Commissione Europea > RGE > Notificazione e comunicazione degli atti > Paesi Bassi

Ultimo aggiornamento: 08-02-2007
Versione stampabile Aggiungi ai preferiti

Notificazione e comunicazione degli atti - Paesi Bassi

EJN logo

Questa pagina è obsoleta. L'aggiornamento è in corso e sarà disponibile sul portale europeo della giustizia elettronica.


 

INDICE

1. Che cosa vuol dire in concreto "notificazione e comunicazione degli atti"? Per quale motivo vi sono regole specifiche per la notificazione e la comunicazione? 1.
2. Quali documenti devono essere notificati o comunicati ufficialmente? 2.
3. Chi ha la facoltà di notificare un documento? 3.
4. In pratica, come avviene la notificazione o comunicazione degli atti? 4.
5. Che cosa accade se non è possibile effettuare la notificazione o comunicazione direttamente al destinatario (ad esempio, se non è in casa o se si nasconde)? 5.
6. È prevista la certificazione scritta della notificazione o comunicazione? 6.
7. Quali sono le conseguenze se si verifica un incidente e l'interessato non riceve l'atto, oppure se la comunicazione viene effettuata in violazione della legge (ad esempio se il documento viene notificato ad un terzo)? È possibile che la notificazione resti comunque valida (ad esempio è possibile riparare all'errore, oppure si deve procedere ad una nuova notificazione del documento)? 7.
8. Si devono sostenere spese per la notificazione di un documento, e in tal caso, a quanto ammontano? 8.

 

1. Che cosa vuol dire in concreto "notificazione e comunicazione degli atti"? Per quale motivo vi sono regole specifiche per la notificazione e la comunicazione?

In un procedimento giudiziario è molto importante che le parti in causa siano informate con precisione in merito alle posizioni reciproche: in tal modo si mette ciascuna di esse al corrente delle argomentazioni dell'altra parte e le si offre la possibilità di reagire con cognizione di causa. Per assicurare nella misura del possibile che le parti vengano effettivamente messe al corrente delle reciproche posizioni esistono norme che prescrivono la consegna a ciascuna di esse di documenti dai quali risultino tali posizioni.

Nei Paesi Bassi questa procedura è nota come notificazione (tramite ufficiale giudiziario) o comunicazione degli atti (a mezzo posta). In entrambi i casi lo scopo perseguito è lo stesso, ossia quello di informare le parti del procedimento.

Una controversia può essere portata dinanzi al tribunale nei Paesi Bassi essenzialmente in due modi: con la citazione in giudizio e con la petizione. La legge stabilisce in quali casi ricorrere alla citazione in giudizio e in quali alla petizione (a questo proposito vedansi anche le informazioni sul modo di intentare una causa). Nei casi in cui viene scelto il metodo sbagliato il giudice provvede a rettificare la procedura.

Se si tratta di una citazione, l'ufficiale giudiziario presenta la citazione al convenuto su richiesta dell'attore. Dopo che quest'ultimo ha iscritto la causa a ruolo presso il tribunale competente, il convenuto può presentare una memoria a propria difesa; questa va consegnata all'altra parte, come lo devono essere gli eventuali altri atti processuali successivamente presentati. Ciò avviene nel corso della cosiddetta rolzitting (sessione di ruolo). Se sono rappresentate da un legale le parti solitamente si inviano in anticipo i documenti di cui munirsi.

Inizio paginaInizio pagina

Una procedura di petizione inizia con l'invio a mezzo posta di una petizione alla cancelleria del tribunale competente. Successivamente il tribunale convoca l'attore e le parti interessate nominate nella petizione o la cui identità risulta dalla medesima, anche in questo caso a mezzo posta. In certi casi, ad esempio nelle cause di divorzio, la petizione deve essere notificata dall'ufficiale giudiziario.

2. Quali documenti devono essere notificati o comunicati ufficialmente?

La parte attrice deve provvedere affinché il convenuto riceva la citazione in giudizio e la sentenza del tribunale per vie ufficiali, ossia tramite l'ufficiale giudiziario.

3. Chi ha la facoltà di notificare un documento?

L'ufficiale giudiziario con domicilio nei Paesi Bassi.

Nelle procedure di petizione è sufficiente alla parte attrice presentare una petizione alla cancelleria del tribunale. Successivamente quest'ultima provvede a convocare l'istante e gli (eventuali) interessati (tranne nelle cause di divorzio). Anche l'invio degli altri atti processuali ha luogo tramite la cancelleria del tribunale competente. La convocazione o l'invio degli atti ha luogo tramite posta ordinaria o, a seconda dei casi, a mezzo posta raccomandata.

