Commissione Europea > RGE > Patrocinio a spese dello Stato > Belgio

Ultimo aggiornamento: 30-07-2004
Versione stampabile Aggiungi ai preferiti

Patrocinio a spese dello Stato - Belgio

EJN logo

Questa pagina è obsoleta. L'aggiornamento è in corso e sarà disponibile sul portale europeo della giustizia elettronica.


 

INDICE

1. Quali sono i costi di un procedimento giudiziario e chi è tenuto a pagarli? 1.
2. Che cosa è l'assistenza giudiziaria? 2.
3. Posso essere ammesso al beneficio dell'assistenza giudiziaria, denominata in Italia patrocinio a spese dello Stato ? 3.
4. L'assistenza giudiziaria si può ottenere per qualsiasi tipo di controversia? 4.
5. Esiste una procedura specifica per le emergenze? 5.
6. Dove posso ottenere un formulario per fare domanda di assistenza giudiziaria? 6.
7. Quali documenti debbo allegare alla mia domanda di assistenza giudiziaria? 7.
8. Dove debbo presentare la mia domanda di assistenza giudiziaria? 8.
9. In che modo verrò informato della decisione se sono stato o no ammesso al beneficio del patrocinio a spese dello Stato? 9.
10. Se sono ammesso al beneficio del patrocinio a spese dello Stato, che cosa devo fare? 10.
11. Se sono ammesso al beneficio del patrocinio a spese dello Stato, chi sceglierà il mio avvocato? 11.
12. Il patrocinio a spese dello Stato coprirà tutti i costi del mio processo? 12.
13. Se sono ammesso al beneficio del patrocinio a spese dello Stato parziale, chi pagherà gli altri costi? 13.
14. Se sono ammesso al beneficio, l'esenzione si estenderà anche all'eventuale grado di appello che potrei proporre dopo il processo? 14.
15. Se sono ammesso al beneficio del patrocinio a spese dello Stato, il beneficio può essere revocato prima della chiusura del processo (o anche dopo il processo)? 15.
16. Se non sono ammesso al beneficio del patrocinio a spese dello Stato, posso far ricorso contro la decisione? 16.

 

1. Quali sono i costi di un procedimento giudiziario e chi è tenuto a pagarli?

Quali sono i costi di un procedimento giudiziario e chi è tenuto a pagarli?

I costi di un procedimento giudiziario sono molteplici: si possono citare in proposito l'imposta di bollo, i diritti di cancelleria e d'iscrizione della causa a ruolo, le spese e i diritti relativi al compimento degli atti processuali, il costo della registrazione della sentenza, i costi di tutti i provvedimenti istruttori, in particolare le indennità versate per testimoni e periti, gli onorari degli avvocati ecc..

In linea di principio, nella sentenza definitiva di una causa viene pronunciata la condanna al risarcimento delle spese a carico della parte soccombente (articoli da 1017 a 1024 del Codice giudiziario).

2. Che cosa è l'assistenza giudiziaria?

Il patrocinio a spese dello Stato può essere definito come qualsiasi mezzo che viene messo a disposizione di una persona per garantirle l'effettivo accesso alla giustizia quando non dispone di risorse sufficienti per sostenere gli oneri di un procedimento giudiziario.

Nel diritto positivo, il Codice giudiziario prevede due sistemi di patrocinio a spese dello Stato, applicabili in materia sia civile che penale: da un lato, l'assistenza legale di base e avanzata (articoli 446 bis e 508/1 - 508/23 del Codice giudiziario e Regi decreti d'esecuzione) e, dall'altra, l'assistenza giudiziaria (articoli 664 - 699 del Codice giudiziario).

Per “assistenza legale di base”, si intende l'assistenza legale accordata in forma di informazioni pratiche, di consulenza legale, di un primo parere giuridico o di un rinvio verso un'istanza o un'organizzazione specializzate. Possono fruire dell'assistenza legale di base tanto le persone fisiche che giuridiche.

Inizio paginaInizio pagina

Si intende per “assistenza legale avanzata”, l'assistenza legale accordata ad una persona fisica in forma di parere giuridico circostanziato o di assistenza giuridica mirata, nell'ambito o meno di un procedimento, e l'assistenza in giudizio, compresa la rappresentanza da parte di un difensore.

La nozione di “assistenza giudiziaria”, invece, consiste nell'esenzione totale o parziale dal pagamento delle imposte di bollo, delle spese di registrazione, di cancelleria e dei diritti di copia nonché dagli altri costi connessi con un procedimento, di cui può beneficiare una persona, parte in un giudizio, che non dispone del reddito sufficiente per sostenere le spese di un procedimento giudiziario o extragiudiziario.

