Prima dell'introduzione della nuova moneta, i disavanzi pubblici dell'area dell'euro (cioè a dire la differenza tra entrate e uscite) erano elevati. Alla fine del 1998, dopo anni di preparazione in vista dell'euro, erano stati drasticamente ridotti, e addirittura in alcuni paesi si registrava un surplus di bilancio. In seguito al varo dell'euro, nel 1999, i disavanzi vennero generalmente mantenuti sotto controllo ed entro il limite del 3% fissato dal PSC. Tuttavia, la crisi finanziaria del 2008 ha provocato un aumento dei disavanzi in alcuni paesi e un calo dei surplus in altri, poiché i governi sono impegnati a sostenere la crescita e l'occupazione.
Fonte: Commissione europea