Commissione Europea > RGE > Responsabilitá dei genitori > Grecia

Ultimo aggiornamento: 03-08-2007
Versione stampabile Aggiungi ai preferiti

Responsabilitá dei genitori - Grecia

EJN logo

Questa pagina è obsoleta. L'aggiornamento è in corso e sarà disponibile sul portale europeo della giustizia elettronica.


 

INDICE

1. Che significa in concreto la nozione di “potestà dei genitori”?
Quali sono i diritti e i doveri di chi esercita la potestà? 1.
2. In linea di principio, chi esercita la potestà su un minore? 2.
3. Se i genitori non sono in grado o non sono disposti ad esercitare la potestà, può essere designata un’altra persona in loro vece? 3.
4. Se i genitori divorziano o si separano, in che modo viene presa una decisione riguardo alla potestà dei genitori? 4.
5. Se i genitori concludono un accordo sulla potestà, quali formalità sono necessarie per rendere tale accordo giuridicamente vincolante? 5.
6. Se i genitori non riescono a raggiungere un accordo sulle questioni attinenti alla potestà, vi sono metodi alternativi per risolvere la controversia senza ricorrere al tribunale? 6.
7. Se i genitori adiscono il tribunale, su quali questioni il giudice può prendere una decisione riguardante il minore? 7.
8. Se il giudice decide di affidare il figlio a uno solo dei genitori, ciò significa che questi può prendere tutte le decisioni relative al figlio senza consultare l'altro genitore? 8.
9. Se il giudice decide di affidare il figlio a entrambi i genitori congiuntamente, che cosa comporta in concreto tale decisione? 9.
10. A quale tribunale o autorità occorre rivolgersi per presentare la domanda relativa alla potestà dei genitori? Quali formalità si devono seguire e quali documenti si devono allegare? 10.
11. Quale procedura si applica in tali casi? È possibile una procedura d’urgenza? 11.
12. Per le spese processuali, è possibile ottenere il patrocinio a spese dello Stato? 12.
13. È possibile ricorrere in appello contro una sentenza relativa alla potestà genitoriale? 13.
14. In determinati casi può essere necessario chiedere l'esecuzione di una sentenza relativa alla potestà genitoriale. A quale tribunale occorre rivolgersi e quale procedura si applica in tali casi? 14.
15. Come si deve procedere per ottenere il riconoscimento e l'esecuzione in Grecia di una sentenza relativa alla potestà genitoriale pronunciata in un altro Stato membro? 15.
16. A quale tribunale occorre rivolgersi per opporsi al riconoscimento in Grecia di una sentenza relativa alla potestà genitoriale pronunciata da un tribunale di un altro Stato membro? Quale procedura si applica in tali casi? 16.
17. Quale diritto nazionale si applica in materia di potestà dei genitori, se il figlio o i genitori non vivono in Grecia oppure se uno dei genitori non è cittadino greco? 17.

 

1. Che significa in concreto la nozione di “potestà dei genitori”?
Quali sono i diritti e i doveri di chi esercita la potestà?

“Potestà dei genitori” significa che, di regola, spetta ai genitori prendere le decisioni riguardanti la persona ed i beni del figlio. In concreto, è dovere e diritto dei genitori custodire il figlio, amministrarne i beni e rappresentarlo in ogni questione, operazione o vertenza riguardante la sua persona o i suoi beni.

2. In linea di principio, chi esercita la potestà su un minore?

Come regola generale, esercitano la potestà su un minore i suoi genitori, se sono coniugati e coabitano. In caso di morte o di assenza di uno dei genitori, o se uno di essi rinuncia a esercitare la potestà, questa viene esercitata esclusivamente dall’altro. Lo stesso vale se uno dei genitori si trova nell’impossibilità di esercitare la potestà per fondati motivi o per interdizione totale o parziale. Nel caso di figli adottivi, la potestà viene esercitata dai genitori adottivi. Nel caso di figli nati fuori del matrimonio, se i genitori non contraggono matrimonio la potestà viene esercitata dalla madre.

