Commissione Europea > RGE > Risarcimento delle vittime di reati > Finlandia

Ultimo aggiornamento: 17-07-2007
Versione stampabile Aggiungi ai preferiti

Risarcimento delle vittime di reati - Finlandia

EJN logo

Questa pagina è obsoleta. L'aggiornamento è in corso e sarà disponibile sul portale europeo della giustizia elettronica.


Per gli ultimi aggiornamenti cfr. English - suomi - svenska
 

INDICE

1. Risarcimento da parte dell'autore del reato 1.
1.1. A quali condizioni è possibile presentare domanda di risarcimento danni nel procedimento penale a carico dell'autore del reato? 1.1.
1.2. In quale fase del procedimento penale occorre presentare la domanda? 1.2.
1.3. Come e a chi bisogna presentare la domanda? 1.3.
1.4. Come va formulata la domanda? (Indicando un importo totale e/o specificando i danni?) 1.4.
1.5. È possibile ottenere il patrocinio a spese dello Stato prima e/o durante il procedimento? 1.5.
1.6. Quali prove occorre presentare a sostegno della domanda? 1.6.
1.7. Se il giudice concede il risarcimento danni, la vittima del reato ha diritto ad un'assistenza speciale per l'esecuzione della decisione a carico dell'autore del reato? 1.7.
2. Risarcimento da parte dello Stato o di un organismo pubblico 2.
2.1. È possibile ottenere il risarcimento dallo Stato o da un organismo pubblico? 2.1.
2.2. La possibilità è riservata alle vittime di determinati tipi di reati? 2.2.
2.3. La possibilità è riservata alle vittime che abbiano subito determinati tipi di danni? 2.3.
2.4. In caso di decesso della vittima del reato, i parenti prossimi o i familiari a carico possono ottenere il risarcimento? 2.4.
2.5. La possibilità di ottenere il risarcimento è riservata alle persone di una determinata nazionalità o residenti in un determinato paese? 2.5.
2.6. È possibile presentare domanda di risarcimento in Finlandia se il reato è stato commesso in un altro paese? In caso affermativo, a quali condizioni? 2.6.
2.7. È necessario denunciare il reato alla polizia? 2.7.
2.8. Occorre attendere l'esito delle indagini della polizia o del procedimento penale prima di presentare domanda? 2.8.
2.9. Nel caso sia stato individuato, occorre tentare in primo luogo di ottenere il risarcimento dall'autore del reato? 2.9.
2.10. Se l'autore del reato non è stato individuato o condannato, esiste comunque la possibilità di chiedere il risarcimento? In caso affermativo, quali prove occorre presentare a sostegno della domanda? 2.10.
2.11. È previsto un termine per la presentazione della domanda di risarcimento? 2.11.
2.12. Per quali danni si può ottenere il risarcimento? 2.12.
2.13. Come viene calcolato l'importo del risarcimento? 2.13.
2.14. È previsto un importo minimo e/o massimo? 2.14.
2.15. Il risarcimento ottenuto o ottenibile per gli stessi danni da altre fonti (ad esempio l'assicurazione) viene detratto dal risarcimento ricevuto dallo Stato? 2.15.
2.16. Ci sono altri criteri che possono influire sulla possibilità di ricevere il risarcimento o sul calcolo dell'importo del risarcimento, ad esempio il comportamento della vittima durante i fatti che hanno causato il danno? 2.16.
2.17. È possibile ottenere un anticipo sul risarcimento? In caso affermativo, a quali condizioni? 2.17.
2.18. Dove si possono ottenere i moduli necessari e ulteriori informazioni sulla procedura da seguire per presentare la domanda? Esiste un apposito numero di telefono o un sito Internet? 2.18.
2.19. È possibile ottenere il patrocinio a spese dello Stato per la presentazione della domanda? 2.19.
2.20. A chi bisogna inviare la domanda? 2.20.
2.21. Esistono associazioni di sostegno alle vittime in grado di fornire ulteriore assistenza? 2.21.

 

1. Risarcimento da parte dell'autore del reato

1.1. A quali condizioni è possibile presentare domanda di risarcimento danni nel procedimento penale a carico dell'autore del reato?

La domanda di risarcimento può essere presentata nel quadro del procedimento relativo all'accusa. Di norma viene esaminata contestualmente all'accusa, ma può anche formare oggetto di procedimento distinto.

1.2. In quale fase del procedimento penale occorre presentare la domanda?

Se possibile, la domanda deve essere presentata nella fase delle indagini preliminari. La polizia ha l'obbligo di verificare, in questa fase, se la parte lesa ha intenzione di presentare domanda di risarcimento. Di norma, il pubblico ministero è tenuto, su istanza della parte lesa, a presentare la domanda di risarcimento contestualmente alla formulazione dell'imputazione. L'obbligo viene meno nei casi in cui, ad esempio, la domanda non sia chiara.

