Commissione Europea > RGE > Patrocinio a spese dello Stato > Repubblica Ceca

Ultimo aggiornamento: 17-12-2008
Versione stampabile Aggiungi ai preferiti

Patrocinio a spese dello Stato - Repubblica Ceca

EJN logo

Questa pagina è obsoleta. L'aggiornamento è in corso e sarà disponibile sul portale europeo della giustizia elettronica.


 

INDICE

1. Quali sono i costi di un procedimento giudiziario e chi è tenuto a pagarli? 1.
2. Che cos´è l'assistenza giudiziaria? 2.
3. Posso essere ammesso al patrocinio a spese dello Stato? 3.
4. Il patrocinio dello Stato si può ottenere per qualsiasi tipo di controversia? 4.
5. Esiste una procedura specifica per le emergenze? 5.
6. Dove posso ottenere un modulo per fare domanda di patrocinio a spese dello Stato? 6.
7. Quasi documenti devo allegare alla domanda di assistenza giudiziaria? 7.
8. Dove devo presentare la domanda di assistenza giudiziaria? 8.
9. In che modo verrò informato sulla mia ammissibilità o non ammissibilità al beneficio dell’assistenza giudiziaria? 9.
10. Se sono ammesso al beneficio del patrocinio gratuito, che cosa devo fare? 10.
11. Chi sceglierà il mio avvocato? 11.
12. Se sono ammesso al beneficio dell’assistenza giudiziaria, questa coprirà tutti i costi del mio processo? 12.
13. Se sono ammesso al beneficio dell’assistenza giudiziaria parziale, chi pagherà gli altri costi? 13.
14. Se sono ammesso al beneficio, la esenzione si estenderà anche agli eventuali ricorsi che potrei proporre dopo il processo? 14.
15. Se sono ammesso al beneficio dell’assistenza giudiziaria, il beneficio può essere revocato prima della chiusura del processo (o anche dopo il processo)? 15.
16. Se non sono ammesso al beneficio del patrocinio gratuito, posso far ricorso contro la decisione? 16.

 

1. Quali sono i costi di un procedimento giudiziario e chi è tenuto a pagarli?

Il codice di procedura civile (in seguito CPC) menziona i seguenti tipi di spese per un procedimento civile: le spese dalle parti e dai loro rappresentanti (per esempio spese di viaggio, vitto e alloggio), le spese di giudizio, il risarcimento del guadagno perduto dalle parti e dai loro rappresentanti legali, le spese per la raccolta delle prove, l’onorario del notaio per l'esercizio delle funzioni di commissario giudiziale e le sue spese dirette (nei procedimenti in materia di successione), l’onorario e le spese dell’esecutore testamentario, le spese di interpretazione e di  rappresentanza. Tale elenco non è esaustivo dal momento che le spese di un procedimento possono comprendere  un insieme molto vario di voci di spesa. Deve sempre trattarsi, però, di spese sostenute in relazione a un procedimento. Ciò significa che i costi connessi ai solleciti inviati ad un debitore prima di intentare un'azione oppure le spese affrontate nel tentativo di giungere a una composizione extragiudiziale di una controversia non possono essere considerati costi di un procedimento giudiziario.

In linea di principio, ciascuna delle parti è tenuta al pagamento dei costi del procedimento che competono ad essa e al suo rappresentante, e ciò anche qualora la parte sia stata esentata dal pagamento delle spese di giudizio. Lo Stato paga le spese di un rappresentante se questi è stato nominato dal tribunale (sezione n. 30 del CPC). Qualora sia stato nominato come rappresentante un avvocato, lo Stato paga anche le sue spese di rappresentanza.

Inizio paginaInizio pagina

Il pagamento delle spese di giudizio è disciplinato da una legge specifica sulle spese di giudizio. Nei procedimenti ordinari, le spese di giudizio sono di norma a carico della parte che ha proposto l'azione. La legge stabilisce il tipo di procedimenti esenti da spese di giudizio (per esempio le cause relative alla custodia e alla tutela dei minori o quelle relative agli assegni alimentari per i figli o un genitore, i procedimenti testamentari di primo grado).

