Avviso importante
   
  EUROPA > Commissione europea > Agricoltura > Sviluppo rurale 2000-2006
Sviluppo rurale   linea verticale  

Nuovi Stati membri

Il 1° maggio 2004, Cipro, la Repubblica ceca, l'Estonia, l'Ungheria, la Lettonia, la Lituania, Malta, la Polonia, la Slovacchia e la Slovenia sono diventati membri a pieno titolo dell'Unione europea.

Il capitolo 7 del trattato di adesione [en pdf, 90 KB], completato dai regolamenti (CE) n. 27/2004 [pdf] e (CE) n. 141/2004 [pdf] definisce per il periodo 2004-2006 un regime di misure specifiche di sviluppo rurale per tali paesi, che si basa principalmente su un nuovo strumento di sostegno temporaneo supplementare dello sviluppo rurale, finanziato dalla sezione Garanzia del FEAOG e destinato a sostenere le "misure di accompagnamento" (misure agroambientali, pensionamento anticipato, imboschimenti e pagamenti compensativi a favore delle zone svantaggiate e aree soggette a vincoli ambientali) e le seguenti misure specifiche di sviluppo rurale:

  • aziende che praticano un'agricoltura di semisussistenza in fase di ristrutturazione,
  • associazione di produttori,
  • soddisfacimento dei requisiti comunitari,
  • assistenza tecnica,
  • complementi ai pagamenti diretti.

Inoltre, i nuovi Stati membri potranno beneficiare di misure del tipo Leader finanziate dalla sezione Orientamento del FEAOG.

I nuovi Stati membri possono inoltre accedere a tutte le altre misure diverse dalle misure di accompagnamento, quali:

  • investimenti nelle aziende agricole;
  • insediamento dei giovani agricoltori;
  • formazione;
  • misure forestali diverse dall'imboschimento di superfici agricole;
  • miglioramento fondiario;
  • ricomposizione fondiaria;
  • servizi di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole;
  • commercializzazione dei prodotti agricoli di alta qualità;
  • servizi di base per l'economia rurale e la popolazione rurale;
  • rinnovamento e impulso allo sviluppo dei villaggi, nonché tutela conservazione del patrimonio rurale;
  • diversificazione delle attività nel settore agricolo e promozione di attività legate all'agricoltura in modo da moltiplicare le possibilità di redditi alternativi;
  • gestione delle risorse idriche in agricoltura;
  • sviluppo e miglioramento delle infrastrutture connesse all'agricoltura;
  • promozione di attività turistiche e artigianali;
  • tutela dell'ambiente e conservazione del paesaggio rurale, forestale e agricolo; protezione del benessere degli animali;
  • ricostituzione del potenziale di produzione agricolo danneggiato da calamità naturali e creazione di adeguati strumenti di prevenzione;
  • ingegneria finanziaria.

Eccettuate le misure agroambientali, che rivestono carattere obbligatorio, i nuovi Stati membri hanno la facoltà di inserire nei documenti di programmazione per lo sviluppo rurale ciascuna delle 29 misure sopra citate.

Nelle regioni dell'obiettivo 1 (che rappresentano la maggior parte del territorio dei nuovi Stati membri) sono previsti due tipi di programmazione:

  • i programmi di sviluppo rurale (PSR) finanziati dallo strumento di sostegno temporaneo supplementare dello sviluppo rurale (FEAOG, sezione Garanzia);
  • le misure di sviluppo rurale integrate nella programmazione dell'obiettivo 1, finanziate dalla sezione Orientamento del FEAOG.

Nelle regioni che non rientrano nell'obiettivo 1 (principalmente a Cipro) i programmi di sviluppo rurale saranno finanziati esclusivamente dal nuovo strumento temporaneo.

Per agevolare la transizione da Sapard (programma di preadesione a favore dell'agricoltura e dello sviluppo rurale) alle misure di sviluppo rurale post-adesione, la Commissione europea ha tenuto un seminario nel marzo 2003 [Ordine del giorno (en pdf) / Atti (en pdf)] ed ha elaborato orientamenti in materia [en pdf, 430 KB].

  linea verticale  

Pagina iniziale

Contesto

Normativa

Pubblicazioni

Sorveglianza e valutazione

Nuovi Stati membri

DOSSIER SUI PAESI

linea horizontale

Leader+
Leader+


Agricoltura I Sviluppo rurale I Inizio pagina