Commissione Europea > RGE > Competenza dei giudici > Romania

Ultimo aggiornamento: 07-05-2009
Versione stampabile Aggiungi ai preferiti

Competenza dei giudici - Romania

EJN logo

Questa pagina è obsoleta. La versione nella lingua originale è stata aggiornata e trasferita sul portale europeo della giustizia elettronica.


Osservazioni preliminari:

  • La descrizione deve limitarsi alla competenza degli organi giurisdizionali di primo grado, poiché, in generale, si presume che le informazioni concernenti gli organi giurisdizionali di secondo grado vengano fornite o siano disponibili presso l'organo giurisdizionale di primo grado che ha emesso la sentenza.
  • La spiegazione del sistema di competenza non dev'essere troppo dettagliata, bensì deve precisare quelle situazioni più importanti dal punto di vista della loro rilevanza pratica per gli utenti di questo sito.
  • Occorre chiarire che, in generale, le norme di competenza descritte in questa pagina sono applicabili a:
    1. cause nazionali;
    2. cause transfrontaliere nelle quali una delle parti è un convenuto domiciliato in uno Stato membro dell'UE nel caso in cui sia necessario individuare il giudice competente nello Stato membro secondo il diritto comunitario;
    3. cause transfrontaliere nelle quali una delle parti è un convenuto domiciliato fuori dall'Unione europea, a meno che esista un trattato internazionale (come ad esempio la convenzione di Lugano) che dispone diversamente.

Prima di avviare un procedimento giudiziario in materia civile o commerciale occorre individuare qual è il giudice competente per il caso in questione o, in altre parole, il giudice che ha giurisdizione in materia. Se si sceglie il tribunale sbagliato o se sorge una controversia riguardante la competenza del tribunale c’è il rischio di gravi ritardi o persino d’improcedibilità della domanda per incompetenza.

L'organizzazione delle corti d'appello, tribunali, giudici speciali e giudici di primo grado è stabilita dalla legge n. 304/2004 relativa al sistema giudiziario, pubblicata di nuovo con le seguenti modifiche e integrazioni:

"Articolo 35

  1. Le corti d'appello sono organi giurisdizionali con personalità giuridica, sotto la cui giurisdizione funzionano diversi tribunali di primo grado e tribunali speciali.
  2. Nell'ambito delle corti d'appello vi sono sezioni speciali o, a seconda dei casi, organi giudicanti collegiali specializzati in processi civili, processi penali, processi commerciali, processi riguardanti minori e diritto di famiglia, processi riguardanti il contenzioso amministrativo e fiscale, processi di lavoro e previdenza sociale, nonché,secondo la natura delle controversie o il numero dei processi, sezioni che trattano diritto della navigazione (marittima e fluviale) o altre cause.”

Articolo 36

  1. I tribunali di primo grado sono tribunali con personalità giuridica, organizzati a livello di ogni circondario o della città di Bucarest, con sede, di regola, nel capoluogo del circondario.
  2. Nella competenza di ciascun tribunale di 1° grado sono compresi tutti i giudici del circondario o, secondo il caso, della città di Bucarest.
  3. Nell' ambito dei tribunali di primo grado vi sono sezioni specializzate o, a seconda dei casi, organi giudicanti collegiali specializzati in processi civili, processi penali, processi commerciali, processi riguardanti minori e il diritto di famiglia, il contenzioso amministrativo e fiscale, il lavoro e la previdenza sociale, nonché, secondo la natura delle controversie o il numero dei processi, sezioni specializzate nel diritto della navigazione (marittima e fluviale) o sezioni per altre cause.

Articolo 39

  1. A seconda della natura e del numero delle cause, nell'ambito degli organi giurisdizionali di primo grado si possono istituire sezioni specializzate o organi giudicanti collegiali.
  2. Nell'ambito degli organi giurisdizionali di primo grado possono essere istituiti sezioni o organi giudicanti collegiali per i processi riguardanti minori e il diritto di famiglia.

Articolo 40

  1. Organi giudicanti collegiali e sezioni speciali per i processi riguardanti minori e il diritto di famiglia, nonché tribunali speciali per minori e in materia di diritto di famiglia possono trattare cause riguardanti reati commessi da minori o reati commessi contro minori.”


