Commissione Europea > RGE > Fallimento > Inghilterra e Galles

Ultimo aggiornamento: 02-08-2007
Versione stampabile Aggiungi ai preferiti

Fallimento - Inghilterra e Galles

EJN logo

Questa pagina è obsoleta. L'aggiornamento è in corso e sarà disponibile sul portale europeo della giustizia elettronica.


Inghilterra e Galles



 

INDICE

1. Quali sono i diversi tipi di procedure di insolvenza e i loro obiettivi? 1.
2. Quali sono le condizioni per avviare i diversi tipi di procedure d’insolvenza? 2.
3. Qual è il ruolo dei vari partecipanti nei diversi tipi di procedura? 3.
4. Quali sono gli effetti dell’avvio del procedimento? 4.
5. Quali sono le norme specifiche relative a determinate categorie di crediti? 5.
6. Quali sono le norme relative agli atti pregiudizievoli? 6.
7. Quali sono le condizioni per l’insinuazione al passivo e l’ammissione dei crediti? 7.
8. Quali sono le norme relative alle procedure di risanamento? 8.
9. Quali sono le norme relative alle procedure di liquidazione? 9.
10. Quali sono le condizioni per la chiusura della procedura? 10.

 

1. Quali sono i diversi tipi di procedure di insolvenza e i loro obiettivi?

L’insolvenza è definita, alternativamente, come il possesso di beni insufficienti al soddisfacimento di tutti i debiti, oppure come l’incapacità di soddisfare le proprie obbligazioni .

Procedimenti di “pre-insolvenza”

Le società e le persone fisiche possono concludere accordi formali con i loro creditori affinché essi accettino un importo inferiore alla somma complessiva loro dovuta. Tali accordi sono vincolanti per tutti i creditori che ne sono informati.

Le società e le persone fisiche possono concludere accordi informali con i loro creditori affinché essi accettino un importo inferiore alla somma complessiva loro dovuta. Tali accordi non sono vincolanti.

Procedure di insolvenza per le società

Administration

Principalmente designata come procedimento per salvare l’impresa ed ottenere per i creditori un risultato migliore di quello che potrebbe essere raggiunto con una liquidazione (winding-up). Il curatore agisce nell’interesse dell’insieme dei creditori.

Administrative Receivership

Un curatore (insolvency practitioner) viene nominato dal titolare di una garanzia generica (floating charge) che conferisce un privilegio su tutto o quasi il patrimonio della società. Una garanzia generica non dà al suo titolare alcun diritto reale immediato sui beni coperti dalla garanzia. La società è libera di disporre delle attività coperte da garanzia finché non vi è “cristallizzazione” della garanzia. Il compito del curatore (receiver) è quello di realizzare attivi a nome del titolare della garanzia; egli è responsabile fondamentalmente solo verso il titolare della garanzia generica che effettua la nomina.

Dietro

Inizio paginaInizio pagina

Liquidazione (Winding-up)

Implica il realizzo e la distribuzione degli attivi di un'impresa e generalmente la chiusura delle attività. Vi sono tre tipi di liquidazione :

  • Coatta – quando il tribunale emette un ordine di liquidazione su richiesta, generalmente, di un creditore;
  • Volontaria su delibera dei creditori - la società è insolvente e decide la sua liquidazione;
  • Volontaria su delibera dei soci – quando la società è solvente e decide la sua liquidazione.

Procedure di insolvenza per le persone fisiche

Bankruptcy (fallimento)

Implica il realizzo e la distribuzione degli attivi di un'impresa e generalmente la chiusura delle attività . Le persone fisiche sono dichiarate fallite dal tribunale a seguito di istanza presentata da un creditore o dalla persona fisica stessa.

2. Quali sono le condizioni per avviare i diversi tipi di procedure d’insolvenza?

Procedure di insolvenza per le società

Administration

L’impresa deve essere – o è probabile che diventi – incapace di pagare i debiti, come sancito dalla sezione 123 della legge sull’insolvenza del 1986 (Insolvency Act 1986). Nel caso di un titolare di una garanzia generica (floating charge), l’unica condizione è che la garanzia sia esecutiva.

