Commissione Europea > RGE > Termini processuali > Estonia

Ultimo aggiornamento: 16-04-2007
Versione stampabile Aggiungi ai preferiti

Termini processuali - Estonia

 

INDICE

1. Si definiscano i vari termini applicabili in Estonia in materia civile; ad esempio, termini processuali, periodo di tempo per la prescrizione, periodi prestabiliti, ecc? 1.
2. Si fornisca l'elenco dei vari giorni festivi secondo la legislazione dell’Estonia ai sensi del regolamento (CEE, Euratom) n. 1182/71 del 3 giugno 1971. 2.
3. Quali sono i principi normativi generali concernenti i termini processuali civili in Estonia? Si citino i riferimenti della normativa applicabile in materia civile. 3.
4. Se un atto o una formalità deve essere effettuato prima della scadenza di un periodo, quando comincia a decorrere il periodo – cioè il momento iniziale dal quale il periodo inizia (“dies a quo”) – entro il quale va eseguito tale atto o tale formalità? (Ad esempio: la data dell’atto, dell’evento, della decisione o della notifica dal quale esso decorre). 4.
5. Momento dal quale tale periodo inizia a decorrere: 5.
6. Quando scadono tali termini? 6.
7. Se il periodo scade il sabato, la domenica o un altro giorno festivo, è prorogato fino al primo giorno lavorativo seguente? Tale proroga è applicabile anche quando il periodo in questione ha come inizio il verificarsi di un evento futuro? 7.
8. Quando la domanda viene presentata presso un organo giurisdizionale che ha la sede nel territorio metropolitano dello Stato membro (per gli organi giurisdizionali che comprendono frazioni lontane dal centro urbano o hanno frazioni geograficamente distinte (1), i termini sono aumentati per le persone che vivono/risiedono in una di tali frazioni o per quelle che vivono/risiedono all'estero? E in caso affermativo, in che misura? 8.
9. Al contrario, se la domanda viene presentata dinanzi a un organo giurisdizionale che ha la sua sede in una di queste frazioni distinte geograficamente dal centro urbano, i termini sono aumentati per le persone che non vivono/risiedono in queste frazioni o per le persone che vivono /risiedono all’estero? 9.
10. Esistono specifici termini per ricorsi in appello riguardanti determinate materie civili? 10.
11. Per motivi d’urgenza, o qualsiasi altra causa, i giudici possono abbreviare i termini o fissare una data speciale per comparire? Viceversa, tali periodi possono essere prorogati? 11.
12. Nel caso in cui un atto diretto a una parte residente in un luogo dove egli/ella benefici di una proroga viene notificato in un posto dove coloro che risiedono non beneficiano di tale proroga, la persona perde il beneficio di tale termine? 12.

 

1. Si definiscano i vari termini applicabili in Estonia in materia civile; ad esempio, termini processuali, periodo di tempo per la prescrizione, periodi prestabiliti, ecc?

Secondo il diritto civile estone, sono applicabili le seguenti nozioni per quanto riguarda i “termini”:

  • Termine: un determinato periodo di tempo (stabilito dalla legge o da un accordo tra le parti) dal quale derivano effetti di legge. Un termine può essere calcolato in anni, mesi, settimane, giorni, ore o unità di tempo più brevi, oppure in base a un evento che accadrà con certezza. Un termine comincia a decorrere il giorno successivo al giorno o al momento in cui si verificarsi dell’evento a partire dal quale è stabilito l’inizio del termine, a meno che la legge o una clausola contrattuale prescrivano diversamente. Un termine scade alla data fissata.
    L’esercizio di un diritto (domanda) può essere limitato da un termine (prestabilito); in tal senso il diritto si prescriverà (diventando “inesistente”) quando il termine sarà trascorso (data di scadenza).
  • Termine processuale: una sottocategoria della nozione generale di termine in diritto civile. Un termine processuale è un periodo di tempo determinato, dal quale derivano alcuni effetti previsti dalle norme di procedura civile. I termini processuali sono calcolati in anni o giorni o in base a eventi che accadranno con certezza. Gli atti processuali devono essere eseguiti entro termini prestabiliti. Il diritto ad eseguire un atto processuale si estingue con lo spirare del termine. Eventuali ricorsi e altri documenti presentati dopo la scadenza del termine saranno dichiarati irrilevanti e restituiti. Un termine può essere ripristinato o prorogato da un giudice.
  • Termine di prescrizione – il diritto a presentare un ricorso contro un determinato soggetto è precluso una volta trascorso il termine previsto dalla legge (scadenza del periodo ovvero periodo di prescrizione; può essere modificato con un accordo contrattuale). Il decorso del periodo di tempo non estingue il diritto in quanto tale, ma il soggetto obbligato può rifiutare di eseguire l’obbligazione in seguito alla prescrizione del diritto. Il giudice deve prendere in considerazione la prescrizione soltanto nel caso in cui venga eccepita dal soggetto obbligato.