3. Posso essere ammesso al beneficio dell'assistenza giudiziaria, denominata in Italia patrocinio a spese dello Stato ?

All'assistenza legale di base è ammessa qualsiasi parte in un giudizio, sia essa una persona fisica o giuridica. Per i non abbienti tale assistenza è gratuita. Gli altri versano un contributo forfettario pari a 12,39 euro.

L'assistenza legale avanzata è concessa a qualsiasi persona fisica non abbiente e che sia parte in un giudizio in Belgio.

L'assistenza giudiziaria, invece, può essere accordata alle persone seguenti quando la loro pretesa appaia fondata e che possono comprovare l'insufficienza dei loro redditi (articoli 667 e 668 del codice giudiziario):

  • i cittadini belgi;
  • gli stranieri, conformemente ai trattati internazionali;
  • i cittadini di uno Stato membro del Consiglio d'Europa;
  • qualsiasi straniero che abbia, legalmente, la residenza abituale in Belgio;
  • qualsiasi straniero, nei procedimenti previsti dalla Legge sull'ingresso nel territorio, il soggiorno, lo stabilimento e l'allontanamento degli stranieri.

Il beneficio della gratuità dell'assistenza legale di base e della gratuità totale o parziale dell'assistenza legale avanzata e dell'assistenza giudiziaria è subordinato ad alcune condizioni.

Inizio paginaInizio pagina

Sono ammissibili al beneficio della gratuità dell'assistenza legale di base e della gratuità parziale o totale dell'assistenza legale avanzata e dell'assistenza giudiziaria le persone le cui risorse economiche sono giudicate insufficienti.

Possono pertanto beneficiare della gratuità dell'assistenza legale di base e della gratuità totale dell'assistenza legale avanzata e dell'assistenza giudiziaria, le seguenti persone:

  • a condizione di comprovare l'insufficienza di reddito:
  1. la persona singola che comprova, con qualsiasi documento atto ad essere esaminato, a seconda dei casi, dall'avvocato, dall'ufficio di assistenza legale, dall'ufficio di assistenza giudiziaria o dal giudice, che il suo reddito mensile netto è inferiore a 666 euro (importo applicabile all'1.9.2003, adeguato ciascun anno giudiziario sulla base dell'importo minimo non pignorabile);

  2. la persona singola con persona a carico o la persona che convive con il coniuge o con qualsiasi altro membro del suo nucleo familiare, se comprova, con qualsiasi documento atto ad essere esaminato, a seconda dei casi, dall'avvocato, dall'ufficio di assistenza legale, dall'ufficio di assistenza giudiziaria o dal giudice, che il reddito mensile netto della famiglia è inferiore all'importo minimo non pignorabile, ovvero 857 euro (importo applicabile all'1.1.2003, indicizzato annualmente).
  • ne beneficiano automaticamente
  1. il titolare dell'importo minimo di sussistenza (minimex) o dell'assistenza sociale;
  2. la persona anziana titolare di pensione sociale;
  3. il titolare di indennità sostitutiva del reddito per disabili che non ricevono un'indennità integrativa;
  4. la persona che ha a carico un minore che fruisce di prestazioni familiari garantite;
  5. il titolare di un alloggio sociale che, nella regione fiamminga e di Bruxelles- capitale, versa un affitto pari a metà dell'affitto di base o, che nella regione vallona, paga un affitto minimo;
  6. il minore;
  7. il cittadino straniero, ai fini della presentazione di una domanda di regolarizzazione del soggiorno o di un ricorso avverso un provvedimento di allontanamento o di espulsione;
  8. il richiedente asilo o il richiedente il riconoscimento dello status di sfollato.

Per la determinazione degli importi indicati al punto b), si tiene conto di una detrazione del 10% dell'importo minimo di sussistenza per ogni persona a carico.

Inizio paginaInizio pagina

La gratuità parziale dell'assistenza legale avanzata e l'assistenza giudiziaria possono essere accordate alle persone seguenti:

  1. la persona singola che comprova, con qualsiasi documento atto ad essere esaminato, a seconda dei casi, dall'avvocato, dall'ufficio di assistenza legale, dall'ufficio di assistenza giudiziaria o dal giudice, che il suo reddito mensile netto si situa tra 666 euro (importo applicabile all'1.9.2003) e lo stesso importo maggiorato del 18%;

  2. la persona singola con persona a carico o la persona che convive con il coniuge o con qualsiasi altro membro del suo nucleo familiare, se comprova, con qualsiasi documento atto ad essere esaminato, a seconda dei casi, dall'avvocato, dall'ufficio di assistenza legale, dall'ufficio di assistenza giudiziaria o dal giudice, che il reddito mensile netto della famiglia si situa tra l'importo minimo non pignorabile, ovvero 857 euro (importo applicabile all'1.1.2003), e lo stesso importo maggiorato del 18%.

