Quale ruolo svolge l'UE nel campo dell'istruzione e della formazione?

Ciascun paese europeo è responsabile del proprio sistema di istruzione e formazione. La politica dell'UE si limita a sostenere gli interventi nazionali e contribuisce ad affrontare sfide comuni, come l'invecchiamento della popolazione, il fabbisogno di qualifiche български (bg) čeština (cs) dansk (da) Deutsch (de) eesti keel (et) ελληνικά (el) English (en) español (es) français (fr) Gaeilge (ga) hrvatski (hr) italiano (it) latviešu valoda (lv) lietuvių kalba (lt) magyar (hu) Malti (mt) Nederlands (nl) polski (pl) português (pt) română (ro) slovenčina (sk) slovenščina (sl) suomi (fi) svenska (sv) , lo sviluppo tecnologico e la concorrenza mondiale. Istruzione e formazione 2020 (ET 2020) è la cornice in cui si svolge la collaborazione in questo settore.

ET 2020 è un forum per lo scambio delle migliori pratiche, l'apprendimento reciproco, la raccolta e la diffusione di informazioni e soluzioni vincenti, nonché consulenze o misure di sostegno per le riforme strategiche.

Per garantire l'attuazione del quadro strategico ET2020, gruppi di lavoro English (en) composti da esperti nominati dagli Stati membri e altri interlocutori chiave definiscono strumenti e orientamenti politici comuni a livello europeo.

Il programma Erasmus+ mette inoltre a disposizione dei fondi per sostenere le politiche e progetti innovativi destinati ad attività che promuovono l'apprendimento e l'istruzione a tutti i livelli e per tutte le fasce d'età.

Nel 2009, ET 2020 ha fissato quattro obiettivi comuni dell'UE per affrontare le sfide per i sistemi di istruzione e formazione entro il 2020:

Per l'istruzione sono stati fissati a livello europeo i seguenti parametri di riferimento per il 2020:

Cosa è stato fatto finora?

Nel 2014 la Commissione e i paesi dell'UE hanno fatto un bilancio per valutare i progressi compiuti dalla relazione comune del 2012 in poi e preparare le prossime priorità per la collaborazione a livello europeo.

Sono stati ricevuti i seguenti contributi:

  • le relazioni nazionali ET 2020
  • la valutazione indipendente esterna ET 2020 da parte della Ecorys
  • il forum annuale per l'istruzione, la formazione e la gioventù (9-10 ottobre 2014)
  • contributi da parte degli operatori del settore.

Sulla base delle conclusioni del recente bilancio, la Commissione europea ha proposto sei nuove priorità per il periodo 2016-2020. La relazione comune della Commissione e degli Stati membri è stata adottata dal Consiglio dei ministri europei dell'Istruzione nel novembre 2015.

Le prossime tappe

I progressi rispetto a questi parametri български (bg) čeština (cs) dansk (da) Deutsch (de) eesti keel (et) ελληνικά (el) English (en) español (es) français (fr) Gaeilge (ga) hrvatski (hr) italiano (it) latviešu valoda (lv) lietuvių kalba (lt) magyar (hu) Malti (mt) Nederlands (nl) polski (pl) português (pt) română (ro) slovenčina (sk) slovenščina (sl) suomi (fi) svenska (sv) vengono misurati ogni anno nell'ambito della valutazione di monitoraggio del settore dell'istruzione e della formazione.

La Commissione europea e il Consiglio dell'Unione europea hanno convenuto per il settore dell'istruzione e formazione una serie di priorità comuni di qui al 2020. Ora bisognerà concentrarsi sull'efficace attuazione di tali priorità, in particolare attraverso i gruppi di lavoro ET 2020 English (en).

 

Per saperne di più

Istruzione e formazione: bilancio 2020 -
Relazioni nazionali ET 2020

Contributi da parte degli operatori del settore

  • Istruzione e formazione 2020 - BUSINESSEUROPE pdf(81 kB) English (en)
  • Istruzione e formazione 2020 - CEEP pdf(535 kB) English (en)
  • Istruzione e formazione 2020 - EFEE pdf(107 kB) English (en)
  • Istruzione e formazione 2020 - ETUC e ETUCE pdf(564 kB) English (en)
  • Istruzione e formazione 2020 - EUCIS-LLL pdf(605 kB) English (en)
  • Istruzione e formazione 2020 - UEAPME pdf(176 kB) English (en)

Legislazione/iniziative dell'UE