Eurostat raffronta regolarmente i diversi tassi di inflazione dei piccoli acquisti frequenti, quali libri e generi alimentari, con quelli degli acquisti meno frequenti (come bollette telefoniche e assicurazioni sanitarie). Come evidenziato dal grafico, i piccoli acquisti effettuati regolarmente mostrano generalmente un tasso di inflazione superiore rispetto al tasso generale, mentre gli acquisti meno frequenti mostrano un'inflazione inferiore. Poiché i prodotti acquistati frequentemente costituiscono circa la metà di tutti gli acquisti effettuati dal punto di vista numerico (anche se non dal punto di vista della spesa totale), contribuiscono in misura superiore alle nostre percezioni dell'inflazione.
Fonte: Eurostat