Commissione Europea > RGE > Competenza dei giudici > Danimarca

Ultimo aggiornamento: 16-12-2008
Versione stampabile Aggiungi ai preferiti

Competenza dei giudici - Danimarca

 

INDICE

A. Occorre adire un tribunale ordinario o un tribunale speciale? A.
B. Come si individua il tribunale ordinario competente? B.
I. Esiste una distinzione tra tribunali “inferiori” e “superiori” di primo grado? In caso affermativo, a quale tribunale devo rivolgermi? I.
II. Tribunale competente II.
1. Regola generale sulla competenza 1.
2. Eccezioni alla regola generale 2.
a) In quali casi è possibile adire un tribunale diverso da quello del convenuto? a)
b) In quali casi è obbligatorio adire un tribunale diverso da quello del convenuto? b)
c) Le parti possono attribuire la competenza ad un tribunale che altrimenti non sarebbe competente? c)
C. Come si individua il tribunale competente? C.

 

A. Occorre adire un tribunale ordinario o un tribunale speciale?

Le azioni civili di norma si propongono dinanzi a un tribunale ordinario. La causa deve essere promossa dinanzi al tribunale competente a conoscere della controversia (cfr. punto B).

I tribunali ordinari sono: i tribunali distrettuali (byretterne), i tribunali regionali (landsretterne) e la Corte suprema (Højesteret). Esistono inoltre tre tribunali speciali competenti in materia civile: il tribunale marittimo e del commercio (Sø- og Handelsretten), il tribunale del lavoro (Arbejdsretten) e il tribunale delle locazioni (Boligretten). La competenza di questi tribunali è specificata al punto C.

B. Come si individua il tribunale ordinario competente?

I. Esiste una distinzione tra tribunali “inferiori” e “superiori” di primo grado? In caso affermativo, a quale tribunale devo rivolgermi?

I tribunali ordinari sono organizzati in tre gradi. Al grado inferiore figurano i tribunali distrettuali, al grado intermedio i tribunali regionali e al grado superiore la Corte suprema.

Tutte le cause civili devono essere promosse dinanzi ai tribunali distrettuali, tuttavia determinate cause in materia commerciale possono essere avviate dinanzi al tribunale marittimo e del commercio.

II. Tribunale competente

1. Regola generale sulla competenza

In base alla regola generale, la causa deve essere promossa dinanzi al tribunale del convenuto. Qualora sia convenuta una persona fisica è competente il tribunale distrettuale del luogo in cui il convenuto ha la residenza. Per le persone giuridiche - ad esempio società e associazioni - è competente il tribunale distrettuale del luogo in cui la persona giuridica ha la sede.

Inizio paginaInizio pagina

In determinate situazioni la causa può essere promossa dinanzi a un tribunale danese anche se il convenuto non risiede in Danimarca. Alcune cause civili possono essere proposte dinanzi a un tribunale danese anche se il tribunale del convenuto si trova in un altro paese. Si tratta, ad esempio, delle cause relative a immobili situati in Danimarca o delle cause relative a contratti da eseguire in Danimarca. Se il convenuto non risiede in Danimarca, la causa può essere promossa nel luogo in cui egli ha la dimora attuale o, se del caso, nel luogo in cui aveva la sua ultima residenza o dimora.

Per quanto riguarda le cause internazionali, la Danimarca ha aderito alle convenzioni di Bruxelles e di Lugano. Inoltre la Comunità europea e la Danimarca hanno concluso un accordo parallelo in base al quale a decorrere dal 1º luglio 2007 le norme del regolamento Bruxelles I sono applicabili tra la Danimarca e gli altri Stati membri dell'Unione.

2. Eccezioni alla regola generale
a) In quali casi è possibile adire un tribunale diverso da quello del convenuto?

Una serie di norme sulla competenza prevede la possibilità di promuovere la causa dinanzi a un tribunale diverso da quello del convenuto. Inoltre vari accordi e convenzioni internazionali di cui la Danimarca è parte, in particolare le convenzioni di Bruxelles e di Lugano e il regolamento Bruxelles I (cfr. l'accordo parallelo in materia), prevedono norme sui fori alternativi.

