Commissione Europea > RGE > Modi alternativi di risoluzione delle controversie > Diritto internazionale

Ultimo aggiornamento: 01-08-2007
Versione stampabile Aggiungi ai preferiti

Modi alternativi di risoluzione delle controversie - Diritto internazionale

EJN logo

Questa pagina è obsoleta. L'aggiornamento è in corso e sarà disponibile sul portale europeo della giustizia elettronica.


Il ruolo dei modi alternativi di risoluzione delle controversie è stato posto in evidenza in diversi strumenti internazionali.

  • Per quanto riguarda i modi alternativi di risoluzione delle controversie (diversi dall'arbitrato), non esiste uno strumento normativo a livello internazionale.
Diverse organizzazioni intergovernative hanno però inserito la promozione di questi modi alternativi di risoluzione delle controversie nel proprio programma, prevedendo di adottare strumenti non normativi:I modi alternativi di risoluzione delle controversie collegati con il commercio elettronico sono anche evocati direttamente o indirettamente nei lavori dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo in Europa (OCSE English - français) (Raccomandazione del Consiglio relativa agli orientamenti in materia di protezione dei consumatori nell'ambito del commercio elettronico) e in margine ai negoziati in seno alla Conferenza dell'Aia di diritto internazionale privato su un progetto di convenzione internazionale relativa alla competenza e al riconoscimento delle sentenze straniere.

D'altra parte, i metodi di ADR nel campo del commercio elettronico sono oggetto di raccomandazioni di un certo numero di organizzazioni internazionali non governative, quali il Global Business Dialogue on e-commerce (GBDe English), il Transatlantic Business Dialogue (TABD English) ed il Transatlantic Consumer Dialogue (TACD English).

Inizio paginaInizio pagina

  • Per quanto concerne l'arbitrato, esistono diversi strumenti internazionali .
La Conferenza delle Nazioni Unite ha adottato a New York il 10 giugno 1958 una convenzione English - español - français che è stata ratificata da più di 120 Stati. Questa convenzione mira a garantire il riconoscimento e l'esecuzione delle sentenze arbitrali straniere in materia commerciale.

Per quanto concerne la disciplina sostanziale dell'arbitrato in materia commerciale, si può fare riferimento a due strumenti:

  • La Commissione delle Nazioni Unite per il diritto commerciale internazionale (UNCITRAL) ha proposto agli Stati una legge tipo English - español - français destinata a servire come strumento di riferimento in occasione della stesura o della revisione di leggi nazionali in materia di arbitrato.
  • Esiste altresì una convenzione europea siglata nell'ambito del Consiglio d'Europa nel 1966 recante la legge uniforme in materia di arbitrato English - français.

Documenti di riferimento

« Modi alternativi di risoluzione delle controversie - Informazioni generali | Diritto internazionale - Informazioni generali »

Inizio paginaInizio pagina

Ultimo aggiornamento: 01-08-2007

 
  • Diritto Comunitario
  • Diritto internazionale

  • Belgio
  • Bulgaria
  • Repubblica Ceca
  • Danimarca
  • Germania
  • Estonia
  • Irlanda
  • Grecia
  • Spagna
  • Francia
  • Italia
  • Cipro
  • Lettonia
  • Lituania
  • Lussemburgo
  • Ungheria
  • Malta
  • Paesi Bassi
  • Austria
  • Polonia
  • Portogallo
  • Romania
  • Slovenia
  • Slovacchia
  • Finlandia
  • Svezia
  • Regno Unito