Percorso di navigazione

What's new?

Did you know that 2013 is the European Year of Citizens? Read more ...

 
Un cielo unico europeo

La maggior parte di noi è probabilmente più interessata al tema dell’intrattenimento a bordo che a quello del controllo del traffico aereo, ma la prospettiva di dover trascorrere molto più tempo in attesa all’aeroporto che in volo potrebbe farci cambiare idea… L’UE si sta già muovendo al riguardo!

Un cielo unico europeo
Un cielo unico europeo

Per chi ha un biglietto aereo in tasca e si prepara a partire, sentire al telegiornale che vi sono buone probabilità che il tempo peggiori bruscamente o che si verifichi uno sciopero è sufficiente a causare sudori freddi. C’è però un altro fattore che, pur essendo ignorato dai media, può dare origine a ritardi sistematici (per non parlare degli effetti negativi su costi e inquinamento) nel sempre più congestionato spazio aereo dell’UE: stiamo parlando del complicato sistema europeo di gestione del traffico aereo.

SESAR è l’iniziativa comune europea che, coinvolgendo operatori aeroportuali, fornitori di tecnologia e autorità nazionali, mira a contribuire allo sviluppo del nuovo sistema di gestione del traffico aereo per il XXI secolo. Segnaliamo di seguito alcuni tra i principali problemi che si stanno affrontando.

Tecnologia obsoleta

In un’era nella quale alcune linee aeree già offrono ai passeggeri la possibilità di collegarsi a Internet con i propri apparecchi mobili wireless, potrebbe essere sorprendente sapere che i piloti continuano invece a comunicare con i controllori a terra attraverso sistemi radio di vecchia concezione.

Frammentazione

Lo spazio aereo europeo è come un mosaico composto da oltre 650 settori in cui si suddividono i vari sistemi nazionali di gestione del traffico aereo. I piloti devono cambiare la frequenza della radio e prendere contatto con un nuovo controllore di volo ogni volta che passano da un settore all’altro. Le inefficienze causate dalla frammentazione dello spazio aereo comportano costi aggiuntivi per circa 5 miliardi di euro all'anno. Questi costi si ripercuotono sulle imprese e sui passeggeri. Il controllo del traffico aereo rappresenta attualmente il 6-12% del costo di un biglietto. Negli Stati Uniti, dove lo spazio aereo non è così frammentato, i controllori di volo riescono a gestire un numero doppio di voli allo stesso costo.

Un cielo unico europeo

Con 28.000 voli giornalieri (equivalenti all’incredibile cifra di dieci milioni di voli l’anno), i cieli dell’UE sono prossimi a raggiungere la capacità massima di traffico aereo che l’attuale sistema di controllo consente di gestire in sicurezza. Poiché si prevede che il numero di voli giornalieri continuerà a crescere con regolarità nei prossimi dieci anni, anche i ritardi, le emissioni inquinanti, i costi e i rischi per la sicurezza cresceranno, a meno che non si faccia qualcosa sin da ora.

SESAR e il progetto per il “Cielo Unico Europeo” sono le due iniziative già avviate per modernizzare e deframmentare il sistema di gestione del traffico aereo in Europa. Ecco alcuni risultati che si punta a conseguire:

  • Aumento di dieci volte della sicurezza
  • Diminuzione dei costi della gestione del traffico aereo del 50%
  • Riduzione dell’impatto ambientale del 10% per ogni volo (le rotte saranno più dirette, gli aerei dovranno spendere meno tempo nelle manovre a terra, ecc.)
  • Aumento della capacità complessiva del sistema di tre volte rispetto alla capacità attuale entro il 2020
  • Maggiore puntualità, apertura di nuove rotte e più competizione tra le compagnie aeree
  • Più posti di lavoro grazie agli investimenti nello sviluppo tecnologico in Europa

Il programma “Cielo Unico Europeo” renderà i voli più ecocompatibili, ma permetterà anche di aumentare il numero di voli nel nostro spazio aereo. Non è questa forse una contraddizione? Che implicazioni potrà avere sulle tue scelte personali?

Lo sapevi che…?
A causa della frammentazione dello spazio aereo europeo, gli aerei in volo nel continente non seguono rotte rettilinee tra un aeroporto e l’altro. Il tragitto è in media 49 km più lungo di quanto sarebbe necessario, allungando così i tempi di percorrenza e aumentando di circa cinque milioni di tonnellate le emissioni annuali di CO2.

Per saperne di più:

  • ec.europa.eu/transport/modes/air/single_european_sky/index_en.htm Scegli le traduzioni del link precedente English (en)
    Air > Single European Sky
    (in inglese)
  • www.enac.gov.it
    La Regolazione per la Sicurezza Spazio Aereo Cielo Unico Europeo