2. Si fornisca l'elenco dei vari giorni festivi secondo la legislazione dell’Estonia ai sensi del regolamento (CEE, Euratom) n. 1182/71 del 3 giugno 1971.

  1. 1° gennaio – il primo giorno dell’anno;
  2. – Venerdì santo;
  3. – Domenica di Pasqua;
  4. 1° maggio – Festa dei lavoratori;
  5. Pentecoste;
  6. 23 giugno – Giorno della vittoria;
  7. 24 giugno – Giorno di mezza estate;
  8. 20 agosto – Giorno della riconquista dell’indipendenza;
  9. 25 dicembre Natale;
  10. 26 dicembre – il giorno dopo Natale;
  11. 25 febbraio – Giorno dell’indipendenza, anniversario della Repubblica di Estonia.

3. Quali sono i principi normativi generali concernenti i termini processuali civili in Estonia? Si citino i riferimenti della normativa applicabile in materia civile.

Ai sensi del codice di procedura civile, “un termine processuale è un periodo di tempo determinato dal quale derivano alcuni effetti del processo” (articolo 40 del codice). I termini processuali sono calcolati in anni o giorni o in base a eventi che accadranno con certezza.

Inizio paginaInizio pagina

Un atto processuale dev’essere eseguito entro un termine stabilito dalla legge. Se in un procedimento un termine non è stabilito dalla legge, il giudice fisserà un termine ragionevole. La data fissata per l’esecuzione di un atto processuale dev’essere precisata mediante una data, un evento che si verificherà con certezza o un periodo di tempo. In quest’ultimo caso, un atto processuale può essere eseguito in qualsiasi momento entro il periodo stabilito.

Un termine definito in anni, mesi o giorni inizia a decorrere il giorno successivo al giorno o al verificarsi dell’evento a partire dal quale è stabilito l’inizio del termine. Un termine precisato in giorni scade l’ultimo giorno del termine stesso. Un termine precisato in anni scade il giorno corrispondente dell’ultimo anno del termine. Qualora una data fissata non cada in un giorno lavorativo, il termine scade il giorno lavorativo seguente.

Il diritto a eseguire un atto processuale si estingue il giorno della scadenza del termine. Il decorso di un termine in un processo previsto dalla legge viene sospeso a partire dal giorno in cui si manifestano le circostanze che sono alla base della sospensione del processo. Il decorso di un termine in un processo ricomincia a decorrere dal giorno in cui il processo viene riassunto. Nell’ambito di un processo specificato dalla legge, il giudice può rimettere il termine, se non è stato osservato per un valido motivo. Qualora non sia stato osservato, l’istanza di rimessione in termini dev’essere presentata al giudice dinanzi al quale l’atto processuale doveva essere compiuto. La richiesta dev’essere esaminata dallo stesso giudice a meno che la legge preveda diversamente.

Inizio paginaInizio pagina

4. Se un atto o una formalità deve essere effettuato prima della scadenza di un periodo, quando comincia a decorrere il periodo – cioè il momento iniziale dal quale il periodo inizia (“dies a quo”) – entro il quale va eseguito tale atto o tale formalità? (Ad esempio: la data dell’atto, dell’evento, della decisione o della notifica dal quale esso decorre).

Un termine, (periodo) definito in anni, mesi o giorni inizia a decorrere il giorno successivo al giorno o al verificarsi dell’evento a partire dal quale è stabilito l’inizio del termine. Se un termine processuale (per l’esecuzione di un atto o di una formalità) è stato stabilito fissando un determinato periodo di tempo (segmento di tempo dal verificarsi di un evento ad un altro evento; ad esempio, 10 giorni dalla ricezione di un documento), l’atto processuale può essere compiuto durante il periodo di tempo fissato. Il momento iniziale del periodo è quindi fissato con il verificarsi dell'evento cui è connesso l’inizio del periodo.

5. Momento dal quale tale periodo inizia a decorrere:

  1. Quando tale periodo è espresso in giorni. Conta l’effettiva data dell’atto, dell’evento, della decisione o della notifica che ne costituisce l'inizio?
  2. Quando tale periodo viene espresso in mesi o anni.

Se un periodo viene espresso in giorni, inizia a decorrere il giorno successivo a quello in cui l’inizio del periodo era stato fissato. Lo stesso vale per i casi in cui il periodo viene espresso in mesi o anni: il periodo inizia a decorrere il giorno successivo a quello in cui l’inizio del periodo era stato fissato.

Inizio paginaInizio pagina

Se un termine processuale (per l’esecuzione di un atto o di una formalità) è stato stabilito fissando un determinato periodo di tempo (segmento di tempo dal verificarsi di un evento ad un altro evento; ad esempio, 10 giorni dalla ricezione di un documento), il momento iniziale del periodo è fissato dal verificarsi dell’evento al quale l’inizio del periodo è connesso (ad esempio, la ricezione del documento di cui trattasi).

