Commissione Europea > RGE > Fallimento > Irlanda

Ultimo aggiornamento: 30-06-2006
Versione stampabile Aggiungi ai preferiti

Fallimento - Irlanda

EJN logo

Questa pagina è obsoleta. L'aggiornamento è in corso e sarà disponibile sul portale europeo della giustizia elettronica.


 

INDICE

1. Quali sono i diversi tipi di procedure di insolvenza e i loro obiettivi? 1.
2. Quali sono le condizioni per avviare i diversi tipi di procedure d’insolvenza? 2.
3. Qual è il ruolo dei vari partecipanti nei diversi tipi di procedure? 3.
4. Quali sono gli effetti dell’avvio della procedura? 4.
5. Quali sono le norme specifiche legate a determinate categorie di crediti? 5.
6. Quali sono le norme relative agli atti pregiudizievoli? 6.
7. Quali sono le condizioni per l’insinuazione al passivo e l’ammissione dei crediti? 7.
8. Quali sono le norme relative alle procedure di risanamento? 8.
9. Quali sono le norme relative alle procedure di winding-up (“liquidazione”) ? 9.
10. Quali sono le condizioni per la chiusura della procedura? 10.

 

1. Quali sono i diversi tipi di procedure di insolvenza e i loro obiettivi?

Definizione: “La legge relativa al fallimento è una legge a vantaggio e in aiuto dei creditori e dei loro debitori, nei casi in cui questi ultimi non possano o non vogliano pagare i propri debiti”.

- Re Reiman 20 Fed Cas 490 (1874)

Le norme relative al bankruptcy (fallimento) si applicano solo ai debitori che sono persone fisiche. Esse sono contenute nel

Bankruptcy Act (“Legge fallimentare”) del 1988. Perché il debitore sia dichiarato in stato di fallimento vi devono essere determinati presupposti (“acts of Bankruptcy”) , definiti nella sezione 7, sottosezione (1) della legge. Il più citato nelle procedure di fallimento è quello di cui alla

sezione 7(1) (f) , che stabilisce che per un debitore vi sono i presupposti di fallimento

“se è stata avviata contro di lui una procedura di esecuzione con pignoramento dei beni ai sensi di un’ordinanza di un tribunale, o se lo sceriffo o il cancelliere di contea hanno accertato, nell’esecuzione dell’ordinanza o per altra via, che egli non possiede beni”.

Procedure di pre-insolvenza:

  1. Notifica di fallimento (Bankruptcy Summons)

    Viene richiesto il pagamento della somma dovuta entro 14 giorni, altrimenti si verificherà il presupposto del fallimento (sezione 7 (1) (g)).

  2. Richiesta di accordo (Petition for arrangement)

    Il debitore può chiedere al tribunale di prevenire la procedura di fallimento, in modo che possa presentare un’offerta di concordato (offer of composition) ai suoi creditori. Se l’offerta è accettata dai tre quinti, in numero e in valore, dei creditori, ed è approvata dal tribunale, diventa vincolante per tutti i creditori. Se l’offerta non è accettata o non è approvata dal tribunale, il tribunale stesso può dichiarare lo stato di fallimento del debitore.

    Inizio paginaInizio pagina

Procedure formali di insolvenza:

Si procede presentando un’istanza (entro tre mesi dall’insorgere della situazione di fallimento) accompagnata da un atto notorio (affidavit).

L’istanza, l’affidavit e tutti gli altri moduli richiesti per le procedure di fallimento figurano nell’appendice O delle Rules of the Superior Courts Statutory Instrument no. 79 del 1989.

2. Quali sono le condizioni per avviare i diversi tipi di procedure d’insolvenza?

Condizioni sostanziali:

Stato di insolvenza come indicato nella sezione 7 (1) della Bankruptcy Act, 1988.

Il debito deve essere un importo determinato e non deve essere inferiore a € 2. 000,00.

Requisiti relativi al domicilio/ residenza nello Stato (sezione 11 della legge).

Chi può chiedere l’avvio di una procedura di fallimento?

