Commissione Europea > RGE > Organizzazione della giustizia > Austria

Ultimo aggiornamento: 30-07-2004
Versione stampabile Aggiungi ai preferiti

Organizzazione della giustizia - Austria

OBERSTER GERICHTSHOF
(CORTE SUPREMA)

|

in casi importanti

|

|

in casi importanti

|

|

OBERLANDESGERICHT
(Tribunale regionale superiore)

Giurisdizione di secondo grado

|

|

|

______________________

BERUFUNGSSENAT
(Camera di appello)

in secondo grado

LANDESGERICHT
(Tribunale Regionale)

Giurisdizione di primo grado

decide

COLLEGIO GIUDICE UNICO

in primo grado

Valore della causa > 10 000 euro

BEZIRKSGERICHT
(Tribunale distrettuale)

Valore della causa = 10.000 euro e talune materie (ad esempio, diritto di famiglia o di locazione)

I. Giurisdizione civile

Nell'ambito della Giurisdizione civile generale sono decise le cause di diritto privato che non sono di competenza dei tribunali di commercio o dei tribunali del lavoro o per i quali è previsto un procedimento di volontaria giurisdizione.

Fondamentalmente, esistono due diversi ordini di giurisdizione, che possono essere suddivisi in tre gradi. In primo grado, le controversie sono di competenza dei Berzirksgerichte (tribunali distrettuali) o dei Landesgerichte (tribunali regionali). La delimitazione della competenza avviene in base alla natura della controversia (competenza propria o per materia) e, per tutte le altre materie, secondo criteri di valore della controversia (competenza per valore). La competenza propria prevale sempre sulla competenza basata sul valore della causa.

Inizio paginaInizio pagina

La competenza per valore del Berzirksgericht è esercitata nelle controversie di valore pari o inferiore a 10 000 euro; la competenza propria di tale tribunale include materie quali la maggior parte delle controversie in materia di diritto di famiglia e di contratti di locazione. L'appello contro la sentenza pronunciata dal Bezirksgericht può essere proposto avanti il Landesgericht, presso il quale una sezione d'appello delibera in secondo grado. In cause particolarmente importanti, nelle quali devono essere risolte questioni giuridiche fondamentali, è previsto un ulteriore mezzo di impugnazione dinanzi alla Oberster Gerichtshof (Corte suprema) contro le decisioni rese in secondo grado.

La competenza per valore del Landesgericht è esercitata nelle controversie di valore superiore a 10 000 euro e la competenza propria include materie quali la legge sulla Responsabilitácivile in materia atomica, la legge sulla Responsabilitádello Stato, la legge sulla protezione dei dati, le controversie in materia di concorrenza o diritto d'autore. Si può proporre appello in secondo grado dinanzi all'Oberlandesgericht (tribunale regionale superiore). In cause particolarmente importanti, nelle quali devono essere risolte questioni giuridiche fondamentali, è previsto un ulteriore mezzo di impugnazione dinanzi alla Oberster Gerichtshof contro le decisioni rese in secondo grado.

In primo grado, la funzione giudicante è esercitata da un giudice unico nella maggior parte dei casi (e da un organo collegiale composto da tre giudici soltanto nelle cause di valore superiore a 50 000 euro e su richiesta di una parte). In secondo grado, la decisione è resa da una Camera composta da tre giudici (cinque nel caso della Corte suprema) . Quando la causa riguarda una questione di diritto d'importanza fondamentale (ad esempio perché modifica la giurisprudenza consolidata), la Corte suprema si riunisce in collegio c.d. "rafforzato" composto da 11 giudici.

Le sentenze di primo grado possono essere contestate con il mezzo dell'impugnazione. È sempre possibile impugnare una sentenza per nullità o per errata valutazione di diritto; in determinate materie e in tutte le controversie di valore superiore a 2 000 euro la sentenza può essere impugnata per difetto di procedura o erronea determinazione dei fatti.

Inizio paginaInizio pagina

Le giurisdizioni di secondo grado sono chiamate soltanto a controllare le decisioni rese in primo grado. Esse deliberano pertanto fondamentalmente soltanto sulla base delle domande formulate al termine del procedimento orale di primo grado e della relazione dei fatti presentata in tale momento. Le giurisdizioni di secondo grado possono pronunciarsi sulla causa stessa (confermandola o modificandola). A tale scopo, possono - nei limiti delle domande e delle argomentazioni presentate in primo grado - esperire nuovamente o integrare il procedimento in tutto o in parte, annullare la decisione resa dalla giurisdizione di primo grado con richiesta di una nuova deliberazione o respingere il ricorso.

Le sentenze pronunciate in secondo grado possono essere contrastate con il mezzo della revisione. Tuttavia, tale mezzo proposto avanti la Corte suprema è soggetto - in funzione della materia - a diverse limitazioni. Sostanzialmente, la Corte suprema delibera, in questa fase, soltanto su questioni giuridiche di grande importanza; tale è la condizione perché la Corte accetti di deliberare in revisione. A parte ciò, le sentenze pronunciate in secondo grado in determinate cause di valore inferiore a 4 000 euro non sono mai soggette ad appello oppure la domanda di revisione dinanzi alla Corte suprema deve essere autorizzata dalla giurisdizione di secondo grado (direttamente o su nuova domanda) in caso di controversia inferiore a 20 000 euro.

