Commissione Europea > RGE > Divorzio > Belgio

Ultimo aggiornamento: 05-01-2007
Versione stampabile Aggiungi ai preferiti

Divorzio - Belgio

EJN logo

Questa pagina è obsoleta. La versione nella lingua originale è stata aggiornata e trasferita sul portale europeo della giustizia elettronica.


 

INDICE

1. Quali sono le condizioni per ottenere il divorzio ? 1.
2. Quali motivi di divorzio sono previsti ? 2.
3. Quali sono le conseguenze del divorzio per quanto riguarda: le relazioni personali tra i coniugi, la divisione del patrimonio, i figli minorenni e l’obbligo alimentare nei confronti dell’altro coniuge?

a) Le relazioni personali.

b) La divisione dei beni.

c) I figli minorenni dei coniugi. (Responsabilitá dei genitori – Belgio)

d) L’obbligo di versare gli alimenti all’altro coniuge. (Crediti alimentari – Belgio3.

4. Che cosa significa in pratica « separazione personale (séparation des corps) »? 4.
5. A quali condizioni è subordinata la separazione? 5.
6. Quali sono le conseguenze giuridiche della separazione? 6.
7. Che cosa significa in pratica « annullamento del matrimonio »? 7.
8. Quali sono le condizioni per l’annullamento del matrimonio? 8.
9. Quali sono le conseguenze giuridiche dell’annullamento del matrimonio? 9.
10. Esistono possibilità di risolvere in via stragiudiziale questioni connesse a un divorzio ? 10.
11. Presso quale autorità va presentata la domanda di divorzio, separazione o di annullamento del matrimonio? Quali sono i requisiti formali della domanda e quali documenti occorre allegare? 11.
12. Si può ottenere un sussidio per le spese giudiziali? 12.
13. È possibile presentare appello contro una decisione in materia di divorzio, separazione o annullamento del matrimonio? 13.
14. Che cosa bisogna fare per ottenere il riconoscimento in Belgio di una decisione in materia di divorzio, separazione o annullamento del matrimonio, emessa da un giudice di un altro Stato membro? 14.
15. A quale giudice occorre rivolgersi in Belgio per opporsi al riconoscimento di una decisione in materia di divorzio, separazione personale o annullamento del matrimonio emessa da un giudice di un altro Stato membro? Quali norme processuali si applicano in questi casi? 15.
16. Qual è la legge applicabile nel caso di divorzio di coniugi che non vivono in Belgio o che hanno cittadinanze diverse? 16.

 

1. Quali sono le condizioni per ottenere il divorzio ?

Secondo il diritto belga esistono due forme di divorzio: giudiziale (o per causa determinata) e consensuale.

Il divorzio giudiziale si basa sulla violazione da parte di uno dei coniugi, debitamente provata dall’altro coniuge, di uno degli obblighi che derivano dal matrimonio. Tali violazioni sono precisate in maniera tassativa dalla legge. Il divorzio giudiziale può basarsi su una separazione di fatto della durata di due anni, poiché una lunga separazione viene considerata come un indizio del fallimento irrimediabile del matrimonio.

Il divorzio consensuale si realizza con la manifestazione persistente e ufficiale da parte dei due coniugi, della volontà di porre fine alla loro unione. Ciascuno dei coniugi deve avere almeno 20 anni (articolo 275 del codice civile). Il divorzio consensuale può essere ammesso solo nel caso in cui il matrimonio sia stato contratto almeno due anni prima della presentazione del ricorso (articolo 276 del codice civile).

Poiché il divorzio comporta una modifica allo stato civile delle persone, la materia rientra nell’ambito dell'ordine pubblico. Di conseguenza, per sancire il divorzio occorre necessariamente che venga emesso un provvedimento da parte dell’organo giurisdizionale.

2. Quali motivi di divorzio sono previsti ?

La legislazione belga prevede tra le cause di divorzio l’adulterio (articolo 229 del codice civile), gli abusi, le sevizie e le ingiurie gravi (articolo 231) e la separazione di fatto (articolo 232). Sebbene la giurisprudenza abbia dato una interpretazione estensiva alla nozione di ingiuria grave, quest’ultima deve sempre collocarsi nell’ambito dei doveri reciproci fra coniugi.

Inizio paginaInizio pagina

Qualunque sia il fatto materiale invocato, per poter costituire causa di divorzio esso deve soddisfare quattro condizioni: deve trattarsi di una inadempienza agli obblighi del matrimonio, grave, volontaria e addebitabile al coniuge che ne è l’autore; inoltre l’inadempienza deve avere carattere offensivo nei confronti del coniuge che ne è vittima e dev’essersi verificata durante il matrimonio o perlomeno in concomitanza con lo stesso.