Possono presentare istanza al tribunale per ottenere un’ordinanza che disponga l’administration:

  • La società;
  • Gli amministratori della società;
  • Uno o più creditori della società;
  • Il justice’s chief executive di una magistrate’s court;
  • Un insieme dei soggetti di cui sopra;
  • Il supervisore di una procedura di concordato;
  • Il liquidatore della società.

Il titolare di una garanzia generica e l’impresa o i suoi dirigenti possono nominare un amministratore comunicandolo al tribunale.

Dietro

Inizio paginaInizio pagina

Una volta nominato, l’amministratore deve dare notizia di tale designazione utilizzando una serie di canali, incluso un annuncio sul quotidiano più appropriato e sulla London Gazette, e inviando un avviso della nomina al Registro delle società e a tutti i creditori noti.

Administrative Receivership

La garanzia generica che colui che effettua la nomina detiene sul patrimonio dell’impresa deve essere esecutiva.

Le condizioni per nominare un curatore (receiver) sono disciplinate dalla documentazione relativa alle garanzie. Un documento di garanzia è qualsiasi documento che dà al creditore una garanzia sui beni di un’impresa o di una persona fisica. La garanzia può riguardare beni specifici (fixed charge), oppure, nel caso di un’impresa, può essere generica, come descritto nella risposta alla domanda 1.

Una volta nominato, il curatore deve dare notizia di tale designazione utilizzando una serie di canali, incluso un annuncio sul quotidiano più appropriato e sulla London Gazette, e inviando un avviso della nomina a tutti i creditori noti.

Liquidazione (Winding-up)

a) Coatta

Le circostanze in cui il tribunale può procedere alla liquidazione di un’impresa sono indicate nella sezione 122 dell’Insolvency Act del 1986. La maggior parte delle imprese liquidate non sono in grado di pagare i propri debiti, secondo quanto definito all’articolo 123 di detta legge.

Una copia dell’ordinanza del tribunale deve essere inviata al Registro delle società, e l’emissione dell’ordinanza è resa nota su un quotidiano appropriato e sulla London Gazette.

Dietro

Inizio paginaInizio pagina

Quando un curatore viene nominato liquidatore al posto dell’Official Receiver (che è un funzionario pubblico), una copia del certificato di nomina deve essere comunicata al tribunale. Una volta nominato, il liquidatore deve dare notizia di tale designazione utilizzando una serie di canali, incluso un annuncio sul quotidiano più appropriato e sulla London Gazette, e inviando un avviso della nomina al Registro delle società e a tutti i creditori noti.

b) Volontaria

Le circostanze in cui una società può essere liquidata volontariamente sono esposte nella sezione 84 dell’Insolvency Act del 1986.

c) Su delibera dei creditori

Per la liquidazione volontaria su delibera dei creditori, l’impresa deciderà, con delibera straordinaria, che non può continuare le sue attività a causa delle sue passività, e che è opportuno che venga liquidata.

Entro 14 giorni dalla delibera, la società deve renderne noti i dettagli con un annuncio sulla London Gazette.

L’impresa deve convocare una riunione dei creditori da tenersi entro 14 giorni dalla data della delibera, per discutere della nomina di un liquidatore.

Una volta nominato, il liquidatore deve dare notizia di tale designazione pubblicando un annuncio sul quotidiano più appropriato e sulla London Gazette, e inviando un avviso della nomina al Registro delle società.

d) Su delibera dei soci

La differenza fra la liquidazione volontaria su delibera dei creditori e su delibera dei soci è che nel secondo caso l’impresa deve essere solvente.

Entro 14 giorni dalla delibera, la società deve renderne noti i dettagli con un annuncio sulla London Gazette.

Dietro

Inizio paginaInizio pagina

Una volta nominato, il liquidatore deve dare notizia di tale designazione pubblicando un annuncio sul quotidiano più appropriato e sulla London Gazette, e inviando un avviso della nomina al Registro delle società e a tutti i creditori noti.

Procedure di insolvenza per le persone fisiche

Bankruptcy (fallimento)

Il tribunale può dichiarare il fallimento di una persona fisica qualora questi non sia in grado di onorare i suoi debiti.

Un avviso del fallimento viene inviato al Chief Land Registrar e pubblicato su un quotidiano appropriato e sulla London Gazette.

