Commissione Europea > RGE > Organizzazione della giustizia > Spagna

Ultimo aggiornamento: 14-07-2006
Versione stampabile Aggiungi ai preferiti

Organizzazione della giustizia - Spagna

Introduzione

L’ordinamento giudiziario in Spagna si basa sul principio dell'unità giurisdizionale. Tutti i giudici e magistrati fanno parte della stessa struttura di carriera.

Fermo restando tale principio, esiste tuttavia una suddivisione in ordinamenti giurisdizionali la cui competenza è determinata dalla materia trattata.

Gli ordinamenti giurisdizionali sono:

  • Civile PDF File (PDF File 119 KB), compreso il diritto commerciale e di famiglia.
  • Penale
  • Contenzioso amministrativo, che comprende le controversie che coinvolgono la pubblica amministrazione
  • Sociale PDF File (PDF File 104 KB), che tratta le controversie in materia di lavoro e di sicurezza sociale.

1. Quali sono gli organi giurisdizionali che trattano le cause civili?

Il codice di procedura civile del 2000 (Ley de Enjuiciamiento Civil) definisce tutti gli organi giurisdizionali. Le cause di modesta entità (di valore non superiore a 90 €) sono trattate dal giudice di pace (Juzgado de Paz), la cui funzione è svolta da un giudice non togato. L'organo che avvia le cause in materia civile è il tribunale di primo grado (Juzgado de Primera Instancia), presieduto da un giudice o magistrato di carriera. Vi sono tribunali specializzati, ad esempio nelle questioni attinenti al diritto di famiglia o alle incapacità. Le decisioni emesse da questi organi possono essere impugnate dinanzi al tribunale provinciale (Audiencia Provincial), organo collegiale formato da tre magistrati. In alcuni casi è esperibile il ricorso in cassazione avanti la sezione civile del tribunale supremo (Tribunal Supremo) e, in casi eccezionali, avanti le sezioni civili e penali di alcuni tribunali superiori (Tribunales Superiores de Justicia) in determinate Comunità autonome.

2. Quali sono gli organi giurisdizionali che trattano le cause in materia sociale?

I tribunali in materia sociale (Juzgados de lo Social), che hanno competenza di primo grado nelle controversie in materia di lavoro e di sicurezza sociale. Le decisioni non sono impugnabili nei casi minori (cause di valore non superiore a 1 803 €), ma negli altri casi può essere presentato un appello straordinario (recurso de suplicación) avanti le sezioni in materia sociale dei tribunali superiori di giustizia. Tali sezioni deliberano in primo grado sulle controversie collettive che si estendono oltre il territorio provinciale, ma non oltre quello della Comunità autonoma, e le decisioni rese sono impugnabili in cassazione. La sezione sociale del tribunale nazionale (Audiencia Nacional) è competente a decidere nelle controversie collettive la cui estensione è superiore al territorio della Comunità autonoma. La sezione sociale del tribunale supremo delibera sui ricorsi in cassazione contro sentenze pronunciate dalle sezioni sociali del tribunale nazionale e dei tribunali superiori di giustizia, nonché sui ricorsi “per l'unificazione della dottrina" contro sentenze rese dei tribunali superiori in merito a ricorsi in appello.

Inizio paginaInizio pagina

3. Chi lavora presso i tribunali?

I giudici e magistrati titolari.

I cancellieri (Secretarios Judiciales), che costituiscono una categoria professionale alla quale possono accedere, per concorso, i laureati in giurisprudenza, autenticano i documenti giudiziari, assistono i giudici e magistrati nello svolgimento del procedimento, gestiscono gli atti di comunicazione giudiziaria, sono responsabili dell'esecuzione delle sentenze e della gestione diretta del personale giudiziario.

