Commissione Europea > RGE > Responsabilitá dei genitori

Ultimo aggiornamento: 30-07-2004
Versione stampabile Aggiungi ai preferiti

Responsabilitá dei genitori - Informazioni generali

EJN logo

Questa pagina è obsoleta. L'aggiornamento è in corso e sarà disponibile sul portale europeo della giustizia elettronica.


Educazione e cura dei minori

Tutti i bambini hanno bisogno di essere protetti e di ricevere cure e attenzioni. Nella maggior parte dei casi, sono i genitori ad essere responsabili di questo compito. Per questo motivo si fa ricorso all'espressione "Responsabilitágenitoriale" per descrivere i diritti e gli obblighi connessi al compito di prendersi cura di un minore.

Il concetto di “Responsabilitágenitoriale” ricomprende i doveri ed i diritti relativi alla cura della persona e dei beni di un minore. È inclusa anche la Responsabilitádi assicurare che il minore sia alloggiato, nutrito e vestito oltre a quella relativa alla sua educazione. Tra gli obblighi vi è quello di amministrare gli eventuali beni di proprietà del minore e tra i diritti quello di rappresentarlo legalmente.

Le persone che esercitano la Responsabilitágenitoriale nei confronti di un minore sono designate “titolari della Responsabilitágenitoriale” . Nella maggior parte dei casi, si tratta dei genitori del minore. Tuttavia, in assenza dei genitori perché deceduti, incapaci o non più autorizzati ad occuparsi del minore, può essere designato un tutore per rappresentare il minore. Il tutore può essere un genitore, un terzo o un'istituzione.

Finché vivono assieme, i due genitori esercitano generalmente congiuntamente la Responsabilitágenitoriale verso i figli, conformemente alla legge. Tuttavia, se divorziano o si separano, i genitori devono stabilire come esercitare tale Responsabilitáin futuro. Possono decidere che il minore vivrà a turno con ciascun genitore o con uno solo. In questo caso, l'altro genitore godrà di norma del diritto di visita al figlio in tempi prestabiliti. I genitori possono stabilire queste questioni di comune accordo o fare ricorso al giudice.

In quest'ultimo caso, la giurisdizione adita delibera sul diritto di affidamento del minore. Il titolare del diritto di affidamento decide in particolare il luogo in cui il minore vivrà. La giurisdizione può accordare il diritto di affidamento ai due genitori (affidamento comune) o decidere che uno dei due eserciterà da solo questo diritto (affidamento esclusivo). Quando uno dei genitori ottiene l'affidamento esclusivo, l'altro gode di norma del diritto di visita al minore in determinati periodi (diritto di visita).

Le norme relative al diritto di affidamento ed al diritto di visita variano da uno Stato membro all'altro. Cliccando sulle bandiere degli Stati membri, si possono ottenere informazioni relative alle legislazioni nazionali in questo settore.

In alcuni casi, una decisione in materia di Responsabilitágenitoriale deve essere riconosciuta e resa esecutiva in un altro Stato membro. Dal 1° marzo 2001, un regolamento del Consiglio ha introdotto norme a questo riguardo. Esiste anche una proposta della Commissione del 3 maggio 2002 riguardante la Responsabilitágenitoriale. Maggiori informazioni al riguardo possono essere ottenute cliccando sull'icona “Diritto comunitario” .

Inoltre, esistono numerose convenzioni internazionali aventi per oggetto la Responsabilitágenitoriale.

Maggiori informazioni sono disponibili cliccando sull'icona “Diritto internazionale” .


Inizio paginaInizio pagina

Ultimo aggiornamento: 30-07-2004

 
  • Diritto Comunitario
  • Diritto internazionale

  • Belgio
  • Bulgaria
  • Repubblica Ceca
  • Danimarca
  • Germania
  • Estonia
  • Irlanda
  • Grecia
  • Spagna
  • Francia
  • Italia
  • Cipro
  • Lettonia
  • Lituania
  • Lussemburgo
  • Ungheria
  • Malta
  • Paesi Bassi
  • Austria
  • Polonia
  • Portogallo
  • Romania
  • Slovenia
  • Slovacchia
  • Finlandia
  • Svezia
  • Regno Unito