Percorso di navigazione

Lo sapevate che...

...l’UE è il maggiore donatore di aiuti allo sviluppo in tutto il mondo? L’UE stanzia per gli aiuti allo sviluppoe per l’assistenza umanitariapiù di ogni altro paese avanzato ed è inoltre impegnata a promuovere norme commercialieque per i paesi più poveri.

Commission civil service

Lavorare con i paesi in via di sviluppo

L’Unione europea è il più grande operatore commerciale e donatore di aiuti del mondo ed è legata da un accordo di partenariato privilegiato a 77 paesi dell’Africa, dei Caraibi e del Pacifico (ACP). Jeremy è specializzato nelle relazioni con questi paesi.

Jeremy è nato a Colchester, nel Regno Unito, nel 1949. È acapo dell’unità della direzione generale dello Sviluppo che si occupa delle relazioni con i paesi e le regioni del Corno d’Africa, dell’Africa occidentale e dell’Oceano Indiano.

Jeremy Lester

Nel corso della sua carriera alla Commissione, Jeremy ha sempre lavorato con i paesi in via di sviluppo, settore nel quale aveva ottenuto un master all’Università britannica dell’East Anglia. Prima di arrivare alla Commissione, nel 1976, aveva trascorso tre anni nel Lesotho.

Da allora ha sempre partecipato all’elaborazione delle politiche a Bruxelles, ma è anche stato coinvolto nell’assistenza in loco presso le delegazioni dell’UE in Madagascar, in Ruanda e recentemente in Niger. Nel gennaio 2007 è stato invitato a rientrare a Bruxelles per diventare capo unità del servizio della DG Sviluppo che si occupa delle relazioni con i paesi e le regioni del Corno d’Africa, dell’Africa occidentale e dell’Oceano Indiano.

Nonostante sia tornato a Bruxelles in auto, attraversando l’Algeria, il rientro è stato piuttosto brusco. L’attività alla Commissione è diventata molto più frenetica di dieci anni fa. Oggi sono richiesti quasi quotidianamente, e con urgenza, briefing dettagliati per le riunioni con i rappresentanti degli Stati membri o con i capi di Stato e per gli incontri internazionali, e la sua unità si impegna al massimo per soddisfare queste richieste. Fortunatamente i suoi collaboratori sono molto motivati e il compito di Jeremy in quanto capo unità è più quello di incoraggiare che quello di convincere. I paesi del Corno d’Africa guardano alla Commissione europea come ad un interlocutore politico fondamentale: essa ha quindi la grande responsabilità di contribuire a promuovere la pace, la stabilità e il rispetto dei diritti umani, oltre, naturalmente, allo sviluppo. È questa responsabilità a motivare la sua unità.

Se ha nostalgia del caldo e della polvere dell’Africa? Certamente, e forse un giorno sentirà nuovamente il richiamo della strada del Sud. Nel frattempo, tornare a Bruxelles è stato un po’ come tornare a casa. Dopo sette anni di assenza, il suo pescivendolo l’ha accolto con un caloroso “Ah, che piacere rivederLa! Come è cresciuta Sua figlia!". È bello essere riconosciuto come un amico e non più come "Sua Eccellenza”.

Commission civil service