AVVISO IMPORTANTE - Le informazioni contenute in questo sito sono soggette ad una Clausola di esclusione della responsabilità e ad un avviso relativo al Copyright.

esdeenfritpt


(Ri)popolare i territori rurali

Indice

 

In breve...
Yves Champetier, Direttore, Osservatorio europeo LEADER

 

Nuovi residenti nelle zone rurali: dall’accoglienza alle misure di accompagnamento
In numerosi territori rurali si osserva un declino demografico e un invecchiamento della popolazione. Ma queste zone suscitano anche un crescente interesse tra gli abitanti delle città che intendono trasferirsi in campagna. A livello europeo, i territori si organizzano in modo estremamente diverso per fronteggiare l’arrivo di questi nuovi residenti.

 

(Ri)popolare il Leitrim e il Nord-Roscommon (Irlanda): puntare sulla qualità della vita
Per favorire l’insediamento di nuovi residenti nella zona meno popolata dell’Irlanda vengono utilizzati strumenti di vario tipo: dall’aiuto alla casa sino alla ristrutturazione di un cinema, passando per la valorizzazione di spazi ricreativi e la creazione di nuovi servizi e attività. LEADER rappresenta un elemento chiave di questo dispositivo.

  • Nuovi residenti nelle zone rurali: La via irlandese
    I successi riscossi da “Rural Resettlement Ireland”, l’associazione che sostiene il trasferimento nelle zone rurali di famiglie urbane svantaggiate, ha spinto il governo irlandese a varare un programma pilota per approfondire l’esperienza ed estenderla ad altre categorie della popolazione. Nove territori rurali, tutti coperti da LEADER, sono interessati dall’azione.

 

Generazione neo-rurale
Con il rapido processo di terziarizzazione dell’economia, i territori rurali portoghesi non sono più in grado di mantenere nella zona i giovani. Questi ultimi preferiscono la città al paese natale, il lavoro dipendente nel settore terziario alla gestione di un’azienda agricola o ad un’attività artigianale in proprio. In contrasto con questa tendenza, una vasta categoria di persone, un tempo residenti nelle città del Portogallo, e soprattutto dell’Europa settentrionale, trovano il loro “posto al sole” nell’entroterra di alcune regioni, dando vita ad una vera e propria “generazione neo-rurale”. Incontro con gli imprenditori (neo-)rurali delle zone LEADER Entre Lousã e Zêzere (Centro) e Sudoeste (Algarve/Alentejo).

 


Lei può telecaricare la versione PDF
di questo numero di LEADER Magazine .

Adobe
Per leggere e stampare queste pagine,
telecaricare qui il programma gratuito
Acrobat Reader ©.


European Flag

Commissione
europea

Direzzione generale
dell'Agricolture