Per la determinazione degli importi considerati al punto b), si tiene conto di una detrazione del 10% dell'

4. L'assistenza giudiziaria si può ottenere per qualsiasi tipo di controversia?

L'assistenza legale può essere accordata in qualsiasi materia.

L'assistenza giudiziaria può essere accordata per:

  1. tutti gli atti procedurali relativi alle cause deferite o pendenti dinanzi una giurisdizione ordinaria o amministrativa o un organo arbitrale;
  2. gli atti procedurali relativi all'esecuzione delle decisioni e delle sentenze;
  3. le procedure applicabili ai ricorsi;
  4. le procedure di appello;
  5. gli atti procedurali di competenza di un membro dell'ordine giudiziario o che richiedono l'intervento di un pubblico ufficiale o di un funzionario ministeriale;
  6. la procedura di mediazione nel campo del diritto di famiglia.

5. Esiste una procedura specifica per le emergenze?

Per quanto riguarda l'assistenza legale avanzata, la persona che non è assistita da un avvocato può, in caso d'urgenza, rivolgersi direttamente all'avvocato del servizio di guardia (organizzato dall'ufficio d'assistenza legale), il quale fornirà l'assistenza legale richiesta e chiederà in seguito all'ufficio di appartenenza la conferma della sua designazione.

Inizio paginaInizio pagina

Per l'assistenza giudiziaria, nei casi urgenti ed in qualsiasi materia, il presidente del tribunale o della corte e, in corso di procedimento, il giudice investito della causa, possono, su richiesta, anche verbale, accordare il beneficio dell'assistenza giudiziaria per gli atti di cui si occupano (articolo 673 del Codice giudiziario).

6. Dove posso ottenere un formulario per fare domanda di assistenza giudiziaria?

Non esiste uno specifico modulo per la domanda di patrocinio a spese dello Stato stabilito per legge. È necessario rivolgersi alle autorità competenti del circondario giudiziario in questione (cfr. punto 8).

7. Quali documenti debbo allegare alla mia domanda di assistenza giudiziaria?

Al fine di essere ammessi al beneficio della gratuità dell'assistenza legale di base o della gratuità totale o parziale dell'assistenza legale avanzata o dell'assistenza giudiziaria, il richiedente che deve dimostrare i redditi percepiti (cfr. punto 3) correda la domanda di tutti i documenti giustificativi che comprovano la sua situazione economica (ad esempio l'ultima dichiarazione dei redditi, un certificato di stato di famiglia...).

Il richiedente che ne beneficia automaticamente correda, secondo i casi, la domanda dei documenti probatori seguenti:

  • la decisione valida del centro pubblico di assistenza sociale (CPAS), se titolare dell'importo minimo di sussistenza (minimex) o dell'assistenza sociale;
  • l'attestato annuale dell'Ufficio nazionale delle pensioni, se persona anziana che percepisce una pensione di vecchiaia;
  • la decisione del Ministro per la sicurezza sociale o del funzionario delegato da questi, se titolare di indennità sostitutive del reddito per disabili;
  • l'attestato dell'Ufficio nazionale di assegni familiari per lavoratori dipendenti (ONAFTS), se persona che ha a carico un minore che fruisce di prestazioni familiari garantite;
  • l'ultimo bollettino d'affitto, se titolare di un alloggio sociale;
  • la carta d'identità, se minore;
  • documenti probatori, se straniero che desidera introdurre un'istanza di regolarizzazione del soggiorno o di ricorso avverso un provvedimento di espulsione dal territorio e se richiedente asilo o il riconoscimento dello status di sfollato.

8. Dove debbo presentare la mia domanda di assistenza giudiziaria?

L'assistenza legale di base è organizzata da una commissione d'assistenza legale istituita in ciascun circondario giudiziario e composta da rappresentanti dell'ordine degli avvocati, dei centri pubblici d'assistenza sociale e di organizzazioni d'assistenza legale riconosciute. La commissione organizza servizi permanenti di assistenza legale di base, forniti dagli avvocati. Il richiedente presenta la domanda a tali servizi.

Inizio paginaInizio pagina

L'assistenza legale avanzata è organizzata dall'ufficio d'assistenza legale istituito nell'ambito di ciascun ordine degli avvocati dal Consiglio degli avvocati. Il richiedente presenta la sua domanda presso l'ufficio d'assistenza legale.