2. Che cos´è l'assistenza giudiziaria?

Conformemente al diritto ceco, per assistenza giudiziaria nei procedimenti civili si intende quanto segue:

  • l'esenzione di una parte dal pagamento delle spese di giudizio;
  • la nomina di un rappresentante, eventualmente anche prima dell'inizio del procedimento affinché rappresenti la parte nell'adire le vie legali (domanda di avvio del procedimento). In tal caso, la parte per cui è stato nominato un rappresentante non è tenuta a pagare le spese né l'onorario del rappresentante;
  • la nomina di un avvocato iscritto al Collegio ceco degli avvocati.

Per l'assistenza giudiziaria in una controversia transfrontaliera si applica una legge specifica relativa all'assistenza giudiziaria nelle controversie transfrontaliere all'interno dell'Unione europea. Per concessione dell'assistenza giudiziaria si intende:

  • la nomina di un rappresentante;
  • la nomina di un interprete;
  • l'esenzione dalle spese di giudizio e dal pagamento di un anticipo dei costi per la raccolta delle prove da portare in tribunale;
  • la traduzione dei documenti scritti (ad eccezione dei documenti in lingua slovacca);
  • il rimborso delle spese indispensabili per il viaggio.

Può essere prestata assistenza giudiziaria anche al di fuori di un procedimento sotto forma di servizi giuridici, conformemente alla legge relativa all'esercizio della professione di avvocato. Chi non è in grado di pagare per tali servizi può, a determinate condizioni, chiedere al Collegio ceco degli avvocati la nomina di un avvocato.

Inizio paginaInizio pagina

3. Posso essere ammesso al patrocinio a spese dello Stato?

Il tribunale può esentare una parte (o eventualmente un altro partecipante) dal pagamento delle spese di giudizio, qualora essa ne faccia richiesta

  • ove ciò si renda necessario a causa della situazione della parte;
  • se il diritto non viene fatto valere o non viene difeso in maniera illegittima o palesemente infondata.

L'esenzione può riguardare sia una persona fisica che una giuridica.

La mancanza di risorse finanziarie non deve costituire un impedimento per l'applicazione e la difesa di un proprio diritto. Il tribunale prende in considerazione i seguenti elementi: la situazione finanziaria del richiedente nel suo complesso, l'importo delle spese di giudizio, le spese previste per raccogliere le prove e la natura della controversia. Nel caso di persone fisiche, il tribunale tiene conto della loro situazione sociale, sanitaria, ecc. Nel caso di persone fisiche e giuridiche che siano imprenditori, occorre tener conto della natura della loro impresa e delle loro attività, dell'importo e della struttura dei loro attivi e della loro solvibilità.

Si ritiene che un diritto sia stato fatto valere o sia stato difeso in maniera arbitraria o manifestamente infondata quando non c'è alcun dubbio che le affermazioni dell'attore sulle circostanze di cui al caso in questione non possono essere accolte. Ne sono un chiaro esempio l'esercizio abusivo di un diritto o un palese ritardo nell'adempimento degli obblighi del debitore.

Se il tribunale concede l'esenzione dalle spese di giudizio, non può essere chiesto alla parte di versare un acconto sui costi per la produzione delle prove né di rimborsare alcuna spesa affrontata dallo Stato.

