Percorso di navigazione

Multilinguismo

In un’Unione europea con 27 paesi, numero che peraltro è destinato a crescere, è evidente che il multilinguismo svolge un ruolo importante nelle attività di tutti i giorni. Vediamo più da vicino in che modo.

L’Unione europea conta attualmente 23 lingue ufficiali. Le riunioni cui partecipano persone di diversi paesi, i documenti, le comunicazioni e qualsiasi altro tipo di informazioni provenienti dalla Commissione possono quindi richiedere l’interpretazione o la traduzione in una serie di lingue. Questo è fondamentale per permettere ai cittadini europei di avere accesso alle informazioni sull’UE in una lingua che comprendono.

Solo per dare un’idea approssimativa, la direzione generale dell’Interpretazione fornisce ogni anno gli interpreti per più di 11 000 riunioni! Gli interpreti rendono possibile la comprensione e la comunicazione tra persone che non hanno una lingua comune. Quanto alla direzione generale della Traduzione, nel 2005 ha tradotto ben 1 324 231 pagine!

D’altro canto, anche i 25 000 funzionari della Commissione europea devono poter lavorare insieme e comprendersi. Per tale motivo, abbiamo tre lingue di lavoro: inglese, francese e tedesco. Questo significa che le attività della Commissione possono essere svolte in una di queste tre lingue. In pratica, nel corso delle riunioni interne si sente spesso un misto di inglese, francese e tedesco, perché le persone si esprimono nella lingua in cui si sentono più a loro agio. Di norma, prima di iniziare una discussione verifichiamo che non vi siano problemi di comprensione reciproca.

Commission civil service