Commissione Europea > RGE > Notificazione e comunicazione degli atti > Finlandia

Ultimo aggiornamento: 16-11-2007
Versione stampabile Aggiungi ai preferiti

Notificazione e comunicazione degli atti - Finlandia

EJN logo

Questa pagina è obsoleta. L'aggiornamento è in corso e sarà disponibile sul portale europeo della giustizia elettronica.


 

INDICE

1. Che cosa vuol dire, in concreto, “notificazione e comunicazione degli atti”? Per quale motivo vi sono procedure specifiche per la notificazione e comunicazione? 1.
2. Quali atti devono essere notificati o comunicati ufficialmente? 2.
3. Chi può notificare o comunicare un atto? 3.
4. In pratica, come viene notificato o comunicato un atto? 4.
5. Che cosa accade se, a titolo eccezionale, non è possibile notificare o comunicare un atto direttamente al destinatario (per esempio, se non è in casa)? 5.
6. È prevista la certificazione scritta della notificazione o comunicazione di un atto? 6.
7. Quali sono le conseguenze se la notificazione o comunicazione è effettuata in violazione della legge oppure se l’interessato non ha ricevuto l’atto (per esempio se l’atto è notificato o comunicato a un terzo)? La notificazione o comunicazione è valida ugualmente (in altri termini, si può porre rimedio alla violazione della legge)? Oppure l’atto deve essere notificato nuovamente? 7.
8. Si devono sostenere spese per la notificazione o la comunicazione di un atto? 8.

 

1. Che cosa vuol dire, in concreto, “notificazione e comunicazione degli atti”? Per quale motivo vi sono procedure specifiche per la notificazione e comunicazione?

Per “notificazione e comunicazione degli atti” si intendono le modalità previste dalla legge per la notificazione, attestabile, a una determinata persona. Scopo delle norme relative alla notificazione e comunicazione degli atti è garantire che la notificazione alla persona interessata sia stata effettuata in maniera attendibile e che sia verificabile.

2. Quali atti devono essere notificati o comunicati ufficialmente?

Di norma, questi atti sono documenti relativi a procedimenti legali, come le citazioni e le convocazioni a testimoniare. Il requisito di notificazione formale può valere anche per documenti diversi da quelli processuali, come il testamento.

3. Chi può notificare o comunicare un atto?

In un processo, la notificazione o comunicazione spetta generalmente al tribunale. Su richiesta di una parte interessata, il tribunale può affidare ad essa la responsabilità della notificazione o comunicazione, se ritiene che vi sia un motivo fondato.

In altri casi, la notificazione spetta alla parte che ha interesse a eseguirla.

4. In pratica, come viene notificato o comunicato un atto?

Quando è il tribunale ad avere la responsabilità della notificazione o comunicazione in un processo, tale notificazione avviene principalmente per posta. La lettera può pervenire con avviso di ricevimento presso l'ufficio postale oppure direttamente al domicilio del destinatario; in questo caso l'avviso di ricezione allegato alla busta deve essere rispedito al tribunale. La notificazione di un atto processuale diverso da un atto di citazione può essere eseguita anche inviando il documento per posta ordinaria all'indirizzo notificato al tribunale dalla parte interessata. Se vi sono scarse probabilità che la notificazione o comunicazione tramite servizio postale giunga a buon fine o se la responsabilità della notificazione viene affidata a una parte interessata, la notificazione viene eseguita da un ufficiale giudiziario (“haastemies”).

Inizio paginaInizio pagina

La notificazione o comunicazione di documenti diversi da quelli processuali viene eseguita da un ufficiale giudiziario su richiesta di un'autorità o di un privato.

5. Che cosa accade se, a titolo eccezionale, non è possibile notificare o comunicare un atto direttamente al destinatario (per esempio, se non è in casa)?