Inizio paginaInizio pagina

Il tribunale nomina, su richiesta di una parte, un rappresentante per la parte che soddisfi le condizioni per ottenere l'esenzione delle spese di giudizio, qualora ciò sia necessario per la tutela dei suoi interessi. Tuttavia, il diritto alla nomina di un rappresentante non è automatico nei casi in cui il procedimento o la parte sono esentati dalle spese di giudizio ex lege (cioè in base alla legge sulle spese di giudizio). Anche in tali casi devono essere rispettate le condizioni sopra citate per l'esenzione dalle spese di giudizio stabilite dal codice di procedura civile. Può essere nominata rappresentante qualsiasi persona fisica che abbia capacità giuridica e che possa agire da rappresentante legale, a condizione che acconsenta alla nomina. Sarà nominato come rappresentante un avvocato quando ciò è necessario ai fini della tutela degli interessi della parte o nei casi in cui la legge impone che vi sia la rappresentanza di un avvocato (presentazione di un ricorso). I costi e l'onorario per l'avvocato nominato sono a carico dello Stato. Il tribunale può nominare un rappresentante anche prima dell'inizio del procedimento se la parte intende adire alle vie legali avvalendosi dell'assistenza di un rappresentante legale.

Qualora il tribunale respinga la richiesta di nomina di un rappresentante, il richiedente può rivolgersi al Collegio ceco degli avvocati e chiedere la nomina di un avvocato. In questo caso, il Collegio può nominare un avvocato se il richiedente dimostra che almeno due avvocati si sono rifiutati di fornirgli assistenza giudiziaria. La nomina di un avvocato non è un diritto; deve trattarsi di casi particolari in cui è evidente che la rappresentanza di un avvocato è assolutamente necessaria per la tutela dei diritti del richiedente oppure in cui essa è richiesta obbligatoriamente dalla legge. Se il Collegio ritiene che la richiesta della nomina di un avvocato sia fondata, nomina un avvocato per prestare un servizio giuridico determinato. In nessun caso può essere richiesto all'avvocato di risolvere altri problemi giuridici del richiedente.

Inizio paginaInizio pagina

4. Il patrocinio dello Stato si può ottenere per qualsiasi tipo di controversia?

Il patrocinio dello Stato descritto nei quesiti 2 e 3 può essere ottenuto nei procedimenti giudiziari relativi a cause in ambito civile, lavorativo, familiare e commerciale.

L'assistenza giudiziaria può essere ottenuta anche nei procedimenti amministrativi conformemente al codice di procedura amministrativa.

5. Esiste una procedura specifica per le emergenze?

Non esiste una procedura specifica per tali casi.

6. Dove posso ottenere un modulo per fare domanda di patrocinio a spese dello Stato?

Non esiste un modulo specifico per le domande di patrocinio. Una domanda dovrebbe comprendere le seguenti informazioni:

  • le generalità del richiedente in modo da renderne chiara l'identificazione;
  • l'indicazione della causa;
  • una dichiarazione del richiedente in cui egli affermi che le sue condizioni economiche non gli consentono di far valere i propri diritti in tribunale;
  • l'indicazione di cosa viene richiesto: a) l'esenzione dall'obbligo di pagare le spese di giudizio, b) la nomina di un rappresentante,c) la nomina di un avvocato come rappresentante in considerazione della complessità della causa;
  • una dichiarazione relativa al reddito medio mensile ricavato dal proprio lavoro (liberi professionisti) ;
  • una dichiarazione relativa all'importo di eventuali redditi secondari (per esempio rendite finanziarie);
  • una dichiarazione relativa agli importi delle pensioni percepite dal richiedente con l'indicazione dei dati ad esse relativi;
  • tutti i dati relativi ai beni personali di valore elevato (per esempio,. risparmi, titoli gioielli, automobili, beni immobili non utilizzati come abitazione principale o luogo di lavoro del richiedente: terreni, case di villeggiatura, ecc.);
  • una descrizione dettagliata delle spese mensili indispensabili (le spese per l'alloggio, il sostentamento; le spese per gli spostamenti di lavoro; il mantenimento dei figli ed eventualmente del coniuge (o ex-coniuge) - con l'indicazione dell'autorità e della decisione che impone tale obbligo al richiedente);
  • una descrizione completa degli eventuali debiti con indicazione dei creditori, compreso il leasing e i crediti al consumo (con l'eventuale indicazione degli ordini di esecuzione nei confronti del richiedente);
  • l'indicazione di altri eventuali fatti rilevanti;
  • l'elenco degli allegati alla domanda vale a dire, segnatamente, una dichiarazione ufficiale dei redditi (un certificato del datore di lavoro oppure dell'amministrazione tributaria relativo alle entrate; per i lavoratori autonomi il certificato deve riguardare i redditi dell'ultimo anno fiscale); un certificato che attesti il pagamento dei contributi pensionistici; le decisioni in base alle quali il richiedente è tenuto a pagare gli alimenti ad altri; la documentazione relativa alle spese necessarie (per esempio il contratto di affitto);
  • la dichiarazione che quanto affermato corrisponde al vero e che nulla è stato omesso;
  • la data e la firma.

