Percorso di navigazione

Tajani in Polonia partecipa al III congresso delle PMI insieme al Presidente Komorowski, al Vice Premier Piechocinski, a Buzek e al Presidente del PPE Martens

Il 16 Settembre 2013 il Vice Presidente della Commissione europea, responsabile per l'Industria e l'Imprenditoria, Antonio Tajani, ha aperto il III "Congresso europeo delle PMI" insieme al Presidente Komorowski e all'ex Primo Ministro ed ex Presidente del Parlamento europeo, Jerzy Buzek. Al panel di apertura hanno partecipato anche il Presidente del Partito Popolare Europeo, Wilfried Martens, e il Vice Primo Ministro e Ministro dell'economia, Janusz Piechocinski. Il congresso è il principale evento sulle PMI in Polonia, con oltre 1.800 partecipanti e 100 ospiti stranieri.

Nel suo intervento Tajani ha sottolineato che "il sostegno alle PMI deve essere prioritario quale primo volano di nuova occupazione". In proposito, Tajani ha rilevato che "se ognuna delle 23 milioni di PMI assumesse anche una sola persona, potremmo dare prospettive solide alle nuove generazioni". Per questo" ha aggiunto il Vice Presidente "dobbiamo sciogliere alcuni nodi che ancora tarpano le ali agli imprenditori, dando piena attuazione allo Small Business Act: penso all'accesso al credito, senza il quale le PMI non possono assumere e innovare; ma anche ad una burocrazia soffocante e alle mille barriere che ancora limitano l'acceso ai mercati europeo e internazionali".

Tajani ha anche insistito sulla necessità di un'Europa più amica dell'industria e di politiche coerenti con l'obiettivo di attirare nuovi investimenti sul manifatturiero. In particolare, secondo Tajani "l'alto costo dell'energia è uno dei principali deterrenti a investire in Europa, per cui servono politiche che lo riportino a livelli competitivi". Anche sull'innovazione, ha continuato Tajani, "dobbiamo investire di più e in modo più intelligente, con progetti vicini al mercato meglio coordinati a livello europeo". Per questo, ha concluso Tajani, "sono soddisfatto del rafforzamento degli strumenti finanziari, quali Cosme e Orizzonte 2020, del prossimo bilancio e, dell'introduzione di un test di competitività sulle nuove misure europee".

Ultimo aggiornamento: 31/03/2014 |  Inizio pagina