Quando un curatore viene nominato trustee al posto dell’Official Receiver (che è un funzionario pubblico), una copia del certificato di nomina deve essere comunicata al tribunale. Una volta nominato, il trustee deve dare notizia di tale designazione utilizzando una serie di canali, incluso un annuncio sul quotidiano più appropriato e inviando un avviso della nomina a tutti i creditori noti.

3. Qual è il ruolo dei vari partecipanti nei diversi tipi di procedura?

Il tribunale

Il ruolo e la funzione del tribunale dipende dal tipo di procedura.

Administration

Si tratta di una procedura giudiziaria in cui l’amministratore è funzionario del tribunale e deve seguire le sue indicazioni. Le azioni dell’amministratore possono essere controllate dal tribunale e i creditori possono rivolgersi ad esso se ritengono che l’amministratore stia agendo, o intenda agire, in un modo che danneggi scorrettamente i loro interessi.

Administrative Receivership

Non si tratta di una procedura giudiziaria.

Dietro

Inizio paginaInizio pagina

Liquidazione (Winding-up)

Coatta

Si tratta di una procedura giudiziaria per la quale una società è posta in liquidazione coatta per decisione del tribunale. Il liquidatore può rivolgersi al tribunale per avere delle direttive.

Volontaria

Non è una procedura giudiziaria, ma ci si può rivolgere al tribunale per sostituire il liquidatore o se vi sono ragioni di litigio.

Procedure di insolvenza per le persone fisiche

Bankruptcy (fallimento)

Si tratta di una procedura giudiziaria per la quale una persona fisica è dichiarata fallita per decisione del tribunale. Il trustee può rivolgersi al tribunale per avere delle direttive.

Curatori

Per agire ufficialmente nell’ambito delle procedure di insolvenza, le persone fisiche devono essere curatori professionisti autorizzati dal Segretario di Stato o da uno dei sette organismi professionali riconosciuti.

I poteri del curatore nei procedimenti di administration, liquidazione e fallimento sono sanciti dall’Insolvency Act del 1986; inoltre, i curatori professionisti devono agire secondo le migliori pratiche e le norme di deontologia.

I poteri dell’administrative receiver sono indicati in primo luogo nella documentazione pertinente relativa alla garanzia.

Creditori

Nei procedimenti di administration, liquidazione e fallimento, si deve tener conto degli interessi di tutti i creditori. Nei procedimenti di administrative receivership il dovere del curatore è principalmente quello di agire negli interessi del titolare della garanzia.

Dietro

Inizio paginaInizio pagina

Amministratori delle società

In tutti i tipi di procedure di insolvenza gli amministratori hanno il dovere legale di cooperare e di fornire informazioni al curatore e, nelle liquidazioni coatte, al funzionario pubblico che riveste l’ufficio di official receiver.

Falliti

Il fallito ha il dovere legale di cooperare e di fornire informazioni al curatore e al trustee.

Appelli

Gli appelli nelle procedure di insolvenza sono previsti dagli articoli 7.47 - 7.50 delle Insolvency Rules del 1986. Sebbene l’articolo 7.47 si riferisca al procedimento di liquidazione, la giurisprudenza ha deciso che esso si applichi anche al procedimento di administration.

4. Quali sono gli effetti dell’avvio del procedimento?

I beni sono ciò che appartiene alla società o al debitore e che può essere utilizzato per pagare i debiti.

Insolvenza delle società

La proprietà dei beni resta alla società dopo l’avvio del procedimento di insolvenza.

Insolvenza delle persone fisiche

La proprietà dei beni del fallito è automaticamente trasferita al trustee.

Crediti

I tipi di credito sono i seguenti:

  • garantiti, da una garanzia specifica o generica (per le società);
  • privilegiati, dal 15 settembre 2003: si tratta principalmente del denaro dovuto ai dipendenti;
  • chirografari.

Moratoria

Quando un’impresa instaura, o si propone di instaurare, un procedimento di administration, prende effetto una moratoria che, fra le altre conseguenze, impedisce ai creditori di intraprendere azioni contro l’impresa.

Dietro

Inizio paginaInizio pagina

Quando viene emessa un ordinanza di liquidazione (winding-up order) nei confronti di un’impresa, non possono essere effettuati né avviati azioni o procedimenti contro l’impresa o i suoi beni a meno che lo consenta il tribunale.

