un incremento dei lavoratori atipici sia a tempo determinato, con sviluppo del lavoro temporaneo, che part-time.
Le ricerche effettuate sui livelli di informatizzazione evidenziano (fonte ial cisl, `analisi dei fabbisogni formativi delle imprese`, ricerca realizzata nell`ambito del pic adapt 0198/a2/reg) livelli di uso fermi alla gestione dei documenti e della contabilità, di oltre metà delle imprese prive di connessione ad internet e di utilizzo della rete fermo nel 90% abbondante dei casi alla ricerca spot di informazioni. La ricerca promossa dal cir vastese sui fabbisogni formativi delle imprese operanti nel distretto industriale, pur scontando come sempre in questo tipo di indagini la difficoltà di cristallizzare in profili professionali standardizzati esigenze e bisogni estremamente soggettivi, evidenzia la presenza di un ritardo del sistema imprenditoriale locale a darsi strategie innovative in grado di mantenere i livelli di competitività raggiunti; infatti per il 76.2 % delle imprese interpellate, pur ritenendo la mutabile abilita` del personale un punto di forza indispensabile per rimanere sul mercato, non ancora attiva azioni concrete in merito.
Sulla base di quanto sopra evidenziato, i rischi di marginalizzazione ed obsolescenza professionale dei lavoratori, legati all`inadeguatezza delle competenze e alla flessibilizzazione,rappresentano il problema, che sul mercato del lavoro locale, minaccia di innescare fenomeni di discriminazione ed esclusione. Tali rischi si manifestano nel territorio in esame in forme più accentuate in relazione a gruppi di lavoratori e cittadini che non hanno un accesso agevole alla formazione continua e i cosiddetti lavoratori atipici. Maggiore attenzione deve essere posta nei confronti dei lavoratori delle pmi operanti nel settore manifatturiero (comparti a piu elevata specializzazione) e nel turismo in genere (alberghi, commercio e servizi) poiche`, pur godendo di maggiori opportunita` di sviluppo, sono quelli maggiormente a rischio data la loro esposizione alla concorrenza globale e all`innovazione tecnologica.
Nei prossimi anni questa situazione si accentuerà e potra` causare la progressiva espulsione dal mercato dei lavoratori, con ricadute negative sul tessuto sociale tenuto conto che le categorie a rischio sono quelle che avrebbero maggiore difficoltà ad essere reinseriti.
Pensare di mantenere un modello classico di gestione aziendale, in cui gli impiegati e gli operai, attraverso pratiche lavorative standardizzate, producono il valore, il management indirizza e controlla, gli specialisti intervengono dove sono richieste particolari competenze tecnologiche o scientifiche significa condannarsi ad una rapida marginalizzazione ed obsolescenza.
Portare l`impiegato o l`operaio-massa, per quanto qualificato e di mestiere, alla condizione di knowledge workers, di soggetto in grado di gestire responsabilità sui risultati delle attività tipiche dell`organizzazione in cui opera, in possesso di importanti conoscenze della materia, del contesto socio organizzativo, delle pratiche operative, dotato di una professionalità flessibile e finalizzata al risultato; tutto questo non è una possibilità auspicabile, ma una necessità, una sfida che bisogna vincere se si vuole quantomeno preservare il livello di sviluppo raggiunto sul territorio. Se questa è una dimensione nel complesso ben presente all`impresa medio grande, internazionalizzata, costretta a muoversi su una dimensione globale (pilkington, denso, tyco-amp etc.), Non altrettanto può dirsi per quel tessuto di pmi che continua, nel bene e nel male, a rappresentare una quota certo non marginale dell`economia locale.