 

INDICE

A. Occorre adire un organo giurisdizionale ordinario o speciale? A.
B. Nel caso in cui siano competenti i giudici civili ordinari, come posso individuare quale giudice devo adire? B.
I. Esiste una distinzione tra giudici civili di livello inferiore e superiore, ed eventualmente qual è competente nel mio caso? I.
II. Competenza territoriale (Per la mia controversia è competente il giudice della città/località A o il giudice della città/località B?) II.
1. Norme generali sulla competenza territoriale 1.
2. Eccezioni alla regola generale 2.
a) Quando posso scegliere tra il giudice del luogo ove risiede il convenuto (giudice individuato mediante l'applicazione della regola generale) e un altro giudice? a)
b) Quando devo scegliere un giudice diverso da quello competente per il luogo di residenza del convenuto (giudice individuato secondo una regola generale)? b)
c) È consentito alle parti di indicare la competenza di un organo giurisdizionale che altrimenti non sarebbe stato competente? c)
C. Nel caso in cui siano competenti giudici speciali, come posso individuare il giudice che devo adire? C.

 

A. Occorre adire un organo giurisdizionale ordinario o speciale?

Negli Stati membri in cui non tutte le cause civili e commerciali sono trattate esclusivamente da giudici civili ordinari ma in cui giudici speciali indipendenti trattano determinati tipi di controversie (ad esempio cause di lavoro), occorre specificare l'estensione della competenza.

In Romania, oltre agli organi giurisdizionali ordinari, esistono giudici speciali e organi giudicanti collegiali speciali per determinati tipi di cause.

Esistono organi giurisdizionali/organi giudicanti in materia di controversie di lavoro e previdenza sociale - che sono inseriti nell'ambito dei tribunali di primo grado e delle corti d'appello; giudici/organi giudicanti riguardanti i minori e il diritto di famiglia (divorzio, divisione di beni in comunione, affidamenti di minori, adozione) - che sono inseriti nell'ambito dei giudici di primo grado, tribunali provinciali e delle corti d'appello; giudici per controversie in materia di diritto commerciale, inseriti nell'ambito dell'organo giurisdizionale di primo grado, tribunali regionali e corti d'appello; giudici per controversie in materia di diritto commerciale - che sono inseriti nell'ambito dei giudici di primo grado e delle corti d'appello; giudici per la riorganizzazione/liquidazione giudiziaria-inseriti nell'ambito dei giudici di primo grado e delle corti d'appello; giudici per il contenzioso amministrativo - inseriti nell'ambito dei giudici d'appello; sezioni/organi giudicanti collegiali specializzati in controversie in materia di proprietà intellettuale e industriale - inseriti nell'ambito dei giudici di primo grado e delle corti d'appello.

Inizio paginaInizio pagina

B. Nel caso in cui siano competenti i giudici civili ordinari, come posso individuare quale giudice devo adire?

Il codice di procedura civile è lo strumento principale che regola la competenza degli organi giurisdizionali e distingue tra giudici civili ordinari e giudici speciali, che trattano le cause di cui al punto A.

Ad esempio, l'articolo 1 del codice di procedura civile stabilisce che i giudici di primo grado sono competenti per:

  1. tutte le cause e le azioni, eccetto quelle per le quali sono competenti per legge altri giudici;
  2. le azioni contro le decisioni adottate dalle autorità pubbliche amministrative con attività giurisdizionale e da altri organi con simili competenze, nei casi previsti dalla legge;
  3. qualsiasi altra causa assegnata a detti giudici nei casi previsti dalla legge.

L'articolo 2 stabilisce inoltre che i tribunali sono competenti per:

  1. in primo grado:
    1. cause e azioni di diritto commerciale di valore superiore a un miliardo di lei (ROL) e cause e azioni di diritto commerciale di valore indeterminato in termini pecuniari;
    2. cause e azioni civili di valore superiore a 5 miliardi di lei (ROL); controversie di lavoro, ad eccezione di quelle assegnate alle corti d'appello;
    3. cause e azioni riguardanti il contenzioso amministrativo, ad eccezione di quelle assegnate alle corti d'appello;
    4. cause e azioni riguardanti beni intellettuali e industriali;
    5. cause e azioni in materia di espropriazioni;
    6. domande per far dichiarare l'autorizzazione o la nullità delle adozioni;
    7. *** abrogato;
    8. *** abrogato;
    9. azioni di risarcimento dei danni provocati da errori giudiziari in procedimenti penali;
    10. azioni per riconoscimento e autorizzazione dell'esecuzione di provvedimenti emessi da giudici all'estero;
  2. come giudici di secondo grado, per i ricorsi in appello nei confronti di giudizi di primo grado, nelle cause specificamente previste dalla legge;
  3. come giudici d'appello di grado superiore, per i ricorsi nei casi espressamente previsti dalla legge;
  4. in qualsiasi altra materia che per legge sia di competenza dei tribunali.

L'articolo 3 stabilisce che i giudici d'appello trattano:

Inizio paginaInizio pagina

  1. in primo grado, cause e azioni in materia di contenzioso amministrativo relative ad atti delle autorità e delle istituzioni centrali;
  2. come giudici d'appello, appelli contro sentenze di primo grado emesse da corti e tribunali; come giudici d'appello di grado superiore, i ricorsi nei casi espressamente previsti dalla legge;
  3. ogni altra causa prevista dalla legge e che rientra nella loro competenza.

L'articolo 4 stabilisce che la Corte di Cassazione (Înalta Curte de Casaţie şi Justiţie) si pronuncia:

  1. sui ricorsi contro decisioni dei giudici d'appello e altre decisioni, nei casi previsti dalla legge;
  2. sui ricorsi nell'interesse della legge;
  3. *** Abrogato;
  4. su ogni altra causa prevista dalla legge e che rientra nella loro competenza.

Infine, l'articolo 4, primo comma, stabilisce che la competenza dei giudici in relazione ai casi di arbitrato contemplati dalla sezione IV si riferisce al giudice che sarebbe competente a dirimere la controversia in mancanza di un accordo sull'arbitrato.

I. Esiste una distinzione tra giudici civili di livello inferiore e superiore, ed eventualmente qual è competente nel mio caso?

La maggior parte degli Stati membri distinguono tra giudici di livello inferiore e superiore di primo grado. In questo caso, la competenza dev'essere definita in funzione di:

  • un limite di valore per le azioni di cui trattasi e/o
  • altri fattori che determinano la competenza, a prescindere dal valore delle azioni di cui trattasi.

Il sistema giuridico rumeno distingue tra giudici civili di livello inferiore e superiore; esso stabilisce la competenza in base a due criteri con i quali si tiene conto del valore dell'azione e, per alcuni tipi di casi, indipendentemente da tale valore.

Inizio paginaInizio pagina

I giudici di primo grado hanno in linea di principio competenza piena, ma ai sensi dell'articolo 2 del codice di procedura civile, nelle cause civili relative ai diritti reali la competenza non spetta al giudice di primo grado, bensì ai tribunali per le cause di valore superiore ai 5 miliardi di lei (ROL: circa 150 000 EUR), mentre nelle cause di diritto commerciale di valore superiore a 1 miliardo di lei (ROL: circa 30 000 EUR), la competenza spetta al giudice di primo grado.

Esiste inoltre una serie di norme che stabiliscono la competenza per materia in funzione di criteri diversi da quello pecuniario e attribuiscono la competenza al tribunale nel caso di azioni esperite da privati, come le azioni riguardanti controversie di lavoro e previdenza sociale, diritti di proprietà intellettuale e industriale, adozione, contenzioso amministrativo, espropriazione, risarcimento danni provocati da errori giudiziari, riconoscimento e autorizzazione dell'esecuzione di provvedimenti emessi da giudici all'estero e fallimenti.

II. Competenza territoriale (Per la mia controversia è competente il giudice della città/località A o il giudice della città/località B?)

1. Norme generali sulla competenza territoriale

In teoria, è competente il giudice del luogo dell'abituale domicilio o residenza del convenuto (tale regola generale si applica anche alle persone giuridiche).

Nel sistema giudiziario rumeno, le disposizioni sulla competenza territoriale si trovano agli articoli 5-16 del codice di procedura civile e, secondo la regola generale, è competente il giudice del luogo in cui risiede il convenuto nel caso in cui si tratti di una persona fisica, mentre nel caso di una persona giuridica è competente il giudice del luogo ove si trova la sede legale della parte convenuta. Le azioni contro lo Stato o gli enti o le istituzioni locali devono essere avviate presso gli organi giurisdizionali con sede a Bucarest o nei relativi capoluoghi.