I funzionari, gli ausiliari e gli agenti sono pubblici funzionari di carriera che prestano servizio presso gli organi giudiziari. I funzionari trattano la documentazione processuale, i secondi svolgono funzioni di collaborazione nell’espletamento della procedura processuale. Gli agenti mantengono l'ordine pubblico nel corso dei procedimenti, eseguono sequestri e confische e altri atti esecutivi, sono responsabili della notificazione materiale degli atti giudiziari e svolgono funzioni di polizia giudiziaria in veste di agenti giudiziari.

4. Il pubblico ministero interviene nei procedimenti civili?

Sì, nei procedimenti in materia di diritto di famiglia e di divorzio nei quali vi sono minori o persone incapaci, nei procedimenti di fallimento e in quelli relativi a diritti fondamentali.

5. Quali tipi di procedimenti di civili esistono?

Procedimento orale, ordinario, di esecuzione, di fallimento, nonché procedimenti speciali in materia di: capacità, paternità, matrimonio e minori, azione giudiziaria dei procedimenti aventi per oggetto controversie patrimoniali, finanziarie o cambiarie.

6. Come si svolgono i procedimenti civili?

Il procedimento è sempre avviato con domanda scritta. Successivamente, nei Juicios Verbales (pretese di valore non superiore a 3 006 € e procedimenti speciali in materia di locazioni o procedimenti sommari) tutte le fasi di richiesta, decisioni sulla forma, presentazione ed esame degli elementi probatori, così come le conclusioni delle parti sono svolte oralmente nel corso di un dibattimento pubblico. In base alla procedura ordinaria (Juicio Ordinario), deve essere presentata una memoria difensiva scritta. Successivamente il procedimento si svolge oralmente, con una udienza preliminare durante la quale sono risolte le questioni procedurali, sono presentate e dichiarate ammissibili le prove e viene stabilita la data per l'udienza di giudizio. Durante l'udienza di giudizio vengono esaminate le prove dichiarate ammissibili e le parti formulano le loro conclusioni.

Per maggiori informazioni si rimanda alla rubrica “Ricorso in giustizia – Spagna"

7. Esiste sempre la possibilità di ricorso avverso le sentenze pronunciate nei procedimenti civili?

La norma generale è il doppio grado di giudizio, benché in alcuni casi esiste anche la possibilità di ricorso in cassazione dinanzi al tribunale supremo e di ricorso ordinario per violazione del diritto procedurale. In alcuni casi limitati tali ricorsi possono essere presentati alle sezioni civili e penali di alcuni tribunali superiori di giustizia in determinate Comunità autonome.

Per maggiori informazioni si rimanda alla rubrica "Competenza dei giudici - Spagna"

8. Esiste sempre la possibilità di ricorso avverso le sentenze pronunciate nei procedimenti in materia sociale?

Sì, ad eccezione delle controversie di modesta entità (cioè di valore non superiore a 1 803 €).

Si rimanda alla domanda n. 2

9. Che cos’è il ricorso alla Corte costituzionale per la protezione dei diritti fondamentali?

Il recurso de amparo è un ricorso finalizzato alla protezione dei diritti fondamentali che potrebbero essere stati violati da una sentenza.

Informazioni complementari PDF File (PDF File 79 KB)

Link utili.

  • Consiglio generale del potere giudiziario (Spagna ) español
  • Ministero della giustizia (Spagna) español 

« Organizzazione della giustizia - Informazioni generali | Spagna - Informazioni generali »

Inizio paginaInizio pagina

Ultimo aggiornamento: 14-07-2006

 
  • Diritto Comunitario
  • Diritto internazionale

  • Belgio
  • Bulgaria
  • Repubblica Ceca
  • Danimarca
  • Germania
  • Estonia
  • Irlanda
  • Grecia
  • Spagna
  • Francia
  • Italia
  • Cipro
  • Lettonia
  • Lituania
  • Lussemburgo
  • Ungheria
  • Malta
  • Paesi Bassi
  • Austria
  • Polonia
  • Portogallo
  • Romania
  • Slovenia
  • Slovacchia
  • Finlandia
  • Svezia
  • Regno Unito