Percorso di navigazione

Come ci finanziamo

Le politiche e le spese di tutte le istituzioni dell’UE sono finanziate mediante il bilancio dell’Unione europea. Il bilancio è negoziato tra il Parlamento europeo e il Consiglio dei ministri sulla base di una proposta presentata dalla Commissione.

Per il 2007, il bilancio dell’UE ammonta a quasi 126 miliardi di euro, il che corrisponde ad appena 70 cent al giorno per persona. I fondi provengono da quattro fonti diverse:

  • il 69% da un’aliquota uniforme applicata al reddito nazionale lordo di ciascun paese dell’UE;
  • il 15% da una quota della base armonizzata dell’imposta sul valore aggiunto (IVA);
  • il 15% da dazi doganali, prelievi agricoli e contributi nel settore dello zucchero;
  • l’1% da importi non spesi di esercizi precedenti, contributi del personale UE, ecc.

Come vengono spesi questi fondi?

Secondo i sondaggi, un quarto degli interpellati ritengono (a torto) che la maggior parte del bilancio UE sia destinata a spese amministrative. In realtà, per il 2007 queste ammontano complessivamente a 6,9 miliardi di euro, un importo inferiore al 6% della spesa dell’UE. La Commissione europea utilizza meno della metà di questa somma (3,3 miliardi di euro); il resto serve a coprire i costi di gestione delle altre istituzioni dell'UE, come ad esempio il Parlamento europeo.

E allora, dove finiscono i fondi restanti?

Perlopiù tornano agli Stati membri nelle forme seguenti:

  • il 43% per aumentare la competitività e la coesione attraverso investimenti nella ricerca e sviluppo, nelle piccole e medie imprese, nella società dell’informazione, nelle infrastrutture integrate e nelle reti transeuropee dei trasporti e dell’energia;
  • il 34% per modernizzare la produzione agricola ed assicurare alimenti sicuri e di alta qualità;
  • l’11% per promuovere lo sviluppo rurale e proteggere l’ambiente;
  • il 5% per i progetti dell’UE sulla scena mondiale (cooperazione a livello internazionale, aiuti umanitari o allo sviluppo, fondi di preadesione);
  • il 6% per altre spese, incluse quelle amministrative;
  • l’1% per rendere l’Europa più sicura, attraverso la prevenzione e la lotta al terrorismo, la tutela della salute dei cittadini da rischi legati alla propagazione di determinate malattie, ecc.

How we are financed

 

Commission civil service