Inizio paginaInizio pagina

2. Eccezioni alla regola generale

Esiste una serie di eccezioni rispetto alla regola generale, nel caso in cui si tratti di una persona fisica per la quale gli atti di citazione possono essere registrati presso l'organo giurisdizionale competente nel luogo ove il convenuto svolge regolarmente la sua professione oppure ha una impresa agricola, commerciale o industriale; nel caso di persone giuridiche gli atti di citazione possono essere registrati presso l'organo giurisdizionale competente nel luogo ove la persona giuridica ha le sue filiali, per obbligazioni che devono essere eseguite in loco.

Allo stesso modo, nel caso di alcune controversie patrimoniali relative a beni immobili, il giudice competente è in ogni caso quello del luogo ove si trova l'immobile. Inoltre, le cause in materia di successioni sono di competenza del giudice del luogo dell'ultima residenza della persona deceduta. Per quanto riguarda le cause di diritto commerciale, in particolare le azioni riguardanti società commerciali è competente il giudice del luogo in cui la società ha la sua sede principale. Infine, nei casi di fallimento, è competente il giudice del luogo in cui la società debitrice ha la sede principale.

a) Quando posso scegliere tra il giudice del luogo ove risiede il convenuto (giudice individuato mediante l'applicazione della regola generale) e un altro giudice?

Tale sezione contiene chiarimenti sulle regole speciali, non esclusive in materia di competenza territoriale, che di solito si riferiscono alla natura della causa o al motivo dell'azione.

La descrizione deve riguardare almeno le seguenti norme:

Inizio paginaInizio pagina

  • in materia contrattuale (regole specifiche per alcuni tipi di contratti e contratti di lavoro)
  • in materia di assegno di mantenimento
  • in materia di responsabilità da fatto illecito
  • in materia di costituzione di parte civile per risarcimento danni nell'ambito di un processo penale
  • in materia di divorzio
  • in materia di potestà genitoriale

Nel codice di procedura civile rumeno, agli articoli 9-12 esiste una serie di norme che prevedono regole di competenza alternative.

L'articolo 9 prevede che l'atto di citazione nei confronti di vari convenuti può essere effettuato presso l'organo giurisdizionale competente per ciascuno di essi; nel caso in cui esistano nei confronti dei convenuti obbligazioni accessorie, l'azione dev'essere avviata dinanzi al giudice competente per uno dei debitori principali.

L'articolo 10 stabilisce che oltre al giudice competente per il luogo della residenza del convenuto sono competenti i seguenti giudici per i casi sottoelencati:

  1. nelle azioni riguardanti l'esecuzione, l'annullamento, la risoluzione o la rescissione di un contratto il giudice del luogo designato nel contratto, dell'esecuzione, anche parziale dell'obbligazione;
  2. nelle azioni derivanti da un contratto di locazione di un immobile, azioni di giustificazione o controversie è competente il giudice ove è situato l'immobile;
  3. nelle azioni concernenti cambiali, assegni o note di credito, è competente l'organo giurisdizionale del luogo in cui dovrà essere effettuato il pagamento;
  4. nelle azioni relative a obbligazioni commerciali, è competente il giudice del luogo d'origine dell'obbligazione;
  5. nelle azioni concernenti un contratto di trasporto, il giudice del luogo di partenza o di arrivo;
  6. nelle azioni contro una donna coniugata* la cui residenza sia diversa da quella del marito, il giudice del luogo in cui è residente la donna in questione;
  7. nelle azioni presentate da parenti ascendenti o discendenti concernenti gli alimenti il giudice del domicilio del richiedente;
  8. nelle azioni derivanti da risarcimento danni provocati da atto illecito, il giudice competente per il territorio in cui l'atto è stato commesso.

------------

Inizio paginaInizio pagina

* Tale disposizione dev'essere considerata abrogata in seguito al riconoscimento del principio costituzionale della parità dei sessi.

L'articolo 11 del codice di procedura civile stabilisce che in materia di assicurazioni, le azioni per risarcimento danni possono essere avviate presso il giudice competente per i seguenti luoghi:

  1. il domicilio dell'assicurato;
  2. i beni assicurati;
  3. il luogo in cui si è verificato l'incidente.