Il divorzio basato sulla separazione di fatto è stato incluso dal legislatore tra i casi di divorzio giudiziale. Non è previsto in nessun momento l’accordo dei due coniugi. Può essere imposto da uno dei coniugi all’altro, senza che si debba dimostrare una colpa da parte di quest’ultimo. Il controllo da parte del giudice riguarda la durata della separazione e il distacco irrimediabile fra i coniugi: la separazione ne costituisce l’aspetto più evidente. Il carattere irrimediabile del distacco risulta da una situazione che non lascia la possibilità di prevedere una ripresa della convivenza. Presupposto perché sia concesso in base alla separazione di fatto, è che il divorzio non aggravi in maniera rilevante la situazione materiale dei figli minori nati o adottati durante il matrimonio.

Il divorzio in base alla separazione di fatto è possibile, anche quando essa sia dovuta allo stato mentale di uno dei coniugi.

3. Quali sono le conseguenze del divorzio per quanto riguarda: le relazioni personali tra i coniugi, la divisione del patrimonio, i figli minorenni e l’obbligo alimentare nei confronti dell’altro coniuge?

a) Le relazioni personali.

b) La divisione dei beni.

c) I figli minorenni dei coniugi. (Responsabilitá dei genitori – Belgio)

d) L’obbligo di versare gli alimenti all’altro coniuge. (Crediti alimentari – Belgio)

a) Le relazioni personali.

Il divorzio scioglie il vincolo coniugale per il futuro. Qualsiasi rapporto giuridico basato sulla qualifica di coniuge viene meno. Di conseguenza, uno degli ex-coniugi non può utilizzare il cognome dell’altro. Un’eccezione a tale regola, in condizioni particolari, si verifica per il cognome che sia spendibile dal punto di vista commerciale. Gli ex-coniugi cessano reciprocamente di essere eredi. Si possono risposare.

Inizio paginaInizio pagina

b) La divisione dei beni.

Poiché il patrimonio comune viene sciolto, occorre procedere alla liquidazione. Occorre riportarsi al giorno della domanda di divorzio per ricostituire il patrimonio. Nell’ambito del divorzio per colpa, soltanto il coniuge che ottiene il divorzio conserva gli accordi contrattuali definiti in suo favore nel contratto di matrimonio o nel corso del matrimonio. Nel caso in cui il divorzio venga pronunciato in base alla separazione di fatto, il coniuge che ha ottenuto il divorzio è considerato quello a cui addebitare la colpa; di conseguenza perde il beneficio dei vantaggi consentiti dall’altro coniuge. Nel caso di separazione dovuta allo stato mentale di uno dei coniugi, entrambi gli ex-coniugi conservano i benefici degli accordi contrattuali.

In caso di divorzio consensuale, le parti regolano in modo preventivo i rispettivi diritti. Possono raggiungere un accordo transattivo e far redigere un inventario (articolo 1287 c.p.c.). Il regolamento preventivo dev’essere redatto con atto notarile nel caso in cui riguardi beni immobili.

c) I figli minorenni dei coniugi. (Responsabilitá dei genitori - Belgio

Dopo lo scioglimento del matrimonio con il divorzio la potestà sui figli e l’amministrazione dei loro beni vengono esercitate in modo congiunto da entrambi i genitori, oppure dal genitore al quale sono affidati, o in base all’accordo delle parti debitamente omologato, o in base all’ordinanza emessa dal presidente del tribunale nell’ambito di un procedimento d’urgenza (articolo 302 del codice civile). Entrambi i coniugi devono contribuire, in proporzione alle proprie sostanze, alle spese d’alloggio, di mantenimento, di sorveglianza, di educazione e formazione dei figli (articolo 203 del codice civile). Tale contributo viene corrisposto in genere con un credito alimentare fissato dai tribunali e dura fino alla maggior età dei figli o, nel caso in cui la loro formazione non sia ancora terminata, fino alla conclusione della stessa. Le decisioni emesse in via provvisoria durante il procedimento di divorzio restano applicabili dopo la trascrizione della sentenza, fino al momento in cui una decisione diversa sarà stata presa dal giudice competente. Le parti sono tenute a regolare, negli accordi preventivi al divorzio consensuale, la questione della potestà sui figli e dell’amministrazione dei loro beni sia durante il procedimento di divorzio che dopo il divorzio (articolo 1288, secondo comma, c.p.c.). Le parti stabiliscono inoltre il contributo di ciascun coniuge al mantenimento, all’educazione e ad un’adeguata formazione dei figli. (articolo 1288, 3° comma, c.p.c.).