1.3. Come e a chi bisogna presentare la domanda?

La domanda deve essere presentata per iscritto al pubblico ministero o al giudice, nel caso in cui il procedimento sia già in corso dinanzi ad un giudice.

1.4. Come va formulata la domanda? (Indicando un importo totale e/o specificando i danni?)

La domanda di risarcimento deve essere il più possibile specifica. Occorre indicare il tipo di lesioni o di danni subiti (ad esempio, i danni alle cose, le lesioni fisiche, le spese mediche, ecc.) e l'importo.

Inizio paginaInizio pagina

1.5. È possibile ottenere il patrocinio a spese dello Stato prima e/o durante il procedimento?

Sì, se sono rispettate le condizioni generali per la concessione del patrocinio a spese dello Stato. In tal caso, il gratuito patrocinio può essere concesso sia per la fase delle indagini preliminari che per il procedimento. Inoltre, la vittima del reato può beneficiare dell'assistenza di un rappresentante legale pagato dallo Stato nei casi di violenza sessuale (capitolo 20 del codice penale), nei casi in cui l'autore del reato sia una persona vicina alla vittima o in caso di violazione dell'integrità psichica e fisica ai sensi del capitolo 21, paragrafi da 1 a 6 del codice penale (ad esempio, tentato omicidio o violenza aggravata).

1.6. Quali prove occorre presentare a sostegno della domanda?

Alla domanda occorre allegare ogni elemento di prova scritto relativo al danno subito o al relativo importo. È importante comunque allegare certificati medici, fatture, ecc. Il giudice valuterà caso per caso l'adeguatezza delle prove presentate. Se gli elementi di prova presentati non consentono di determinare l'entità del danno, il giudice procede ad una stima.

1.7. Se il giudice concede il risarcimento danni, la vittima del reato ha diritto ad un'assistenza speciale per l'esecuzione della decisione a carico dell'autore del reato?

La domanda di esecuzione delle sentenza deve essere presentata all'Ufficio delle esecuzioni, che fornisce assistenza nella compilazione della domanda. La domanda può anche essere inviata per posta elettronica. Il relativo modulo è disponibile in finlandese all'indirizzo Internet http://www.oikeus.fi/6558.htm suomi (cliccare su "Ulosottoasiat", e quindi su "Ulosottohakemus – Tuomiota tai päätöstä edellyttävät asiat"). Alla domanda occorre allegare la sentenza o una copia conforme. La domanda può essere presentata non appena il giudice abbia pronunciato la sentenza, non occorre cioè attendere che diventi esecutiva.

Inizio paginaInizio pagina

2. Risarcimento da parte dello Stato o di un organismo pubblico

2.1. È possibile ottenere il risarcimento dallo Stato o da un organismo pubblico?

Sì. La domanda deve essere presentata al Valtiokonttori (il tesoro pubblico).

2.2. La possibilità è riservata alle vittime di determinati tipi di reati?

Di norma l'unica condizione è che il danno sia stato causato da un reato. Tuttavia, non è previsto alcun risarcimento in caso di incidente stradale. Con "incidente stradale" si intendono i danni alle persone o alle cose derivanti dalla circolazione di autoveicoli. Il risarcimento per danni morali viene concesso soltanto in caso di reati contro la libertà personale o di reati sessuali.

2.3. La possibilità è riservata alle vittime che abbiano subito determinati tipi di danni?

Di norma, no. Al punto 2.12. sono elencati i danni per i quali è possibile ottenere il risarcimento in Finlandia.

2.4. In caso di decesso della vittima del reato, i parenti prossimi o i familiari a carico possono ottenere il risarcimento?

I parenti prossimi del defunto hanno diritto al risarcimento dei danni morali. Di norma sono considerati parenti prossimi il coniuge, i figli minori e i genitori.

Nel caso in cui il defunto era obbligato al pagamento di alimenti, il beneficiario ha diritto ad un risarcimento di importo pari all'importo che avrebbe probabilmente ricevuto dal defunto, detratte eventuali pensioni assegnate ai sensi della normativa in materia di pensioni.

Inizio paginaInizio pagina

È altresì possibile ottenere un risarcimento ragionevole delle spese funerarie.

2.5. La possibilità di ottenere il risarcimento è riservata alle persone di una determinata nazionalità o residenti in un determinato paese?

Di norma, il risarcimento è accordato in caso di reati commessi in Finlandia, indipendentemente dalla nazionalità dell'avente diritto. Tuttavia, senza motivo particolare, lo Stato finlandese non versa alcun risarcimento nel caso in cui, al momento del reato, sia l'autore che la vittima soggiornavano temporaneamente e per breve periodo in Finlandia.

