Commissione Europea > RGE > Esecuzione delle decisioni giudiziarie > Svezia

Ultimo aggiornamento: 11-09-2006
Versione stampabile Aggiungi ai preferiti

Esecuzione delle decisioni giudiziarie - Svezia

EJN logo

Questa pagina è obsoleta. La versione nella lingua originale è stata aggiornata e trasferita sul portale europeo della giustizia elettronica.


 

INDICE

1. Che cosa s’intende per “esecuzione” in materia civile? 1.
2. Quali sono le condizioni per emanare un titolo esecutivo? 2.
2.1. Procedura 2.1.
2.2. Condizioni sostanziali 2.2.
3. Oggetto e natura delle misure di esecuzione 3.
3.1. Quali tipi di beni possono essere oggetto dell’esecuzione? 3.1.
3.2. Quali sono gli effetti delle misure di esecuzione? 3.2.
3.3. Qual è la validità di queste misure? 3.3.
4. Vi è possibilità di ricorso contro la decisione che ordina la misura? 4.

 

1. Che cosa s’intende per “esecuzione” in materia civile?

Esecuzione in base al codice per il recupero di crediti

Esecuzione (“verkställighet”) significa che un’autorità esecutiva ottiene l’adempimento forzato di un’obbligazione constatata dal tribunale o mediante un altro procedimento speciale. I tipi principali di obbligazioni ai quali può applicarsi l’esecuzione sono quelli relativi al pagamento di debiti e all’ingiunzione di cessare di occupare un immobile. Un tipo specifico di esecuzione consiste nel decidere misure conservative (per esempio, il sequestro).

L’esecuzione relativa a un’obbligazione di pagamento di debiti avviene mediante il pignoramento, che consente di prendere possesso dei beni del debitore.

L’esecuzione relativa ad obbligazioni diverse da quella di pagamento (per esempio, l’ingiunzione di cessare di occupare un immobile) e l’applicazione di misure conservative (per esempio, il sequestro) si effettuano secondo le modalità previste nel codice per il recupero dei crediti. In caso di obbligazione di cessare di occupare un alloggio, l’esecuzione avviene mediante sfratto. Negli altri casi, di solito l’esecutore ordina al convenuto di adempiere alla sua obbligazione o di rispettare il divieto o altra disposizione impostagli. L’autorità esecutiva può procedere direttamente alle misure necessarie e può infliggere ammende.

Esecuzione in base al codice riguardante genitori e figli

Si può chiedere l’esecuzione di decisioni relative all’affidamento o al domicilio dei figli o al diritto di avere contatti con i figli, concesso al genitore al quale non sono stati affidati. Una decisione di esecuzione può comportare ammende o intervento della polizia.

Inizio paginaInizio pagina

2. Quali sono le condizioni per emanare un titolo esecutivo?

2.1. Procedura
Esecuzione in base al codice per il recupero di crediti

Un presupposto basilare per procedere all’esecuzione è che vi sia una sentenza o un altro titolo esecutivo comportante l’obbligo di adempimento.

L’esecuzione può essere basata sui seguenti titoli esecutivi:

  1. sentenza, verdetto o decisione del tribunale,
  2. conciliazione sancita dal tribunale,
  3. sanzione accettata in transazione extragiudiziale o ammenda conciliata sul posto,
  4. decisione di arbitrato,
  5. impegno scritto, dinanzi a due testimoni, di corrispondere gli alimenti secondo quanto previsto nel codice del matrimonio o nel codice riguardante genitori e figli,
  6. decisione di un’autorità amministrativa, che può essere eseguita in base a speciali disposizioni,
  7. documento al quale si può dare esecuzione in base a speciali disposizioni,
  8. risoluzione o decisione dell’Ufficio giudiziario in casi d’ingiunzioni di pagamento o di assistenza.

Dopo l’emanazione del titolo esecutivo, per procedere all’esecuzione non è più necessaria un’altra decisione del tribunale o di un’altra autorità.

L’esecuzione è compito di un’autorità statale, la “kronofogdemyndigheten” (Ufficio giudiziario), la quale decide, per esempio, di procedere al sequestro. La responsabilità generale dell’esecuzione spetta a un ufficiale giudiziario, ma l’esecuzione stessa normalmente viene effettuata da personale esecutivo (uscieri giudiziari).