Inizio paginaInizio pagina

d) L’obbligo di versare gli alimenti all’altro coniuge. (Voir « Créances alimentaires - Belgique

Il tribunale può assegnare al coniuge che ha ottenuto il divorzio un credito sui beni e sul reddito dell’altro coniuge, il cui importo gli/le permetta di garantirsi un tenore di vita pari a quello di cui beneficiava durante la convivenza (articolo 301 del codice civile). Tale credito non può superare un terzo del reddito del coniuge debitore e consiste in una somma il cui importo è, di diritto, adeguato secondo l’indice dei prezzi al consumo. Il tribunale può autorizzare la riscossione del credito mediante pignoramento presso terzi (delegazione) della somma. Il credito alimentare può essere sostituito in qualsiasi momento da una somma una tantum. Nel divorzio per separazione di fatto, poiché al coniuge che ottiene il divorzio viene addebitata la colpa, quest’ultimo non può ottenere il credito alimentare (articolo 306 del codice civile). Tuttavia nel caso in cui dimostri che la separazione è da addebitarsi, per fatti e inadempienze, all'altro coniuge, il ricorrente può ottenere l’assegnazione di un credito alimentare. In questo caso l'articolo 307 bis del codice civile stabilisce che il credito alimentare può superare un terzo del reddito del coniuge debitore (giurisprudenza contraria: le sentenze 48/2000 e 163/2001 emesse dalla “Cour d'arbitrage”).

In caso di divorzio consensuale, le parti possono accordarsi sull’importo dell’eventuale credito alimentare che uno dei coniugi pagherà all’altro nel corso del procedimento di divorzio e dopo il divorzio, nonché sull’indicizzazione e la relativa revisione. (articolo 1288, quarto comma, c.p.c.). Non si tratta di in obbligo.

Inizio paginaInizio pagina

Infine, il divorzio consensuale produce, in linea di principio, gli stessi effetti del divorzio giudiziale, ma senza decadenze da diritti o sanzioni dal punto di vista civile, poiché viene pronunciato senza addebitare la colpa ad uno o all’altro dei coniugi.

4. Che cosa significa in pratica « separazione personale (séparation des corps) »?

In tutti i casi in cui possono chiedere il divorzio giudiziale, i coniugi possono presentare altresì una domanda di separazione personale (articolo 1305 c.p.c.). Nei casi in cui possono divorziare consensualmente, i coniugi possono ricorrere altresì alla separazione personale. Le cause e le condizioni sono esattamente le stesse. La separazione personale consiste, di fatto, in un semplice allentamento del vincolo coniugale, che in linea di principio sussiste; abolisce soltanto il dovere di convivenza e il dovere di assistenza. Sussistono i doveri di fedeltà e di soccorso. In ragione di tale situazione ibrida, il legislatore permette al coniuge contro il quale è stata pronunciata la separazione personale o, nel caso di una separazione personale consensuale, a entrambi i coniugi di chiedere al tribunale la conversione della separazione personale in divorzio, alla fine di un periodo di due anni (articoli 1309 e 1310, c.p.c.).

5. A quali condizioni è subordinata la separazione?

Alle stesse previste per il divorzio.

6. Quali sono le conseguenze giuridiche della separazione?

La separazione personale non scioglie il vincolo coniugale bensì lascia sussistere i doveri di fedeltà e di soccorso. Essa comporta la separazione dei beni (articolo 311 del codice civile). Si applicano le stesse sanzioni civili previste per il divorzio, vale a dire, essenzialmente, la perdita dei vantaggi matrimoniali. Il coniuge che ha ottenuto la separazione personale non può ottenere il credito alimentare, ma l’applicazione del dovere di soccorso (articolo 213 del codice civile). In caso di conversione della separazione personale in divorzio, il coniuge che aveva ottenuto la separazione personale può rivendicare il beneficio del credito alimentare previsto in materia di divorzio (articolo 301 del codice civile).

Inizio paginaInizio pagina

Inoltre gli effetti della separazione consensuale sono quelli del divorzio consensuale, salvo il fatto che il vincolo coniugale non è sciolto. Sussiste altresì il dovere di fedeltà e di soccorso (regolato eventualmente nei contratti prematrimoniali).