4. In pratica, come avviene la notificazione o comunicazione degli atti?

In una procedura di citazione in giudizio la notifica della citazione stessa è effettuata dall'ufficiale giudiziario. Il documento formale da lui rilasciato è denominato exploot (notifica) ed è un atto autentico. In linea di principio questo documento viene consegnato personalmente alla parte avversa. Se questa persona rifiuta di prendere in consegna la notifica, l'ufficiale giudiziario registra tale rifiuto sul documento stesso e si presume che la copia sia stata presa in consegna anche se il destinatario ha rifiutato di accettarla. L'ufficiale giudiziario lascia la notifica in busta chiusa presso questa persona o la invia per posta. Se non riesce a notificare l'atto alla parte avversa in persona, lo può lasciare a qualcuno che sia presente al domicilio della medesima, prendendo nota della capacità di tale persona (ad esempio, un coabitante). Se anche questo non è possibile l'ufficiale giudiziario lascia l'atto all'indirizzo di casa in busta chiusa oppure lo invia per posta.

Inizio paginaInizio pagina

Nel caso delle persone giuridiche di diritto pubblico (come le amministrazioni provinciali o comunali) la notificazione avviene nel luogo in cui l'autorità ha il proprio ufficio o sede, oppure viene effettuata presso la persona a capo di tale amministrazione, personalmente o tramite consegna a domicilio. Nel caso delle persone giuridiche di diritto privato la notifica viene effettuata presso l'ufficio, oppure presso uno degli amministratori, personalmente o tramite consegna a domicilio.

Se può bastare la comunicazione, questa avviene generalmente tramite invio degli atti rilevanti per posta o servizio di corriere. Un'altra possibilità consiste nel consegnare i documenti nel corso della sessione di ruolo.

Nelle procedure di petizione la notificazione tramite ufficiale giudiziario costituisce una rara eccezione. Come risulta anche dalla risposta alla domanda n. 4, in questo tipo di procedura l'istante e le parti interessate sono convocati dalla cancelleria del tribunale a mezzo lettera ordinaria o raccomandata. Anche gli atti processuali sono inviati dal cancelliere del tribunale tramite lettera ordinaria o raccomandata.

Chi si trova all'estero e desidera citare in giudizio davanti ad un tribunale straniero una persona che si trova nei Paesi Bassi deve fare ricorso all'assistenza di un ufficiale giudiziario stabilito nei Paesi Bassi. A tal fine si può inviare il documento ad un ufficiale giudiziario olandese nella sua capacità di organo ricevente a norma del regolamento relativo alla notifica europea; l'organo notificante del paese in cui si trova il tribunale può inoltre inviare direttamente il documento a mezzo posta raccomandata.

Inizio paginaInizio pagina

5. Che cosa accade se non è possibile effettuare la notificazione o comunicazione direttamente al destinatario (ad esempio, se non è in casa o se si nasconde)?

Procedura di citazione in giudizio

Se l'interessato non è presente di persona, si può consegnare copia della notifica (exploot) in questione ad un coabitante o ad un'altra persona che si trovi allo stesso recapito e della quale si può presumere che consegnerà puntualmente la copia al destinatario.

Nei casi in cui non è possibile lasciare la copia a nessuna di queste persone, l'ufficiale giudiziario la lascia in busta chiusa al domicilio della persona alla quale deve essere notificata. Se anche questo non è possibile, come ultima ratio la copia può essere inviata per posta.

È ovviamente anche possibile che una persona non abbia alcun domicilio noto nei Paesi Bassi: in tal caso la notificazione viene effettuata presso l'ufficio del procuratore del tribunale presso il quale la causa è pendente. Questo sistema si applica anche nel caso delle persone giuridiche.

Per la notificazione alle persone che hanno domicilio o residenza noti all'esterno dei Paesi Bassi, ma all'interno dell'UE, si applica il regolamento CE n. 1348/2000 relativo alla notificazione e alla comunicazione negli Stati membri degli atti giudiziari ed extra giudiziali in materia civile o commerciale.

Procedura di petizione

Diverse sono le premesse quando si tratta di comunicare atti nelle procedure di istanza. La ratio della convocazione dell'istante e degli interessati mediante lettera ordinaria è che queste persone hanno loro stesse indicato un indirizzo - in una istanza o difesa (presentata presso la cancelleria) - al quale possono essere contattate, e si può dunque presumere che la convocazione verrà effettivamente consegnata.

Inizio paginaInizio pagina

Quando uno degli interessati non ha provveduto personalmente a comunicare il proprio indirizzo, la convocazione avviene mediante lettera raccomandata. Se questa lettera ritorna alla cancelleria, quest'ultima verifica che il destinatario risultasse iscritto negli appositi registri con l'indirizzo indicato sulla convocazione il giorno dell'invio o al più tardi una settimana dopo. In caso affermativo il cancelliere invia immediatamente la convocazione per mezzo di lettera ordinaria. Negli altri casi egli corregge l'indirizzo (se possibile) e invia nuovamente la convocazione per lettera raccomandata, a meno che il giudice stabilisca altrimenti.