dot Top


Objective

Text available in

L`obiettivo generale dell`intervento rimane quello di sperimentare sul territorio del trigno sinello un patto specifico per le competenze con l`obiettivo di promuovere la formazione permanente e integrata al fine di elevare le competenze dei lavoratori in una logica di sistema riducendo i rischi di marginalizzazione ed espulsione dal mondo del lavoro.
L`obiettivo generale dell`intervento proposto si inquadra all`interno di quello fondamentale del pic equal della lotta alla discriminazione e alle disuguaglianze di ogni tipo in relazione al mercato del lavoro ed e` coerente con quello dell`asse 3 adattabilita` . Esso e` anche strettamente connesso con il problema di marginalizzazione ed obsolescenza professionale legato all`inadeguatezza delle competenze dei lavoratori e alla flessibilizzazione, come precedentemente evidenziato.
Infatti la diffusione di tecnologie, che rendono disponibili quantità crescenti di informazioni accessibili in tempi brevissimi, l`emergere di nuove forme di comunicazione, i conseguenti mutamenti dei ruoli professionali e delle competenze necessarie per presidiare efficacemente l`attività lavorativa rendono ormai plausibile la creazione di una società fondata sulla conoscenza e sulle competenze. L`avvento di una società basata sulla disponibilità e lo scambio di informazioni rende necessarie anche profonde modifiche di tipo normativo, organizzativo e produttivo.
Se il valore dei prodotti e servizi è sempre più dato dal differenziale di conoscenza in essi contenuto, il vantaggio competitivo del territorio e delle imprese sta nella capacità di utilizzare le tecnologie di supporto e i sistemi informativi e di knowledge management, di customer services, di e-business. Questo tipo di sviluppo dipende dalla disponibilità e qualità di risorse umane che abbiano la possibilità di utilizzare in maniera creativa le proprie conoscenze personali, le nuove tecnologie ed i nuovi contesti organizzativi. Un modello non più assimilabile ad una gerarchia, quanto ad un flusso circolare, in cui i momenti di apprendimento, di condivisione e di lavoro sono strettamente collegati tra loro, in un contesto basato su comunità di pratica che apprendono mentre fanno, e usano quel che apprendono per innovare.
E` quindi indispensabile promuovere la formazione permanente ed integrata finalizzata all`incremento delle competenze poiche`, nonostante gli adeguamenti delle normative del sistema istruzione-formazione e l`evoluzione dei contesti, le attivita` per l`adeguamento delle competenze professionali, sono ancora ridotte.
L`ottica e` quella del lifelong learning dove il lavoratore e` messo in condizione di imparare ed e` incoraggiato a farlo lungo tutto l`arco della vita; lifelong learning permette di dare agli individui la possibilità di interagire al meglio con il mondo del lavoro, ma anche fornire gli strumenti per rafforzare lo sviluppo professionale, favorendo così l`inclusione e la coesione sociale e al tempo stesso la competitività del sistema produttivo. Parimenti si prevede di intervenire sulle competenze personali, enfatizzando l`importanza dei percorsi educativi integrati e introducendo criteri di qualità volontari per il riconoscimento delle competenze acquisite.
L`elemento qualificante e` rappresentato dalla logica di sistema ritenendo che l`apprendimento è al centro del processo continuo ed autopropulsivo dello sviluppo del territorio; esiste un legame irriducibile tra la capacità di apprendimento di un territorio e lo sviluppo che è esso in grado di generare. Questo significa che per agevolarne l`attuazione è indispensabile governare i processi di costruzione delle competenze e renderli effettivamente fruibili e disponibili sul territorio.
In una pubblicazione (competenze e competitività territoriale) l`oecd esamina i legami fra formazione continua e competitività territoriale, il cui rafforzamento dovrebbe essere basato su `.... La creazione delle fondamenta per l`apprendimento continuo facilitando percorsi tra formazione e lavoro e chiarendo ruoli e responsabilità di tutti i partner`.
Il coinvolgimento dei partner locali e` quindi essenziale; nell`area di riferimento la pratica della concertazione, tramite il patto territoriale, e` diffusa e guida ed informa l`azione degli `attori locali` sia enti pubblici (provincia, comuni, comunita` montane, cciaa, sistema dell`istruzione) che privati (organizzazioni datoriali e sindacali, agenzie formative, altre associazioni) responsabili dello sviluppo del territorio .
In questo contesto il progetto, intende sperimentare prassi attuative da utilizzare in tutti quegli ambiti che, in maniera diretta o indiretta, hanno relazione con il miglioramento del livello di conoscenze e competenze del territorio al fine di favorire lo sviluppo integrato. La modalità principale di lavoro consiste nella ricerca e nella costruzione di sinergie positive tra tutti gli enti operanti, sia per evitare inutili sovrapposizioni, sia per valorizzare, in un`ottica sistemica, il già fatto e il da fare.