Nelle cause transfrontaliere è necessario presentare la richiesta su un modulo prestampato che può essere compilato direttamente sul sito Internet dell'Atlante giudiziario europeo in materia civile e commerciale.

Inizio paginaInizio pagina

7. Quasi documenti devo allegare alla domanda di assistenza giudiziaria?

Al certificato sulla situazione finanziaria del richiedente devono essere allegati i documenti che certificano tutte le entrate e le uscite menzionate nella domanda (vedasi il punto 6).

8. Dove devo presentare la domanda di assistenza giudiziaria?

Le domande di esenzione delle spese di giudizio devono essere presentate al tribunale in cui è esaminato il procedimento per il quale si chiede l'esenzione. È il tribunale di primo grado a decidere in merito a tali domande anche nel caso in cui esse riguardino l'esenzione per procedimenti successivi alla presentazione di un ricorso.

Una richiesta di nomina di un rappresentante prima dell'inizio del procedimento, di norma, può essere presentata al tribunale nella cui giurisdizione risiede il richiedente o, se del caso, ad un altro tribunale distrettuale.

Una richiesta di nomina di un avvocato da parte del Collegio ceco degli avvocati (vedasi il punto 3) deve essere presentata al Collegio ceco degli avvocati, sede di Brno, nám. Svobody 84/15, 602 00 Brno.

9. In che modo verrò informato sulla mia ammissibilità o non ammissibilità al beneficio dell’assistenza giudiziaria?

Il tribunale è tenuto a informare le parti del loro diritto a chiedere l’esenzione dalle spese di giudizio se esse non sono rappresentate da un avvocato o da un notaio. Il tribunale è tenuto inoltre ad informare le parti sul loro diritto a chiedere la nomina di un rappresentante.

Inizio paginaInizio pagina

Di norma, gli avvocati sono autorizzati a fornire consulenza giuridica.

10. Se sono ammesso al beneficio del patrocinio gratuito, che cosa devo fare?

È il tribunale a decidere se una parte abbia o meno diritto all'assistenza giudiziaria. Per informazioni sulla presentazione della domanda si vedano le risposte ai quesiti 6 - 8.

11. Chi sceglierà il mio avvocato?

A seguito della domanda di una delle parti, il tribunale nomina un rappresentante (si veda la risposta n. 2). Il tribunale procede a tale nomina quando ciò è necessario per la tutela degli interessi delle parti oppure nei procedimenti in cui è obbligatoria la rappresentanza di un avvocato. Il tribunale nomina un avvocato specifico e questi è tenuto a prestare il proprio servizio, tranne che nei casi in cui sussistano motivi legittimi per rifiutare la nomina (per esempio, un conflitto di interessi). Occorre che si rifiutino almeno due avvocati perché ci si possa rivolgere al Collegio ceco degli avvocati per la nomina di un avvocato.

12. Se sono ammesso al beneficio dell’assistenza giudiziaria, questa coprirà tutti i costi del mio processo?

Si veda la risposta al quesito n. 2.