Le norme internazionali possono applicarsi anche nelle procedure di istanza. Ad esempio la notificazione ha luogo a norma dell'articolo 14, paragrafo 2, del regolamento n. 1348/2000 relativo alla notificazione e alla comunicazione negli Stati membri degli atti giudiziari ed extra giudiziali in materia civile o commerciale, nei casi in cui gli istanti o gli interessati, pur non avendo domicilio o residenza noti nei Paesi Bassi, hanno una residenza o domicilio noti in uno Stato nel quale è d'applicazione il regolamento.

6. È prevista la certificazione scritta della notificazione o comunicazione?

Nelle procedure di citazione in giudizio l'ufficiale giudiziario specifica nella notifica la persona presso la quale è stata lasciata copia della medesima, indicandone la capacità. Il tal modo si prova in maniera inconfutabile come il documento è stato rilasciato, e a chi.

Inizio paginaInizio pagina

L'ufficiale giudiziario deve firmare la notifica e le copie; in caso contrario la notifica è invalida. È però possibile rimediare a tale mancanza per mezzo di una cosiddetta notifica rettificata (herstelexploot).

Se un atto è inviato alla parte avversa mediante lettera raccomandata, in molti casi non sussisterà alcuna prova scritta: l'esperienza dimostra infatti che la parte avversa solitamente rifiuta di firmare l'attestato di avvenuta ricezione.

Lo stesso vale per le procedure di petizione, se si effettua la convocazione delle parti o l'invio degli atti a mezzo lettera raccomandata.

7. Quali sono le conseguenze se si verifica un incidente e l'interessato non riceve l'atto, oppure se la comunicazione viene effettuata in violazione della legge (ad esempio se il documento viene notificato ad un terzo)? È possibile che la notificazione resti comunque valida (ad esempio è possibile riparare all'errore, oppure si deve procedere ad una nuova notificazione del documento)?

Nel caso delle citazioni in giudizio è pratica corrente nei Paesi Bassi notificare la citazione (dagvaardingsexploot) alla persona cui è destinata. Se tale persona non è presente la legge permette la notificazione ad un coabitante o ad un terzo trovato a tale indirizzo dall'ufficiale giudiziario, oppure lasciare la notifica a tale recapito o inviarla per posta. Queste ultime due possibilità vengono utilizzate unicamente se non è presente nessuna persona alla quale l'ufficiale giudiziario può effettuare la notificazione. In tutti questi casi si parte dal presupposto che, a condizione che siano osservati i requisiti di legge, la notifica sia pervenuta all'interessato.

In alcuni casi la notifica può risultare nulla (si pensi ad esempio alla mancanza dei dati prescritti a pena di nullità). Analogamente, la notifica risulta nulla se manca la firma dell'ufficiale giudiziario (cfr. domanda 6). In tali casi si  provvederà comunque a verificare se il vizio dell'atto abbia causato pregiudizio ingiustificato alla persona destinataria. In caso contrario la notifica stessa sarà considerata valida.

È possibile sanare con un'altra notifica un vizio che ha reso nulla la prima notifica. Ciò può avvenire su richiesta o della persona che ha fatto presentare la notifica o del tribunale.

In una procedura di petizione si parte dal presupposto che i dati relativi all'indirizzo del richiedente e degli altri interessati siano corretti, cosicché, se si incontrano problemi con la convocazione, l'istante o la persona interessata è, in linea di principio, personalmente responsabile.

8. Si devono sostenere spese per la notificazione di un documento, e in tal caso, a quanto ammontano?

La notificazione è a titolo oneroso, nel senso che l'ufficiale giudiziario riscuote un compenso. Le tariffe si articolano in due parti: una tariffa libera e negoziabile che viene concordata fra il cliente e l'ufficiale giudiziario, ed una tariffa fissa, stabilita dal governo, che si applica alla parte avversa. Queste ultime spese relative alle prestazioni degli ufficiali giudiziari sono comprese nelle spese processuali.

Ulteriori informazioni

Alcune delle informazioni di cui sopra sono contenute negli articoli da 44 a 66, negli articoli da 271 a 277 e nell'articolo 291 del codice di procedura civile. Vedasi a tale proposito il sito Overheid.nl English - Nederlands :

  • cliccare su wet- en regelgeving
  • scrivere: burgerlijke rechtsvordering (sotto il numero 3 nel titolo)
  • scegliere: wetboek van Burgerlijke Rechtsvordering

« Notificazione e comunicazione degli atti - Informazioni generali | Paesi Bassi - Informazioni generali »

Inizio paginaInizio pagina

Ultimo aggiornamento: 08-02-2007

 
  • Diritto Comunitario
  • Diritto internazionale

  • Belgio
  • Bulgaria
  • Repubblica Ceca
  • Danimarca
  • Germania
  • Estonia
  • Irlanda
  • Grecia
  • Spagna
  • Francia
  • Italia
  • Cipro
  • Lettonia
  • Lituania
  • Lussemburgo
  • Ungheria
  • Malta
  • Paesi Bassi
  • Austria
  • Polonia
  • Portogallo
  • Romania
  • Slovenia
  • Slovacchia
  • Finlandia
  • Svezia
  • Regno Unito