Commissione Europea > RGE > Patrocinio a spese dello Stato > Slovacchia

Ultimo aggiornamento: 12-12-2007
Versione stampabile Aggiungi ai preferiti

Patrocinio a spese dello Stato - Slovacchia

EJN logo

Questa pagina è obsoleta. L'aggiornamento è in corso e sarà disponibile sul portale europeo della giustizia elettronica.


 

INDICE

1. Quali sono i costi di un procedimento giudiziario e chi è tenuto a pagarli? 1.
2. Che cos'è il patrocinio a spese dello Stato? 2.
3. Cosa occorre per essere ammessi al beneficio del patrocinio a spese dello Stato? 3.
4. Il patrocinio a spese dello Stato si può ottenere per qualsiasi tipo di controversia? 4.
5. Esiste una procedura specifica per le emergenze? 5.
6. Dove si può ottenere un formulario per fare domanda di patrocinio a spese dello Stato? 6.
7. Quali documenti occorre allegare alla domanda di patrocinio a spese dello Stato? 7.
8.  Dove si deve presentare la domanda di patrocinio a spese dello Stato? 8.
9. In che modo si è informati della decisione in base a cui si è ammessi o non ammessi al beneficio del patrocinio a spese dello Stato? 9.
10. Se si è ammessi al beneficio del patrocinio gratuito, che cosa occorre fare? 10.
11. Se si è ammessi al beneficio del patrocinio gratuito, chi sceglie l'avvocato? 11.
12. Il patrocinio a spese dello Stato copre tutti i costi del procedimento giudiziario? 12.
13. Se si è ammessi al beneficio del patrocinio a spese dello Stato parziale, chi pagherà gli altri costi? 13.
14. Se si è ammessi al beneficio, l'esenzione si estende anche all’eventuale grado di appello? 14.
15. Se si è ammessi al beneficio del patrocinio a spese dello Stato, il beneficio può essere revocato prima della chiusura del procedimento (o anche dopo il procedimento) 15.
16. Se non si è ammessi al beneficio del patrocinio a spese dello Stato, si può far ricorso contro la decisione? 16.

 

1. Quali sono i costi di un procedimento giudiziario e chi è tenuto a pagarli?

I costi di un procedimento giudiziario consistono essenzialmente nelle spese delle parti e dei loro rappresentanti, comprese le spese processuali, i mancati guadagni delle parti e dei loro rappresentanti legali, i costi connessi con la fornitura delle prove, l'onorario del notaio per lo svolgimento delle funzioni di commissario giudiziario e le sue spese, l'onorario dell'esecutore testamentario e le sue spese, le spese di interpretazione e di rappresentanza se si è rappresentati da un avvocato.

Ciascuna delle parti paga le spese proprie e del proprio rappresentante. Le spese comuni sono pagate dalle parti in funzione del loro coinvolgimento nel procedimento.

Quando ad una delle parti viene assegnato un avvocato come rappresentante, è lo Stato a pagare le spese e l'onorario di quest'ultimo.

Nei procedimenti di successione le spese e l'onorario del notaio sono pagati dall'erede se non è insolvente; qualora vi siano più eredi, le spese sono pagate in funzione del valore netto delle rispettive quote patrimoniali. Negli altri casi, tali spese sono pagate dallo Stato.

2. Che cos'è il patrocinio a spese dello Stato?

Il concetto di "patrocinio a spese dello Stato" è definito dalla legge 327 del 2005 relativa alla concessione del patrocinio a spese dello Stato alle persone che si trovano in difficoltà finanziaria che modifica ed integra la legge 586 del 2003 sull'esercizio della professione di avvocato e la legge n. 455 del 1991 sull'esercizio delle attività imprenditoriale (legge sull'imprenditoria) modificata dalla legge n. 8 del 2005 entrata in vigore il 1° gennaio 2006 – articolo 4 lettera a). La legge stabilisce quanto segue: "Il patrocinio giuridico a spese dello Stato consiste nel procurare assistenza giuridica a coloro che ne hanno diritto per l'esercizio dei loro diritti, conformemente alla legge; esso consiste principalmente nella consulenza giuridica, nell'assistenza nei procedimenti extragiudiziari, nella redazione dei ricorsi, nella rappresentazione nei procedimenti giudiziari e nell'esecuzione degli atti connessi e nel risarcimento totale o parziale dei costi correlati".

Inizio paginaInizio pagina

3. Cosa occorre per essere ammessi al beneficio del patrocinio a spese dello Stato?

Alle condizioni stabilite dalla legge sul patrocinio a spese dello Stato, nelle controversie all'interno del paese, il patrocinio può essere concesso a qualsiasi persona fisica, mentre nel caso di controversie transfrontaliere, può essere concesso solo alle persone fisiche che siano domiciliate o risiedano abitualmente sul territorio di uno degli Stati membri dell'Unione europea (con l'esclusione della Danimarca).

Hanno diritto al patrocinio le persone fisiche a cui, in considerazione del fatto che soddisfano le condizioni di cui all'articolo 6 della legge sul patrocinio a spese dello Stato, è stato riconosciuto il diritto al patrocinio con una decisione del Centro per il patrocinio a spese dello Stato (in appresso "il Centro").

Gli stranieri che hanno diritto al patrocinio sono persone fisiche che soddisfano le condizioni di cui alla legge sopra citata in merito al diritto al patrocinio a spese dello Stato nelle controversie transfrontaliere e il cui diritto sia stato riconosciuto dal Centro.

Gli aventi diritto "interni" sono persone fisiche che risiedono permanentemente o temporaneamente nella Repubblica slovacca e aspirano ad ottenere il patrocinio in un altro Stato membro il cui tribunale competente sta esaminando una controversia transfrontaliera.

