Commissione Europea > RGE > Provvedimenti cautelari e misure conservative

Ultimo aggiornamento: 30-07-2004
Versione stampabile Aggiungi ai preferiti

Provvedimenti cautelari e misure conservative - Informazioni generali

EJN logo

Questa pagina è obsoleta. L'aggiornamento è in corso e sarà disponibile sul portale europeo della giustizia elettronica.


«Avete avviato un'azione legale, ma siete scoraggiati dalla lentezza del processo.»

Temete che il vostro debitore approfitti delle lungaggini procedurali e dei numerosi mezzi di ricorso per sottrarsi ai creditori prima della sentenza definitiva. Potrebbe, ad esempio, essere tentato di preordinare la propria insolvenza o di trasferire altrove il proprio patrimonio. In questo caso, è nel vostro interesse chiedere al tribunale di prendere delle misure preventive.

Il tribunale ordinerà, se del caso, delle misure conservative o dei provvedimenti cautelari nei confronti dei beni del debitore. Tali provvedimenti hanno l'effetto di anticipare per un periodo limitato la decisione finale nel merito, al fine di garantirne la successiva esecuzione. È tuttavia necessario distinguere tra diverse situazioni.

1. Provvedimenti cautelari:

Si tratta di “provvedimenti volti alla conservazione di una situazione di fatto o di diritto onde preservare i diritti dei quali spetterà poi al giudice del merito accertare l'esistenza”, secondo la definizione data dalla Corte di giustizia delle Comunità europee. In pratica, tali provvedimenti permettono ad un creditore di tutelarsi contro il rischio di mancato pagamento, secondo due modalità: o rendendo inalienabili i beni del debitore o imponendo su di essi delle garanzie che accordano al creditore il diritto di esercitare il suo diritto qualunque sia il detentore del bene, anche quando i suddetti beni vengono alienati.

Esempi di provvedimenti cautelari :

  • il sequestro conservativo, che riguarda i beni mobili o somme di denaro appartenenti al debitore;
  • il sequestro giudiziario di beni oggetto di contestazione, che devono essere custoditi nello stato in cui si trovano fino alla sentenza definitiva;
  • la garanzia conservativa, che ha per oggetto immobili (ipoteca), impianti commerciali o valori mobiliari. È soggetta a determinate condizioni di pubblicità.

Condizioni per l'emanazione di provvedimenti cautelari:

  • All'atto della presentazione della richiesta, il tribunale (a seconda dello Stato membro il giudice del merito o il giudice dell'urgenza) potrà chiedervi di dimostrare la probabile esistenza del credito e del rischio di non recupero dello stesso.
  • Il tribunale specifica nella propria ordinanza i beni oggetto di tale provvedimento a concorrenza di un importo in proporzione al vostro credito. È opportuno sapere che vi sono elenchi di beni e crediti che non sono pignorabili (vestiti, prodotti commestibili, taluni mobili, una quota dello stipendio) al fine di assicurare condizioni di vita decorose al debitore e alla sua famiglia. Dal canto suo, il debitore potrà contestare il provvedimento e chiederne la “revoca”. Se al termine del procedimento di cognizione, otterrete una sentenza definitiva ovvero un titolo esecutivo definitivo, potrete far convertire il sequestro conservativo in “pignoramento”.

2. Le misure provvisorie:

Inizio paginaInizio pagina

In altre situazioni d'urgenza, non è sempre possibile limitarsi a dei provvedimenti puramente cautelari. Il giudice può così ordinare talune misure a titolo provvisorio aventi un effetto simile a quello atteso dalla sentenza di merito. La sentenza finale potrà successivamente annullare o confermare tali misure provvisorie.

Analogamente ai provvedimenti cautelari, le misure provvisorie sono adottate prima del giudizio di merito, distinguendosi in ciò dall'esecuzione provvisoria.

3. L'esecuzione provvisoria:

Avete ottenuto una sentenza a vostro favore, che può tuttavia ancora essere oggetto di impugnazione ordinaria (appello, opposizione). Desiderate che si dia immediata esecuzione alla sentenza, poiché temete che il vostro debitore presenti ricorso a scopo unicamente dilatorio. Il giudice ordinerà, se del caso, l'esecuzione a titolo provvisorio della sentenza. A seconda dello Stato membro, devono sussistere taluni presupposti (ad es. l'urgenza, l'esistenza di una garanzia del creditore, il principio del contraddittorio, il carattere incontestabile del credito, benché la sentenza sia appellabile…).

Dall'esame comparativo delle legislazioni nazionali emerge una mancanza quasi generalizzata della definizione delle misure conservative e dei provvedimenti cautelari, nonché una notevole eterogeneità dei regimi giuridici in essere. Il divario tra gli Stati membri si accentua nel caso in cui i provvedimenti rischino di rendere inutile qualsiasi azione di cognizione e di sottrarre il giudizio alle normali regole di attribuzione di competenza. Si riscontra che la frequenza del ricorso al giudice competente a pronunciarsi sui provvedimenti provvisori è molto variabile, in quanto in taluni Stati non gli è consentito anticipare il giudizio di merito .

Si rilevano notevoli differenze circa le condizioni di emanazione di tali provvedimenti. Il requisito dell'urgenza è quindi sempre più spesso interpretato in modo ampio.

Variano inoltre considerevolmente anche i beni che possono essere oggetto di tali provvedimenti, il tipo di misure adottabili o i legami tra la giurisdizione per le misure provvisorie e la giurisdizione nel merito. Gli elementi di forma sono anch'essi molto eterogenei. In numerosi Stati membri le misure cautelari sono soggette all'autorizzazione preventiva di un giudice, specializzato in taluni Stati membri e non specializzato in altri, mentre altri non la richiedono. Inoltre, in numerosi Stati membri il procedimento è di norma unilaterale, mentre in altri il dibattimento deve essere condotto in contraddittorio - salvo in caso d'urgenza particolare - fin dall'inizio del procedimento, escludendo quindi l'effetto sorpresa generalmente atteso da tali misure.

Cliccando sulle bandiere degli Stati membri potrete ottenere informazioni utili circa le procedure in materia di provvedimenti cautelari e misure conservative.

Selezionando l'icona «Diritto comunitario» potrete ottenere informazioni circa le misure conservative e i provvedimenti cautelari di un altro Stato membro.

Potete inoltre ottenere informazioni sulle convenzioni internazionali in materia tramite l'icona «Diritto internazionale».

Inizio paginaInizio pagina

Ultimo aggiornamento: 30-07-2004

 
  • Diritto Comunitario
  • Diritto internazionale

  • Belgio
  • Bulgaria
  • Repubblica Ceca
  • Danimarca
  • Germania
  • Estonia
  • Irlanda
  • Grecia
  • Spagna
  • Francia
  • Italia
  • Cipro
  • Lettonia
  • Lituania
  • Lussemburgo
  • Ungheria
  • Malta
  • Paesi Bassi
  • Austria
  • Polonia
  • Portogallo
  • Romania
  • Slovenia
  • Slovacchia
  • Finlandia
  • Svezia
  • Regno Unito