Quanto alla strategia complessiva della PS, questa rimane quella delineata nel formulario di candidatura per l`ammissione all`azione1, e rappresenta l`apprestamento e il coordinamento dei vari mezzi per raggiungere l`obiettivo generale. Essa prevede le seguenti tappe:
- ricerche specifiche sulle prassi, locali e su quelle di altre aree, e sui fabbisogni contestualizzati nell`area di riferimento con relativa attivita` di sensibilizzazione del sistema locale. Cio` consente di definire parametri e indicatori di riferimento per i vari livelli di intervento, di costruire modelli, di precisare strumenti, ambiti di sperimentazione e target dell`intervento e condividerli con il territorio.
- definizione di un sistema di accesso alla net-economy/web-economy e sperimentazione di metodologie ed approcci formativi flessibili. Cio` consente di definire soluzioni per un`offerta formativa di qualità, articolata sul territorio, integrata e, possibilmente, certificata, di verificare i risultati e stipulare un accordo per il riconoscimento delle competenze acquisite.
Le attivita` previste utilizzano anche precedenti esperienze effettuate tramite le iniziative comunitarie adapt e occupazione quali: integrazione fra soggetti diversi ed enti diversi per la cooperazione sul progetto specifico, forte contestualizzazione territoriale, personalizzazione degli interventi, investimento sui destinatari intermedi e individuazione delle trasformazioni presenti nel processo di realizzazione della società dell`informazione. Maggiore attenzione sara` posta nei confronti dei lavoratori delle pmi operanti nel settore manifatturiero, con particolare riferimento ai comparti a piu elevata specializzazione, e nel turismo in genere (alberghi, commercio e servizi).
Rispetto alla formulazione contenuta nel dossier di candidatura all`azione 1, si è ritenuto di poter meglio esplicitare la strategia complessiva della PS accorpando alcuni degli asset su cui questa si fonda, di modo che essa possa essere oggi delineata come poggiata su quattro assi fondamentali:
- Ricerca analisi sulle prassi di realizzazione delle attività di sviluppo delle risorse umane e sui fabbisogni formativi dei lavoratori/aziende, attraverso l`attivazione di ricerca analisi sulle prassi - a livello locale - di programmazione, progettazione, erogazione e valutazione delle attività di sviluppo delle risorse umane e sull`offerta di servizi di supporto alla loro realizzazione, contestualizzazione del trend evolutivo della net economy e quantificazione del gap locale, ricerca/analisi sulle buone prassi - rilevate in ambito nazionale e comunitario - di programmazione, progettazione, erogazione e valutazione delle attività di sviluppo delle risorse umane e sull`offerta di servizi di supporto alla loro realizzazione, ricerca sui fabbisogni formativi dei lavoratori/aziende dell`area di riferimento ed individuazione dell`ambito di sperimentazione: esplicitazione dei fabbisogni formativi in termini di skill professionali e valutazione del potenziale umano locale;creazione di un sistema di monitoraggio del gap locale; creazione di un sistema di monitoraggio fabbisogno imprese.
- Progettazione, sviluppo e gestione di un sistema di supporto basato su tecnologie web, articolato nelle fasi di progettazione tecnologica, sviluppo e realizzazione della piattaforma, sviluppo ed implementazione dei servizi web, installazione e calibrazione, training degli addetti, start up del servizio
gestione tecnologica in outsourcing, supporto tecnico ai nodi del network, definizione dei piani editoriali, sviluppo ed elaborazione dei materiali documentali, sviluppo degli storyboard multimediali, realizzazione dei prodotti multimediali per la diffusione e la formazione, del piano di diffusione e lancio, piano di formazione a distanza, diffusione, erogazione della fad, erogazione dei servizi, monitoraggio.
- Progettazione, sperimentazione e validazione di percorsi formativi e di accertamento delle competenze, mediante lo sviluppo di attività di promozione di una cultura di base e-business oriented tramite lo svilupo di percorsi formativi per operatori di soggetti chiave dello sviluppo territoriale, individuazione e sperimentazione di percorsi formativi destinati a soggetti a rischio di marginalizzazione e/o espulsione dal mercato del lavoro, definizione e sperimentazione di percorsi di accertamento/riconoscimento delle competenze, valutazione e monitoraggio degli interventi.
- Sensibilizzazione del sistema locale, animazione e concertazione sul territorio; supervisione e monitoraggio, gestione dei processi di mainstreaming e delle attività transnazionali.