La richiesta d'assistenza giudiziaria è presentata, di norma, all'ufficio del tribunale che è investito della controversia o del luogo in cui l'atto deve essere adempiuto (670, 1° comma, del Codice giudiziario). Esiste un ufficio d'assistenza giudiziaria in ciascun tribunale di primo grado, tribunale del lavoro, tribunale di commercio, in ciascuna Corte d'appello e presso la Corte di cassazione.

In tutti i casi, l'ufficio d'assistenza giudiziaria è composto da un solo magistrato.

9. In che modo verrò informato della decisione se sono stato o no ammesso al beneficio del patrocinio a spese dello Stato?

La domanda di ammissione al beneficio della gratuità totale o parziale dell'assistenza legale avanzata è presentata oralmente o per iscritto dal richiedente o dal suo avvocato presso l'ufficio d'assistenza legale. L'ufficio d'assistenza legale delibera sullo stato degli atti. Può ascoltare il richiedente o, se necessario, il suo avvocato su sua richiesta o quando lo ritiene necessario. La decisione di rifiuto è motivata. La decisione dell'ufficio è notificata al richiedente.

Dopo l'ammissione al beneficio parziale o totale dell'assistenza legale avanzata, il richiedente può presentare domanda di assistenza giudiziaria. In questo caso, il suo avvocato trasmette i documenti presentati per l'ottenimento dell'assistenza legale all'ufficio d'assistenza giudiziaria competente.

Inizio paginaInizio pagina

Per quanto riguarda l'assistenza giudiziaria, le decisioni dell'ufficio d'assistenza giudiziaria o del giudice sono rese dopo che le parti sono state ascoltate o convocate. Le decisioni sono pienamente ed immediatamente esecutive indipendentemente da qualsiasi ricorso. Le decisioni d'esecuzione sono rese gratuitamente.

10. Se sono ammesso al beneficio del patrocinio a spese dello Stato, che cosa devo fare?

Se è ammesso al beneficio dell'assistenza legale di base, il richiedente riceve le informazioni pratiche, la consulenza legale, un primo parere legale o viene indirizzato ad un'istituzione od organizzazione specializzate. Il richiedente può anche, in funzione del caso di specie, essere indirizzato all'ufficio d'assistenza legale avanzata.

Se ottiene il beneficio dell'assistenza legale avanzata o dell'assistenza giudiziaria, il richiedente dà quindi corso al procedimento che ha avviato.

11. Se sono ammesso al beneficio del patrocinio a spese dello Stato, chi sceglierà il mio avvocato?

L'ordine degli avvocati redige una volta l'anno un elenco degli avvocati che desiderano prestare servizio di assistenza legale. L'elenco indica la specializzazione che gli avvocati dichiarano e comprovano o per la quale si impegnano a seguire una formazione organizzata dal Consiglio dell'ordine.

La persona che chiede assistenza legale avanzata può scegliere, su quest'elenco, l'avvocato, che l'ufficio d'assistenza legale designerà per garantire la sua difesa. L'ufficio informa l'avvocato della sua designazione.

Inizio paginaInizio pagina

12. Il patrocinio a spese dello Stato coprirà tutti i costi del mio processo?

L'assistenza legale e l'assistenza giudiziaria possono essere parzialmente o completamente gratuiti (cfr. punto 3).

Si può pertanto rispondere affermativamente se il richiedente è ammesso al beneficio della gratuità totale dell'assistenza legale avanzata e dell'assistenza giudiziaria. Questo con riserva del recupero da parte dello Stato (cfr. punto 15).

13. Se sono ammesso al beneficio del patrocinio a spese dello Stato parziale, chi pagherà gli altri costi?

Le spese che non sono incluse nell'assistenza legale avanzata o l'assistenza giudiziaria sono pagate dalla parte interessata.

14. Se sono ammesso al beneficio, l'esenzione si estenderà anche all'eventuale grado di appello che potrei proporre dopo il processo?

Sì; infatti, se il patrocinio a spese dello Stato è concesso, esso copre anche i ricorsi che potrebbero essere promossi al termine del procedimento.

Per quanto riguarda l'assistenza giudiziaria, deve essere presentata una nuova domanda dinanzi alla giurisdizione di ricorso.

15. Se sono ammesso al beneficio del patrocinio a spese dello Stato, il beneficio può essere revocato prima della chiusura del processo (o anche dopo il processo)?