Qualsiasi accordo sulla competenza è nullo se è stato concluso prima dell'accertamento del diritto al risarcimento.

Le disposizioni suddette non sono applicabili nei casi in cui riguardino le assicurazioni sulla navigazione marittima e fluviale.

Infine, l'articolo 12 stabilisce che l'attore può scegliere tra vari organi giurisdizionali competenti nella stessa misura.

b) Quando devo scegliere un giudice diverso da quello competente per il luogo di residenza del convenuto (giudice individuato secondo una regola generale)?

Questa sezione riguarda le regole esclusive sulla competenza speciale.

Come indicato all'articolo II. 2, secondo comma, esiste una serie di norme che stabiliscono la competenza territoriale esclusiva, con riferimento agli articoli 13-16 del codice di procedura civile.

Tali norme si trovano nei seguenti articoli:

"Articolo 13

Le azioni relative a beni immobili possono essere avviate soltanto presso l'organo giurisdizionale competente nel luogo in cui si trovano gli immobili in questione.

Quando l'immobile si trova in una circoscrizione per la quale sono competenti vari organi giurisdizionali, l'azione dev'essere avviata presso il giudice del luogo dell'abituale domicilio o residenza del convenuto, nel caso in cui si trovi nell'ambito di tale organo giurisdizionale, altrimenti presso uno degli organi giurisdizionali che ha sede nella circoscrizione in cui si trova l'immobile."

Inizio paginaInizio pagina

"Articolo 14

In materia di successioni, sono competenti gli organi giurisdizionali dell'ultimo domicilio della persona deceduta per:

  1. le azioni concernenti la validità e l'esecuzione delle disposizioni testamentarie;
  2. le azioni concernenti l'eredità e le azioni che gli eredi possono avviare tra di loro, uno nei confronti dell'altro;
  3. le azioni avviate da legatari o creditori della persona deceduta contro uno degli eredi o contro l'esecutore del testamento."

"Articolo 15

Per le azioni concernenti società che non sono di fatto in liquidazione, sono competenti gli organi giurisdizionali del luogo in cui la società ha la sede."

"Articolo 16

Le azioni concernenti la ristrutturazione societaria e il fallimento di società sono di competenza esclusiva dell'organo giurisdizionale del luogo in cui si trova la sede legale della società in questione."

c) È consentito alle parti di indicare la competenza di un organo giurisdizionale che altrimenti non sarebbe stato competente?

Questa sezione si riferisce a:

  • condizioni concernenti la validità e gli effetti degli accordi concernenti la scelta di un organo giurisdizionale (comprese le disposizioni contrattuali)
  • i casi in cui la competenza dell'organo giurisdizionale si basa esclusivamente sulla comparizione del convenuto dinanzi al giudice.

Nel sistema giudiziario rumeno esistono una serie di disposizioni in deroga e disposizioni speciali concernenti le norme sulla competenza sopra menzionate, per quanto riguarda la competenza generale e la competenza esclusiva.

Inizio paginaInizio pagina

Tali disposizioni si trovano al titolo III, articoli 17 – 19 del codice di procedura civile e riguardano materie come l'estensione della competenza e le convenzioni tra le parti relative all'accertamento della competenza di un organo giurisdizionale.

L'articolo 17 stabilisce che le azioni accessorie e incidentali devono essere avviate presso il giudice competente per la causa principale.

L'articolo 18 stabilisce che la competenza per le azioni concernenti l'esistenza di diritti viene determinata secondo le regole sulle azioni concernenti l'esecuzione di servizi.

Inoltre, l'articolo 18, primo comma stabilisce che il giudice designato secondo le disposizioni relative alla competenza per valore dell'oggetto della causa rimane competente anche se il valore dell'oggetto cambia dopo che tale organo giurisdizionale è già stato adito.

Infine, per quanto riguarda l'individuazione della competenza con l'accordo delle parti, l'articolo 19 stabilisce che le parti possono accordarsi con una dichiarazione scritta o orale dinanzi al giudice, che le azioni concernenti determinati beni possono essere avviate presso organi giurisdizionali diversi da quelli competenti secondo la legge, salvo che per i casi di cui agli articoli 13, 14, 15 e 16.

