Commissione Europea > RGE > Ordinamento giuridico > Slovenia

Ultimo aggiornamento: 16-08-2006
Versione stampabile Aggiungi ai preferiti

Ordinamento giuridico - Slovenia

  • Le fonti del diritto nella Repubblica di Slovenia sono: la Costituzione, le leggi, i trattati internazionali ratificati e pubblicati, i regolamenti e le decisioni UE, le norme di attuazione (regolamenti, delibere, decreti, ordinanze, decisioni ecc.), le disposizioni generali promulgate dalle comunità locali. L’articolo 8 della Costituzione slovena prevede che le leggi e le altre norme devono essere conformi ai principi generalmente applicabili del diritto internazionale e ai trattati internazionali vincolanti per la Slovenia. L’articolo 153 della Costituzione slovena prevede inoltre che i singoli atti ed azioni degli organi statali, degli organi delle comunità locali e di coloro che ricoprono cariche pubbliche debbano fondarsi sulla legge o su norme giuridiche.

Fonti del diritto secondarie sono anche la giurisprudenza, in particolare le decisioni della Corte costituzionale, della Corte suprema e dei tribunali superiori, nonché gli usi e le consuetudini.

  • La principale fonte del diritto è la Costituzione. Nella gerarchia delle fonti giuridiche la Costituzione è seguita dalle leggi, dalle norme di attuazione e dalle disposizioni delle comunità locali. La Costituzione e le leggi vengono adottate dal Parlamento della Repubblica di Slovenia (“Državni zbor”, “DZ”) nell’ambito del processo legislativo. Le norme di attuazione – regolamenti, delibere, decreti, ordinanze, decisioni – sono adottate dal governo sloveno o dai singoli ministri nell’ambito delle loro competenze.

Le modifiche alla Costituzione avvengono secondo una procedura particolare prevista nella IX parte della Costituzione stessa. Le proposte di modifica della Costituzione possono essere presentate da 20 deputati del DZ (che conta 90 membri), dal governo o da 30 000 elettori. Il DZ decide in merito alla proposta di modifica a maggioranza dei due terzi dei deputati presenti e la modifica stessa è approvata a maggioranza dei due terzi dei deputati. L’articolo 87 della Costituzione prevede che i diritti e gli obblighi dei cittadini e degli altri soggetti possono essere stabiliti dal DZ soltanto mediante una legge. Le leggi possono essere proposte dal governo, da ciascun deputato o almeno da 5 000 elettori.

L'adozione delle leggi da parte del DZ avviene di norma in più fasi (tre fasi); il DZ decide a maggioranza dei voti espressi dai deputati presenti, se non altrimenti disposto dalla Costituzione, dalla legge o dal proprio regolamento interno. Le leggi adottate dal DZ vengono promulgate dal Presidente della Repubblica e vengono pubblicate, prima dell'entrata in vigore, nella Gazzetta ufficiale della Repubblica di Slovenia. Le norme nazionali devono essere pubblicate nella Gazzetta ufficiale nazionale, mentre le disposizioni delle comunità locali vengono pubblicate nei bollettini ufficiali delle singole comunità.

I trattati internazionali sottoscritti dalla Repubblica di Slovenia entrano in vigore dopo la ratifica da parte del DZ, secondo un’apposita procedura. I trattati internazionali vengono ratificati mediante l’adozione di una legge proposta dal governo. La legge di ratifica di un trattato internazionale viene adottata a maggioranza dei voti espressi dai deputati presenti, se non altrimenti disposto dalla Costituzione o dalla legge.

Le norme di attuazione vengono adottate dal governo o dai singoli ministri nell'ambito delle loro competenze. Esse vengono emanate a norma di legge e pubblicate nella Gazzetta ufficiale della Repubblica di Slovenia.

I regolamenti UE e le decisioni adottate dalle istituzioni dell’UE sono direttamente applicabili nella Repubblica di Slovenia. Affinché siano validi non sono necessarie la ratifica e la pubblicazione nella Gazzetta ufficiale slovena.

Gli organi rappresentativi delle comunità locali (comuni), onde regolare determinate questioni che le riguardano attraverso le assemblee dei rappresentanti (consigli comunali), emanano atti generali, che devono essere conformi alle leggi e alla Costituzione.

  • Le eventuali questioni relative alla non conformità delle leggi con la Costituzione, delle leggi e delle altre norme con i trattati internazionali ratificati e con i principi generali del diritto internazionale, delle norme di attuazione con la Costituzione e con le leggi e delle norme delle comunità locali con la Costituzione e le leggi vengono risolte nell’ambito di un procedimento dinanzi alla Corte Costituzionale della Repubblica di Slovenia. La mancata conformità tra disposizioni di normative dello stesso livello o tra disposizioni diverse della medesima normativa viene risolta nei singoli casi in base ai principi di interpretazione del diritto.

« Ordinamento giuridico - Informazioni generali | Slovenia - Informazioni generali »

Inizio paginaInizio pagina

Ultimo aggiornamento: 16-08-2006

 
  • Diritto Comunitario
  • Diritto internazionale

  • Belgio
  • Bulgaria
  • Repubblica Ceca
  • Danimarca
  • Germania
  • Estonia
  • Irlanda
  • Grecia
  • Spagna
  • Francia
  • Italia
  • Cipro
  • Lettonia
  • Lituania
  • Lussemburgo
  • Ungheria
  • Malta
  • Paesi Bassi
  • Austria
  • Polonia
  • Portogallo
  • Romania
  • Slovenia
  • Slovacchia
  • Finlandia
  • Svezia
  • Regno Unito