Inizio paginaInizio pagina

Una parte importante dei compiti dell’ufficiale giudiziario consiste nel raccogliere informazioni riguardanti il debitore ed i suoi redditi. Il debitore è tenuto a indicare le cifre relative ai suoi redditi e di confermare per iscritto, in una lista, od oralmente, in un’udienza, l’esattezza dei dati forniti. Dichiarare il falso costituisce reato penale. L’Ufficio giudiziario può anche ingiungere al debitore di fornire informazioni, sotto pena di ammenda. L’ammenda viene inflitta dal tribunale di primo grado, su domanda dell’Ufficio giudiziario.

Nell’ambito di una procedura di recupero di crediti, i terzi interessati sono tenuti a fornire informazioni (cfr. più oltre, al punto 3.2). L’inottemperanza a quest’obbligo è passibile di ammenda o di pena detentiva.

La domanda di esecuzione può essere presentata, oralmente o per iscritto, dallo stesso avente diritto o dal suo rappresentante. La domanda presentata oralmente presuppone che il richiedente (ossia chi chiede l’esecuzione) si presenti presso l’Ufficio giudiziario. In certi casi, la domanda può essere presentata per via informatica. La domanda scritta deve essere firmata dal richiedente o dal suo rappresentante.

Come regola generale, la domanda di esecuzione va depositata presso l’Ufficio giudiziario della regione in cui risiede il debitore. Si può procedere al pignoramento anche nella contea nella quale eventualmente si trova il bene di proprietà del debitore.

Per sopperire ai costi sostenuti dallo Stato (costi procedurali) in caso di recupero di crediti, è previsto il pagamento di diritti (tassa di recupero). Di regola, i costi procedurali sono riscossi a carico del debitore (la controparte del richiedente), se possibile nel corso dell’esecuzione. Il richiedente, dal canto suo, è garante dell’importo di tali costi nei confronti dello Stato, Un’eccezione alla regola del richiedente garante è prevista, tra l’altro, in caso di domanda relativa al recupero di alimenti non versati, basata sul codice del matrimonio o sul codice riguardante genitori e figli, anche nel caso di alimenti per i quali il diritto a riceverli è stato riconosciuto all’estero ma l’esecuzione di recupero si effettua in Svezia, purché la domanda non sia stata presentata oltre cinque anni prima.

Inizio paginaInizio pagina

Come regola generale, vengono riscossi diritti di base per ogni titolo del quale si chiede l’esecuzione. Nei casi di domande fondate sul diritto privato, i diritti di base ammontano in genere a mille corone svedesi, ma in caso di sequestro tali diritti sono ridotti a volte a 500 corone, se la domanda di esecuzione riguarda soltanto il pignoramento della retribuzione o se il pignoramento ha come scopo il rimborso d’imposte e tasse.

Altri diritti che possono essere riscossi sono la tassa d’istruzione del caso, la tassa sulle vendite e tributi speciali.

Esecuzione in base al codice riguardante genitori e figli

Si può effettuare l’esecuzione della sentenza o decisione di un tribunale ordinario relativa all’affidamento e al domicilio dei figli o al diritto di avere contatti con i figli, concesso al genitore al quale non sono stati affidati, nonché alla (ri)consegna dei figli. È prevista l’esecuzione anche in caso di accordo concluso tra i genitori riguardo all’affidamento e al domicilio dei figli e al diritto di avere contatti con essi, se tale accordo è stato approvato dall’ufficio di assistenza sociale (“socialnämnden”).

All’esecuzione procede il tribunale amministrativo. Di norma, la domanda di esecuzione viene depositata presso il tribunale amministrativo della contea nella quale risiede o è domiciliato il genitore che ha ottenuto l’affidamento dei figli. Se i figli si trovano in un’altra contea, è competente anche il tribunale amministrativo di questa.

2.2. Condizioni sostanziali
Esecuzione in base al codice per il recupero di crediti

In determinati casi, l’esecuzione può essere rifiutata.

Inizio paginaInizio pagina

Ciò avviene se il titolo esecutivo è tanto poco chiaro da non poter servire di base per l’esecuzione.

