Percorso di navigazione

Quadro strategico - istruzione e formazione 2020

Quale ruolo svolge l'UE nel campo dell'istruzione e della formazione?

Ciascun paese europeo è responsabile del proprio sistema di istruzione e formazione. La politica dell'UE si limita a sostenere gli interventi nazionali e contribuisce ad affrontare sfide comuni, come l'invecchiamento della popolazione, il fabbisogno di qualifiche e la concorrenza mondiale.

L'UE mette a disposizione un forum per lo scambio delle migliori pratiche, la raccolta e la diffusione di informazioni e statistiche, nonché consulenze o misure di sostegno per le riforme strategiche.

Per garantire l'attuazione del quadro strategico ET2020, l'UE si avvale anche di gruppi di lavoro, composti da esperti nominati dagli Stati membri e altri interlocutori chiave. Questo lavoro rientra in una collaborazione più ampia, nota come metodo aperto di coordinamento, che punta a promuovere l'apprendimento reciproco, lo scambio di buone pratiche, l'avvio delle riforme nazionali e lo sviluppo di strumenti a livello europeo.

Sono inoltre disponibili fondi per attività che promuovono l'apprendimento e l'istruzione a tutti i livelli e per tutte le fasce d'età.

Tramite il quadro strategico per l'istruzione e la formazione, i paesi dell'UE hanno individuato quattro obiettivi comuni per affrontare queste sfide entro il 2020:

Cosa è stato fatto finora?

Nel 2014 la Commissione e gli Stati membri hanno fatto un bilancio per valutare i progressi compiuti dal 2012 in poi e preparare le prossime priorità per la collaborazione a livello europeo.

Nell'ambito di tale bilancio sono stati ricevuti i seguenti contributi:

  • relazioni nazionali ET 2020
  • valutazione indipendente esterna ET 2020 da parte della Ecorys
  • il forum annuale per l'istruzione, la formazione e la gioventù (9-10 ottobre 2014)
  • contributi da parte degli operatori del settore.
Le prossime tappe

Per l'istruzione sono stati fissati a livello europeo i seguenti parametri di riferimento per il 2020:

I progressi rispetto a questi parametri vengono misurati per ciascun paese europeo in un'analisi annuale, in cui l'UE formula anche delle raccomandazioni.

Sulla base delle conclusioni del recente bilancio, nel 2015 una relazione comune individuerà i settori prioritari chiave e gli aspetti concreti per il futuro lavoro a livello europeo. La relazione comune dovrebbe essere adottata dal Consiglio dei ministri europei dell'Istruzione nel novembre 2015.

 

How can we help?