Perché serve?

Le scuole di tutta Europa vedono aumentare il numero dei bambini nati e cresciuti in un altro paese. Tale fenomeno può avere delle conseguenze sull'insegnamento della lingua nazionale

български (bg) čeština (cs) dansk (da) Deutsch (de) eesti keel (et) ελληνικά (el) English (en) español (es) français (fr) Gaeilge (ga) hrvatski (hr) italiano (it) latviešu valoda (lv) lietuvių kalba (lt) magyar (hu) Malti (mt) Nederlands (nl) polski (pl) português (pt) română (ro) slovenčina (sk) slovenščina (sl) suomi (fi) svenska (sv) e sui risultati scolastici dei figli di immigrati. Del resto, gli allievi nati al di fuori dell'UE hanno il doppio di probabilità di abbandonare prematuramente la scuola. Al tempo stesso, la maggiore diversità è un'occasione per rendere le scuole più solidali, creative e aperte.

Cosa è stato fatto finora?

  • La Commissione ha costituito la rete Sirius, comprendente ricercatori, responsabili politici e ONG che cercano di migliorare l'attuazione delle politiche in materia di immigrazione e istruzione in tutta l'UE.
  • La Commissione controlla anche il divario presente nei risultati scolastici dei bambini nativi e di quelli immigrati all'interno dei sistemi educativi europei: Progressi verso obiettivi comuni dell'UE in materia di istruzione e formazione – immigrati

    pdf

    (1.6 Mb)

    English (en) .

 

Per saperne di più