Articoli 21e 22 del Regolamento (CE) n.1346/2000 del Consiglio

In Inghilterra e Galles non è stata introdotta alcuna legislazione specifica che riprenda questi articoli. Tuttavia, quando un liquidatore avanza richieste di questo tipo debbono essere seguite le procedure ordinarie dell’Insolvency Act del 1986 e dell’Insolvency Rules.

5. Quali sono le norme specifiche relative a determinate categorie di crediti?

Rights in Rem

I titolari di una garanzia specifica (fixed charge) sui beni di un’impresa o di una persona fisica hanno diritto ai proventi derivanti da tali beni con precedenza sugli altri creditori.

Compensazione (Set-Off)

La legislazione sull’insolvenza prevede la compensazione quando vi sono transazioni reciproche fra terzi e un’impresa o una persona fisica in un periodo antecedente all’administration, alla liquidazione o al fallimento.

Riserva della proprietà

I creditori che hanno fornito beni nell’ambito di un contratto con una clausola di riserva di proprietà hanno il diritto, in alcune circostanze, di recuperare i loro beni dal curatore.

Contratti di lavoro subordinato

Gli effetti delle procedure di insolvenza sui dipendenti dipendono dal tipo di procedura. Nel caso dell’administration o dell’amministrazione controllata, ad esempio, il curatore ha 14 giorni per decidere se mantenere in servizio tutti o alcuni dei dipendenti. Per contro, nel caso della liquidazione coatta, i contratti di assunzione dei dipendenti sono automaticamente risolti quando il tribunale emette l’ordinanza.

Dietro

Inizio paginaInizio pagina

I debiti verso i dipendenti sono privilegiati e pagati prima di quelli verso i titolari di una garanzia generica e di quelli verso i creditori ordinari chirografari.

Ordine dei privilegi

In linea di massima i creditori vengono soddisfatti secondo il seguente ordine:

  • titolari di garanzie specifiche (fixed);
  • creditori privilegiati: dal 15 settembre 2003 si tratta principalmente del denaro dovuto ai dipendenti;
  • titolari di garanzie generiche;
  • creditori chirografari.

6. Quali sono le norme relative agli atti pregiudizievoli?

Vi è una serie di disposizioni che si applicano alle procedure di administration, alle liquidazioni e ai fallimenti, per cui il curatore può rivolgersi al tribunale per cercare di recuperare il denaro a beneficio dei creditori. Le principali disposizioni sono:

Transazioni pregiudizievoli per i creditori (sottocosto)

Procedure di administration e di liquidazione

Se il curatore ha le prove del fatto che alcuni beni dell’impresa sono stati ceduti gratuitamente o a un prezzo significativamente inferiore al loro valore, è possibile richiedere al tribunale un’ordinanza al fine di ripristinare la situazione che si sarebbe configurata se la transazione in questione non avesse avuto luogo.

Per rientrare nel campo d’applicazione di questa disposizione, la transazione deve avere avuto luogo nei due anni anteriori alla data pertinente, vale a dire all’inizio della liquidazione o alla data in cui un’istanza di administration, o una comunicazione dell’intenzione di nominare un amministratore, sia stata presentata al tribunale; oppure, qualora non sia stata presentata tale comunicazione, alla data in cui la società è entrata nella procedura di administration.

Dietro

Inizio paginaInizio pagina

Sono contemplate anche le transazioni avvenute nel periodo intercorrente la presentazione dei documenti al tribunale e l’inizio dell’administration o della liquidazione dell’impresa.

Fallimenti

Se il curatore ha le prove del fatto che alcuni beni della persona fisica sono stati ceduti alle seguenti condizioni: gratuitamente, a un prezzo significativamente inferiore al loro valore, oppure a motivo di matrimonio, è possibile richiedere al tribunale un’ordinanza al fine di ripristinare la situazione che si sarebbe configurata se la transazione in questione non avesse avuto luogo.

Per rientrare nel campo d’applicazione di questa disposizione, la transazione deve avere avuto luogo nei cinque anni anteriori alla data dell’istanza in base alla quale è stata emessa la dichiarazione di fallimento.