7. Che cosa significa in pratica « annullamento del matrimonio »?

Il matrimonio costituisce un istituto di diritto civile di importanza tale per la famiglia e la società, che il legislatore ha imposto l’osservanza di condizioni molto rigorose in modo da assicurare la validità del vincolo coniugale e preso tutte le precauzioni utili affinché tali condizioni siano rispettate. Le sanzioni civili preventive hanno la finalità di impedire la celebrazione di un matrimonio quando è evidente che non sono soddisfatte le condizioni per la validità dello stesso. L’annullamento del matrimonio costituisce la sanzione civile repressiva, nel caso in cui sia stato celebrato violando le disposizioni di legge malgrado il controllo preventivo effettuato dall’ufficiale di stato civile. Poiché le conseguenze del matrimonio sono estremamente importanti, sia dal punto di vista dello stato civile delle persone che della filiazione, il legislatore è stato estremamente attento all’organizzazione del sistema di nullità del matrimonio.

8. Quali sono le condizioni per l’annullamento del matrimonio?

Le cause assolute di nullità del matrimonio sono l’età inferiore a quella prevista dalla legge, l’incesto, la bigamia, la clandestinità e l’incompetenza dell’ufficiale di stato civile.

Inizio paginaInizio pagina

L’età minima per contrarre matrimonio è stata fissata a 18 anni, per gli uomini e per le donne. Tale esigenza deriva dall’idea che i coniugi devono avere raggiunto un certo grado di maturità. È vietato il matrimonio tra ascendenti e discendenti in linea diretta (articolo 161 del codice civile). Tale regola si applica sia ai genitori e figli di sangue che alla famiglia adottiva (articoli 363 e 370 del codice civile ). Il divieto vale anche per i parenti collaterali. Il matrimonio è vietato tra fratello e sorella (articolo 162 del codice civile). Tale divieto si estende ai figli adottivi degli stessi genitori (articolo 363 del codice civile). Il matrimonio è vietato tra zio e nipote e zia e nipote (articolo 163 del codice civile) ma tale divieto può non valere per gravi motivi (articolo 164 del codice civile). Si pronuncia l’annullamento in caso di mancato rispetto dei suddetti divieti (articolo 184 del codice civile). Poiché il matrimonio è vietato a chiunque sia già sposato, verrà dichiarato nullo il secondo matrimonio (articolo 188 del codice civile). Poiché la pubblicità del matrimonio è una condizione essenziale per la validità dell’atto, il matrimonio clandestino, concluso senza la presenza dei coniugi o dei testimoni, è nullo. Poiché la presenza dell’ufficiale di stato civile è indispensabile affinché lo scambio dei consensi delle parti sia debitamente accertato, l’assenza di tale autorità comunale costituisce causa di annullamento del matrimonio.

Le cause relative alla nullità del matrimonio sono il vizio di consenso di entrambi i coniugi o di uno solo o l’errore di persona. In questo caso il matrimonio può essere impugnato solo dal coniuge il cui consenso era viziato o dal coniuge indotto in errore, ma entro un determinato termine.

Inizio paginaInizio pagina

9. Quali sono le conseguenze giuridiche dell’annullamento del matrimonio?

Effetto dell’annullamento è la cancellazione del matrimonio, per il passato e per il futuro. La nullità  retroagisce fino al giorno del matrimonio. Tutti gli effetti del matrimonio vengono meno. I diritti creati dal matrimonio sono annullati retroattivamente. Il matrimonio viene considerato come se non fosse mai stato celebrato. I contratti prematrimoniali non hanno alcun effetto. Entrambi i coniugi perdono i diritti che avrebbero avuto quali eredi del coniuge. Le donazioni fatte in prospettiva del matrimonio sono nulle. Il credito alimentare è nullo per il futuro, e non è previsto il diritto alla restituzione degli alimenti per il passato. Nel caso in cui entrambi i coniugi siano in buona fede, vale a dire quando potevano ignorare l’esistenza di una causa di nullità, il tribunale può decidere che il matrimonio è dichiarato nullo solo per il futuro, pur mantenendo i suoi effetti per il passato. Se un solo coniuge è in buona fede, il matrimonio produce i suoi effetti solo nei suoi confronti. Il figlio nato durante il matrimonio o nei 300 giorni successivi all’annullamento conserva come padre il marito della madre (articolo 315 del codice civile). Ai sensi dell’articolo 202 del codice civile, il matrimonio produce altresì effetti a favore dei figli, anche nel caso in cui entrambi i coniugi non fossero in buona fede.