Un creditore

Il debitore

Requisiti di pubblicità:

L’istanza deve essere notificata personalmente al debitore.

Se il debitore è dichiarato in stato di fallimento, un avviso relativo a tale dichiarazione deve essere pubblicato sull’Iris Ofigiuil (la Gazzetta ufficiale) , su un quotidiano nazionale e, all’occorrenza, su un quotidiano locale.

3. Qual è il ruolo dei vari partecipanti nei diversi tipi di procedure?

Il tribunale

Solo il tribunale può dichiarare qualcuno in stato di fallimento

Per ragioni pratiche, tutte le fasi in una procedura di fallimento richiedono l’approvazione dl tribunale.

Il curatore fallimentare (Official Assignee in Bankruptcy)

Inizio paginaInizio pagina

Quando qualcuno è dichiarato in stato di fallimento, il suo patrimonio viene amministrato dal curatore fallimentare. Questi, previa autorizzazione del tribunale (sezione 61 (7) ) , si occupa di tutti gli aspetti pratici della gestione quotidiana – cura ad esempio la liquidazione dei beni di chi è dichiarato fallito e certifica al tribunale chi sono i creditori ai fini del diritto fallimentare irlandese. Le facoltà, gli obblighi e le funzioni del curatore sono esposti nella parte III della Bankruptcy Act, 1988.

Obblighi del debitore

Fra gli altri obblighi, il debitore è tenuto: a dichiarare al tribunale tutti i suoi beni; a consegnare al curatore tutti i beni in sua custodia o nella sua disponibilità; a consegnare al curatore tutti i libri e i documenti relativi alle sue proprietà.

La sezione 123 della Bankruptcy Act, 1988, indica 16 distinti reati che possono essere commessi da una persona che viene dichiarata fallita, tutti rientranti nella categoria generale della mancata cooperazione con il tribunale nell’amministrazione delle sue proprietà.

4. Quali sono gli effetti dell’avvio della procedura?

Definizione dei beni

“Il termine ‘patrimonio’ include denaro, beni, e things in action (beni e diritti di cui non vi è immediata o materiale disponibilità) , terreni e qualsiasi tipo di proprietà, immobiliare o mobiliare, nello Stato o altrove; include inoltre obbligazioni, servitù, e qualsiasi tipo di proprietà, interesse e utile, presenti o futuri, acquisiti o potenziali, derivanti dal patrimonio quale sopra definito o ad esso inerenti”.

- Sezione 3 della Bankruptcy Act, 1988.

Inizio paginaInizio pagina

Spossessamento del debitore

Dopo la dichiarazione di fallimento è il curatore ad amministrare il patrimonio del debitore (sezione 44 (1) della legge).

5. Quali sono le norme specifiche legate a determinate categorie di crediti?

Tipi di crediti

  1. Crediti privilegiati
  2. Crediti non privilegiati

All’interno di ciascuna categoria, i vari crediti hanno pari priorità

I crediti privilegiati, in generale, includono imposte, tasse e contributi per la sicurezza sociale. Sono indicati in dettaglio nella sezione 81 e sg. della legge. Va osservato che i costi del fallimento hanno la priorità su tutti i crediti ai sensi della sezione 80 della legge.

Diritti dei terzi

Sono piuttosto limitati e sono trattati nella parte III della legge. Particolare riferimento è fatto al patrimonio detenuto, in quanto fiduciario, da chi è stato dichiarato fallito, e vi sono alcune limitazioni ai poteri del curatore in relazione al copyright.

6. Quali sono le norme relative agli atti pregiudizievoli?

Annullamento del fallimento

La sezione 16 della legge prevede che una persona dichiarata in stato di fallimento possa dimostrare la non validità di tale dichiarazione (“show cause”). Ciò significa fondamentalmente dimostrare al giudice che uno o più presupposti fra le “Condizioni sostanziali” alla domanda 2 di cui sopra non sussistono. Se l’interessato dimostra ciò, il tribunale deve annullare il fallimento. Se non vi riesce, esiste il diritto di rivolgersi alla Corte suprema.