C. Nel caso in cui siano competenti giudici speciali, come posso individuare il giudice che devo adire?

Nel caso in cui sia applicabile, la descrizione delle norme concernenti la competenza dei giudici speciali deve seguire la stessa struttura di cui alla sezione B. Nel caso in cui le norme siano all'incirca le stesse, tale circostanza va indicata con una spiegazione delle eccezioni alla regola.

Inizio paginaInizio pagina

Come esposto nella sezione B, il codice di procedura civile contempla diversi aspetti della competenza per materia e territoriale di giudici speciali (le cause di lavoro e previdenza sociale, di diritto di famiglia e minori, le adozioni, le cause sulla proprietà intellettuale e industriale, il contenzioso amministrativo, le espropriazioni, il risarcimento danni provocati da errori giudiziari, il riconoscimento e l'autorizzazione dell'esecuzione di provvedimenti emessi da giudici all'estero).

L'articolo 1 secondo comma del codice di procedura civile stabilisce chiaramente la competenza dei giudici di primo grado per le azioni contro le decisioni adottate dagli organi della pubblica amministrazione con funzioni giurisdizionali e di altri enti con lo stesso tipo di funzioni, nei casi previsti dalla legge.

Un esempio di eccezione alle regole enunciate dal codice di procedura civile è rappresentato dalle norme sulla competenza materiale in vari settori, specificati in modo tassativo, come le controversie che vanno risolte ai sensi dell'articolo 24 della legge n. 10/2001, sui modi di restituzione di immobili nazionalizzati. Tale articolo prevede che il tribunale provinciale è competente in primo grado per le azioni avviate dal soggetto legittimato, la cui domanda di restituzione dell'immobile è stata rigettata.

Allo stesso modo, l'articolo 56 della legge n. 168/1999 sulle risoluzioni di cause di lavoro, prevede che le richieste di sospensione dello sciopero vanno presentate presso la corte d'appello della circoscrizione in cui si trova la sede principale del sindacato e devono essere risolte entro sette giorni dalla data di registrazione. Tale norma si distingue dalla regola generale, secondo la quale per la soluzione di tutti i diritti controversi occorre adire il giudice di primo grado presso il tribunale provinciale, competente per il luogo in cui si trova la sede del datore di lavoro.

Per quanto riguarda le controversie in materia doganale, regolate dalla legge n. 554/2004 - (legge sul contenzioso), esistono norme speciali sulla competenza che tengono conto del valore, nel senso che per le controversie doganali (ad eccezione di quelle riguardanti i verbali di contravvenzione, la cui competenza spetta ai giudici di primo grado), occorre adire in primo grado giudici speciali allorché il valore della controversia non superi i 500 000 lei. Nel caso in cui il valore superi tale importo, in primo grado è competente la corte d'appello.

Infine, occorre ricordare che nelle cause transfrontaliere concernenti un convenuto domiciliato in uno Stato membro dell'Unione europea, la competenza viene determinata secondo le disposizioni della legge n. 187 del 9 maggio 2003, sulla competenza giurisdizionale, il riconoscimento e l'esecuzione delle decisioni in materia civile e commerciale emesse negli Stati membri dell'Unione europea, pubblicata nella Gazzetta ufficiale n. 333 del 16 maggio 2003.

Ulteriori informazioni

Link utili:

  • http://www.just.ro română
  • http://www.csm1909.ro English - română 
  • http://www.scj.ro English - română

« Competenza dei giudici - Informazioni generali | Romania - Informazioni generali »

Inizio paginaInizio pagina

Ultimo aggiornamento: 07-05-2009

 
  • Diritto Comunitario
  • Diritto internazionale

  • Belgio
  • Bulgaria
  • Repubblica Ceca
  • Danimarca
  • Germania
  • Estonia
  • Irlanda
  • Grecia
  • Spagna
  • Francia
  • Italia
  • Cipro
  • Lettonia
  • Lituania
  • Lussemburgo
  • Ungheria
  • Malta
  • Paesi Bassi
  • Austria
  • Polonia
  • Portogallo
  • Romania
  • Slovenia
  • Slovacchia
  • Finlandia
  • Svezia
  • Regno Unito