10. Esistono possibilità di risolvere in via stragiudiziale questioni connesse a un divorzio ?

La legge del 19 febbraio 2001 relativa alla mediazione in materia di diritto di famiglia nell’ambito di un procedimento giudiziario permette alle parti in causa di chiedere al giudice di designare un mediatore (articoli 734bis - 734sexies, c.p.c.). Il giudice può inoltre assumere un’iniziativa in tal senso, ma quest'ultima deve necessariamente essere il risultato dell’accordo delle parti. Nel caso in cui al termine della mediazione si sia concluso un accordo su tutti i punti, le parti ne informano il giudice che omologa l’accordo. In caso di disaccordo o di accordo parziale, le parti possono chiedere al giudice che il procedimento di mediazione familiare sia proseguito fino al raggiungimento di un accordo. Il tribunale può concedere l’abilitazione come mediatori agli avvocati, ai notai e alle persone che hanno seguito una formazione specifica in tal senso. L’intervento del mediatore si svolge senza che le parti compaiano dinanzi a un giudice: quest’ultimo viene semplicemente informato per iscritto del risultato della mediazione che permette di risolvere, senza intervento giudiziario, i problemi relativi agli obblighi derivanti dal matrimonio (articoli 203 - 211 del codice civile), ai rispettivi diritti e doveri dei coniugi (articoli 212 - 224 del codice civile), agli effetti del divorzio (articoli 295 - 307bis del codice civile) e alla potestà genitoriale (articoli 371 - 387bis del codice civile ). Tuttavia la mediazione familiare, in pratica, non viene applicata per il fatto che i criteri di abilitazione dei mediatori in materia di diritto di famiglia non sono stati ancora stabiliti con regio decreto.

Inizio paginaInizio pagina

Il procedimento di divorzio rimane nell’ambito della competenza del tribunale.

11. Presso quale autorità va presentata la domanda di divorzio, separazione o di annullamento del matrimonio? Quali sono i requisiti formali della domanda e quali documenti occorre allegare?

L’unico giudice competente a trattare un procedimento di divorzio o di separazione giudiziale o una domanda di conversione della separazione giudiziale in divorzio è quello dell’ultima residenza coniugale o del domicilio del convenuto (articolo 628 c.p.c.). In caso di consenso reciproco, dato che la legge non designa il giudice competente territorialmente, i coniugi si rivolgono ad un tribunale di primo grado a loro scelta (articolo 1288 bis, secondo comma, c.p.c.). L’istanza di annullamento del matrimonio viene presentata, secondo la norma di diritto comune, al giudice del domicilio del convenuto (articolo 624 c.p.c.). Per quanto riguarda il divorzio giudiziale, nella citazione a comparire dinanzi al tribunale di primo grado occorre esporre dettagliatamente i fatti, e le generalità dei figli (articolo 1254 c.p.c.). L’istante deposita un estratto dell’atto di matrimonio, un estratto degli atti di nascita dei figli e una prova della cittadinanza di entrambi i coniugi (ibidem). Quando uno dei coniugi non sia belga deve depositare agli atti anche la relativa legge nazionale.

Per il divorzio consensuale, la domanda viene presentata con ricorso. Vanno allegati, oltre ai documenti richiesti nell’ambito di un divorzio giudiziale, i contratti prematrimoniali conclusi dalle parti ed eventualmente un inventario dei beni.

Inizio paginaInizio pagina

12. Si può ottenere un sussidio per le spese giudiziali?

Si applicano le norme di diritto comune. V. il documento "Patrocinio a spese dello stato".

13. È possibile presentare appello contro una decisione in materia di divorzio, separazione o annullamento del matrimonio?

Secondo il diritto comune qualsiasi decisione in materia può essere impugnata presso la corte d’appello.

14. Che cosa bisogna fare per ottenere il riconoscimento in Belgio di una decisione in materia di divorzio, separazione o annullamento del matrimonio, emessa da un giudice di un altro Stato membro?