Se il convenuto sostiene di aver adempiuto, dopo l’emanazione del titolo esecutivo, all’obbligazione che ne era l’oggetto, per esempio un’obbligazione di pagamento, per evitare l’esecuzione deve fornire la prova del suo adempimento.

Il debitore può anche opporre una domanda riconvenzionale nei confronti del richiedente, ossia far valere un’eccezione di compensazione. Ciò costituisce un impedimento all’esecuzione, se l’Ufficio giudiziario può constatare che l’eccezione riconvenzionale è oggetto di un valido titolo esecutivo o è fondata su una prova scritta.

Se un titolo esecutivo viene invalidato, l’esecuzione viene sospesa immediatamente. In certi casi, il tribunale può ordinare che l’esecuzione non venga effettuata.

Esecuzione in base al codice riguardante genitori e figli

In determinati casi, l’esecuzione può essere rifiutata.

Se il figlio ha 12 anni compiuti, l’esecuzione non può effettuarsi contro la sua volontà, salvo se il tribunale amministrativo la ritenga necessaria nel suo interesse. Lo stesso vale se il figlio non ha ancora compiuto i 12 anni, ma sia talmente maturo che si possa tener conto lo stesso della sua volontà.

Il tribunale amministrativo può rifiutare l’esecuzione anche qualora sia evidente che le circostanze sono cambiate dopo che il tribunale ordinario ha notificato la sua decisione o dopo che l’ufficio di assistenza sociale ha approvato l’accordo concluso tra i genitori, e sia pure evidente che, nell’interesse del figlio, si riveli necessario riesaminare la questione dell’affidamento ecc.

Inizio paginaInizio pagina

Anche in altri casi il tribunale amministrativo può rifiutare l’esecuzione, se vi è il rischio non trascurabile che ne risulti danneggiata la salute fisica o mentale del figlio.

3. Oggetto e natura delle misure di esecuzione

3.1. Quali tipi di beni possono essere oggetto dell’esecuzione?
Esecuzione in base al codice per il recupero di crediti

Per procedere al pignoramento di un bene, devono risultare soddisfatte determinate condizioni. Il bene deve:

  • appartenere al debitore,
  • essere cedibile,
  • aver valore pecuniario.

In linea di principio, è pignorabile qualsiasi bene, mobile o immobile.

Per beni mobili s’intendono non solo i beni trasportabili (per esempio automobili, imbarcazioni e oggetti vari), ma anche i beni riscuotibili (per esempio i saldi bancari attivi) e i diritti di vario tipo (per esempio, un usufrutto o la parte ereditata del bene immobile di un defunto).

Sono pignorabili anche le retribuzioni, pensioni e simili.

Determinati beni non possono essere pignorati. È il caso degli effetti personali, che comprendono tra l’altro:

  • i vestiti e altri oggetti di uso personale del debitore, sino a un valore ragionevole;
  • il mobilio, gli elettrodomestici e altre attrezzature necessarie per la casa e la sua manutenzione;
  • gli strumenti di lavoro e altre attrezzature necessarie per l’attività professionale o per la formazione del debitore;
  • quei beni personali, per esempio medaglie onorifiche e trofei sportivi, che rivestono per il debitore un valore tanto grande che sarebbe ingiusto pignorarglieli.

I beni di proprietà possono essere protetti anche in base a disposizioni particolari, per esempio, in caso di risarcimento di danni. Se il debitore riceve risarcimenti per lesioni corporali, detenzione illegale, calunnia, diffamazione o simili, tali fondi non possono essere pignorati prima che gli siano stati versati. Dopo che gli sono stati corrisposti, i risarcimenti sono impignorabili se vengono accantonati e servono a sopperire a esigenze tuttora presenti. I risarcimenti intesi a compensare altri danni, per esempio i danni morali e materiali, non possono essere pignorati prima che siano trascorsi due anni dalla data del loro pagamento.

Inizio paginaInizio pagina

In caso di pignoramento della retribuzione, è pignorabile soltanto la parte eccedente l’importo necessario per il sostentamento del debitore e della sua famiglia.

