Commissione Europea > RGE > Assunzione delle prove e mezzi di prova

Ultimo aggiornamento: 30-07-2004
Versione stampabile Aggiungi ai preferiti

Assunzione delle prove e mezzi di prova - Informazioni generali

EJN logo

Questa pagina è obsoleta. L'aggiornamento è in corso e sarà disponibile sul portale europeo della giustizia elettronica.


Qualsiasi azione giudiziaria deve essere sostenuta da prove

Un'azione in giudizio contro un terzo può essere perfettamente giustificata, ma ciò spesso non basta a vincere effettivamente la causa perché la controparte contesta i fatti sui quali si basa il preteso diritto. È pertanto generalmente essenziale poter presentare delle prove dinanzi al tribunale a sostegno della propria pretesa.

L'assunzione delle prove può avvenire in molti modi diversi. In taluni casi, è possibile fornire la prova producendo un documento, ad esempio quando si tratta di provare l'avvenuto pagamento di un debito. Qualora non esistano tali prove, può essere utile ascoltare la testimonianza di persone che possono dichiarare quanto hanno osservato. In altri casi sarà necessario ricorrere ad esperti, ad esempio quando occorre stabilire l'entità esatta del pregiudizio subito. Se necessario, il giudice non si limita soltanto ad esaminare le prove sottopostegli, ma si reca anche nel luogo in cui è avvenuto il fatto (in caso d'incidente, ad esempio).

Tutti gli Stati membri dispongono di norme relative all'assunzione delle prove, intese a garantire che il giudice possa stabilire quanto più precisamente possibile i fatti relativi ad una controversia.

Ciascuno Stato membro dispone di norme nazionali relative all'assunzione delle prove. Le differenze tra le normative nazionali riguardano i mezzi di prova ammessi, la procedura da seguire, l'onere della prova e la valutazione delle prove da parte dell'autorità giudiziaria.

Maggiori informazioni sui sistemi nazionali di assunzione delle prove sono disponibili cliccando sulla corrispondente bandiera di ciascuno Stato membro.

Qualora le prove debbano essere reperite in uno Stato membro diverso da quello di residenza, giova sapere che le procedure applicabili a partire dal 2004 sono stabilite in un regolamento comunitario. Per maggiori precisazioni, cliccare sull'icona “Diritto comunitario” .

Esiste anche una convenzione internazionale, conclusa nel 1970, che disciplina le relazioni tra alcuni Stati membri dell'Unione europea ed i paesi terzi che hanno sottoscritto la convenzione. Per maggiori precisazioni, cliccare sull'icona “Diritto internazionale” .


Inizio paginaInizio pagina

Ultimo aggiornamento: 30-07-2004

 
  • Diritto Comunitario
  • Diritto internazionale

  • Belgio
  • Bulgaria
  • Repubblica Ceca
  • Danimarca
  • Germania
  • Estonia
  • Irlanda
  • Grecia
  • Spagna
  • Francia
  • Italia
  • Cipro
  • Lettonia
  • Lituania
  • Lussemburgo
  • Ungheria
  • Malta
  • Paesi Bassi
  • Austria
  • Polonia
  • Portogallo
  • Romania
  • Slovenia
  • Slovacchia
  • Finlandia
  • Svezia
  • Regno Unito