dot Top


Innovation

Text available in

Il carattere innovativo della proposta progettuale si articola su più piani, un primo di processo, volto alla ricerca/intervento/sperimentazione di modelli/metodologie/approcci innovativi in materia di rilevazione dei fabbisogni, dei gap, dei processi di formazione, dei processi valutativi e certificativi. Un secondo piano di innovazione rileva a carico degli obiettivi delle attivita` poste in essere, che con una certa presunzione potremmo definire come quello di iniziare a preparare il lavoro - ed il lavoratore - del futuro.
Un futuro in cui ciascuno abbia maggiori possibilità di sviluppare le proprie conoscenze personali, nell`ottica del longlife training e dell`integrazione dell`apprendimento, e di utilizzare le nuove tecnologie ed i nuovi contesti organizzativi per aumentare le proprie competenze. Altro elemento innovativo della proposta progettuale riguarda la sperimentazione di forme di certificazione sostanziale delle competenze acquisite con interventi di formazione continua. A livello di contesto, l`innovazione si manifesta attraverso l`integrazione dei diversi soggetti che partecipano ai processi di creazione di competenza (agenzie formative) e gli organismi di promozione dello sviluppo economico e di governo del mercato del lavoro (parti sociali, amministrazioni pubbliche). L`integrazione tra gli attori locali dello sviluppo, avviata con il patto territoriale, si rafforza sul piano delle competenze con l`attivazione della PS. Ciò consente di cogliere, sia a livello di coordinamento che operativo, le opportunità di collegamento avviando così in modo concreto un processo di integrazione del sistema formativo locale orientato all`incremento dei livelli di competenza ed al miglioramento della competitività del sistema locale. L`innovazione è messa in campo attraverso pratiche di rottura/ricomposizione dei tradizionali confini organizzativi e delle barriere istituzionali, attraverso esperimenti concreti di inclusione, mentoring, reingegnerizzazione delle procedure burocratiche, ridefinizione di senso delle normali pratiche di gestione delle risorse umane, attivando e animando reti di organizzazioni tra cui si intrecciano nodi fatti di condivisione delle dimensioni dei problemi, degli obiettivi, dei processi operativi attraverso un`interazione reticolare soft, ma in grado di scardinare rigidità e confini organizzativi.
L`azione trova poi un elemento di forte coerenza - nella sua innovatività - con una delle direttrici generali di equal nel nostro paese, cioe` lo sviluppo di una società dell`informazione non discriminatoria, direttrice rispetto alla quale la ps intende porre in essere tutta una serie di interventi concreti (servizi di e-learning per l`adeguamento delle competenze professionali in un`ottica di life long training, servizi di supporto ai processi di telelavoro, e-learning per l`adeguamento delle competenze, monitoraggio e gestione dei processi di feedback, supporto all`utilizzo dei sistemi applicativi).

