Commissione Europea > RGE > Esecuzione delle decisioni giudiziarie > Lettonia

Ultimo aggiornamento: 13-11-2007
Versione stampabile Aggiungi ai preferiti

Esecuzione delle decisioni giudiziarie - Lettonia

EJN logo

Questa pagina è obsoleta. La versione nella lingua originale è stata aggiornata e trasferita sul portale europeo della giustizia elettronica.


 

INDICE

1. Che cosa si intende con “esecuzione” in materia civile e commerciale? 1.
2. Quali sono le condizioni per l’emanazione di un titolo esecutivo? 2.
2.1. Procedura 2.1.
2.2. Requisiti di merito 2.2.
3. Oggetto e natura delle misure d’esecuzione 3.
3.1. Quali tipi di beni possono essere oggetto dell’esecuzione? 3.1.
3.2. Quali sono gli effetti delle misure d’esecuzione? 3.2.
3.3. Qual è la validità di tali misure? 3.3.
4. Vi è possibilità di appello contro la decisione che dispone questo tipo di misura? 4.

 

1. Che cosa si intende con “esecuzione” in materia civile e commerciale?

L'esecuzione è una fase del processo civile in cui gli ufficiali giudiziari eseguono una decisione di un giudice, di un'altra istituzione o di un funzionario nel caso in cui un debitore (convenuto) non rispetti volontariamente tale decisione nel periodo di tempo indicato dalla legge o dal giudice.

Si rimanda a Professioni legali - Lettonia sulle misure esecutive che un ufficiale giudiziario può applicare.

2. Quali sono le condizioni per l’emanazione di un titolo esecutivo?

2.1. Procedura

Le decisioni giudiziali o stragiudiziali sono esecutive dopo la loro entrata in vigore, salvo che la legge o un provvedimento di un tribunale stabiliscano l'esecutorietà immediata. Gli ufficiali giudiziari possono avviare una procedura esecutiva sulla base di uno qualsiasi dei seguenti titoli esecutivi:

  1. un titolo esecutivo emesso in una causa civile o amministrativa sulla base di un provvedimento di un tribunale o di una decisione di un giudice o nel corso di un processo penale sulla base di un provvedimento del giudice che approva un accordo, un provvedimento di un collegio arbitrale, una decisione di una commissione su controversie in materia di lavoro o una decisione di un tribunale straniero o di un collegio arbitrale straniero;
  2. una decisione di un'istituzione o di un funzionario in casi di violazioni amministrative;
  3. un titolo esecutivo emesso sulla base di un atto amministrativo (art. 539, comma 2, punto 2, del codice di procedura civile);
  4. una decisione di un giudice sull'esecuzione di debiti incontestata, sull'esecuzione di debiti mediante sequestro conservativo o sulla vendita volontaria all'incanto di beni immobili con asta giudiziaria;
  5. una decisione di un giudice sull'applicazione di sanzioni processuali - multe;
  6. una fattura emessa da un notaio, un avvocato o un ufficiale giudiziario;
  7. un titolo esecutivo europeo emesso da un tribunale straniero o da un'autorità competente ai sensi del regolamento (CE) n. 805/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 aprile 2004, che istituisce il titolo esecutivo europeo per i crediti non contestati;
  8. un certificato rilasciato da un giudice straniero o da un'autorità competente ai sensi degli artt. 41, paragrafo 1, e 42, paragrafo 1, del regolamento (CE) n. 2201/2003 del Consiglio;
  9. una decisione di un'autorità competente sull'applicazione di sanzioni imposte da un'organizzazione internazionale.

Un titolo esecutivo viene rilasciato, su richiesta, al funzionario addetto all'esecuzione dal tribunale che ha giudicato il caso. Per avviare l'esecuzione di un provvedimento, occorre presentare all'ufficiale giudiziario, congiuntamente a una lettera di richiesta, il titolo esecutivo rilasciato al funzionario addetto all'esecuzione o una procura.

Inizio paginaInizio pagina

2.2. Requisiti di merito

Secondo quanto previsto dal codice di procedura civile, gli ufficiali giudiziari sono tenuti a eseguire i seguenti provvedimenti giudiziari:

  1. provvedimenti giudiziari e decisioni di tribunali o di giudici in cause civili e amministrative;
  2. provvedimenti giudiziari e decisioni in cause penali relative al recupero di beni;
  3. decisioni di giudici o di tribunali in casi di violazioni amministrative relative al recupero di beni;
  4. decisioni di tribunali sull'approvazione di accordi, transazioni;
  5. lodi arbitrali;
  6. decisioni di giudici stranieri e di collegi arbitrali stranieri nei casi indicati dalla legge;
  7. decisioni di giudici sull'imposizione di sanzioni processuali - multe;
  8. decisioni di una commissione su controversie in materia di lavoro.

Salvo ove altrimenti previsto dalla legge, quanto sotto indicato è altresì oggetto di procedimenti esecutivi di provvedimenti giudiziari:

  1. decisioni adottate da istituzioni e da funzionari in casi di violazioni amministrative ove previsto dalla legge;
  2. atti amministrativi relativi a pagamenti emessi da autorità e funzionari autorizzati dallo Stato;
  3. provvedimenti di soggetti connessi con il sistema giudiziario (notai, avvocati, ufficiali giudiziari) in merito ai compensi professionali, al compenso per il patrocinio a spese dello Stato e il rimborso delle spese connesse ai servizi prestati e agli oneri a favore dello Stato.