4. Il patrocinio a spese dello Stato si può ottenere per qualsiasi tipo di controversia?

Conformemente alla legge sul patrocinio, si può ottenere il patrocinio nelle cause civili, di lavoro e di famiglia (le cosiddette "controversie all'interno del paese"), mentre nelle controversie transfrontaliere esso può essere ottenuto nelle cause civili, del lavoro e commerciali.

Inizio paginaInizio pagina

5. Esiste una procedura specifica per le emergenze?

Sì, qualora rischi di non rientrare nei termini, il richiedente può chiedere al centro per il patrocinio la concessione di un patrocinio temporaneo all'atto della presentazione della domanda. In merito a tale patrocinio temporaneo il centro decide immediatamente, ancora prima di aver deciso in merito al riconoscimento del diritto al patrocinio a spese dello Stato.

6. Dove si può ottenere un formulario per fare domanda di patrocinio a spese dello Stato?

I richiedenti presentano una domanda per iscritto utilizzando il formulario appositamente fornito dal centro per il patrocinio del luogo di residenza permanente o temporanea del richiedente.

7. Quali documenti occorre allegare alla domanda di patrocinio a spese dello Stato?

Devono essere allegati i documenti che comprovino le circostanze riportate nella domanda e i documenti che dimostrino che il richiedente non dispone di risorse sufficienti (tali documenti non devono risalire a più di tre mesi prima).

8.  Dove si deve presentare la domanda di patrocinio a spese dello Stato?

Presso la segreteria del centro per il patrocinio del luogo di residenza permanente o temporanea del richiedente.

9. In che modo si è informati della decisione in base a cui si è ammessi o non ammessi al beneficio del patrocinio a spese dello Stato?

Il centro decide in merito alla domanda entro 30 giorni dal ricevimento della domanda.

Inizio paginaInizio pagina

10. Se si è ammessi al beneficio del patrocinio gratuito, che cosa occorre fare?

Su invito del centro per il patrocinio, il richiedente deve concludere un accordo relativo alla concessione del patrocinio con il centro o con l'avvocato nominato e autorizzare il centro o l'avvocato a eseguire le azioni correlate alla concessione del patrocinio a spese dello Stato.

11. Se si è ammessi al beneficio del patrocinio gratuito, chi sceglie l'avvocato?

Nella decisione che riconosce il diritto alla concessione del patrocinio, il centro per il patrocinio a spese dello Stato stabilisce quale sia l'avvocato che rappresenta il beneficiario e, ove necessario, tutela i suoi interessi in tribunale.

12. Il patrocinio a spese dello Stato copre tutti i costi del procedimento giudiziario?

Si veda l'articolo 4 lettera a) della citata legge sul patrocinio.

13. Se si è ammessi al beneficio del patrocinio a spese dello Stato parziale, chi pagherà gli altri costi?

Il centro per il patrocinio decide se si ha diritto o meno alla concessione del patrocinio a spese dello Stato.

14. Se si è ammessi al beneficio, l'esenzione si estende anche all’eventuale grado di appello?

Il patrocinio a spese dello Stato è concesso anche per i procedimenti di appello e quelli di esecuzione.

15. Se si è ammessi al beneficio del patrocinio a spese dello Stato, il beneficio può essere revocato prima della chiusura del procedimento (o anche dopo il procedimento)

L'articolo 14 della legge sul patrocinio stabilisce le condizioni per la revoca del patrocinio: il centro decide di revocare la concessione del patrocinio qualora il beneficiario non cooperi con il centro o con l'avvocato nominato; qualora nel corso della concessione del patrocinio cambi il reddito e la situazione patrimoniale del beneficiario ed esso non soddisfi più le condizioni dell'articolo 6 paragrafo 1, lettera a) per quanto riguarda il persistere del diritto al patrocinio a spese dello Stato; qualora il beneficiario non concluda, entro tre mesi dalla decisione di concessione del patrocinio, un accordo con il centro o con l'avvocato nominato; qualora risulti evidente che per ottenere il patrocinio il richiedente ha fornito informazioni false ed incomplete; o ancora qualora il beneficiario non ottemperi alla richiesta del centro, conformemente all'articolo 13, paragrafo 3 (relativo alla richiesta da parte del centro di fornire le prove delle circostanze che dimostrano che persiste il diritto da parte del beneficiario alla concessione del patrocinio entro 8 giorni dal ricevimento della richiesta).

16. Se non si è ammessi al beneficio del patrocinio a spese dello Stato, si può far ricorso contro la decisione?

La decisione con cui non si è ammessi al beneficio del patrocinio a spese dello Stato non solo deve attenersi a quanto disposto dalla legge n. 71 del 1967 relativa alle procedure amministrative, ma deve anche informare che, a meno che non cambino il reddito o la situazione patrimoniale del richiedente, quest'ultimo non può ripresentare una domanda per lo stesso caso prima di sei mesi a decorrere dalla data in cui è stata presa la decisione.

« Patrocinio a spese dello Stato - Informazioni generali | Slovacchia - Informazioni generali »

Inizio paginaInizio pagina

Ultimo aggiornamento: 12-12-2007

 
  • Diritto Comunitario
  • Diritto internazionale

  • Belgio
  • Bulgaria
  • Repubblica Ceca
  • Danimarca
  • Germania
  • Estonia
  • Irlanda
  • Grecia
  • Spagna
  • Francia
  • Italia
  • Cipro
  • Lettonia
  • Lituania
  • Lussemburgo
  • Ungheria
  • Malta
  • Paesi Bassi
  • Austria
  • Polonia
  • Portogallo
  • Romania
  • Slovenia
  • Slovacchia
  • Finlandia
  • Svezia
  • Regno Unito