13. Se sono ammesso al beneficio dell’assistenza giudiziaria parziale, chi pagherà gli altri costi?

Il tribunale può concedere un’esenzione dalle spese di giudizio solo parziale o relativa a solo una parte del procedimento (per esempio, solo per i procedimenti di primo grado) oppure solo per certe spese di giudizio. Il rimanente deve essere pagato dalla parte.

Inizio paginaInizio pagina

Qualora venga nominato un rappresentante per una parte che è stata esentata dal pagamento delle spese di giudizio, la parte non paga le spese e l’onorario del rappresentante nella misura in cui la parte è stata esentata del pagamento delle spese del giudizio.

14. Se sono ammesso al beneficio, la esenzione si estenderà anche agli eventuali ricorsi che potrei proporre dopo il processo?

Qui è necessario distinguere tra l’assistenza giudiziaria nei procedimenti esclusivamente nazionali e l’assistenza giudiziaria nei procedimenti transfrontalieri all'interno dell'Unione Europea.

Nei procedimenti esclusivamente nazionali, di norma, l’esenzione dalle spese di giudizio decade quando entra in vigore la decisione che pone fine al procedimento. Ciò significa che l’esenzione concessa in un procedimento di primo grado si applica anche al procedimento di ricorso ordinario, ma non ai ricorsi straordinari (ricorso al Tribunale supremo, azione per riaprire il procedimento, azione di nullità). Tuttavia, anche nei procedimenti di ricorso straordinario si può presentare una domanda di esenzione dalle spese di giudizio.

Nei procedimenti relativi a controversie transfrontaliere, la decisione relativa all’assistenza giudiziaria si applica anche a tutti i ricorsi successivi: ricorsi straordinari, procedimenti per il riconoscimento di una decisione, procedimenti per la dichiarazione di esecutorietà e procedimenti di esecuzione.

15. Se sono ammesso al beneficio dell’assistenza giudiziaria, il beneficio può essere revocato prima della chiusura del processo (o anche dopo il processo)?

Se la situazione della parte cambia in misura tale da non giustificare più l’esenzione dalle spese di giudizio, oppure se il tribunale accerta successivamente che la situazione attuale della parte non dà più diritto all'esenzione, il tribunale revoca l’esenzione. Tale misura ha valore retroattivo solo qualora il tribunale lo decida esplicitamente. Un tribunale può revocare l'esenzione solo prima della chiusura del procedimento.

Tuttavia, un cambiamento delle norme utilizzate per valutare la situazione di chi chiede l’esenzione o un cambiamento di parere del tribunale in merito al fatto che il diritto sia stato fatto valere o difeso in maniera illegittima o palesemente infondata non costituisce un motivo sufficiente per la revoca del beneficio.

16. Se non sono ammesso al beneficio del patrocinio gratuito, posso far ricorso contro la decisione?

Se una domanda di patrocinio non è stata accolta oppure se l’esenzione dalle spese di giudizio è stata revocata, la parte può presentare ricorso contro tale decisione. Ricorrere contro una decisione della Corte d´appello non è ammesso.

Il Presidente del Collegio degli avvocati decide in merito alla nomina di un avvocato da parte del Collegio nei processi amministrativi.  Contro tale decisione si può opporre un ricorso amministrativo.

« Patrocinio a spese dello Stato - Informazioni generali | Repubblica Ceca - Informazioni generali »

Inizio paginaInizio pagina

Ultimo aggiornamento: 17-12-2008

 
  • Diritto Comunitario
  • Diritto internazionale

  • Belgio
  • Bulgaria
  • Repubblica Ceca
  • Danimarca
  • Germania
  • Estonia
  • Irlanda
  • Grecia
  • Spagna
  • Francia
  • Italia
  • Cipro
  • Lettonia
  • Lituania
  • Lussemburgo
  • Ungheria
  • Malta
  • Paesi Bassi
  • Austria
  • Polonia
  • Portogallo
  • Romania
  • Slovenia
  • Slovacchia
  • Finlandia
  • Svezia
  • Regno Unito