3. Oggetto e natura delle misure d’esecuzione

3.1. Quali tipi di beni possono essere oggetto dell’esecuzione?

Gli ufficiali giudiziari possono avviare un’azione esecutiva nei confronti dei beni mobili del debitore – compreso qualsiasi bene in deposito presso altri – e immateriali, nonché nei confronti di somme di denaro dovute al debitore da terzi (compensi per attività lavorativa, pagamenti equivalenti, altri redditi del debitore, investimenti presso istituti di credito) e beni immobili del debitore. Taluni beni indicati dalla legge, oltre che determinati oggetti interamente o parzialmente appartenenti al debitore, non possono essere oggetto di azioni esecutive (pignoramento - ad esempio, accessori domestici, indumenti, cibo, libri, strumenti e utensili necessari al debitore per l’esercizio dell’attività quotidiana destinata al proprio sostentamento, ecc.).

Inizio paginaInizio pagina

3.2. Quali sono gli effetti delle misure d’esecuzione?

Nel caso in cui si intraprenda un’azione esecutiva nei confronti dei beni mobili, immobili o del reddito del debitore, questi non ha più diritto di disporne.

Quando vi è ottemperanza delle richiese o dei provvedimenti dell’ufficiale giudiziario, questi redige un documento e lo sottopone al giudice affinché si pronunci sulla responsabilità. Il tribunale può imporre una multa alle parti colpevoli: fino all’importo di LVL 250, se si tratta di persone fisiche, o fino a LVL 500 se si tratta di un funzionario.

Qualora l’ufficiale giudiziario incontri resistenza nell’espletare il proprio dovere, potrà ricorrere all’assistenza della forza pubblica.

Qualora un debitore non compaia dinanzi all’ufficiale giudiziario se invitato o si rifiuti di fornire spiegazioni o informazioni previste dalla legge, l’ufficiale giudiziario potrà rimettere tale questione al giudice, affinché si pronunci sulla responsabilità del debitore. Il giudice può adottare una decisione che obblighi il debitore a comparire e che gli imponga una multa fino a LVL 100. Nel caso in cui risulti che il debitore abbia intenzionalmente fornito informazioni mendaci, l’ufficiale giudiziario potrà rimettere tale questione al giudice, affinché decida di avviare una causa penale o per violazioni amministrative.

3.3. Qual è la validità di tali misure?

Un titolo esecutivo può essere presentato per avviare la procedura esecutiva entro 10 anni dall’entrata in vigore di un provvedimento giudiziario salvo altrimenti indicato dalla legge. Qualora un provvedimento giudiziario imponga il pagamento a rate, il titolo esecutivo è valido per tutto il periodo in cui i pagamenti sono dovuti e il periodo decennale decorre dall’ultima data di ciascun pagamento.

4. Vi è possibilità di appello contro la decisione che dispone questo tipo di misura?

Il giudice adito, su richiesta di una delle parti in causa e in considerazione della situazione patrimoniale o di altre circostanze riguardanti le parti interessate, può decidere di: rinviare l’esecuzione del provvedimento, dividere l’esecuzione in rate o modificare le modalità di esecuzione del provvedimento. Entro 10 giorni potrà essere inoltrata, dinanzi a un giudice superiore, un'integrazione all'atto di citazione relativa alla decisione di rinviare l’esecuzione o di dividere l’esecuzione in rate o di modificare le modalità di esecuzione del provvedimento. Nel caso in cui le circostanze di fatto ostacolino o impediscano l’esecuzione di un provvedimento giudiziario, l’ufficiale giudiziario può altresì inoltrare al giudice responsabile del provvedimento la proposta di rinviarne l’esecuzione, di dividere l’esecuzione in rate o di modificarne le modalità di esecuzione.

L’ufficiale giudiziario può rinviare l’esecuzione sulla base di un’istanza di un funzionario addetto all’esecuzione o in virtù di una decisione del giudice di rinviare l’esecuzione o di sospendere la vendita dei beni ovvero in base alla decisione di un giudice di rinviare l’esecuzione o dividere in rate l’esecuzione del provvedimento.

Ulteriori informazioni

  • www.tm.gov.lv English - latviešu valoda
  • www.lzti.lv latviešu valoda
  • www.tiesas.lv latviešu valoda

« Esecuzione delle decisioni giudiziarie - Informazioni generali | Lettonia - Informazioni generali »

Inizio paginaInizio pagina

Ultimo aggiornamento: 13-11-2007

 
  • Diritto Comunitario
  • Diritto internazionale

  • Belgio
  • Bulgaria
  • Repubblica Ceca
  • Danimarca
  • Germania
  • Estonia
  • Irlanda
  • Grecia
  • Spagna
  • Francia
  • Italia
  • Cipro
  • Lettonia
  • Lituania
  • Lussemburgo
  • Ungheria
  • Malta
  • Paesi Bassi
  • Austria
  • Polonia
  • Portogallo
  • Romania
  • Slovenia
  • Slovacchia
  • Finlandia
  • Svezia
  • Regno Unito