La sentenza emessa a norma di legge da un tribunale relativa allo stato civile delle persone produce i suoi effetti in Belgio, indipendentemente da qualsiasi decisione di exequatur (riconoscimento dell’esecutività della sentenza) salvo che siano previsti atti di esecuzione sui beni o di coercizione sulle persone. Tale sentenza ha in Belgio autorità di cosa giudicata, semprechè non contenga alcunché contrario all’ordine pubblico o alla normativa di diritto pubblico belga, che i diritti della difesa siano stati rispettati, che il giudice straniero si sia dichiarato competente soltanto in ragione della cittadinanza del ricorrente, che la decisione sia passata in giudicato secondo la legge del paese dove è stata emessa e che la copia della sentenza ricevuta dal giudice belga soddisfi le condizioni necessarie per la sua autenticità secondo la legge medesima (articolo 570 c.p.c.). Di conseguenza, il coniuge che intenda far valere in Belgio una decisione giudiziaria in materia di divorzio, separazione o annullamento del matrimonio presenta i documenti giustificativi all’ufficiale dello stato civile del comune interessato, cioè quello in cui il matrimonio è stato celebrato o quello del domicilio di uno dei coniugi. In caso di contestazione, la causa dev’essere discussa in tribunale.

Inizio paginaInizio pagina

Occorre inoltre indicare per questa materia, il regolamento (CE) n. 1347/2000 del Consiglio del 29 maggio 2000 (cosiddetto « regolamento Bruxelles II) relativo alla competenza, al riconoscimento e all’esecuzione delle decisioni in materia matrimoniale e in materia di potestà genitoriale sui figli di entrambi i coniugi, in particolare gli articoli 14 - 20 sul riconoscimento.

15. A quale giudice occorre rivolgersi in Belgio per opporsi al riconoscimento di una decisione in materia di divorzio, separazione personale o annullamento del matrimonio emessa da un giudice di un altro Stato membro? Quali norme processuali si applicano in questi casi?

Il tribunale di primo grado competente a pronunciarsi su un’azione promossa per opporsi al riconoscimento in Belgio di una decisione straniera emessa in uno Stato membro in materia di divorzio o di separazione è quello dell’ultima residenza coniugale o del domicilio del convenuto (articolo 628 c.p.c.). In materia di annullamento del matrimonio, il giudice competente è quello del domicilio del convenuto (articolo 624 c.p.c.).

16. Qual è la legge applicabile nel caso di divorzio di coniugi che non vivono in Belgio o che hanno cittadinanze diverse?

Il procedimento di divorzio avviato in Belgio deve proseguire dinanzi ai giudici belgi, a norma delle disposizioni della legge belga; tali disposizioni riguardano in particolare la competenza territoriale del tribunale di primo grado.

Per quanto riguarda i requisiti di merito, in linea di principio lo stato civile di una persona è regolato dalla propria legge nazionale (articolo 3, terzo comma, del codice civile). Emergono problemi quando vi sono varie leggi concorrenti che divergono quanto alle possibili soluzioni. La legge del 27 giugno 1960 sull’ammissibilità del divorzio, quando almeno uno dei coniugi è straniero, ha regolamentato alcune questioni. I problemi non regolamentati rimangono disciplinati dall’articolo 3, terzo comma 3, succitato.

Pertanto, in caso di divorzio tra un coniuge belga e uno straniero, l’ammissibilità del divorzio giudiziale, le cause e i requisiti di quest’ultimo sono disciplinati dalla legge belga (articoli 2 e 3 della legge del 27 giugno 1960). In questa stessa situazione, il divorzio consensuale è ammesso, secondo la legge belga (articolo 2 della legge del 27 giugno 1960) e i requisiti nel merito sono quelli della legge belga.

In caso di matrimonio tra stranieri, l’ammissibilità del divorzio giudiziale (per causa determinata) è regolata dalla legge belga, a meno che non osti la legge nazionale del coniuge che ha presentato domanda di divorzio (articolo 1 della legge del 27 giugno 1960). Le cause del divorzio sono quelle previste dalla legge belga (articolo 3 della legge succitata). In questa stessa situazione, la legge nazionale dei coniugi stabilisce se possono divorziare consensualmente e a quali condizioni (articolo 3, terzo comma del codice civile).

« Divorzio - Informazioni generali | Belgio - Informazioni generali »

Inizio paginaInizio pagina

Ultimo aggiornamento: 05-01-2007

 
  • Diritto Comunitario
  • Diritto internazionale

  • Belgio
  • Bulgaria
  • Repubblica Ceca
  • Danimarca
  • Germania
  • Estonia
  • Irlanda
  • Grecia
  • Spagna
  • Francia
  • Italia
  • Cipro
  • Lettonia
  • Lituania
  • Lussemburgo
  • Ungheria
  • Malta
  • Paesi Bassi
  • Austria
  • Polonia
  • Portogallo
  • Romania
  • Slovenia
  • Slovacchia
  • Finlandia
  • Svezia
  • Regno Unito