Navigation path

Pagina iniziale
Cos'è la politica di concorrenza?
Perché la politica di concorrenza è importante per i consumatori?
In che modo la Commissione garantisce la concorrenza?
Le istituzioni dell'UE e la politica di concorrenza
Per contattarci

A tutto vantaggio dei consumatori

Concentrazioni

Le autorità garanti della concorrenza devono assicurarsi che, quando più imprese si uniscono, non modificheranno l'equilibrio del mercato in modo tale da falsare la concorrenza o creare una posizione dominante di cui potrebbero abusare.

Prima di fondersi o di associarsi, le grandi imprese devono chiedere l'autorizzazione della Commissione, fornendole le informazioni di cui ha bisogno per decidere.

Perché è necessario autorizzare le concentrazioni a livello europeo?

Per le imprese che operano in più paesi dell'UE è più semplice chiedere una sola autorizzazione anziché rivolgersi a più autorità nazionali.

Mettendosi insieme le imprese possono sviluppare nuovi prodotti in modo più efficiente o ridurre i costi di produzione o di distribuzione. Grazie alla maggiore efficienza delle imprese, la concorrenza sul mercato si intensifica ed i consumatori beneficiano di prodotti migliori a prezzi più convenienti.

Alcune concentrazioni possono tuttavia ridurre la concorrenza, solitamente creando o rafforzando una posizione dominante. In tal caso i consumatori rischiano di dover subire un aumento dei prezzi, una scelta ridotta o una minore innovazione.

Quali concentrazioni valuta la Commissione europea?

Tutte le concentrazioni dalle quali nascerebbe un'impresa il cui fatturato mondiale e europeo supererebbe determinate soglie.

Sotto queste soglie, decidono le autorità nazionali garanti della concorrenza.

Queste regole si applicano a tutte le concentrazioni, indipendentemente dal luogo in si trovano sede giuridica, sede principale, attività o impianti di produzione delle imprese interessate. Infatti anche le concentrazioni tra imprese basate fuori dell'UE possono avere conseguenze sui mercati europei, se le imprese interessate vi sono attive.

La Commissione può eventualmente esaminare anche concentrazioni che sarebbero di competenza delle autorità nazionali. Questo può avvenire su iniziativa delle imprese interessate o delle stesse autorità garanti della concorrenza. Viceversa, la Commissione può affidare un caso di sua competenza a un'autorità nazionale.

In quali casi vengono vietate o autorizzate le concentrazioni?

Le concentrazioni vengono vietate se provocherebbero una significativa restrizione della concorrenza nell'UE.

Occorre infatti proteggere i clienti (consumatori o altre imprese) da un aumento dei prezzi o da una riduzione della scelta di merci o servizi. Una concentrazione può essere vietata se le parti interessate sono i principali concorrenti sul mercato o se indebolirebbe in maniera significativa la concorrenza, creando o rafforzando una posizione dominante.

Le concentrazioni sono autorizzate senza condizioni se la Commissione conclude che la concorrenza non diminuirà.

Autorizzazione a determinate condizioni

La Commissione può subordinare la sua autorizzazione a certe condizioni, ossia ad impegni concreti delle parti che evitino che la concorrenza venga falsata.

Esse si possono impegnare, ad esempio, a cedere una parte delle loro attività o dare in licenza una determinata tecnologia ad un altro operatore. Se la Commissione è convinta che gli impegni possano mantenere o ristabilire la concorrenza sul mercato, autorizza la concentrazione e verifica poi che le imprese rispettino le condizioni concordate; in caso contrario, può prendere provvedimenti.


  
precedente indietro successivo