Situazioni privilegiate

Procedure di administration e di liquidazione

Se il curatore ha le prove del fatto che un terzo, un creditore o un fideiussore siano stati posti in una posizione privilegiata rispetto a quella che si sarebbe verificata se la transazione non avesse avuto luogo, è possibile richiedere al tribunale un’ordinanza al fine di ripristinare la situazione che si sarebbe configurata se tale preferenza non fosse stata concessa.

Per rientrare nel campo d’applicazione di questa disposizione, la situazione privilegiata nei confronti di una persona deve essere stata disposta nei due anni anteriori alla data pertinente, vale a dire all’inizio della liquidazione o alla data in cui un’istanza di administration, o una comunicazione dell’intenzione di nominare un amministratore, sia stata presentata al tribunale; oppure, qualora non sia stata presentata tale comunicazione, alla data in cui la società è entrata nella procedura di administration. Negli altri casi il periodo preso in considerazione è di sei mesi.

Dietro

Inizio paginaInizio pagina

Sono contemplate anche le transazioni avvenute nel periodo intercorrente la presentazione dei documenti al tribunale e l’inizio dell’administration o della liquidazione dell’impresa.

Fallimenti

Se il trustee ha le prove del fatto che un terzo, un creditore o un fideiussore siano stati posti in una posizione privilegiata rispetto a quella che si sarebbe verificata se la transazione non avesse avuto luogo, è possibile richiedere al tribunale un’ordinanza al fine di ripristinare la situazione che si sarebbe configurata se tale preferenza non fosse stata concessa.

Per rientrare nel campo d’applicazione di questa disposizione, la situazione privilegiata nei confronti di una persona associata deve essere stata disposta nei due anni anteriori alla data dell’istanza in base alla quale è stata emessa la dichiarazione di fallimento. Negli altri casi il periodo preso in considerazione è di sei mesi.

7. Quali sono le condizioni per l’insinuazione al passivo e l’ammissione dei crediti?

Tutti i curatori hanno l’obbligo di fornire informazioni ai creditori chirografari; i loro doveri a tale riguardo sono indicati in dettaglio nell’ Insolvency Act del 1986 e nelle Insolvency Rules del 1986.

Non vi è ripartizione dell’attivo a favore dei creditori chirografari nella procedura di administrative receiverships e non vi sono, di conseguenza, norme relative alla prova dei loro crediti.

Per altre procedure di insolvenza, nei confronti di società e di persone fisiche, vi sono norme sostanzialmente simili per l’insinuazione al passivo del credito, indicate nelle Insolvency Rules del 1986. Esse contengono anche le disposizioni relative all’ammissione di tali crediti da parte del curatore.

Dietro

Inizio paginaInizio pagina

All’interno delle categorie dei creditori privilegiati e dei chirografari non vi è un ordine di priorità ed essi si dividono i beni disponibili proporzionalmente all’importo che è loro dovuto.

Se un’impresa ha più di un creditore titolare di una garanzia generica essi sono pagati in ordine di priorità. Questo è determinato dalla data in cui è stata posta in essere la garanzia o dall’ordine indicato nell’accordo che stabilisce la priorità.

8. Quali sono le norme relative alle procedure di risanamento?

Società

Le imprese ancora economicamente efficienti che finiscono col trovarsi in difficoltà finanziarie posso cercare di evitare la liquidazione attraverso il procedimento di administration oppure tramite un concordato preventivo (CVA). Molti salvataggi di imprese che escono dall’administration avvengono attraverso il concordato. Per ottenere il concordato almeno il 75% dei creditori deve approvare le proposte avanzate dagli amministratori, oppure, se l’impresa è in administration, dall’amministratore. Una volta approvato, il concordato è vincolante per tutti i creditori informati delle proposte.

Le disposizioni relative al concordato e all’amministrazione controllata sono indicate rispettivamente nelle parti I e II dell’Insolvency Act del 1986, e nelle parti I e II delle Insolvency Rules del 1986.

Persone fisiche

Le persone che si trovano in difficoltà finanziarie possono evitare il fallimento attraverso un concordato specifico per le persone fisiche (“IVA”).Per ottenere il concordato almeno il 75% dei creditori deve approvare le proposte avanzate dal debitore. Una volta approvato, il concordato è vincolante per tutti i creditori informati delle proposte.