2.6. È possibile presentare domanda di risarcimento in Finlandia se il reato è stato commesso in un altro paese? In caso affermativo, a quali condizioni?

Se il reato è stato commesso fuori della Finlandia, si può chiedere il risarcimento allo Stato finlandese soltanto per danni alle persone e a condizioni ben precise.

È necessario che al momento del reato la vittima avesse la residenza permanente in Finlandia. Se la vittima soggiornava all'estero, il risarcimento viene pagato se il soggiorno era dovuto a motivi professionali, di studio o analoghi. Il risarcimento può essere pagato anche in altri casi se la domanda viene giudicata fondata.

2.7. È necessario denunciare il reato alla polizia?

No. Tuttavia, se il reato non viene denunciato e se la polizia non ne viene a conoscenza in altro modo, il risarcimento viene pagato solo per specifici motivi.

2.8. Occorre attendere l'esito delle indagini della polizia o del procedimento penale prima di presentare domanda?

La domanda può anche essere presentata prima. Di norma, tuttavia, il tesoro pubblico attende che venga riconosciuto in primo grado il diritto del richiedente a ricevere il risarcimento da parte dell'autore del reato o che sia stato deciso di non perseguire l'autore del reato. Se l'autore non viene rinviato a giudizio entro sei mesi dal momento in cui la polizia viene a conoscenza del reato, il tesoro pubblico può prendere una decisione in materia.

Inizio paginaInizio pagina

2.9. Nel caso sia stato individuato, occorre tentare in primo luogo di ottenere il risarcimento dall'autore del reato?

No.

2.10. Se l'autore del reato non è stato individuato o condannato, esiste comunque la possibilità di chiedere il risarcimento? In caso affermativo, quali prove occorre presentare a sostegno della domanda?

È prevista la possibilità di chiedere il risarcimento (cfr. punti 2.7. e 2.8.). Occorre provare che il danno è stato causato da un reato penale. Di norma, possono essere presentati come elementi di prova i verbali delle indagini della polizia o la sentenza del giudice. In mancanza di questi elementi di prova devono essere presentati altri documenti affidabili. L'essenziale è che i documenti consentano di valutare se i fatti concernenti il reato siano credibili.

2.11. È previsto un termine per la presentazione della domanda di risarcimento?

La domanda di risarcimento deve essere presentata per iscritto entro dieci anni dal momento in cui il reato è stato commesso. Per particolari motivi, il tesoro pubblico può accettare di esaminare una domanda presentata oltre i termini.

2.12. Per quali danni si può ottenere il risarcimento?

In Finlandia è possibile chiedere il risarcimento da parte dello Stato nei casi seguenti:

  1. danni alle persone
    • rimborso delle spese mediche e di altre spese sostenute in conseguenza del danno
    • sofferenze fisiche
    • danno morale assimilabile alla sofferenza fisica, a condizione che si tratti di un disturbo psichico certificato da un medico
    • invalidità, handicap e danni estetici permanent - perdita di reddito
    • abiti e altri oggetti di uso quotidiano, occhiali e protesi dentarie danneggiati o rotti
    • danno morale (per i limiti, cfr. punto 2.2.)
  2. danni alle cose
    • il risarcimento è possibile, a condizione tuttavia che il danno sia stato causato da persona internata o privata in altro modo della libertà. Il risarcimento può essere concesso anche in altri casi su base discrezionale;
  3. spese processuali, se vi è stato un processo e se al richiedente è stato accordato un altro risarcimento a carico del bilancio dello Stato;
  4. eventuali spese funerarie.

2.13. Come viene calcolato l'importo del risarcimento?

Non vi sono disposizioni legislative che prescrivono le modalità di calcolo dell'importo del risarcimento. Per questo motivo, il tesoro pubblico calcola il risarcimento secondo criteri uniformi, ma tenendo conto delle particolarità dei singoli casi. Il tesoro pubblico dispone di tabelle indicative soltanto per il risarcimento in caso di sofferenze fisiche, invalidità, handicap e danni estetici permanenti. L'importo del risarcimento previsto dalle tabelle è determinato in funzione, ad esempio, della gravità delle lesioni, della durata dell'invalidità, della durata dell'ospedalizzazione, dell'entità delle cure, ecc. Nel calcolo dell'importo del risarcimento, il tesoro pubblico non è vincolato alla decisione adottata dal giudice in materia di risarcimento.

Inizio paginaInizio pagina

2.14. È previsto un importo minimo e/o massimo?

Vi è una limitazione di ordine generale che vieta di pagare un risarcimento di importo inferiore a 34 euro.