3. Se i genitori non sono in grado o non sono disposti ad esercitare la potestà, può essere designata un’altra persona in loro vece?

Sì. Nel caso che i genitori non possano o non vogliano esercitare la potestà, il tribunale designa un tutore, conferendogli la potestà sul minore.

4. Se i genitori divorziano o si separano, in che modo viene presa una decisione riguardo alla potestà dei genitori?

In caso di divorzio per mutuo consenso, i genitori concludono un accordo riguardo alle modalità di esercizio della potestà o all’affidamento del figlio e accludono tale accordo alla domanda di divorzio che presentano al tribunale monocratico di primo grado competente per territorio, che giudicherà secondo la giurisdizione volontaria. I genitori che, volendo divorziare non per mutuo consenso, presentano la domanda di divorzio al tribunale collegiale di primo grado competente per territorio, il quale giudicherà secondo la giurisdizione contenziosa, possono aggiungere alla domanda di divorzio la domanda di attribuzione della potestà a uno dei genitori o ad entrambi, oppure ognuno dei due può presentare separatamente tale domanda al tribunale monocratico di primo grado competente per territorio, il quale tratterà il caso a norma dell’articolo 681 Β del Codice di procedura civile e deciderà nell’interesse del minore. In caso di divorzio o di separazione, se vi è urgenza o pericolo imminente il tribunale monocratico di primo grado detta, a richiesta di uno dei coniugi, gli opportuni provvedimenti cautelari e attribuisce a titolo temporaneo l’esercizio della potestà.

Inizio paginaInizio pagina

5. Se i genitori concludono un accordo sulla potestà, quali formalità sono necessarie per rendere tale accordo giuridicamente vincolante?

Se nel corso del procedimento i genitori giungono a un accordo sulle modalità di esercizio della potestà, presentano tale accordo, per iscritto, al tribunale competente per territorio e per materia, precisandovi quanto essi propongono, oppure, in caso di provvedimenti cautelari, menzionano tale accordo nelle loro osservazioni scritte. Il tribunale, dopo aver accertato che l’accordo è nell’interesse del minore, pronuncia la sentenza e decide la questione della potestà secondo la modalità concordata.

6. Se i genitori non riescono a raggiungere un accordo sulle questioni attinenti alla potestà, vi sono metodi alternativi per risolvere la controversia senza ricorrere al tribunale?

Per decidere riguardo all’esercizio della potestà genitoriale, la legge non prevede altri mezzi oltre ad adire il tribunale.

7. Se i genitori adiscono il tribunale, su quali questioni il giudice può prendere una decisione riguardante il minore?

Se i genitori adiscono il tribunale, il giudice può attribuire la potestà all’uno o all’altro dei genitori o ad entrambi, può ripartirla tra loro oppure può attribuirla a un terzo. In caso di divorzio, separazione o annullamento del matrimonio, si attribuisce la potestà al genitore con il quale abiterà il figlio. La potestà comprende l’obbligo di mantenere, custodire, educare e istruire il figlio. Viene anche stabilito il luogo di residenza. Inoltre, il giudice fissa l’entità dell’obbligo alimentare imposto all’altro genitore e determina il diritto del figlio di rimanere a contatto con il genitore al quale non è stato affidato.

Inizio paginaInizio pagina

8. Se il giudice decide di affidare il figlio a uno solo dei genitori, ciò significa che questi può prendere tutte le decisioni relative al figlio senza consultare l'altro genitore?