In una causa civile un atto di citazione può essere notificato mediante la consegna dei documenti a una persona autorizzata a riceverli. Se la causa prevede la notificazione o comunicazione di un documento (diverso da un atto di citazione) nel corso di un processo e la persona a cui il documento è indirizzato è rappresentata da un mandatario, la notificazione o comunicazione può essere fatta al mandatario. Tuttavia, un documento in cui si ordina a qualcuno di presentarsi personalmente in tribunale o di compiere qualche azione di persona deve essere sempre notificato alla persona interessata.

Se una persona il cui domicilio in Finlandia è noto si sottrae alla notificazione, l'ufficiale giudiziario può eseguire la notificazione o comunicazione in una forma alternativa, consegnando i documenti a un familiare di età superiore a 15 anni o, se il destinatario della notificazione gestisce un'attività commerciale, a un suo dipendente. Se non è possibile reperire nessuno di questi soggetti, i documenti possono essere consegnati all'autorità di polizia. L'ufficiale giudiziario deve comunicare al destinatario, tramite posta l'avvenuta consegna dei documenti all'autorità di polizia.

Se il domicilio del destinatario della notifica è sconosciuto, il tribunale procede a una notificazione o comunicazione mediante pubblico proclama. In questo caso viene pubblicata una notificazione della situazione su un bollettino ufficiale e, a discrezione del tribunale, anche su un giornale. Inoltre, i documenti vengono affissi pubblicamente alla bacheca del tribunale.

Inizio paginaInizio pagina

6. È prevista la certificazione scritta della notificazione o comunicazione di un atto?

L’ufficiale giudiziario rilascia un certificato dell’avvenuta notificazione o comunicazione. Viene rilasciato un certificato anche nel caso di una notificazione tramite servizio postale.

7. Quali sono le conseguenze se la notificazione o comunicazione è effettuata in violazione della legge oppure se l’interessato non ha ricevuto l’atto (per esempio se l’atto è notificato o comunicato a un terzo)? La notificazione o comunicazione è valida ugualmente (in altri termini, si può porre rimedio alla violazione della legge)? Oppure l’atto deve essere notificato nuovamente?

Se la notificazione o comunicazione è stata eseguita erroneamente e la parte interessata non si presenta in tribunale o non fornisce la risposta scritta richiesta, occorre ripetere la notificazione o comunicazione. Se tuttavia l’errore è di scarsa importanza, non è necessario notificare nuovamente l’atto.

Se la parte interessata denuncia un errore nella notificazione, l’esame delle causa deve essere rinviato, salvo quando ciò non sia ritenuto necessario data la scarsa rilevanza dell'errore commesso.

8. Si devono sostenere spese per la notificazione o la comunicazione di un atto?

La notificazione o comunicazione eseguita da un ufficiale giudiziario costa 25 euro.

Non è richiesto alcun pagamento quando è il tribunale a farsi carico della notificazione né per le notificazioni eseguite per conto di un'autorità straniera tramite assistenza esecutiva. Inoltre, la legge stabilisce alcune altre eccezioni all'obbligo di pagamento.

Ulteriori informazioni

  • Notificazione e comunicazione dei documenti all'estero English - suomi - svenska (Ministero della giustizia)

« Notificazione e comunicazione degli atti - Informazioni generali | Finlandia - Informazioni generali »

Inizio paginaInizio pagina

Ultimo aggiornamento: 16-11-2007

 
  • Diritto Comunitario
  • Diritto internazionale

  • Belgio
  • Bulgaria
  • Repubblica Ceca
  • Danimarca
  • Germania
  • Estonia
  • Irlanda
  • Grecia
  • Spagna
  • Francia
  • Italia
  • Cipro
  • Lettonia
  • Lituania
  • Lussemburgo
  • Ungheria
  • Malta
  • Paesi Bassi
  • Austria
  • Polonia
  • Portogallo
  • Romania
  • Slovenia
  • Slovacchia
  • Finlandia
  • Svezia
  • Regno Unito