dot Top


Agreement Summary

Text available in

Responsabilità di indirizzo e di gestione della partnership
La PS si fonda su un accordo di cooperazione sottoscritto dagli organismi interessati e registrato presso l`Ufficio del Registro. La PS è dotata di autonomia gestionale rispetto agli enti partners che la compongono. Tutti i sottoscrittori dell`accordo costituiscono l`assemblea della PS che rappresenta di fatto l`organo decisionale della PS. Un Comitato di Pilotaggio, istituito dalle parti, svolge compiti di direzione tecnico-operativa in ordine all`esecuzione delle attività progettuali e di supporto all`assemblea. Il governo democratico della partnership di sviluppo e la possibilità anche per le piccole organizzazioni di farne parte sono garantite dalla partecipazione a pieno titolo delle stesse all`Assemblea della PS ed al Comitato di Pilotaggio, organismi sulla cui convocazione ed ordine del giorno possono intervenire tutti i partner ed i cui meccanismi decisionali prevedono pari rappresentatività per ciascuna delle organizzazioni presenti.
Suddivisione delle responsabilità
I partner, ciascuno secondo le rispettive competenze e qualifiche, si impegnano a dare piena e puntuale esecuzione del Programma di Lavoro, secondo i compiti e le responsabilità specifiche esplicitate nel presente formulario.
In particolare i compiti di contatti transnazionali, gestione dei rapporti con le Amministrazioni referenti, gestione e controllo delle risorse finanziarie, autovalutazione e mainstreaming, sono assunti dal soggetto referente che si avvale, in particolare per il mainstreaming il monitoraggio e la valutazione, anche di attività specifiche svolte dai partner nell`attuazione delle azioni di propria competenza.
A tale riguardo si precisa che il soggetto referente: è dotato di un`organizzazione in grado di gestire fondi pubblici (con esperienze pregresse in materia) assicurando l`espletamento delle funzioni organizzative, tecniche, amministrative e contabili atte a garantire il corretto svolgimento del compiti affidati, come precisato al punto 3.1.10; è dotato di capacità di operare in un contesto di cooperazione transnazionale, networking e diffusione dei risultati come si evince, oltre che dalle specifiche risorse a tale scopo destinate, anche dal profilo professionale delle risorse umane componenti lo staff tecnico del progetto (esperienze precedenti in attività di cooperazione, networking e diffusione); ha predisposto un dispositivo di animazione composto da strumenti e meccanismi specifici (gruppi di lavoro, dispositivi interattivi telematici, attività di sensibilizzazione ed informazione ecc.) per assicurare la collaborazione dei partner, la condivisione e la partecipazione degli attori locali per tutta la durata della partnership.
Tutti i partner hanno accettato che i risultati delle proprie attività (prodotti, strumenti, metodologie, ecc.) siano diffusi, pubblicizzati e resi di dominio pubblico ed il progetto prevede la messa a punto di specifici strumenti per facilitare la diffusione.
Organizzazione delle modalità di gestione dei rapporti con le Amministrazioni referenti
I partner si danno reciprocamente atto che l`unico interlocutore e responsabile della gestione dei rapporti con le Amministrazioni referenti è il soggetto referente. Ciascun partner si impegna a: fornire i dati di monitoraggio finanziario, fisico e procedurale; garantire l`invio dei dati rilevanti ai fini del monitoraggio qualitativo; garantire la presenza dello staff direttamente coinvolto nel progetto, nel corso di eventuali visite effettuate al fine del monitoraggio qualitativo; consentire ai funzionari delle istituzioni all`uopo delegate, di procedere alle ispezioni fornendo ogni utile collaborazione; acquisire tutte le disposizioni di interesse generale di emanazione ministeriale. Il soggetto referente dovrà gestire le eventuali richieste di variazione progettuale e/o di storni di spese, la proposizione di quesiti, la predisposizione e l`invio di rapporti intermedi e finali, la predisposizione e l`invio del rendiconto per il totale del progetto, le eventuali visite ispettive, la proposizione di controdeduzioni e ricorsi e quant`altro direttamente riferibile a specifiche richieste delle Amministrazioni referenti.
Modalità di gestione dei contributi finanziari
I partner hanno concordato che l`unico percettore del contributo concesso alla PS per l`Azione 2 è, nei confronti dell`Amministrazione concedente, il soggetto referente. Il soggetto referente si obbliga pertanto a richiedere all`Amministrazione concedente il pagamento dei contributi secondo le modalità ed i termini previsti dall`autorità di gestione e pagamento. I successivi trasferimenti dal soggetto referente ai singoli partners avverranno in corrispondenza delle relative erogazioni da parte dell`Amministrazione concedente
Il soggetto referente adotterà un sistema contabile distinto (specifico per la PS), riferito al complesso delle attività progettuali ovvero una codificazione contabile appropriata di tutti gli atti contemplati nel progetto. Per la certificazione delle spese della PS nel suo complesso, il soggetto referente utilizzerà l`applicativo informativo che sarà fornito dal MLPS.

