Quale ruolo svolge l’UE nella promozione delle lingue?

La Commissione europea intende fermamente promuovere l'apprendimento delle lingue e la diversità linguistica in tutta Europa per migliorare le competenze di base.

Collabora con i governi nazionali per realizzare un obiettivo ambizioso: fare in modo che i cittadini possano comunicare in due lingue straniere oltre che nella loro lingua madre. Questo "obiettivo di Barcellonapdf" è stato concordato dai capi di Stato e di governo dell'UE nel 2002. 

La comunicazione "Il multilinguismo: una risorsa per l'Europa e un impegno comune", pubblicata nel 2008, delinea le attività della Commissione in questo ambito. Fra le priorità:

  • aiutare i paesi dell'UE a sviluppare nuovi strumenti didattici per migliorare le competenze linguistiche di chi termina il percorso scolastico

  • raccogliere dati per monitorare i progressi nell'insegnamento e nell'apprendimento delle lingue al fine di incoraggiare la padronanza di più di una lingua straniera per migliorare le prospettive occupazionali e favorire la mobilità nell'UE

  • premiare l'innovazione in materia di insegnamento e apprendimento delle lingue.

Perché serve?

L'ambizione dell'Unione europea di essere unita nella diversità è alla base dell'intero progetto europeo. La coesistenza armoniosa di molte lingue in Europa ne è un esempio concreto. Le lingue possono gettare ponti fra i popoli, permettendo così di accedere ad altri paesi e culture e di capirsi meglio.

Per i giovani la conoscenza delle lingue è uno strumento sempre più importante per trovare lavoro, anche all'estero. Le lingue sono inoltre unfattore che incide sulla competitività; scarse competenze linguistiche fanno perdere contratti alle imprese e scoraggiano i lavoratori dal cercare lavoro in altri paesi.

Eppure sono ancora troppi gli europei che terminano gli studi senza una buona conoscenza di una seconda lingua, ragione per cui occorre rendere più efficiente l'insegnamento e l'apprendimento delle lingue.

Cosa si sta facendo?

La Commissione europea si propone di rispondere a queste esigenze ed è impegnata a:

La Commissione sostiene queste attività e in particolare:

  • collabora con il Consiglio d'Europa a il suo Centro europeo di lingue moderne, che punta all'innovazione nell'insegnamento delle lingue

  • collabora con i servizi linguistici delle istituzioni europee, soprattutto le proprie direzioni generali Traduzione e Interpretazione, per promuovere l'istruzione e la formazione dei linguisti

  • assegna il premio Label europeo delle lingue per incoraggiare la diffusione di nuove tecniche nell'insegnamento delle lingue.

Infine, il nuovo programma Erasmus+ offre ai giovani più opportunità di migliorare la loro conoscenza delle lingue studiando e seguendo formazioni all'estero.