Di regola, entrambi i genitori devono decidere congiuntamente su ogni questione attinente all’esercizio della potestà. Tuttavia, se il tribunale decide di attribuire la potestà sul minore esclusivamente a uno dei genitori, questi può effettuare gli atti consueti relativi alla custodia del figlio, provvedere all’amministrazione corrente dei beni del figlio, procedere ad azioni a carattere urgente e dare il proprio beneplacito in questioni riguardanti unicamente il figlio. Inoltre, è compito del genitore che ha ottenuto la potestà esigere dall’altro genitore l’adempimento dell’obbligo alimentare. Se l’altro genitore si oppone a un atto compiuto dal genitore avente la potestà, poiché ritiene che tale atto non rientri nell’ambito della normale custodia del figlio né riguardi l’amministrazione corrente dei beni del figlio, né abbia carattere urgente, può adire il tribunale, sostenendo che l’atto in questione si configura come inadempimento degli obblighi o come esercizio abusivo della potestà genitoriale. Se il genitore avente la potestà non informa l’altro genitore delle azioni da lui legittimamente compiute, anche questa omissione può configurarsi come esercizio abusivo della potestà genitoriale.

9. Se il giudice decide di affidare il figlio a entrambi i genitori congiuntamente, che cosa comporta in concreto tale decisione?

Quando il tribunale decide di affidare la custodia del figlio ai due genitori congiuntamente, ciò significa che i genitori decidono insieme riguardo all’esercizio della potestà, nell’interesse del figlio.

Inizio paginaInizio pagina

10. A quale tribunale o autorità occorre rivolgersi per presentare la domanda relativa alla potestà dei genitori? Quali formalità si devono seguire e quali documenti si devono allegare?

Di norma, per le questioni riguardanti la potestà dei genitori è competente il tribunale monocratico di primo grado. Se la domanda è correlata a una domanda di divorzio secondo la procedura contenziosa oppure a una domanda di annullamento del matrimonio, è competente il tribunale collegiale di primo grado.

Per quanto riguarda la competenza giurisdizionale, nel caso di cittadini degli Stati membri dell’Unione europea è competente il tribunale dello Stato indicato agli articoli 2 e 3 del regolamento n. 1347/2000 del Consiglio UE, secondo cui il tribunale competente è anzitutto quello nella cui giurisdizione rientra l’ultima residenza comune dei coniugi o, in secondo luogo, la residenza del convenuto. La domanda va presentata alla cancelleria di tale tribunale. Viene quindi fissata la data dell’udienza e, a cura dell’avvocato dell’attore, si notifica la copia della domanda al convenuto. Se la notifica avviene sul territorio nazionale, provvede alla consegna un ufficiale giudiziario. Se invece la notifica deve essere recapitata all’estero, si applica il regolamento n. 1348/2000 nel caso di un cittadino di uno Stato membro dell’UE, oppure la Convenzione dell’Aia del 15 novembre 1965, relativa alla notifica di atti giudiziari all’estero, nel caso di un paese firmatario di tale Convenzione. Altrimenti, si deposita la copia della domanda presso la procura dei tribunali di primo grado, che a sua volta la trasmette al Ministero degli affari esteri, perché sia notificata al convenuto a norma delle leggi dello Stato estero in questione. La copia della domanda viene depositata presso la procura anche quando è ignota la residenza del convenuto. In tal caso, un estratto della domanda viene pubblicato su due giornali, uno di Atene e l’altro della località per la quale ha competenza giurisdizionale il tribunale adito. Nel corso del procedimento, le parti espongono le proprie ragioni e producono elementi probatori. Vengono sentiti testimoni, per comprovare le argomentazioni di ciascuna delle controparti. Se il convenuto è stato citato in giudizio a norma di legge ed entro i termini prescritti, ma non compare in tribunale, questo procede come se il convenuto fosse presente. Il convenuto deposita la sua replica presso il medesimo tribunale, che la notifica all’attore entro cinque giorni lavorativi prima dell’inizio del procedimento. Inoltre, prima del procedimento i servizi sociali effettuano un’indagine di carattere sociale e presentano al tribunale una relazione particolareggiata. Se lo ritiene necessario, il tribunale sente anche il parere del minore. Dopo l’udienza, le controparti hanno il diritto di presentare entro tre giorni lavorativi le proprie confutazioni. Trascorso un certo lasso di tempo, il tribunale pronuncia in aula la decisione con la quale vengono determinate le modalità di esercizio della potestà genitoriale.

