Language selector

 
left
  Prodotti non sicuri - Riepilogoslide
right
transtrans
 

Se un prodotto venduto sul mercato europeo rappresenta un serio rischio per la salute e la sicurezza dei consumatori, è possibile intervenire a tre diversi livelli per eliminare tale rischio.

Azioni realizzate a livello degli Stati membri (RAPEX)

Che cos'è RAPEX?

RAPEX è il sistema europeo di allerta rapida per i prodotti pericolosi non alimentari. Grazie a questo sistema le informazioni sui prodotti pericolosi individuati in uno Stato membro vengono rapidamente notificate agli altri Stati membri e alla Commissione.

Come funziona RAPEX?

  • Quando si accerta la pericolosità di un prodotto (ad esempio, un giocattolo, un articolo di puericultura o un elettrodomestico), l'autorità nazionale competente prende gli opportuni provvedimenti per eliminare il rischio. Può ritirare il prodotto dal mercato, richiamarlo se è già arrivato ai consumatori o lanciare un avvertimento. Il punto di contatto nazionale segnala quindi il prodotto alla Commissione europea (direzione generale Salute e tutela dei consumatori) informandola dei rischi che presenta e dei provvedimenti adottati dall'autorità per prevenire rischi e incidenti.

  • La Commissione europea diffonde le informazioni ricevute ai punti di contatto nazionali degli altri Stati membri e pubblica su Internet riepiloghi settimanali dei prodotti pericolosi e dei provvedimenti adottati per eliminare i rischi.

  • I punti di contatto nazionali si assicurano in tutti gli Stati membri che le autorità competenti controllino se il prodotto pericoloso notificato è presente sul mercato del paese. Se così è, le autorità intervengono per eliminare i rischi disponendo che il prodotto sia ritirato dal commercio o richiamato se è già arrivato ai consumatori oppure lanciare avvertimenti.

Azioni realizzate a livello delle imprese

I produttori e i distributori che sono al corrente (o dovrebbero esserlo) della pericolosità di un prodotto da loro immesso sul mercato (giocattolo, apparecchio elettrico, ecc.) sono tenuti ad informare le autorità nazionali competenti. Ciò significa che i produttori e i distributori sono i primi responsabili della prevenzione dei rischi derivanti dai prodotti pericolosi da loro venduti. Quando, come e a chi i produttori e i distributori devono notificare i prodotti è descritto negli orientamenti .

Azioni realizzate a livello dell’UE

A determinate condizioni la Commissione può imporre agli Stati membri, con una decisione formale, di vietare la commercializzazione di un prodotto non sicuro, di richiamarlo se ha raggiunto i consumatori o di ritirarlo dal commercio. Una decisione a livello comunitario può essere adottata:

  • quando gli Stati membri utilizzano strategie diverse per affrontare i rischi presentati da certi prodotti pericolosi;
  • quando è necessario procedere d'urgenza e non esiste un'altra disposizione comunitaria che consideri di tale rischio;
  • quando una tale decisione è il modo più efficace per eliminare il rischio.

Decisioni di questo tipo sono valide al massimo per un anno. Finora sono state prese in tutto due decisioni a livello comunitario:

  • La decisione sugli ftalati (sostanze utilizzate per ammorbidire la plastica)

    Nel 1999 alcuni Stati membri hanno espresso preoccupazione per i potenziali effetti negativi degli ftalati sulla salute dei bambini. Si è giunti così ad una decisione che vietava temporaneamente l'impiego di sei ftalati in giocattoli e articoli di puericultura. Dato il suo carattere temporaneo, la decisione doveva essere rinnovata regolarmente. Nel frattempo gli Stati membri hanno introdotto misure nazionali che vietano l'uso di ftalati nella produzione di giocattoli.

    Una serie di valutazioni dei rischi hanno confermato le preoccupazioni, rendendo evidente la necessità di un divieto permanente. Nel luglio 2005 è stata quindi adottata una direttiva che vieta a tempo indeterminato l'impiego di ftalati nella produzione di giocattoli.
  • La decisione sugli accendini

    L'11 maggio 2006 la Commissione ha adottato una decisione con cui impone agli Stati membri di garantire che, a partire dall'11 marzo 2007, gli accendini immessi sul mercato UE siano a prova di bambino. A partire dalla stessa data, la decisione vieta anche la vendita di accendini aventi un aspetto particolarmente attraente per i bambini (ad esempio, a forma di giocattolo, alimento, telefono, ecc.). Alcuni accendini sono esclusi dal campo di applicazione della decisione, ma devono rispettare i requisiti di sicurezza generali previsti per tutti questi prodotti. Per saperne di più …


Notifica dei prodotti pericolosi da parte di produttori e distributori
Opuscolo della Commissione europea che intende promuovere l'obbligo per i produttori e i distributori di notificare alle autorità nazionali competenti i prodotti pericolosi immessi sul mercato UE

 
lefttranspright

 

  Print  
Public HealthFood SafetyConsumer Affairs

Responsible Unit B3