Le principali norme sui fori alternativi applicabili in Danimarca sono le seguenti:

  • le cause contro una persona che svolge un'attività commerciale e riguardanti tale attività possono essere promosse dinanzi al tribunale del luogo in cui è esercitata l'attività commerciale;
  • le cause relative a beni immobili possono essere promosse dinanzi al tribunale del luogo in cui il bene è situato;
  • le cause relative a contratti possono essere promosse dinanzi al tribunale del luogo in cui è stata eseguita o deve eseguirsi l'obbligazione dedotta in giudizio;
  • le cause in materia di responsabilità extracontrattuale possono essere promosse dinanzi al tribunale del luogo in cui è stato compiuto il fatto dannoso;
  • nelle cause riguardanti i contratti con i consumatori, questi possono citare l'operatore dinanzi al tribunale del luogo della propria residenza, purché le parti non abbiano concluso il contratto su richiesta esclusiva del consumatore e nella sede permanente dell'operatore.
b) In quali casi è obbligatorio adire un tribunale diverso da quello del convenuto?

Il diritto danese contempla una serie di norme sulla competenza esclusiva, in base alle quali determinate cause civili devono essere promosse dinanzi a un tribunale specifico. Altre norme sulla competenza esclusiva sono previste da accordi e convenzioni internazionali cui la Danimarca ha aderito, in particolare le convenzioni di Bruxelles e di Lugano e il regolamento Bruxelles I (cfr. l'accordo parallelo in materia). Se la causa è promossa dinanzi a un tribunale diverso da quello esclusivamente competente ai sensi delle suddette norme, il tribunale adito non potrà conoscere della causa e la rinvierà al tribunale competente o, se ciò non è possibile, la respingerà.

Inizio paginaInizio pagina

Le principali norme danesi sulla competenza esclusiva sono le seguenti:

  • le cause in materia di affidamento devono essere promosse dinanzi al tribunale del luogo in cui risiede il minore;
  • le cause in materia di paternità devono essere promosse dinanzi al tribunale del luogo in cui risiede la madre;
  • le cause in materia di divorzio devono essere promosse dinanzi al tribunale del luogo di residenza dei coniugi. Se questi non risiedono nello stesso luogo, è competente il tribunale del luogo dell'ultima residenza comune dei coniugi, purché uno di essi risieda ancora in quel luogo.
c) Le parti possono attribuire la competenza ad un tribunale che altrimenti non sarebbe competente?

Le parti possono concludere un accordo (accordo sul tribunale competente) e stabilire che una causa possa o debba essere promossa dinanzi a un tribunale (tribunale distrettuale) diverso da quello previsto dalle norme ordinarie sulla competenza. Gli accordi di questo tipo non hanno requisiti formali particolari, quali ad esempio l'obbligo della forma scritta. Tuttavia gli accordi entrati in vigore prima del verificarsi della controversia non vincolano i consumatori nelle cause riguardanti i contratti con i consumatori. Gli accordi sul tribunale competente possono essere anche taciti, come avviene ad esempio quando il convenuto non contesta la competenza del tribunale nella comparsa di risposta.

Il tribunale verifica d'ufficio che la causa non sia stata promossa in violazione delle norme nazionali o internazionali sulla competenza esclusiva, ma non fa altrettanto per quanto riguarda la regola generale sul tribunale del convenuto, le norme sui fori alternativi o gli accordi sul tribunale competente, il cui rispetto non è quindi verificato d'ufficio. L'incompetenza del tribunale deve essere eccepita nella comparsa di risposta.

C. Come si individua il tribunale competente?

I tribunali speciali competenti in materia civile sono tre:

  • il tribunale marittimo e del commercio (Sø- og Handelsretten), competente per determinate cause commerciali (quelle che comprendono le cause commerciali internazionali), determinate cause relative a beni immateriali e le cause civili in materia di concorrenza, nonché le cause commerciali riguardanti questioni di principio che la corte distrettuale gli rinvia;
  • il tribunale del lavoro (Arbejdsretten), competente per determinati tipi di cause riguardanti la violazione e l'interpretazione dei contratti collettivi;
  • il tribunale delle locazioni (Boligretten), competente per le cause relative ad abitazioni contemplate dalla legge sui canoni di locazione.

« Competenza dei giudici - Informazioni generali | Danimarca - Informazioni generali »

Inizio paginaInizio pagina

Ultimo aggiornamento: 16-12-2008

 
  • Diritto Comunitario
  • Diritto internazionale

  • Belgio
  • Bulgaria
  • Repubblica Ceca
  • Danimarca
  • Germania
  • Estonia
  • Irlanda
  • Grecia
  • Spagna
  • Francia
  • Italia
  • Cipro
  • Lettonia
  • Lituania
  • Lussemburgo
  • Ungheria
  • Malta
  • Paesi Bassi
  • Austria
  • Polonia
  • Portogallo
  • Romania
  • Slovenia
  • Slovacchia
  • Finlandia
  • Svezia
  • Regno Unito