Inizio paginaInizio pagina

11. Quale procedura si applica in tali casi? È possibile una procedura d’urgenza?

Si applica la procedura di cui all’articolo 681 Β del Codice di procedura civile, che è relativamente rapida: per fissare la data dell’udienza e, di norma, per giungere alla sentenza i tempi sono più brevi rispetto agli altri procedimenti giudiziari. Inoltre, se vi è urgenza o pericolo imminente, si può chiedere al tribunale monocratico di primo grado competente per territorio di dettare provvedimenti cautelari e temporanei. Dopo il deposito della domanda presso la cancelleria del tribunale, la data dell’udienza viene fissata sollecitamente ed è previsto un breve lasso di tempo per notificare la domanda al convenuto, al quale si può comunicare la citazione anche per telefono o per telegramma. Il giorno dell’udienza, o entro un termine stabilito dal tribunale, le controparti espongono le loro ragioni, producendo i relativi documenti, vengono sentiti in aula i testimoni e in tempi brevi il tribunale pronuncia la sentenza in base alle sue ragionevoli conclusioni. La replica viene presentata oralmente in aula.

12. Per le spese processuali, è possibile ottenere il patrocinio a spese dello Stato?

Sì, se si dimostra di non essere in grado di pagare le spese processuali senza menomare le possibilità di provvedere al sostentamento proprio e della propria famiglia, a meno che il tribunale dichiari che, dopo la sentenza da esso pronunciata, la richiesta di patrocinio a spese dello Stato è manifestamente ingiustificata o non conveniente.

13. È possibile ricorrere in appello contro una sentenza relativa alla potestà genitoriale?

Sì, dinanzi alla competente Corte d’appello.

Inizio paginaInizio pagina

14. In determinati casi può essere necessario chiedere l'esecuzione di una sentenza relativa alla potestà genitoriale. A quale tribunale occorre rivolgersi e quale procedura si applica in tali casi?

Le decisioni che accordano la potestà genitoriale o la custodia a una persona, dispongono anche che il minore le sia consegnato. Se la persona che deve procedere in tal senso non lo fa, il tribunale le infligge d’ufficio una pena pecuniaria o detentiva o entrambe le pene. Inoltre, se la persona che deve consegnare il minore non ottempera alla sentenza del tribunale, questo può ordinare l’esecuzione indiretta e imporre che la persona in questione pronunci una dichiarazione sotto giuramento.

15. Come si deve procedere per ottenere il riconoscimento e l'esecuzione in Grecia di una sentenza relativa alla potestà genitoriale pronunciata in un altro Stato membro?

A norma del regolamento n. 1347/2000 del Consiglio, le sentenze pronunciate in uno Stato membro dell’UE sono riconosciute negli altri Stati membri senza che sia necessario nessun procedimento speciale. Chi vuole far riconoscere in Grecia una sentenza relativa alla potestà genitoriale, deve presentarne domanda al tribunale monocratico di primo grado avente la competenza giurisdizionale per la località di normale residenza della persona nei confronti della quale si chiede l’esecuzione della sentenza oppure per la località di ultima residenza del minore in questione o, da ultimo, per la località nella quale la sentenza va eseguita. Alla domanda si devono allegare:

Inizio paginaInizio pagina

  1. copia della sentenza, che presenti tutte le condizioni di autenticità;
  2. il certificato di cui all’articolo 33 del regolamento suddetto, nel quale devono essere indicati il tribunale che ha pronunciato la sentenza, l’identità delle controparti e l’oggetto del procedimento, se la sentenza è stata pronunciata in contumacia o in contraddittorio, se è soggetta ad appello, se è stato concesso il patrocinio a spese dello Stato ecc.;
  3. in caso di sentenza contumaciale, l’originale o la copia autenticata del documento attestante che la domanda o un altro documento equivalente è stato notificato alla parte contumace, oppure un qualsiasi documento indicante che la controparte ha accettato la sentenza senza contestazione.