Per quanto riguarda l'assistenza legale avanzata, l'ufficio d'assistenza legale può porre fine all'assistenza, prima del termine del procedimento, quando il titolare non soddisfa più le condizioni di reddito o quando non collabora attivamente alla difesa dei suoi interessi.

Inizio paginaInizio pagina

Dopo il termine del procedimento, lo Stato belga può recuperare l'importo delle indennità versate all'avvocato dal beneficiario dell'assistenza legale avanzata se viene accertato che è intervenuta una modifica del patrimonio, dei redditi o degli oneri del beneficiario, se l'assistenza è stata concessa in base a dichiarazioni non veritiere o altrimenti ottenuta con frode o se il beneficiario ha tratto dall'intervento dell'avvocato un profitto tale che se fosse esistito al momento della richiesta, l'assistenza non gli sarebbe stato concessa.

Per quanto riguarda l'assistenza giudiziaria, il recupero degli anticipi versati dallo Stato belga può avvenire in tutti i casi nei confronti del beneficiario se si accerta che è sopravvenuta una modifica del suo patrimonio, dei suoi redditi o degli oneri dopo la decisione di ammissione al patrocinio e che egli è, di conseguenza, in grado di sostenere le spese giudiziarie.

16. Se non sono ammesso al beneficio del patrocinio a spese dello Stato, posso far ricorso contro la decisione?

Per quanto riguarda l'assistenza legale avanzata, se l'ufficio d'assistenza legale respinge l'istanza di ammissione al patrocinio, tale decisione può essere oggetto di un ricorso presso il tribunale del lavoro entro un mese a partire dalla notifica della stessa.

Per quanto riguarda l'assistenza giudiziaria, le decisioni dei giudici di pace, del tribunale di polizia e degli uffici d'assistenza giudiziaria possono essere impugnate. Tale ricorso deve essere presentato entro un mese dalla pronuncia della decisione con richiesta motivata depositata presso la cancelleria della giurisdizione d'appello (per le giurisdizioni d'appello: si veda la scheda “Organizzazione della giustizia”).

Ulteriori informazioni

Maggiori informazioni relative, in particolare, alle disposizioni di legge e regolamentari sulle forme di assistenza legale e giudiziaria citate nella presente scheda sono disponibili nel sito del “Service Public Fédéral Justice“ (SPF Justice).

Selezionata la lingua di preferenza (FR/NL/DE), entrare nella rubrica “législation consolidée” (législation en vigueur) della sezione “Sources du Droit”. Appare, quindi la finestra di ricerca: inserire i dati in vostro possesso per avviare la ricerca. Cliccare “Recherche” e quindi “Liste”. Compare l'elenco dei testi pertinenti. Cliccando sul tasto "Détail" a fianco del testo d'interesse ne potrete far scorrere il contenuto sullo schermo.

Ad esempio, per trovare l'articolo 664 del Codice giudiziario: nella schermata di ricerca, introdurre le parole “Code judiciaire” nella casella "nature juridique" (selezionandole dall'elenco del menù a scorrimento che compare cliccando sulla freccia a destra). Quindi introdurre il numero dell'articolo (664) nella linea “mots”. Cliccare “Recherche” e quindi “Liste”. Quando compare il risultato della ricerca, cliccare “Détail” (sulla destra dello schermo) per leggerne il contenuto.

Altre informazioni (relative all'organizzazione dei tribunali, alla giurisprudenza...) sono disponibili su questo stesso sito.

Oltre al sito "SPF Justice", informazioni relative all'assistenza giudiziaria sono disponibili nei siti di alcune organizzazioni professionali, si veda in particolare: il sito della Vereniging van Vlaamse Balies nl: (cliccare “Juridische bijstand”) e del l'Ordre des barreaux francophones et germanophones fr: (selezionare "Coût" sotto "Avocat" e quindi cliccare su “Aide juridique”), nonché il sito della Fédération royale du notariat belge: in Olandese o in francese.

« Patrocinio a spese dello Stato - Informazioni generali | Belgio - Informazioni generali »

Inizio paginaInizio pagina

Ultimo aggiornamento: 30-07-2004

 
  • Diritto Comunitario
  • Diritto internazionale

  • Belgio
  • Bulgaria
  • Repubblica Ceca
  • Danimarca
  • Germania
  • Estonia
  • Irlanda
  • Grecia
  • Spagna
  • Francia
  • Italia
  • Cipro
  • Lettonia
  • Lituania
  • Lussemburgo
  • Ungheria
  • Malta
  • Paesi Bassi
  • Austria
  • Polonia
  • Portogallo
  • Romania
  • Slovenia
  • Slovacchia
  • Finlandia
  • Svezia
  • Regno Unito