La Corte suprema delibera soltanto su questioni di diritto e la sua decisione è pertanto vincolata ai fatti stabiliti precedentemente. Esamina quindi soltanto l'accuratezza della decisione resa su tale base o evidenzia motivi di annullamento e, in misura limitata, difetti di procedura del procedimento precedente. Inoltre, la Corte suprema esercita soltanto funzione di organo di cassazione: può anche deliberare in merito alla causa stessa (confermandola o modificandola) e annullare la decisione resa dalla giurisdizione di primo o secondo grado con richiesta di una nuova deliberazione o respingere il ricorso.

II. I procedimenti dinanzi ai tribunali del lavoro

Le controversie aventi per oggetto il diritto del lavoro, vale a dire le controversie di diritto civile enumerate all'articolo 50 della legge sui tribunali del lavoro e di sicurezza sociale (Arbeits - und Sozialgerichtsgesetz - ASGG) nel contesto di rapporti di lavoro, sono trattate con procedimento speciale che corrisponde al procedimento civile integrato da norme particolari.

Inizio paginaInizio pagina

In materia di diritto del lavoro, sono competenti in primo grado i Landesgerichte (a Vienna: Arbeits - und Sozialgerichtshof), gli Oberlandesgerichte (tribunali regionali superiori) in secondo grado e in ultimo grado la Oberste Gerichtshof.

Nei procedimenti di diritto del lavoro, le controversie sono giudicate da organi collegiali (Senate) composti in tutti i gradi di giudizio da uno o più giudici togati e da un giudice popolare proveniente dalle fila dei datori di lavoro e dei lavoratori dipendenti.

I mezzi di ricorso tramite impugnazione e revisione esperiti contro le decisioni dei tribunali di primo e secondo grado sono quelli previsti anche per i procedimenti civili; ci sono tuttavia meno restrizioni. Ad esempio, nelle controversie in materia di diritto del lavoro, è sempre ammissibile la richiesta di revisione dinanzi alla Corte suprema, indipendentemente dal valore della controversia, quando si tratti di una questione giuridica di grande importanza.

III. Il contenzioso in materia commerciale

Il contenzioso in materia commerciale, vale a dire le controversie di diritto civile elencate all'articolo 51 della legge sulla procedura civile e l'organizzazione giudiziaria (Juridiktionsnorm) in cui è parte un commerciante, sono trattate con procedimento civile e comportano poche norme particolari. Tuttavia, in questo tipo di cause giudicate da un organo collegiale (Senat) in primo e in secondo grado (ma non dinanzi alla Corte suprema) partecipa anche un giudice popolare proveniente dall'ambiente del commercio.

IV. I procedimenti non contenziosi

Con procedimento non contenzioso sono giudicate quelle controversie di diritto privato che, per il loro carattere particolare (nella maggior parte dei casi: procedimento di conciliazione, procedimento con patrocinio a spese dello Stato o procedimento che non si svolge secondo lo schema classico in cui le due parti hanno interessi contrapposti), sono attribuite a questo tipo di procedimento (comparabile alla volontaria giurisdizione).

Nella maggior parte dei casi, sono i Bezirksgerichte che deliberano in primo grado, i Landesgerichte in secondo grado, e la Oberster Gerichtshof in ultimo grado.

In questo tipo di procedimento la funzione giudicante è esercitata di solito da un giudice unico o un giurista (funzionario che ha ricevuto una specifica formazione in diritto) in primo grado e da organi collegiali composti da tre o cinque giudici togati, rispettivamente, in secondo e terzo grado.

L'appello è comparabile a quello esperibile nella giurisdizione civile, pur con meno restrizioni a motivo del carattere particolare dello stesso. In misura limitata è inoltre ancora possibile presentare in secondo grado nuove argomentazioni, trascendendo dalle domande ed argomentazioni presentate in primo grado.

A motivo della molteplicità dei casi trattati con questo procedimento, esistono molte disposizioni derogatorie nei vari settori.

« Organizzazione della giustizia - Informazioni generali | Austria - Informazioni generali »

Inizio paginaInizio pagina

Ultimo aggiornamento: 30-07-2004

 
  • Diritto Comunitario
  • Diritto internazionale

  • Belgio
  • Bulgaria
  • Repubblica Ceca
  • Danimarca
  • Germania
  • Estonia
  • Irlanda
  • Grecia
  • Spagna
  • Francia
  • Italia
  • Cipro
  • Lettonia
  • Lituania
  • Lussemburgo
  • Ungheria
  • Malta
  • Paesi Bassi
  • Austria
  • Polonia
  • Portogallo
  • Romania
  • Slovenia
  • Slovacchia
  • Finlandia
  • Svezia
  • Regno Unito