Inizio paginaInizio pagina

7. Quali sono le condizioni per l’insinuazione al passivo e l’ammissione dei crediti?

Insinuazione al passivo e ammissione dei crediti:

Sono trattate in modo dettagliato nel primo allegato della legge fallimentare.

Solo i creditori che dimostrano gli importi a loro dovuti potranno essere rimborsati. Il curatore fallimentare può stabilire un termine di presentazione dei crediti. La prova del credito può essere fornita con un estratto conto dettagliato, un atto notorio o con altri mezzi stabiliti.

8. Quali sono le norme relative alle procedure di risanamento?

Sono rilevanti solo nell’ambito della petition for arrangement (“richiesta di accordo”) di cui alla domanda 1 (“Procedure di pre-insolvenza”).

9. Quali sono le norme relative alle procedure di winding-up (“liquidazione”) ?

Nel diritto irlandese, winding-up (“liquidazione”) è un termine tecnico relativo alle imprese, e non è rilevante per la bankruptcy. Il realizzo dei beni e la distribuzione del ricavato sono trattati nella parte III del già citato Bankruptcy Act, 1988.

10. Quali sono le condizioni per la chiusura della procedura?

Perché vi sia liberazione (discharge) del fallito, devono ricorrere le seguenti condizioni:

  1. il fallito deve saldare tutti i debiti e i costi più gli interessi (sezione 85 (3) (a) (i)), oppure
  2. il fallito deve saldare tutti i costi e i crediti privilegiati e deve ottenere l’accordo di tutti i creditori (sezione 85 (3) (a) (ii)), oppure
  3. le proprietà del fallito devono essere completamente liquidate, tutti i costi e i crediti privilegiati devono essere stati saldati, e i creditori devono essere stati pagati nella misura di 50 centesimi su 1 euro (sezione 85 (4) (a)), oppure
  4. le proprietà del fallito devono essere completamente liquidate, tutti i costi e i crediti privilegiati devono essere stati saldati, deve essere stata pagata una percentuale, e il fallito e/o le persone a lui vicine devono pagare una somma ai creditori che, unita alla percentuale, fa arrivare l'importo a 50 centesimi su 1 euro (sezione 85 (4) (b)), oppure
  5. le proprietà del fallito devono essere completamente liquidate, tutti i costi e i crediti privilegiati devono essere stati saldati,, tutto il patrimonio acquisito dopo la dichiarazione di fallimento deve essere stato reso noto, il fallimento deve essere durato 12 anni e il tribunale deve essere convinto che sia ragionevole e giusto liberare il fallito (sezione 85 (4) (c)).

Conseguenze negative

Un fallito non liberato è soggetto ad alcune incapacità: non è ad esempio autorizzato a gestire un conto bancario, non può essere direttore di un’impresa o implicato in alcun modo nell’amministrazione di una società (Companies Act, 1963 Sezione 183) , e non può essere membro del Parlamento o di un’istituzione locale.

Con la liberazione, egli recupera automaticamente il patrimonio ancora amministrato dal curatore. Un fallito liberato può creare un’impresa come chiunque altro.

A livello commerciale, un fallito liberato avrà presumibilmente delle difficoltà ad ottenere dei crediti.

« Fallimento - Informazioni generali | Irlanda - Informazioni generali »

Inizio paginaInizio pagina

Ultimo aggiornamento: 30-06-2006

 
  • Diritto Comunitario
  • Diritto internazionale

  • Belgio
  • Bulgaria
  • Repubblica Ceca
  • Danimarca
  • Germania
  • Estonia
  • Irlanda
  • Grecia
  • Spagna
  • Francia
  • Italia
  • Cipro
  • Lettonia
  • Lituania
  • Lussemburgo
  • Ungheria
  • Malta
  • Paesi Bassi
  • Austria
  • Polonia
  • Portogallo
  • Romania
  • Slovenia
  • Slovacchia
  • Finlandia
  • Svezia
  • Regno Unito