Dopo che è stata fissata la data dell’udienza, l’attore deve far notificare al convenuto la copia della domanda, con l’indicazione della data dell’udienza e la citazione a comparire. Il tribunale, il quale non ha la facoltà di contestare la competenza del tribunale dello Stato membro dell’UE che ha pronunciato la sentenza, riconosce la sentenza dopo aver accertato che il riconoscimento di tale sentenza non è contrario all’ordine pubblico, che la domanda è stata notificata alla controparte contumace in tempo utile perché questa potesse difendersi o che la controparte ha accettato la sentenza senza contestazione, che la sentenza stessa non è incompatibile con altra sentenza riguardante le medesime controparti pronunciata precedentemente in Grecia o in un altro Stato membro o paese terzo e che essa soddisfa le condizioni necessarie per esser riconosciuta in Grecia.

16. A quale tribunale occorre rivolgersi per opporsi al riconoscimento in Grecia di una sentenza relativa alla potestà genitoriale pronunciata da un tribunale di un altro Stato membro? Quale procedura si applica in tali casi?

Per impugnare la sentenza con la quale è stata riconosciuta in Grecia la sentenza in materia di potestà genitoriale pronunciata da un tribunale di un altro Stato membro dell’UE, occorre rivolgersi alla Corte d’appello, che giudica secondo la giurisdizione contenziosa. L’appello va presentato entro il termine di un mese dalla notifica della sentenza, o di due mesi da tale notifica se la parte contro la quale è stato chiesto il riconoscimento risiede normalmente in uno Stato membro diverso da quello nel quale la sentenza è stata dichiarata esecutoria. Il termine entro il quale presentare l’appello non è prorogabile per motivi di distanza. Se la controparte non compare, il tribunale è tenuto a sospendere il procedimento finché non sia accertato che tale parte sia stata citata a norma di legge ed entro il termine prescritto oppure che sia stato compiuto ogni possibile tentativo in tal senso. Contro la sentenza della Corte d’appello si può ricorrere alla Corte suprema.

17. Quale diritto nazionale si applica in materia di potestà dei genitori, se il figlio o i genitori non vivono in Grecia oppure se uno dei genitori non è cittadino greco?

Il diritto sostanziale da applicare in materia di potestà dei genitori è, in ordine di prevalenza:

  1. il diritto dello Stato di cui hanno la cittadinanza, nell’epoca più recente, entrambi i genitori e il figlio;
  2. il diritto dello Stato in cui i genitori e il figlio avevano l’ultima residenza abituale comune;
  3. il diritto dello Stato di cui è cittadino il figlio; Se il figlio ha doppia cittadinanza greca e straniera, si applica il diritto greco; se il figlio è cittadino di più Stati esteri, si applica il diritto dello Stato con il quale egli ha legami più stretti.

Il diritto processuale da applicare è quello greco, a norma della lex fori.

« Responsabilitá dei genitori - Informazioni generali | Grecia - Informazioni generali »

Inizio paginaInizio pagina

Ultimo aggiornamento: 03-08-2007

 
  • Diritto Comunitario
  • Diritto internazionale

  • Belgio
  • Bulgaria
  • Repubblica Ceca
  • Danimarca
  • Germania
  • Estonia
  • Irlanda
  • Grecia
  • Spagna
  • Francia
  • Italia
  • Cipro
  • Lettonia
  • Lituania
  • Lussemburgo
  • Ungheria
  • Malta
  • Paesi Bassi
  • Austria
  • Polonia
  • Portogallo
  • Romania
  • Slovenia
  • Slovacchia
  • Finlandia
  • Svezia
  • Regno Unito