Percorso di navigazione

Benvenuti sul mio sito

Nella mia veste di commissario responsabile di istruzione, cultura, multilinguismo e gioventù, ho l'enorme privilegio di guidare l'azione dell'UE in settori che riguardano direttamente la vita di tutti i cittadini europei.

È mia intenzione portare avanti politiche che promuovano un'Europa delle opportunità e delle ambizioni, in cui i cittadini di ogni età abbiano le competenze necessarie per trovare un buon lavoro e condurre una vita appagante.

 

I giovani sono il futuro dell'Europa, e serve l'impegno di tutti per prepararci a questo futuro: non è accettabile, ad esempio, che ancora oggi un quindicenne su cinque nell'UE non sappia leggere bene, e che uno su sei abbandoni la scuola. Lavorerò quindi, insieme agli Stati membri e a tutte le parti interessate, per migliorare il tasso di alfabetizzazione e la qualità dell'istruzione.

 

L'Europa può anche fare molto per eliminare gli stereotipi di genere: incoraggerò le ragazze a studiare matematica, scienza e tecnica, perché vi siano più donne in professioni quasi esclusivamente maschili come quella dell'ingegnere; allo stesso modo, incoraggerò i ragazzi ad abbracciare professioni come l'insegnamento, in cui attualmente prevalgono le donne. E, naturalmente, metterò l'accento sull'apprendimento delle lingue: il multilinguismo è il salvacondotto per entrare in un vasto mondo di opportunità e aiuta ad aprire la mente alla cultura e alla storia degli altri, ossia a tutta la ricchezza dell'Europa.

 

Nel quadro della strategia "Europa 2020", che ispirerà l'attività dell'UE nel prossimo decennio, annuncerò un'iniziativa di vasto respiro per promuovere la mobilità dei giovani: tutti devono poter  trascorrere all'estero una parte degli studi o della propria formazione.

 

La cultura è al centro dell'identità e delle tradizioni dell'Europa, così ricche di diversità. Dalla profonda impronta lasciata dai greci e dai romani fino al premio europeo "Border Breakers" per la musica di oggi, passando per i film di Almodóvar e Bertolucci, che l'UE ha sostenuto, la cultura è un fondamento essenziale della nostra civiltà. È anche una fonte importante di ricchezza e posti di lavoro nel settore del turismo e nell'industria creativa, che rappresentano il 2,6% del PIL europeo.

 

Analogamente, l'importanza dello sport in termini di istruzione, integrazione e salute è immensa, tanto che ne fa parola anche il nuovo trattato dell'UE, quello di Lisbona. Aggiungo che lo sport ha un impatto economico significativo. Lavorerò con le associazioni sportive professionistiche e dilettantistiche per promuovere il fair play e combattere il doping, in modo da proteggere i giovani sportivi e combattere il razzismo e la violenza.

 

C'è insomma tanto da fare, ma so di poter contare sull'impegno del mio personale. Ripongo molte aspettative in una stretta collaborazione col Parlamento europeo, i governi nazionali, la società civile e, grazie a queste pagine, direttamente con voi.

 

Per saperne di più sui progetti che porterò avanti, cliccate su "Le mie priorità". Questo sito sarà aggiornato con regolarità, per cui vi invito a visitarlo spesso e a metterlo tra i preferiti!

 

Androulla Vassiliou

 

Ultimo aggiornamento: 13/06/2012 |  Inizio pagina