Dietro

Inizio paginaInizio pagina

Le disposizioni relative a tale tipo di concordato sono indicate nella Parte VIII dell’Insolvency Act del 1986 e nella Parte 5 delle Insolvency Rules del 1986.

9. Quali sono le norme relative alle procedure di liquidazione?

Le disposizioni relative ai procedimenti di liquidazione sono indicate nella parte IV dell’Insolvency Act del 1986 e nella parte 4 delle Insolvency Rules del 1986. La disposizione che accorda al liquidatore la facoltà di vendere i beni dell’impresa figura al paragrafo 6 dell’allegato 4 dell’Insolvency Act del 1986. Le disposizioni relative alla distribuzione del ricavato tra i creditori figurano nel capitolo 14 della Parte 4 e della Parte 11 delle Insolvency Rules del 1986.

10. Quali sono le condizioni per la chiusura della procedura?

Le disposizioni relative alla chiusura delle procedure di administration, liquidazione e fallimento figurano nell’Insolvency Act del 1986 e nelle Insolvency Rules del 1986.

Le condizioni relative alla chiusura dell’administrative receivership sono disciplinate dai documenti concernenti la garanzia.

Conseguenze negative del fallimento

L’Enterprise Act del 2002 mira a ridurre la stigmatizzazione del fallimento e ad incoraggiare la riabilitazione del fallito.

Il governo riconosce che lo stato di insolvenza non è automaticamente colpa del debitore. Lo scopo di questa legge è quello di garantire che ogni fallito venga considerato individualmente e di evitare che un solo approccio vada bene per tutti. Il periodo di fallimento è stato ridotto dai tre anni canonici ad uno massimo. Per controbilanciare ciò, è stato introdotto un nuovo regime di restrizioni connesse al fallimento in base al quale le persone giudicate colpevoli o sconsiderate saranno soggette a restrizioni per un periodo dai due ai quindici anni. Queste disposizioni sono entrate in vigore il 1° aprile 2004.

Dietro

Inizio paginaInizio pagina

Per ciò che concerne le società, l’Enterprise Act ha apportato dei cambiamenti nel procedimento di administration rendendolo più rapido, più equo e incentrato sul salvataggio. Lo scopo è quello di incoraggiare le imprese più efficienti che incontrano difficoltà finanziarie a cercare aiuto in uno stadio precoce, quando esse possono probabilmente essere recuperate piuttosto che messe in liquidazione. Queste disposizioni sono entrate in vigore il 15 settembre 2003.

Sanzioni

Vi sono sanzioni civili e penali che possono essere comminate agli amministratori che abusino del privilegio della responsabilità limitata.

Civili

Quando un’impresa è sottoposta al regime di administration o di administrative receivership, oppure è in liquidazione, se un amministratore ha agito in un modo che lo rende inadatto alla sua funzione, può essere interdetto dall'assumere tale carica o può essere allontanato dalla gestione di una società per un periodo fra i due e i quindici anni.

In caso di liquidazione, può altresì essere ordinato ad un amministratore di apportare un contributo ai beni della società se il tribunale è persuaso che egli abbia indotto l’impresa a continuare a commerciare a svantaggio dei creditori dopo aver saputo che essa era insolvente.

Penali

Vi è una serie di reati specifici per i quali un amministratore può essere perseguito indicati nell’Insolvency Act del 1986 relativo alle imprese in liquidazione. E’ inoltre possibile perseguire gli amministratori per violazioni del diritto societario e per ogni altra questione avente rilevanza penale possa essere provata, ad esempio i reati indicati nel Theft Act.

Ulteriori informazioni

« Fallimento - Informazioni generali | Regno Unito - Informazioni generali »

Dietro

Inizio paginaInizio pagina

Ultimo aggiornamento: 02-08-2007

 
  • Diritto Comunitario
  • Diritto internazionale

  • Belgio
  • Bulgaria
  • Repubblica Ceca
  • Danimarca
  • Germania
  • Estonia
  • Irlanda
  • Grecia
  • Spagna
  • Francia
  • Italia
  • Cipro
  • Lettonia
  • Lituania
  • Lussemburgo
  • Ungheria
  • Malta
  • Paesi Bassi
  • Austria
  • Polonia
  • Portogallo
  • Romania
  • Slovenia
  • Slovacchia
  • Finlandia
  • Svezia
  • Regno Unito