Ai fini del pignoramento della retribuzione, alcuni crediti hanno la precedenza sugli altri: in particolare, gli alimenti corrisposti in base al codice del matrimonio e al codice riguardante genitori e figli.

3.2. Quali sono gli effetti delle misure di esecuzione?
Esecuzione in base al codice per il recupero di crediti

Dopo il pignoramento dei suoi beni, il debitore non esercita più il controllo su di essi come in precedenza. Il debitore non può effettuare a danno del richiedente transazioni relative ai suoi beni, trasferendoli o procedendo ad altre operazioni, a meno che non glielo consenta per speciali motivi l’Ufficio giudiziario, previa consultazione del richiedente.

Chi illegalmente effettua transazioni con beni pignorati è passibile di sanzioni penali.

La decisione di pignoramento comporta un diritto privilegiato sui beni.

Nei casi di recupero di crediti, i terzi interessati sono tenuti a fornire informazioni su eventuali crediti del debitore nei loro confronti o su ogni altra operazione che possa esser pertinente per determinare se il debitore possieda beni pignorabili. L’obbligo di fornire informazioni si applica anche ai terzi che sono in possesso di beni del debitore, in pegno o in deposito presso di loro. Le banche, per esempio, sono tenute a informare se il debitore detenga presso di loro un saldo attivo, disponga di una cassetta di sicurezza o abbia loro affidato beni in custodia di sicurezza. L’obbligo d’informazione è imposto anche alle persone aventi strette relazioni con il debitore.

Inizio paginaInizio pagina

Le informazioni dei terzi possono essere richieste in forma orale o scritta. Se necessario, i terzi possono essere convocati in udienza. Come mezzi coercitivi, sono previste ammende e detenzione.

3.3. Qual è la validità di queste misure?

La validità di una decisione di pignoramento non è soggetta a nessun limite temporale. Tuttavia, la legge prevede in linea di principio che la vendita dei beni si effettui senza indugio.

Per quanto riguarda gli sfratti, è previsto che si possano effettuare entro quattro settimane dalla data alla quale l’Ufficio giudiziario ha ricevuto i documenti necessari.

4. Vi è possibilità di ricorso contro la decisione che ordina la misura?

Esecuzione in base al codice per il recupero di crediti

Di regola, è possibile presentare ricorso contro una decisione dell’Ufficio giudiziario. Il ricorso va depositato per iscritto presso il tribunale di primo grado competente nella giurisdizione dell’Ufficio giudiziario, attenendosi alle disposizioni governative. Una copia del ricorso va inviata all’Ufficio giudiziario.

Contro una decisione dell’Ufficio giudiziario può presentare ricorso la persona interessata, se si ritiene lesa. Per il ricorso contro una decisione di pignoramento della retribuzione non sono previsti limiti temporali, mentre per le decisioni di pignoramento di altri beni il ricorso va presentato entro tre settimane dalla notifica. Non sono previsti limiti temporali, invece, per il ricorso di terzi contro una simile decisione di pignoramento.

Il tribunale di primo grado può ordinare la sospensione della misura di esecuzione, sino a nuovi sviluppi, oppure, se lo giustificano speciali motivi, può ordinare la revoca di una misura già adottata.

Esecuzione in base al codice riguardante genitori e figli

Contro una decisione di esecuzione adottata dal tribunale amministrativo, si può presentare ricorso presso la corte amministrativa d’appello. Il ricorso va depositato per iscritto, inviandone una copia al tribunale amministrativo, entro tre settimane dalla notifica della decisione.

« Esecuzione delle decisioni giudiziarie - Informazioni generali | Svezia - Informazioni generali »

Inizio paginaInizio pagina

Ultimo aggiornamento: 11-09-2006

 
  • Diritto Comunitario
  • Diritto internazionale

  • Belgio
  • Bulgaria
  • Repubblica Ceca
  • Danimarca
  • Germania
  • Estonia
  • Irlanda
  • Grecia
  • Spagna
  • Francia
  • Italia
  • Cipro
  • Lettonia
  • Lituania
  • Lussemburgo
  • Ungheria
  • Malta
  • Paesi Bassi
  • Austria
  • Polonia
  • Portogallo
  • Romania
  • Slovenia
  • Slovacchia
  • Finlandia
  • Svezia
  • Regno Unito