dot Top


Empowerment

 With beneficiaries

Text available in

La presa in carico del problema del rischio di marginalizzazione e di obsolescenza professionale è se si vuole la premessa necessaria di ogni azione volta a sperimentare modelli di fronteggiamento della questione. In tale logica la presa di coscienza e la conseguente disponibilità da parte di questi lavoratori a farsi nucleo e soggetto portante delle strategie e delle azioni sperimentali sono elementi in nessuna maniera surrogabili del progetto che si mette in campo. Di ciò vi è piena consapevolezza, ed in effetti nelle azioni - in tutte le azioni previste - lo sfondo su cui ci si muove è quello dell`interazione, del feed-back continuo con questi soggetti/protagonisti, in un processo di apprendimento rappresentabile come una sorta di flusso circolare, nel quale non è predeterminato in assoluto il verso della trasmissione dei saperi. In questo senso si sono volute prevedere, accanto a meccanismi di sensibilizzazione del sistema locale verso la piena condivisione del progetto da parte dei soggetti in un certo senso istituzionali quali le parti sociali e gli enti locali, e contando quindi sulla loro capacità di coinvolgimento e diffusione, attività più mirate con un lavoro più specifico su soggetti chiave - opinion makers, opinion leaders - dello sviluppo territoriale e di `costruzione` di testimoni privilegiati che fungano da `veicoli di informazione` nel duplice senso di portatori di valori, di idee e di interessi provenienti dalle soggettualità coinvolte e diffusori delle informazioni sulle iniziative progettuali, mediatori alla pari, stimolatori della partecipazione critica dei beneficiari finali e garanti del perseguimento degli obiettivi progettuali. Ed a questo tipo di approccio si ispira tutta l`impostazione del sistema di accesso alla net/web economy, fondato sulla realizzazione di un portale web e di una piattaforma di e- learning ad elevata interattività, dotato di staff di gestione dei processi di feedback.
Ma al di là di tutto questo l`idea allo stato attuale è anche quella di mettere in piedi meccanismi più formalizzati di partecipazione diretta dei lavoratori, in una dimensione che sia tecnico operativa - ossia di attuazione del progetto - ma anche politica, cioè di indirizzo strategico delle scelte di progetto, anche in funzione della loro incidenza sulle politiche socio economiche del territorio. A ciò si può arrivare attraverso la costruzione ragionata di strumenti generali di partecipazione diretta e attiva alla costruzione dei modelli di intervento ed allo sviluppo del `dibattito` progettuale, quali il Forum telematico permanente, sia attraverso forme di rappresentanza delle istanze dei soggetti appartenenti ai target group in tutti gli organi e comitati collegiali della ps, istituiti per il governo democratico dell`iniziativa fin dalla fase di progettazione dei vari interventi.

dot Top


Empowerment

 Between national partners

Text available in

La ps garantirà a tutti gli attori chiave del progetto una partecipazione attiva nell`adozione delle decisioni e nella loro attuazione. La caratteristica fondamentale della ps dovrà essere la rappresentatività, a 360 gradi, di tutte le sue componenti, che avranno un ruolo attivo e pieno accesso ai processi decisionali: accanto all`integrazione e complementarietà di ciascun soggetto in relazione alle proprie specifiche istituzionali, vi è una chiara definizione di ruoli, definiti partendo dai bisogni specifici del territorio di riferimento ed al problema di discriminazione individuato. Organizzazioni che, nel loro insieme, abbracciano il complesso dell`iter progettuale, prestando la loro opera con pesi ed impegni diversificati ma comunque confluenti alla buona riuscita del progetto e nell`efficace coinvolgimento dei destinatari finali. In altre parole, ciò che emerge con significativa evidenza è che sia la fase di pre-progettazione (definizione dell`idea progettuale e sua fattibilità), sia la fase di progettazione (articolazione empirica, redazione del progetto esecutivo e programma dei lavori), sia le fasi di avvio, implementazione, gestione e valutazione complessiva del progetto sono e saranno espressione di un lavoro collettivo e di forme specifiche di partenariato attivo tra organizzazioni diverse - di un patto per le competenze dei lavoratori.
La forma di ps che ne emerge è una forma forte e strutturata, con attori (partners e singoli individui) che creano forme di direzione mista dell`iniziativa, sia sotto l`aspetto della dimensione politico-strategica, sia sotto quello della dimensione tecnico-operativa: la comunicazione è alta e lo scambio ravvicinato, non solo negli ambiti ufficiali ma anche in quelli informali. La trama comunicativa è rappresentabile a maglie strette e le crisi di percorso sono socializzate, al fine di coinvolgere le strutture direzionali alla loro soluzione: siamo in presenza di progettualità tendenzialmente congiunte e corresponsabili, in quanto sperimentatrici di pratiche innovative di interventi sociali e di elaborazioni susseguenti, finalizzate ad individuare percorsi da intraprendere a livello di politiche di sviluppo locale. Le modalità prescelta sono il comitato di pilotaggio del progetto, per la sua direzione tecnico-operativa del progetto, e l`assemblea dei partners, per la direzione politica del progetto; accanto a questi che sono gli strumenti istituzionali di governo della PS saranno attivati specifici tavoli di concertazione e gruppi tematici su aspetti critici di particolare rilevanza, per la socializzazione delle crisi di percorso e l`individuazione di specifiche soluzioni, un comitato di monitoraggio, valutazione e verifica dei risultati, per il presidio degli obiettivi del progetto.

dot Top



Logo EQUAL

Home page
DP Search
TCA Search
Help
Set Language Order
Statistics