Gli importi massimi previsti dalla vigente normativa finlandese sono i seguenti (per reati commessi dopo il 1° gennaio 2003):

  • perdita di reddito o di pensione: 125 euro/giorno
  • perdita di una rendita: l'importo determinato da un accordo o da una decisione del giudice
  • risarcimento da versare ad un parente prossimo del defunto: 3 700 euro
  • danni alle persone causati dallo stesso fatto: l'importo totale del risarcimento non può superare i 51 000 euro
  • danni alle cose: 25 500 euro

2.15. Il risarcimento ottenuto o ottenibile per gli stessi danni da altre fonti (ad esempio l'assicurazione) viene detratto dal risarcimento ricevuto dallo Stato?

Sì. Le somme concesse alla vittima ai sensi di altre leggi sono detratte dal risarcimento pagato dallo Stato. Viene altresì detratto il risarcimento ricevuto sulla base di un'assicurazione. Il risarcimento da parte dell'autore del reato viene detratto solo per l'importo effettivamente pagato.

2.16. Ci sono altri criteri che possono influire sulla possibilità di ricevere il risarcimento o sul calcolo dell'importo del risarcimento, ad esempio il comportamento della vittima durante i fatti che hanno causato il danno?

Il risarcimento versato dallo Stato può essere adeguato se la vittima ha in qualche modo contribuito al danno. Lo stesso può avvenire nel caso in cui altre circostanze esterne ai fatti che sono all'origine del danno hanno contribuito al danno.

Inizio paginaInizio pagina

In caso di danni alle cose, il risarcimento non viene pagato, in mancanza di motivi speciali, se

  • la vittima ha omesso, senza ragione valida, di prendere le normali precauzioni o non ha tutelato i suoi beni;
  • l'autore e la vittima abitavano assieme al momento del reato.

2.17. È possibile ottenere un anticipo sul risarcimento? In caso affermativo, a quali condizioni?

L'anticipo può essere versato in caso di ritardo nell'adozione della relativa decisione, a condizione che il diritto del richiedente al risarcimento sia manifesto.

2.18. Dove si possono ottenere i moduli necessari e ulteriori informazioni sulla procedura da seguire per presentare la domanda? Esiste un apposito numero di telefono o un sito Internet?

Il tesoro pubblico può fornire ogni ulteriore informazione (cfr. punto 2.20.).

2.19. È possibile ottenere il patrocinio a spese dello Stato per la presentazione della domanda?

La domanda può essere presentata personalmente o tramite l'assistenza del tesoro pubblico. Lo Stato provvede al pagamento delle eventuali spese dell'assistenza legale se il giudice ha concesso al richiedente il gratuito patrocinio. Se il caso non è stato esaminato da un giudice, il richiedente può ugualmente ottenere il rimborso delle spese per la presentazione della domanda, se soddisfa le condizioni per la concessione del patrocinio a spese dello Stato.

2.20. A chi bisogna inviare la domanda?

Al tesoro pubblico

Inizio paginaInizio pagina

Valtiokonttori

Sörnäisten Rantatie 13

PL 68

FIN-00531 Helsinki

tel. +358 9 77 251

fax +358 9 772 5334

www.valtiokonttori.fi English - suomi - svenska 

www.statetreasury.fi English - suomi - svenska 

2.21. Esistono associazioni di sostegno alle vittime in grado di fornire ulteriore assistenza?

  • Rikosuhripäivystys (sostegno alle vittime)

    tel. 0203-16116

    www.rikosuhripäivystys.fi English - suomi - svenska

    Inizio paginaInizio pagina

  • Raiskauskriisikeskus Tukinainen (centro di assistenza alle vittime di violenza sessuale)

    tel. 0800-97895

    www.tukinainen.fi Englishsuomi - svenska

  • Opuscolo Jos joudut rikoksen uhriksi ("Cosa fare se siete vittima di un reato") disponibile sul sito Internet del ministero della Giustizia finlandese:

    www.om.fi Englishsuomi - svenska

« Risarcimento delle vittime di reati - Informazioni generali | Finlandia - Informazioni generali »

Inizio paginaInizio pagina

Ultimo aggiornamento: 17-07-2007

 
  • Diritto Comunitario
  • Diritto internazionale

  • Belgio
  • Bulgaria
  • Repubblica Ceca
  • Danimarca
  • Germania
  • Estonia
  • Irlanda
  • Grecia
  • Spagna
  • Francia
  • Italia
  • Cipro
  • Lettonia
  • Lituania
  • Lussemburgo
  • Ungheria
  • Malta
  • Paesi Bassi
  • Austria
  • Polonia
  • Portogallo
  • Romania
  • Slovenia
  • Slovacchia
  • Finlandia
  • Svezia
  • Regno Unito