Questo sito è stato archiviato il 18/07/2014
18/07/2014

Percorso di navigazione

Il Vice Presidente Tajani riconosciuto Socio onorario del Club Giornalisti bulgari contro la corruzione

La diffusione di prodotti contraffatti e la crescita della corruzione sono i principali ostacoli alla crescita economica. Le Nazioni Unite hanno stimato che il volume complessivo del commercio di merci false ammonta a più di 200 miliardi di euro all’anno, equivalente al volume d’affari del traffico di stupefacenti. I prodotti contraffatti fanno concorrenza sleale ai prodotti autentici, rappresentando un forte rischio per i margini di profitto e la sopravvivenza delle imprese europee e mettendo a rischio molti posti di lavoro in Europa. Le piccole e medie imprese, da cui l'economia europea dipende fortemente per i nuovi posti di lavoro, hanno meno potere per evitare la contraffazione e la corruzione e sono dunque particolarmente sensibili agli effetti negativi di entrambi. Oggi, il Vice Presidente della Commissione europea Antonio Tajani, responsabile per l'Industria e l'Imprenditoria, contribuirà a evidenziare i danni causati dalla circolazione di merci contraffatte e discuterà inoltre delle politiche della Commissione europea per il settore delle costruzioni nel corso di una conferenza a Sofia su "Le prospettive e le sfide dell'economia e delle costruzioni in Europa nell’ambito del nuovo periodo di programmazione 2014-2020".

Durante la conferenza, il Vice Presidente Tajani presenterà ai rappresentanti delle istituzioni governative, amministrazioni locali e imprese la sua campagna contro la contraffazione: "No alla contraffazione", così come gli strumenti della Commissione europea per aiutare l'industria delle costruzioni. Al Vice Presidente Tajani sarà assegnato l'attestato di Socio Onorario del Club Giornalisti contro la corruzione, in riconoscimento della sua iniziativa a livello comunitario per la campagna contro la contraffazione e le strategie di successo che utilizza costantemente per comunicare sull'UE. Sarà questa anche l'occasione per incontrare il Vice Presidente Margarita Popova e il Primo Ministro Plamen Oresharski.

Il Vice Presidente della Commissione europea Antonio Tajani, responsabile per l'Industria e l’Imprenditoria, ha dichiarato: "Quando mi sono imbattuto la prima volta nel problema della contraffazione, insieme al mio collega Commissario al mercato interno Michel Barnier, sono rimasto scioccato dalla portata delle attività e l'entità del danno che provoca a individui e alla società. La lotta alla corruzione e alla contraffazione sono due aspetti della lotta per una società decente, morale e giusta. Attraverso la campagna della Commissione europea contro la contraffazione ci proponiamo di cambiare gli atteggiamenti, per dare una svolta a quest’ondata globale di criminalità – proteggendo la nostra salute e le nostre economie. Noi tenderemo la mano dell’amicizia ai giornalisti del Club contro la corruzione che ci sostengono in questa campagna."

I costi della contraffazione

Oltre a danneggiare le nostre imprese nazionali, le merci false possono anche rappresentare un rischio per la salute dei consumatori poiché la loro produzione non è regolata da leggi di salute e sicurezza dell'UE. I contraffattori evitano anche di pagare le tasse o dazi, limitando le entrate dello Stato e pesando sulle spalle dei contribuenti europei.

Le forze dell'ordine bulgare svolgono già un ruolo molto importante nel proteggere gli ingressi dell'UE da merci contraffatte prodotte in fabbriche in Asia. Nel 2011, i funzionari bulgari hanno confiscato il 28% di tutte le merci contraffatte fermate alle frontiere dell'UE.

La campagna "No alla contraffazione” si propone di promuovere una più stretta cooperazione tra la Commissione europea, le autorità nazionali e le associazioni di categoria, per fermare la produzione e la circolazione di merci false. Soprattutto, essa mira ad aumentare la consapevolezza dei cittadini europei sugli effetti negativi delle merci contraffatte e ricordare loro che hanno il potere di combattere quest’attività attraverso le proprie azioni e scelte. Il Vice Presidente Tajani porrà l’accento sul ruolo centrale che la stampa può svolgere nel portare questo messaggio all'attenzione del pubblico.

L’uscita dalla crisi per il settore delle costruzioni

Alla conferenza il Vice Presidente Tajani evidenzierà anche l'importanza del settore delle costruzioni. Questo settore ha un’enorme importanza per lo sviluppo economico dell'Europa, in quanto rappresenta circa il 9,5 % del PIL e il 10 % della forza lavoro dell'UE, ma si trova ad affrontare momenti difficili durante questa crisi economica. Il settore delle costruzioni bulgaro si è ulteriormente indebolito - la situazione è particolarmente critica per il settore residenziale privato, dove l'attività ha registrato un calo del 37% tra il 2009 e il 2013. Inoltre, sono sorte diverse questioni sociali nel periodo 2008-2010, in particolare con società extra-UE che hanno vinto gli appalti, ma non sempre hanno rispettato gli standard di sicurezza per il luogo e l'orario di lavoro.

Tuttavia, come notato nel Piano d'azione della Commissione europea "Costruzione 2020" ci sono enormi opportunità nel mercato della ristrutturazioni di edifici esistenti dal punto di vista dell’efficienza energetica e delle risorse, in particolare negli edifici del periodo socialista, al fine di ridurre i costi energetici per i residenti. Il Vice Presidente Tajani porrà l’accento sul fatto che una regolamentazione che stimoli l'industria e le famiglie a investire nella ristrutturazione degli edifici e nel miglioramento dell’isolamento sembri essere la chiave per rilanciare il settore abitativo.

Dettagli dell’evento

Il convegno "Le prospettive e le sfide dell'economia e delle costruzioni in Europa nell’ambito del nuovo periodo di programmazione 2014-2020" è organizzato dalla Camera bulgara delle costruzione, il giornale Stroitel e il Club Giornalisti contro la corruzione. Esso comprenderà presentazioni dei Ministri bulgari per lo sviluppo regionale, i trasporti, la gestione dei fondi UE, l'ambiente e l'acqua.

Ultimo aggiornamento: 18/07/2014 |  Inizio pagina