6. Quando scadono tali termini?

I termini scadono il giorno fissato per la scadenza. Un termine precisato in giorni scade l’ultimo giorno del termine. Un termine definito in anni finisce il giorno corrispondente dell’ultimo anno del termine. Se la scadenza fissata non cade in un giorno lavorativo, il termine scade il giorno lavorativo seguente.

Gli atti processuali per i quali è stato fissato un termine vanno compiuti entro le 24.00 dell’ultimo giorno del termine. Se un atto processuale dev’essere compiuto dinanzi al giudice, si presume che la fine del giorno lavorativo dell’organo giurisdizionale costituisca la fine del termine.

Si presume che un documento sia stato presentato entro il termine qualora sia stato accettato presso un ufficio postale per la consegna prima delle 24.00 dell’ultimo giorno del termine. La trasmissione del testo di un documento con una copia o altri mezzi di comunicazione è equivalente alla presentazione del documento ad un ufficio postale.

7. Se il periodo scade il sabato, la domenica o un altro giorno festivo, è prorogato fino al primo giorno lavorativo seguente? Tale proroga è applicabile anche quando il periodo in questione ha come inizio il verificarsi di un evento futuro?

Se una scadenza fissata non cade di giorno lavorativo, il termine finisce sempre il giorno lavorativo seguente.

Inizio paginaInizio pagina

8. Quando la domanda viene presentata presso un organo giurisdizionale che ha la sede nel territorio metropolitano dello Stato membro (per gli organi giurisdizionali che comprendono frazioni lontane dal centro urbano o hanno frazioni geograficamente distinte (1), i termini sono aumentati per le persone che vivono/risiedono in una di tali frazioni o per quelle che vivono/risiedono all'estero? E in caso affermativo, in che misura?

Nella Repubblica di Estonia si applicano gli stessi termini nell’ambito del procedimento civile a tutti i partecipanti indipendentemente dalla residenza; tuttavia, nei procedimenti specificati dalla legge, il giudice può prorogare un termine che ha già impartito o può effettuare una rimessione: ciò nel caso in cui il termine non sia stato rispettato per un valido motivo.

9. Al contrario, se la domanda viene presentata dinanzi a un organo giurisdizionale che ha la sua sede in una di queste frazioni distinte geograficamente dal centro urbano, i termini sono aumentati per le persone che non vivono/risiedono in queste frazioni o per le persone che vivono /risiedono all’estero?

Nella Repubblica di Estonia, si applicano gli stessi termini nell’ambito del procedimento a tutti i partecipanti al procedimento indipendentemente dalla residenza; tuttavia, in un procedimento, un giudice può prorogare un termine che ha già impartito o può effettuare una rimessione (in termini) se si tratta di un termine stabilito dalla legge: ciò nel caso in cui il termine non sia stato rispettato per un valido motivo.

10. Esistono specifici termini per ricorsi in appello riguardanti determinate materie civili?

Gli stessi termini per i ricorsi in appello valgono per tutti i procedimenti civili.

11. Per motivi d’urgenza, o qualsiasi altra causa, i giudici possono abbreviare i termini o fissare una data speciale per comparire? Viceversa, tali periodi possono essere prorogati?

In un procedimento stabilito, il giudice può prorogare, sia rimettere un termine se non è stato osservato per validi motivi. Un’istanza per la rimessione di un termine che non è stato osservato dev’essere presentata dinanzi al giudice competente per l’atto processuale da compiere. Un atto processuale per il quale viene concessa la rimessione in termini dev’essere compiuto contemporaneamente alla presentazione dell’istanza di rimessione in termini.

12. Nel caso in cui un atto diretto a una parte residente in un luogo dove egli/ella benefici di una proroga viene notificato in un posto dove coloro che risiedono non beneficiano di tale proroga, la persona perde il beneficio di tale termine?

In un caso del genere, la proroga dev’essere decisa dal giudice.

Ulteriori informazioni

________________________

1 Ad esempio le Azzorre o Madera per il Portogallo, i dipartimenti e i territori d’oltremare per la Francia, le Isole Canarie per la Spagna ecc…)

« Termini processuali - Informazioni generali | Estonia - Informazioni generali »

Inizio paginaInizio pagina

Ultimo aggiornamento: 16-04-2007

 
  • Diritto Comunitario
  • Diritto internazionale

  • Belgio
  • Bulgaria
  • Repubblica Ceca
  • Danimarca
  • Germania
  • Estonia
  • Irlanda
  • Grecia
  • Spagna
  • Francia
  • Italia
  • Cipro
  • Lettonia
  • Lituania
  • Lussemburgo
  • Ungheria
  • Malta
  • Paesi Bassi
  • Austria
  • Polonia
  • Portogallo
  • Romania
  • Slovenia
  • Slovacchia
  • Finlandia
  • Svezia
  • Regno Unito